MET



Newsletter di Met
Newsletter n°390/ 2020
Rientro a scuola: l'Asl Toscana Centro lancia un appello alle famiglie e ricorda le buone pratiche
13/09/2020
“Massimo rispetto delle regole anche fuori dai contesti scolastici”. Già pronte le procedure per i tamponi anche ai bambini. L’Azienda sanitaria ha organizzato le procedure per eseguire i tamponi per le scuole

“Sono già operative le procedure dell'Azienda USL Toscana Centro per eseguire i tamponi ai bambini con sintomi sospetti per COVID-19. Nel caso in cui il minore presenti aumento della temperatura cutanea o altri sintomi compatibili con COVID-19 in ambiente scolastico o presso il proprio domicilio, i genitori contatteranno il proprio pediatra di libera scelta o medico di medicina generale che, sulla base dell'anamnesi e dei sintomi clinici, decideranno se richiedere il tampone - precisa Marco Pezzati pediatra e Direttore Dipartimento materno infantile - Il tampone verrà di norma eseguito utilizzando le numerose sedi "drive through" individuate su tutto il territorio aziendale o, in casi particolari, al domicilio del bambino mediante attivazione di apposite squadre”. La prossima apertura delle scuole di ogni ordine e grado comporta anche una ripresa di momenti di socialità anche al di fuori dei contesti scolastici, come le feste di compleanno, soprattutto per i bambini che dopo lunghi mesi di assenza desiderano incontrare e trascorrere del tempo libero con i loro compagni di banco. In accordo con quanto definito dalle ultime indicazioni regionali, la task force dell’Asl Toscana Centro è impegnata da tempo ad applicare le adeguate misure di prevenzione da adottare per contrastare la diffusione del coronavirus anche all’interno dell’ambiente scolastico, ma raccomanda inoltre il massimo rispetto delle regole anche fuori. Un’intera classe di circa 20 bambini e i relativi genitori che si ritrovano per festeggiare un compleanno senza adottare le dovute precauzioni può generare focolai. Per questo l’Azienda sanitaria lancia un appello alle famiglie di non abbassare il livello di attenzione anche durante i momenti di svago. “Anche nei momenti di socializzazione extrascolastici valgono le stesse misure di prevenzione da adottare sia nei luoghi chiusi che all’aperto, ovvero mantenere il distanziamento sociale, indossare i dispositivi di protezione individuale, igienizzare spesso le mani - afferma Federico Gelli, Direttore Coordinamento Maxiemergenze Asl Toscana Centro. “ “Nei casi di positività rilevati durante una festa di compleanno il Dipartimento di Prevenzione adotta le medesime procedure applicate anche in altri contesti per contenere la diffusione del contagio - afferma Renzo Berti, Direttore Dipartimento di Prevenzione Asl Toscana Centro- I partecipanti alla festa, che si configurano come contatti stretti del caso, dovranno osservare la quarantena per il periodo di 14 giorni e monitorare la propria salute per procedere all’accertamento diagnostico con tampone nasofaringeo in caso di comparsa di sintomi.”

 
Trasporto pubblico locale con l’avvio del nuovo anno scolastico, vertice regionale in Prefettura a Firenze
12/09/2020
Yreni aggiuntivi pronti a partire, non appena ne verrà riscontrata la necessità

Ieri mattina, il Prefetto Laura Lega ha convocato una riunione di coordinamento regionale per esaminare le problematiche attinenti l’attuazione delle vigenti disposizioni normative, di recente emanazione, per la prevenzione ed il contenimento del rischio epidemiologico da virus COVID-19 nel trasporto pubblico locale, nell’imminenza della riapertura delle scuole con l’avvio del nuovo anno scolastico. All'incontro hanno preso parte l’Assessore Regionale alle Infrastrutture, i Prefetti della Toscana, ivertici provinciali delle Forze dell’Ordine, rappresentanti del Compartimento della Polizia Stradale edel Compartimento della Polizia Ferroviaria della Toscana, dell’Ufficio Scolastico Regionale e dell’ANCI Toscana, nonché di RFI e Trenitalia. Per quanto riguarda il trasporto ferroviario, è emerso che, stante la necessità di limitare la disponibilità dei posti a bordo dei treni fino all’’80%, in attuazione delle previste misure di sicurezza anti -assembramento, sono stati predisposti contingentamenti per l’acquisto dei biglietti e, per evitare disagi all’utenza, in caso di sovraffollamenti negli orari individuati come potenzialmente critici, sono stati allestiti, negli snodi ferroviari principali della regione, treni aggiuntivi pronti a partire, non appena ne verrà riscontrata la necessità. I rappresentanti delle Ferrovie garantiranno, tramite controlli a bordo, il rispetto dell’uso delle mascherine e delle misure di distanziamento sociale, nonché la necessaria sanificazione. Inoltre, per quanto riguarda il trasporto locale su gomma, la Regione ha assicurato che,in attuazione dell’ordinanza regionale n. 85 del 9 settembre scorso, sono state erogate risorse aggiuntive alle locali aziende di trasporto pubblico affinché vengano messi a disposizione, in relazione agli orari scolastici e quindi nelle fasce orarie di punta individuate, 233 bus di linea aggiuntivi, ripartiti per tutte le province della Regione. Per le verifiche dell’attuazione di adeguate procedure di sicurezza anti-contagio, nell’attuale periodo di emergenza sanitaria, provvederannoi servizi PISLL della Regione in collaborazione con i responsabili del Servizio Prevenzione Protezione delle suddette aziende, i medici competenti ed i Rappresentanti aziendali dei Lavoratori per la Sicurezza. Le Forze di Polizia garantiranno i servizi di carattere generale del territorio al fine di attuare, congiuntamente alla Polizia Municipale, i controlli anti-assembramento alle fermate dei bus epotranno essere chiamate ad intervenire in caso di gravi episodi di mancato rispetto, a bordo dei mezzi pubblici, delle misure di contenimento del virus.

