MET



Newsletter di Met
Newsletter n°11/ 2022
Il programma di Autolinee Toscane per la giornata di Lunedì 10 gennaio
09/01/2022
Il quadro dei servizi disponibili e le riduzioni previste

Nella giornata di domani, lunedì 10 gennaio 2022, come annunciato, a causa dell’espandersi di contagi, malattie e quarantene Covid molti autisti, non potranno lavorare. Per questo sono previsti disagi sui servizi urbani ed extraurbani, data la piena ripresa dell’attività scolastica con un servizio con un numero di corse previsto maggiore del periodo festivo e anche di venerdì scorso, primo parziale giorno di riapertura delle scuole. Ci dispiace ma stiamo continuando a fare di tutto per garantire le corse essenziali, riorganizzando il servizio e chiedendo a chi può lavorare di fare straordinari. Per questo desideriamo rinnovare il nostro ringraziamento a tutti i nostri dipendenti per lo sforzo che stanno compiendo. Assenze autisti Per il Dipartimento Sud di Autolinee Toscana, con i dati aggiornati al pomeriggio odierno, sono previste le assenze di 53 autisti a Siena; 27 a Grosseto, 25 ad Arezzo e 6 a Piombino, per un totale di 111 autisti in malattia o comunque impossibilitati a lavorare. Per il Dipartimento Nord, a Massa Carrara ci sono 25 autisti malati, 47 a Lucca, 45 a Pisa e 48 a Livorno per un totale di 165. Per il Dipartimento Centro 238 a Firenze urbano, 39 nel Firenze extraurbano, 35 a Pistoia e 44 a Prato/Empoli, per un totale di 356. Di seguito l’elenco delle criticità previste (preoccupano Firenze, Lucca, Siena, Massa-Carrara soprattutto), divise per sede operativa. Tutto ciò al netto di altri possibili disagi, derivanti da altri autisti in malattia o finiti in quarantena, nel frattempo, che al momento non sono preventivabili. SERVIZI FIRENZE URBANO Sono garantite tutte le corse scolastiche. Verranno ridotte le frequenze sulle linee urbane distribuendo le risorse sulle varie linee per massimizzare i mezzi a disposizione.All’occorrenza saranno attivati piani con riduzione dei servizi sulle linee a minor domanda. Per aggiornamenti e informazioni in tempo reale si raccomanda la consultazione del sito at-bus.it alla sezione “prossimi passaggi”. Si teme di perdere poco meno di 100 turni su circa 770. SERVIZI FIRENZE EXTRAURBANO Sulle corse soppresse della mattina, riportate qui di seguito, sono presenti altri autobus che comunque dovrebbero ridurre il disservizio per gli utenti. LINEA ORARIO DISAGIO PERCORSO 365 A 07:15 08:10 GREVE PARCHEGGI-STAZIONE ORTI ORICELLARI 365 A 13:35 14:35 AUTOSTAZIONE FIRENZE-GREVE PARCHEGGIO 365 C 14:35 14:40 GREVE PIAZZA TRENTO-PARCHEGGIO 365 C 14:45 15:00 GREVE PARCHEGGIO-LAMOLE 365 C 15:00 15:20 LAMOLE-GREVE PIAZZA TRENTO 365 A 17:10 18:05 GREVE PARCHEGGIO-AUTOSTAZIONE FIRENZE 365 A 18:30 19:40 AUTOSTAZIONE FIRENZE-FERRUZZI 370 B 05:55 06:48 SAN CASCIANO AUTOSTAZIONE-POGGIBONSI FS 370 B 06:50 07:48 POGGIBONSI FS-SAN CASCIANO AUTOSTAZIONE 370 A 07:50 08:00 S.CASCIANO AUTOST.