 
Metrocittà Firenze, scuola per scuola e zona per zona gli orari dei trasporti pubblici
12/09/2020
Gli studenti delle superiori possono consultare e scaricare il servizio concordato con il gestore, nell'urbano ed extraurbano, per ciascun istituto

Vigilia di campanella per gli oltre 42 mila studenti delle scuole superiori della Città Metropolitana di Firenze. La Città Metropolitana di Firenze, grazie al confronto condotto in queste settimane con gli enti locali, i dirigenti scolastici e il gestore del servizio Tpl (Ataf, Busitalia), ha concordato orari e tragitti scuola per scuola, modifiche, tragitti e regole di comportamento per il servizio urbano ed extraurbano di trasporto pubblico locale. Gli orari e le indicazioni, scuola per scuola, sono pubblicati, consultabili e scaricabili ai seguenti indirizzi del sito web della Metrocittà: https://www.cittametropolitana.fi.it/tpl-e-nuovo-anno-scolastico-ecco-modifiche-e-tragitti-per-il-servizio-urbano/ https://www.cittametropolitana.fi.it/tpl-nuovo-anno-scolastico-il-dettaglio-del-servizio-extraurbano/ Tutte le informazioni anche sul canale Telegram 'Muoversi nella Città Metropolitana di Firenze': https://t.me/muoversiafirenze/286

 
A scuola in sicurezza a Firenze, da lunedì presìdi della Polizia Municipale all’ingresso di 25 istituti scolastici
12/09/2020
51 gli agenti impegnati a ricordare l’uso della mascherina e delle regole in materia di sicurezza sanitaria e prevenzione del contagio

Lunedì 14 Settembre inizia l’anno scolastico. Un ritorno a scuola che deve fare i conti con le nuove regole dettate dall’emergenza sanitaria Covid-19 e con le lezioni in presenza dopo mesi di distanziamento sociale. Anche la Polizia Municipale darà il suo contributo per creare un clima sereno e sicuro in un momento particolare con la presenza di agenti all’ingresso e uscita delle scuole. Con il progetto “A scuola in sicurezza”, infatti, la settimana prossima 51 agenti provenienti da vari reparti (15 della Polizia di Comunità, 28 della Polizia di Quartiere dei Reparti Territoriali, 4 dell’Autoreparto e 4 dal Reparto Tecnologie di Supporto) saranno presenti all’ingresso di 25 scuole e all’uscita di almeno 10 scuole proprio per aumentare il senso di sicurezza minato nel periodo del Covid. E anche per ricordare a tutti sia l’uso della mascherina per i bambini/ragazzi con un’età superiore ai 6 anni (come da indicazioni vigenti) sia le regole adottate in materia di sicurezza sanitaria e prevenzione del contagio. In dettaglio il servizio è stato strutturato in collaborazione con l’assessorato all’educazione e riguarderà le seguenti scuole. Quartiere 1 Scuola Cairoli (via Farini 23, Scuola Sant’Ambrogio (via Carducci 8), Scuola Vittorio Veneto (via San Giuseppe 9), Scuola Pestalozzi (via Casine via Tripoli), Scuola Torrigiani (via della Chiesa), Scuola Agnesi (via Maffia), Scuole “Nadia Nencioni” (via Montebello), Scuola Rossini (via Rossini). Quartiere 2 Scuola La Pira (viuzzo dei Bruni), Scuola Boccaccio (via Faentina), Scuola Giotto (via Landucci), Scuola Diaz (via D’Annunzio 167). Quartiere 3 Scuola Villani (viale Giannotti), scuola Kassel (accesso di via del Bisarno). Quartiere 4 Scuola Montagnola/Gramsci (via Baccio Bandinelli-via Da Montorsoli), Scuola Ghiberti (via di Legnaia-via di Scandicci), Scuola De Filippo (via dei Bassi 3). Quartiere 5 Scuola Mameli (via Corsali 3), Scuola Vamba (via Giardini della Bizzarria angolo via Torre degli Agli), Scuola Colombo (via Corelli 11), Scuola Duca d'Aosta (piazza Primo Maggio), Scuola Don Minzoni (via Reginaldo Giuliani 180), Scuola Cadorna (via del Pontormo 90). Viali Scuola Lavagnini (viale Lavagnini 35), Scuola Enriquez Capponi (viale Matteotti 22). (mf)

 
Coronavirus: in Toscana 91 nuovi casi, un decesso, 33 guarigioni
13/09/2020
L'età media è di 44 anni

In Toscana sono 13.114 i casi di positività al Coronavirus, 91 in più rispetto a ieri (17 identificati in corso di tracciamento e 74 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,7% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,3% e raggiungono quota 9.506 (72,5% dei casi totali). I test eseguiti hanno raggiunto quota 630.201, 6.737 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 2.459, +2,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 97 (5 in più rispetto a ieri), di cui 17 in terapia intensiva (1 in meno). Purtroppo, oggi si registra 1 nuovo decesso: una donna di 86 anni. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione. L'età media dei 91 casi odierni è di 44 anni (il 20% ha meno di 26 anni, il 29% tra 26 e 40 anni, il 32% tra 41 e 65 anni, il 19% ha più di 65 anni) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 79% è risultato asintomatico, il 13% pauci-sintomatico. Delle 91 positività odierne, 8 casi sono ricollegabili a rientri dall'estero. 3 casi individuati grazie ai controlli attivati nei porti e stazioni con l'ordinanza n.80 della Regione Toscana, di cui 2 riferibili a cittadini residenti fuori regione. Il 42% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. Si ricorda che a partire dal 24/06/2020, il Ministero della Salute ha modificato il sistema di rilevazione dei dati sulla diffusione del Covid-19. I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica bensì in base alla provincia di residenza o domicilio. Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 3.927 i casi complessivi ad oggi a Firenze (24 in più rispetto a ieri), 731 a Prato (11 in più), 918 a Pistoia (4 in più), 1.409 a Massa (12 in più), 1.642 a Lucca (6 in più), 1.233 a Pisa (6 in più), 638 a Livorno (11 in più), 996 ad Arezzo (10 in più), 550 a Siena (2 in più), 533 a Grosseto (3 in più). Sono 537 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni (2 in più). Sono 39 quindi i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 35 nella Nord Ovest, 15 nella Sud est. La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 352 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 474 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 723 casi x100.000 abitanti, Lucca con 423, Firenze con 388, la più bassa Livorno con 191. Complessivamente, 2.362 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (52 in più rispetto a ieri, più 2,3%). Sono 4.101 (103 in meno rispetto a ieri, meno 2,5%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 1.566, Nord Ovest 1.830, Sud Est 705). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 97 (5 in più rispetto a ieri, più 5,4%), 17 in terapia intensiva (1 in meno rispetto a ieri, meno 5,6%). Le persone complessivamente guarite sono 9.506 (33 in più rispetto a ieri, più 0,3%): 201 persone clinicamente guarite (9 in più rispetto a ieri, più 4,7%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 9.305 (24 in più rispetto a ieri, più 0,3%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo. Purtroppo, oggi si registra 1 nuovo decesso: una donna di 86 anni deceduta a Pisa. Sono 1.149 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 418 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 176 a Massa Carrara, 148 a Lucca, 93 a Pisa, 65 a Livorno, 50 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 30,8 x100.000 residenti contro il 59,0 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (90,3 x100.000), Firenze (41,3 x100.000) e Lucca (38,2 x100.000), il più basso a Grosseto (11,3 x100.000). Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell'Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

 
Borgo San Lorenzo. Ospedale: primi interventi nel 2021. 30 milioni già finanziati
12/09/2020
In commissione il punto sugli imminenti lavori in programma e su ampliamento e adeguamento sismico

Tac, Ostetricia, Ginecologia e Pediatria, Terapia intensiva, Cardiologia, Pronto Soccorso. Sono solo alcuni dei reparti dell’ospedale di Borgo San Lorenzo che entro la metà del 2021 vedranno la realizzazione di interventi per oltre 1.350.000 Euro. A questo si aggiunge il cronoprogramma della progettazione e della realizzazione dei lavori di adeguamento e ampliamento del plesso ospedaliero già finanziati con 30milioni di Euro con avvio dei lavori previsto per la fine del 2021. Questo quanto emerso nel corso della Commissione consiliare di Borgo San Lorenzo che si è tenuta giovedì pomeriggio a cui hanno preso parte il team di progettisti che si occuperà dei lavori, il Direttore Sanitario dell’Azienda Usl Toscana Centro Dott. Gori, l’Ing. Meucci e la Direttrice dell’Ospedale del Mugello Dott.ssa Capanni. L'Assessora ai Servizi alla Persona ricorda che si è trattato di una Commissione importante e di informazione sul presente e il futuro del nostro ospedale e ribadito che con lo stanziamento di oltre 18 milioni di fine luglio da parte della Giunta regionale, che si sommano agli undici precedentemente già assegnati, il progetto di adeguamento e ampliamento del plesso è interamente finanziato. L'Assessora ha precisato che la Regione crede e investe sulla nostra struttura e che da parte sua l'Amministrazione seguirà con commissioni periodiche le varie fasi di realizzazione del progetto di adeguamento, ma anche l'andamento degli interventi fondamentali che nei prossimi mesi ci garantiranno un presidio più funzionale. Infine ringrazia la Dottoressa Capanni e tutto il personale sanitario per la loro capacità di azione e reazione durante la fase peggiore della pandemia. Numerosi gli interventi già programmati. Risulta in fase di collaudo la nuova Tac che ha visto un impegno di spesa di oltre 145mila Euro più il costo del macchinario. Saranno posizionati moduli prefabbricati per ampliare la zona spogliatoi anche a seguito delle necessità nate con i distanziamenti imposti dall’emergenza Covid, per un importo di 60mila Euro. Entro il 31 dicembre dovrebbe essere effettuato l’ampliamento della Terapia intensiva che con un costo di 80mila euro vedrà realizzarsi la stabilizzazione di due letti in più. Il Pronto Soccorso sarà oggetto di una riorganizzazione stabile (in fase emergenziale erano stati annessi i locali della cardiologia) che entro fine anno consentirà di avere ulteriori 4 letti di osservazione e 3 stanze Covid, con un costo di circa 200mila Euro. La Cardiologia invece, presumibilmente per la fine di marzo, avrà a disposizione i nuovi ambulatori in un prefabbricato di circa 200mq che verrà poi inglobato nel progetto del nuovo ospedale per un costo dell’operazione di circa 350mila euro. Concluso lo spostamento della Cardiologia, lo spazio liberato sarà occupato provvisoriamente dai reparti di Ostetricia e Ginecologia in attesa della conclusione dei lavori di sistemazione dei due reparti per un costo di circa 525mila euro. Per quanto riguarda il progetto di ampliamento e di messa in sicurezza sismica risultano già a lavoro i progettisti del team di imprese che si sono aggiudicate l’appalto e che in stretta sinergia con la Direzione dell’Ospedale sta predisponendo il progetto definitivo in base alle esigenze e alla necessità di non interrompere le prestazioni. L’intero progetto vede già a disposizione finanziamenti per 30milioni di euro. La struttura sarà isolata sismicamente con quelli che sono stati definiti delle “slitte” che verranno posizionate nel vano tecnico posto sotto l’ospedale. Per questo, prima di procedere a questi lavori, c’è la necessità di realizzare la nuova centrale tecnologica con impianti all’avanguardia che sarà messa a servizio del plesso. Successivamente sarà effettuato l’adeguamento impiantistico, l’ampliamento, con la nuova struttura in ingresso al plesso, e poi l’isolamento sismico. Il progetto prevede nuovi collegamenti interni ed esterni la riorganizzazione dei locali, la creazione di nuove sale operatorie, tra cui una al piano che ospiterà Ginecologia e Pediatria, il tutto per trasformare il nostro plesso in un presidio che guarda al futuro.