-S.CASCIANO AUTOST. 372 A 09:10 10:10 S.CASCIANO AUTOSTAZ.-S.CASCIANO AUTOSTAZ. 370 B 13:10 13:30 S.CASCIANO-AUTOSTAZIONE-SAN FABIANO 370 B 13:30 13:50 S.FABIANO-S.CASCIANO AUTOSTAZIONE 370 B 14:10 14:30 SAN CASCIANO AUTOSTAZIONE-SAN FABIANO 370 B 14:30 14:50 SAN FABIANO-SAN CASCIANO AUTOSTAZIONE 371 A 14:00 14:55 AUTOST. FIRENZE-SAN CASCIANO AUTOST. 371 A 15:55 16:35 S.CASCIANO AUTOST.- ORTI ORICELLARI 37 17:35 18:15 AUTOST. FIRENZE-CERBAIA CENTRO 37 18:15 18:55 CERBAIA CENTRO-STAZIONE ORTI ORICELLARI 368 A 19:10 20:00 AUTOSTAZIONE FIRENZE-MERCATALE VAL DI PESA 34 05:50 06:20 MONTAIONE-CASTELFIORENTINO 34 06:45 07:15 CASTELFIORENTINO FS MONTAIONE 34 07:20 07:50 MONTAIONE-CASTELFIORENTINO FS 34 08:00 08:30 CASTELFIORENTINO-MONTAIONE 34 08:35 09:05 MONTAIONE-CASTELFIORENTINO FS 33 09:15 09:45 CASTELFIORENTINO-EMPOLI-AUTOSTAZIONE ST. 5 33 13:05 14:20 EMPOLI AUTOSTAZIONE STALLO 5-MONTAIONE 370 A 06:45 07:38: TAVARNELLE CENTRO-FIRENZE ORTI ORICELLARI 33 07:10 07:40 CASTELFIORENTINO- EMPOLI AUTOSTAZIONE ST. 5 SERVIZI PISTOIA Per la zona di Pistoia, i maggiori disagi si verificheranno nell’area di Montecatini sulle seguenti linee: linea 73 nella fascia 13:00-13:30 e 19-20:30 linea 701 nella fascia 14:00-15:00 e 16:30-17:30 linea 703 nella fascia 6-8 e 13-13:30 linea P855 nella fascia 14:30-15:30 linea R04 nella fascia 7-8:30 e 13-15 linea urbane nella fascia 18-19 SERVIZI PRATO-EMPOLI Per quanto riguarda il servizio di domani, lunedì 10 gennaio, a Empoli è tutto coperto; a Prato rimangono scoperti 14 spezzoni di turno per un equivalente di circa 28 coppie di corse che non saranno garantite. In ogni caso saranno garantite le corse scolastiche e le soppressioni saranno distribuite sulle linee urbane che hanno una frequenza ravvicinata. SERVIZI URBANI DI SIENA LINEA ORARIO DISAGIO PERCORSO s2 16:10 17:22 PIAZZA DEL SALE-VIA GARIBALDI s3 09:52 17:01 PIAZZA GRAMSCI-DUE PONTI s5 17:07 20:40 DUE PONTI-ARETINA DUE PONTI s9 17:37 18:20 PIAZZA GRAMSCI-VIA GABRIELLI s10 11:54 14:10 PIAZZA DEL SALE-BELVERDE s18 15:20 15:37 VIA TOZZI-PIAZZETTA COLLE s31 13:50 15:00 PIAZZA GRAMSCI-VOLTE BASSE s33 06:10 06:40 ROSIA-PIAZZA GRAMSCI s33 13:13 20:30 PIAZZA GRAMSCI-ROSIA s38 12:20 12:45 PONTE PIANELLA-PIAZZA GRAMSCI s51 15:45 15:57 CORONCINA CAPOLINEA-PIAZZA DEL MERCATO s52 06:33 09:28 PARCHEGGIO VIALE TOSELLI-LOGGE DEL PAPA s52 17:57 20:52 PARCHEGGIO VIALE TOSELLI-LOGGE DEL PAPA s53 07:05 08:55 TOSELLI Parcheggio-LOGGE DEL PAPA s54 15:17 15:45 PIAZZA INDIPENDENZA-CORONCINA CAPOLINEA SERVIZI EXTRAURBANI di SIENA 126 06:15 07:05 MENSANO Capolinea 126 14:05 15:40 COLLE V.ELSA (via Bilenchi) 127 07:05 08:40 AUTOSTAZIONE SIENA (stallo 7)-GAIOLE 130 07:10 08:30 COLLE V.ELSA (via Bilenchi)-S.GIMIGNANO- STRADA 130 13:00 20:00 Ist. RONCALLI-SAN GIMIGNANO - STRADA 135 08:15 08:35 POGGIBONSI/PIAZZA MAZZINI-VIALE DEI MILLE 135 13:50 14:05 PIAZZA MAZZINI (stallo 3)-COLLE (via