 
Taglio del nastro alla primaria “C. Collodi” di Querce
12/09/2020
Miglioramento sismico della struttura grazie ad un investimento di 140 mila euro

Taglio del nastro questa mattina alla scuola primaria “C. Collodi” di Querce (Fucecchio) dove si sono da poco conclusi i lavori per il miglioramento sismico dell'edificio con il rifacimento completo del soffitto di sotto copertura. Un intervento strutturale che garantirà maggiore sicurezza e benessere agli studenti della frazione situata sulle colline delle Cerbaie. Il miglioramento sismico della struttura era infatti uno degli obiettivi primari dell'amministrazione comunale che durante questa estate ha lavorato, con un investimento di 850 mila euro, al miglioramento di molti plessi scolastici oltre che all'adeguamento alle normative anti-Covid. I lavori alla scuola primaria di Querce, iniziati lo scorso giugno, hanno avuto un costo complessivo di 140 mila euro e sono stati finanziati al 50% dal Comune di Fucecchio e per l'altro 50% da un contributo congiunto di Fondazione CRSM e Crédit Agricole Italia. Quello realizzato a Querce è uno dei tanti interventi sui plessi scolastici che confermano il forte impegno del Comune di Fucecchio sul tema della formazione scolastica e dell'educazione ma anche sul tema della sicurezza degli immobili. Un tema, quest'ultimo, al centro dell'attenzione ben prima che scoppiasse l'emergenza sanitaria. All'inaugurazione erano presenti tanti bambini e genitori curiosi di vedere le novità della scuola, il sindaco, il vicesindaco e la giunta comunale, tutti gli insegnanti e il personale ATA della scuola insieme a Maria Elena Colombai, dirigente della Direzione Didattica di Fucecchio, l'ing. Stefano Torre, progettista e direttore lavori delle opere strutturali, Paola Pollina, dirigente del settore Lavori Pubblici del Comune di Fucecchio, l'ing. Gabriele Manetti, progettista e direttore dei lavori dell'intervento complessivo, l'ing. Chiara Bilancieri, collaudatore delle strutture, Massimo Bernardini, titolare dell'impresa BM Costruzioni che ha realizzato i lavori, Massimo Cerbai, responsabile Direzione regionale Toscana di Crédit Agricole Italia, e Antonio Guicciardini Salini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato. La cerimonia è stata arricchita dalla benedizione dei parroci di Querce e di Massarella, Don Anthony Padassery e Don Ferdinando Santonocito.

 
Scuole di San Casciano, da lunedì 14 settembre si riparte nel segno del rispetto, della qualità educativa e della collaborazione
12/09/2020
In sintesi i contenuti e le novità che interessano i servizi scolastici prescuola, accoglienza, mensa e trasporto. L’amministrazione comunale rivolge un sentito ringraziamento al dirigente scolastico, a tutto il personale scolastico e agli uffici comunali Servizi educativi e Lavori pubblici

Scuole sicure, adeguate e pronte ad accogliere tutti gli studenti di ogni ordine e grado. E’ partito il conto alla rovescia per l’apertura delle scuole di San Casciano, prevista lunedì 14 settembre, sulle quali l’amministrazione comunale ha lavorato tutta l’estate, senza interruzione, per rendere spazi e aule adeguati alle disposizioni governative emanate per il contenimento della pandemia. La comunità scolastica potrà vivere in presenza, grazie al lavoro di squadra messo in campo dal Comune e l’Istituto comprensivo e famiglie, nel rigoroso rispetto delle norme anticovid, la nuova stagione scolastica 2020/2021. A pochi giorni dal suono della prima campanella il sindaco di San Casciano e l’assessore alle Politiche educative tengono a precisare interventi e misure attuate necessarie a garantire un rientro sereno e fiducioso a tutti gli studenti. “Ora più che mai ci sarà bisogno di rendere concreta la collaborazione con la comunità - dichiara il sindaco - e l’attenzione scrupolosa alle norme antiCovid, ai parametri di distanziamento e alla tenuta delle mascherine da parte dei bambini e dei ragazzi nei momenti scolastici in cui occorre indossarla. Per questo motivo rinnoviamo l’invito alle famiglie ad istruire e dare indicazioni precise ai loro figli prima di entrare a scuole e rispettare con grande rigore le indicazioni date sia per usufruire dei servizi scolastici, soprattutto il trasporto e l’accoglienza, sia quelle che saranno fornite dalla dirigenza scolastica per il comportamento da assumere in classe e all’esterno degli edifici”. “Come non mai la parola d'ordine per quest'anno sarà rispetto, – aggiunge l’assessore l’alle Politiche educative - rispetto per l'ambiente, rispetto per l'altro ma soprattutto rispetto delle linee guida regionali e ministeriali per il contenimento della pandemia da Coronavirus. Insieme alla parola rispetto mettiamo ancora una volta in primo piano il tema della qualità educativa e didattica. Riusciremo ad affrontare e a gestire meglio la complessità della situazione solo se metteremo in campo responsabilità condivise e reciproche”. L’amministrazione comunale rivolge un sentito ringraziamento al dirigente scolastico, a tutto il personale scolastico e agli uffici comunali Servizi educativi e Lavori pubblici. Il Comune ha predisposto una sintesi dei contenuti e delle novità che interessano i singoli servizi scolastici (prescuola, accoglienza, mensa e trasporto) disponibile sul sito e sulla pagina social del Comune. Le famiglie possono consultare anche il sito dell’Istituto comprensivo Il Principe per avere ulteriori indicazioni e dettagli sulle attività scolastiche. PRESCUOLA Il servizio sarà in funzione nei plessi delle scuole primarie e dell'infanzia del territorio. L’entrata anticipata sarà svolta in una fascia oraria precedente all’attività scolastica. L’entrata sarà dalle ore 7:40 alle ore 8:10. Il servizio sia nelle primarie che nelle scuole dell'infanzia partirà una volta raccolte le nuove adesioni, da lunedì 5 ottobre. Sono riaperti i termini per iscriversi fino al 28 settembre 2020. ALL’ARRIVO L’ingresso sarà un momento fondamentale, le entrate saranno scaglionate e avverranno negli orari comunicati dalla scuola. Lo stesso vale per le uscite. È obbligatoria da parte dei genitori, la sottoscrizione del patto di corresponsabilità con la scuola. In ogni caso i genitori sono obbligati alla misurazione della temperatura a casa prima di uscire, oltre a dotare i propri figli di apposito dispositivo di protezione. Si specifica che sono stati organizzati diversi accessi per ogni scuola che sono stati comunicati dall'istituto scolastico. A TAVOLA Bambine e bambini continueranno regolarmente a mangiare a scuola. La consumazione del pasto si realizzerà o in aula, al singolo banco o, nella maggior parte dei casi, nei refettori. Tutto questo comporta il potenziamento del personale addetto alla somministrazione, pulizia e sanificazione collegata al pasto, nessuno con il lunch box. I pasti a scuola inizieranno a partire dal 14 settembre per le bambine ed i bambini del secondo e terzo anno della scuola dell'infanzia e dal 21 settembre per la scuola primaria. IN VIAGGIO Abbiamo organizzato tutte le linee in modo da permettere ai bambini di arrivare a scuola il più possibile vicino all'inizio delle lezioni. Su tutte le corse è previsto personale di accompagnamento al fine di verificare il rispetto delle normative regionali e ministeriali. I genitori sono tenuti al controllo della temperatura a casa prima di uscire, oltre a dotare i propri figli di mascherine. Per la scuola dell'infanzia il trasporto scolastico sarà effettuato dal 5 ottobre, a conclusione del periodo di accoglienza.

 
Ripristini dell’asfalto in piazza Primo Maggio e via di Brozzi, posa di un cavo di fibra ottica in via di Peretola e allacci alla rete idrica in via San Leonardo
12/09/2020
Ecco i lavori che prenderanno il via la prossima settimana sulla strade fiorentine

Ripristini dell’asfalto in piazza Primo Maggio-via di Brozzi e via della Casella-via Massa. E anche la posa di un cavo di fibra ottica in via di Peretola e allacci alla rete idrica in via San Leonardo. Sono solo alcuni dei principali lavori che prenderanno il via la prossima settimana sulle strade cittadine con l’istituzione di provvedimenti di circolazione. Ecco l’elenco. Via dell’Agnolo: per un trasloco domani domenica 13 settembre in orario 6-14 sarà chiuso il tratto tra via dei Macci e via delle Conce. In via del Macci previsto il senso unico da via Mino a via dell’Agnolo. Piazza Primo Maggio-via di Brozzi: si tratta di ripristini definitivi della carreggiata a seguito di interventi sui sottoservizi. Previsti restringimenti di carreggiata e divieti di sosta nella piazza da martedì 15 a giovedì 17 settembre. A questi si aggiungeranno, martedì e mercoledì, i provvedimenti in via di Brozzi, ovvero: la chiusura da via della Nave di Brozzi a piazza Primo Maggio e il senso unico da via della Nave di Brozzi a via di San Rocco. Via della Casella-via Massa: anche in questo caso sono ripristini a seguito di interventi sui sottoservizi. Lunedì 14 e martedì 15 settembre sono previsti lavori puntuali con restringimenti di carreggiata in via Massa (tra i numeri civici 40 e 44) e via della Casella (tra i numeri civici 34 e 40). Via della Casella sarà invece chiusa quando l’intervento interesserà il tratto compreso fra i numeri civici 16 e 32/B. Via del Podestà: inizieranno lunedì 14 settembre le operazione per la posa di un cavo aereo. Nella prima fase scatteranno divieti di transito e sosta nel tratto tra via Orsini e via Martellini; seguirà la chiusura del tratto da via Martellini a via Barni con anche l’istituzione di un senso unico in Martellini (da via del Podestà a via Barni verso quest’ultima). Poi i lavori si sposteranno con chiusura del tratto via Barni-via dei Cremani. Nell’ultima fase i divieti di transito e sosta interesseranno il tratto via Ser Lapo Gavacciani-via Silvani. Via Sant’Egidio-via della Pergola-Borgo Pinti-via degli Alfani: lunedì 14 e martedì 15 settembre sono in programma operazioni relative allo smontaggio di una gru edile del cantiere di Santa Maria Nuova Oltre ai divieti di sosta in via Sant’Egidio in vigore nei due giorni, i provvedimenti sono concentrati nella giornata di martedì. Dalle 9 alle 19 sarà chiusa via della Pergola (tra via Nuova dei Caccini e via Sant’Egidio) e vicolo della Pergola (da via della Pergola a fine strada) mentre in Borgo Pinti scatterà un senso unico da via di Mezzo verso via Sant’Egidio. Previsti anche divieti di sosta in via degli Alfani e in via Sant’Egidio. Borgo Tegolaio: lunedì 14 settembre inizieranno alcuni lavori edili. Per il montaggio del ponteggio la strada sarà chiusa lunedì dalle 9 alle 17 (da via Mazzetta a via dei Michelozzi) mentre in via Michelozzi sarà istituito un senso unico da Borgo Tegolaio verso via Maggio. Questi provvedimenti si ripeteranno una volta la settimana in orario 9-13 nei giorni 18 e 24 settembre, 8 e 15 ottobre. Il 23 ottobre è in programma lo smontaggio del ponteggio con la chiusura in orario 9-17. Via di Peretola: lunedì 14 e martedì 15 settembre sarà effettuata la posa di un cavo in fibra ottica con chiusura del tratto da via della Villa Nuova a piazza Garibaldi. Previsti inoltre sensi unici in via della Villa Nuova (da via di Peretola a via Primo Settembre) e via Primo Settembre (da via Faccioli a piazza Garibaldi). Via dei Macci: per lavori edili con piattaforma aerea lunedì 14 e martedì 15 settembre prevista la chiusura del tratto da via Andrea del Verrocchio a piazza Sant’Ambrogio. Via Pierluigi da Palestrina: da lunedì 14 settembre saranno effettuati alcuni lavori edili. Per il montaggio del ponteggio fino al 18 settembre saranno in vigore divieti di transito e di sosta nel tratto via del Ponte alle Mosse-via delle Porte Nuove. Stessi provvedimenti per lo smontaggio in programma il 21 e 22 settembre. Via Guicciardini: per un trasloco con scala aerea lunedì 14 settembre dalle 1.30 alle 5.30 la strada sarà chiusa da via dello Sprone a piazza Pitti. Previsti anche un divieto di transito in piazza Pitti (da via dei Marsili a via Guicciardini), il senso unico in via dello Sprone (da via Toscanella a via Guiccardini). Via Barni: per un cantiere edile da lunedì 14 settembre sarà istituito un restringimento di carreggiata con un senso unico nel tratto via Martellini-via Silvani verso via Martellini. Termine previsto 28 ottobre. Via della Dogana: per la sosta di un camion betoniera martedì 15 settembre in orario 6-11 sarà in vigore un restringimento di carreggiata a cavallo del numero civico 10. Via San Leonardo: inizieranno mercoledì 16 settembre i lavori di rifacimento di allacci alla rete idrica. La strada sarà chiusa da via di Belvedere a via Schiapparelli fino al 25 settembre. Via Jervis: mercoledì 16 settembre è in programma un trasloco. In orario 7-19 sarà in vigore un divieto di transito nel tratto da via Sbrilli a via Barbieri. Sarà inoltre istituito un senso unico in via Srbilli da via Jervis verso via Morandi. Borgo Pinti: da venerdì 18 settembre prenderanno il via lavori edili per il rifacimento del tetto di un edificio. Per il montaggio del ponteggio lunedì e martedì la strada sarà chiusa da via Nuova dei Caccini a via di Mezzo con l’istituzione di sensi unici in via Nuova dei Caccini (da Borgo Pinti verso via della Pergola), via di Mezzo (da via Fiesolana verso Borgo Pinti) e Borgo Pinti (da via di Mezzo a via Sant’Egidio). Stessi provvedimenti saranno istituiti il 13 e 14 novembre per lo smontaggio di un ponteggio. Via dei Cerretani: per un intervento edilizio con piattaforma aerea dalle 21 di venerdì 18 alle 6 di sabato 19 settembre la strada sarà chiusa tra via Zannetti e via dei Conti. Ulteriori provvedimenti sono previsti in via Zennetti (senso unico da via Cerretani verso via dei Conti) e via dei Conti (senso unico da via Zannetti a via dei Cerretani).

 
Elezioni regionali, l'Ufficio elettorale della Regione conferma la regolarità delle schede
12/09/2020
Manifesti ufficiali delle elezioni in tutti i Comuni toscani da sabato 12 settembre

L'Ufficio elettorale della Regione Toscana - a seguito delle accuse di 'irregolarità' avanzate dal segretario del partito Comunista riguardo all'assenza dei nomi di alcuni candidati 'capolista' nelle schede per la consultazione elettorale del prossimo 20-21 settembre - precisa che le schede sono assolutamente corrette, sulla base di quanto previsto dalla normativa attuale. La struttura della scheda elettorale - precisa l'Ufficio - è regolata dall'art.13 della lr 51/2004 che, in particolare al comma 2, recita: "La scheda reca, entro un apposito rettangolo, il simbolo di ciascuna lista circoscrizionale. All'interno del medesimo rettangolo, sotto il simbolo della lista, qualora essa sia composta anche da una o più candidature regionali, è riportata la dicitura 'Lista regionale presente'. A fianco del simbolo, sono elencati i nomi e i cognomi delle candidate e candidati circoscrizionali secondo il rispettivo ordine di presentazione preceduti, ciascuno di essi, da un quadrato ove poter esprimere un segno indicante il voto di preferenza". In sintesi, la legge elettorale prevede che, qualora una lista presenti dei 'candidati regionali' (il cosiddetto 'listino bloccato', per il quale non sono previsti voti di preferenza) i nomi di questi candidati non siano riportati sulla scheda. La presenza di 'candidati regionali' è indicata agli elettori tramite la dicitura 'Lista regionale presente', correttamente presente nella attuale scheda per la consultazione del 20 e 21 settembre sotto ai simboli dei due partiti che hanno presentato questo tipo di candidati. Peraltro, i 'candidati regionali', che possono essere da uno a tre, sono presenti nei manifesti ufficiali delle elezioni che saranno affissi in tutti i Comuni toscani da oggi, sabato 12 settembre, secondo i termini di legge.

 
Aspettando l’Expo Chianti Classico, ordine e compostezza nella giornata inaugurale
13/09/2020
Organizzazione e pubblico soddisfatti per la prima giornata dedicata alla cultura enologica chiantigiana, versione anticovid

Spazi contingentati, percorsi separati per accedere all’unico stand presente in piazza, ingresso e uscita distinti, decine di volontari della protezione civile per il controllo e il rispetto dei parametri di distanziamento. Seguendo le misure anticovid, previste dal piano della sicurezza approntato dal Comune, la prima giornata dell’Aspettando l’Expo Chianti Classico si è svolta in un clima di compostezza ed equilibrio. La presenza dei visitatori, costantemente monitorata nella quantità e nella modalità di fruizione all’interno della piazza dove si poteva accedere solo a flussi numerati, ha risposto in modo rispettoso delle norme dettate dal governo per il contenimento della pandemia, al canto del Gallo Nero, ai profumi e ai sapori che sua maestà il vino Chianti Classico esprime puntualmente nel mese di settembre. Taglio del nastro per l’edizione semplificata e ridotta dell’evento dedicato alla cultura enologica chiantigiana. Ieri pomeriggio il sindaco di Greve, affiancato, come da tradizione, dagli amministratori dei Comuni di San Casciano, Barberino Tavarnelle, Radda in Chianti, Castelnuovo Berardenga e Bagno a Ripoli, la direttrice del Consorzio Vino Chianti Classico, ha evocato l’Expo che quest’anno avrebbe dovuto celebrare, insieme al suo storico partner il Consorzio Vino Chianti Classico, il cinquantesimo anno di età, anniversario che per le ovvie ragioni legate all’emergenza sanitaria è stato rimandato al prossimo anno. Ad allietare “Aspettando l’Expo Chianti Classico” sono stati il padiglione collettivo presenziato dai prodotti e non dai produttori, con 147 etichette del territorio del Chianti Classico da degustare, i banchi del mercato artigianale e artistico in piazza Matteotti es una piccola rosa di eventi musicali e legati alle tradizioni enogastronomiche chiantigiane. “L’emergenza sanitaria non ci ha permesso di celebrare il mezzo secolo di vita dell’evento di punta del nostro territorio – dichiara il sindaco – che è stato rinviato per ovvie ragioni al 2021. Abbiamo tuttavia voluto onorare, anche simbolicamente, quello che rappresenta la storica vetrina internazionale del Chianti Classico e del suo territorio di produzione con una due giorni ‘light’, tesa comunque a raccontare e valorizzare il mondo del vino infondendo fiducia, speranza e vitalità ai produttori, agli appassionati, agli esperti. Un altro modo per ripartire pensando allo stretto legame che intercorre tra enologia e turismo. Aspettando l’Expo vuole offrire una boccata di ossigeno al tessuto economico, alle strutture ricettive e agli operatori della ristorazione, un settore colpito pesantemente dagli effetti negativi della pandemia”. “Il pubblico che ha raggiunto la piazza, famiglie, giovani e intenditori – continua il sindaco - ha mostrato consapevolezza e attenzione scrupolosa alle misure anticovid. I visitatori hanno aspettato diligentemente in coda, partecipando alle degustazioni guidate e circolando in maniera composta tra i luoghi dell’evento”. La prima giornata è stata anche contraddistinta dall’esito positivo della campagna di prevenzione regionale “Movida…si cura” che ha fatto tappa a Greve in Chianti con i suoi gazebo e il personale addetto con l’obiettivo di effettuare test sierologici a chi su base volontaria ne facesse richiesta. I 138 giovani che si sono sottoposti all’esame sono risultati tutti negativi al Covid. Tra le iniziative della seconda giornata, prevista oggi, domenica 13 settembre, eventi musicali e degustazioni in piazza con Valentino Tesi, miglior sommelier d’Italia. Nel pomeriggio l’’amministrazione comunale conferirà un riconoscimento a tutte le associazioni di volontariato, protezione civile e alle parrocchie che hanno collaborato strettamente con il Comune nel far fronte all’emergenza da Covid-19, in particolare nel difficile periodo del lockdown. Fino al 20 settembre sarà possibile visitare le cantine dei produttori e degustare i loro vini in loco. Info e dettagli del programma dell’evento “Aspettando l’Expo Chianti Classico”su www.expochianticlassico.com.

 
Fucecchio per la sicurezza dei ciclisti
13/09/2020
La campagna promossa dall'atleta e scrittrice Paola Gianotti ha fatto tappa nella città di Montanelli

Anche a Fucecchio ci saranno i cartelli che invitano gli automezzi a mantenere la distanza di sicurezza dai ciclisti. Il primo è stato inaugurato questa mattina in occasione della seconda tappa del "Giro della Toscana” che Paola Gianotti, ciclista e scrittrice, ha iniziato per lanciare la campagna di sensibilizzazione “Io rispetto il ciclista”. Ad attenderla a Fucecchio, in via Provinciale Fiorentina, c'era l'assessore allo sport insieme ad un bel gruppo di ciclisti locali che si sono uniti alla carovana diretta nel Mugello per percorrere un tratto della tappa. La campagna di sensibilizzazione pone l'attenzione sul rispetto della distanza di sicurezza tra ciclisti e auto in transito, che dovrebbe essere di 1,5 metri, attraverso cartelli gialli su cui, tra il disegno di un'auto e quello di un ciclista, è riportata la scritta “Io rispetto il ciclista”.

 
“Io rispetto il ciclista”: Borgo San Lorenzo aderisce alla campagna
12/09/2020
Domani la ciclista Paola Gianotti a Borgo San Lorenzo

Borgo San Lorenzo aderisce alla campagna “Io rispetto il ciclista” tramite l’apposizione della cartellonistica che chiede di mantenere la distanza di 1,5m quando si sorpassano i ciclisti. La campagna sarà inaugurata domenica 13 settembre dal passaggio dell’atleta Paola Gianotti nel corso del suo giro della Toscana. Nella presentazione dell'iniziativa di Gianotti si legge: “L’atleta eporediese che detiene 3 Guinness World Record tra cui l’essere la donna più veloce del mondo ad aver circumnavigato il globo in bici e che per il terzo anno consecutivo doveva anticipare di un giorno tutte le tappe del Giro d’Italia maschile per portare avanti la campagna sul rispetto del ciclista sulla strada, ha riformulato il suo giro pedalando nella sua regione per promuovere il territorio colpito dalla pandemia mondiale e portare avanti la campagna sulla sicurezza stradale. La campagna sulla sicurezza di Paola parte nel 2014 al suo rientro dal Giro del Mondo durante la quale è stata investita da una macchina in fase di sorpasso che le ha rotto la quinta vertebra cervicale, insieme a Marco Cavorso, padre di Tommy ucciso nel 2010 a 14 anni investito da una macchina e Maurizio Fondriest, campione mondiale di ciclismo”. L’Assessore alla Mobilità e all’Ambiente di Borgo San Lorenzo ha ribadito che l’Amministrazione ha accolto da subito l'invito dall'associazione sostenendo la campagna io rispetto il ciclista portata avanti da Paola Giannotti con il suo giro della Toscana. Una campagna che vuole migliorare la sicurezza e la convivenza tra chi usa la strada. Un altro passo verso una città sostenibile.

 
Anticipo Tfs, online la piattaforma di Funzione pubblica
12/09/2020
Il sito web, con tutte le informazioni necessarie per i richiedenti, sarà via via completato nei prossimi giorni con l’elenco degli enti erogatori

Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto che recepisce l’accordo quadro con l’Associazione delle banche italiane, ecco online la piattaforma di Funzione pubblica che rende operativa la possibilità di erogazione dell’anticipo del Tfs, come previsto dal decreto legge 4/2019. Il sito web, con tutte le informazioni necessarie per i richiedenti, sarà via via completato nei prossimi giorni con l’elenco degli enti erogatori e soprattutto degli istituti di credito, la cui adesione fa capo alla stessa Abi. https://lavoropubblico.gov.it/anticipo-tfs-tfr

 


a cura di: Città Metropolitana di Firenze - Direzione Urp, E-Government
© copyright e licenza d'uso