Bilenchi) 136 08:15 09:30 SIENA-VIA TOZZI-STAGGIA SENESE 201 06:11 09:42 COLLE V.ELSA (via Bilenchi)-CAMPIGLIA 201 12:12 14:42 COLLE V.ELSA (via Bilenchi)-CAMPIGLIA SERVIZIO URBANO DI POGGIBONSI 302 15:35 16:35 VIA SARDELLI-VIA GIOTTO 305 7:35 07:50 BELLAVISTA-Piazza Danimarca-PIAZZA MAZZINI 305 17:35 20:27 PIAZZA MAZZINI (stallo 4)-STAGGIA 354 7:50 08:15 PIAZZA MAZZINI (stallo 3)-LAPPETO SERVIZIO URBANO DI SAN GIMIGNANO SG1 13:35 18:02 SANTA LUCIA - Via Ghirlandaio SG3 7:00 08:50 PIAZZALE MONTEMAGGIO-CASTEL S.GIMIGNANO SERVIZI GROSSETO Possibili disagi sono previsti anche per la sede operativa di Grosseto, sui collegamenti urbani ed extraurbani con l’attuale previsione di tre turni scoperti che potrebbero determinare disservizi per l’utenza. SERVIZI AREZZO e PIOMBINO Per quanto riguarda i servizi di Arezzo e Piombino, stando alle attuali previsioni di assenza, i collegamenti urbani ed extraurbani saranno regolari. SERVIZI VALDARNO ARETINO-MIV MIV01 11:00 11:28 LEVANE COOP-SAN GIOVANNI VALDARNO COOP MIV01 11:30 11:58 SAN GIOVANNI VALDARNO COOP-LEVANE COOP MIV01 12:00 12:28 LEVANE COOP-SAN GIOVANNI VALDARNO COOP MIV01 12:30 12:58 SAN GIOVANNI VALDARNO COOP-LEVANE COOP MIV01 13:00 13:28 LEVANE COOP-SAN GIOVANNI VALDARNO COOP MIV01 13:30 13:58 SAN GIOVANNI VALDARNO COOP-LEVANE COOP SERVIZI PISA · Urbano Pisa: riduzione delle frequenze di servizio per tutte le linee, con possibili corse saltate in tutte le fasce orarie da inizio a fine servizio. · Urbano Pontedera: soppressione della navetta A dalle 11:45 fino a fine servizio. · Soppressa la linea Extraurbano 320 San Miniato (tratta p.zza Dante-p.zza Eufemi) fascia 6:08/8:45 e dalle 10:45 a fine servizio. · Soppressa linea Extraurbano 190 corsa Pisa-Pontedera ore 18 e corsa Pontedera-Pisa ore 18:50. SERVIZI MASSA CARRARA · Nelle linee extraurbane disagi previsti sulle corse scolastiche Fosdinovo-Aulla, Bergiola-Massa, potrebbero non essere coperte. Un solo bus scolastico previsto per la corsa Colonnata-Carrara. · Nel servizio urbano potrebbero esserci disagi, a cui verrà fatto fronte con alcuni bus di operatori privati (Lorenzini). SERVIZI URBANO LUCCA (situazione complessa) Urbano Lucca: metà frequenza Lam Verde linea 57 7.20 Nozzano-P.le Verdi - Istituto Agrario Mutigliano Linea 59 Balbano 7.35 per P.le Verdi e scuole ITIS Urbano Viareggio: Linea 21 metà frequenza dono alle 12.00 Linea 27 metà frequenza dalle 14.00 alle 17.00 SERVIZI EXTRAURBANO LUCCA E10 Pisa 6.18- Pietrasanta 7.46 E3 Lucca 13.30. - Pisa 13.27 E4 Gallicano 7.24-Castelnuovo Scuole e stazione Fs - Castelnuovo scuole E49 Castelnuovo scuole 13.00-Fornaci di Barga + coincidenza per Filecchio E10 13.07 Lucca per Bagni di Lucca ( di due bus si parte solo con 1) E2 13.05 Lucca- Viareggio ( di due bis si parte solo con 1 macchina) E1 ore 7.21 Viareggio- Forte dei Marmi SERVIZI LIVORNO · Non si prevedono disagi nel servizio, al netto di ulteriori assenze causa Covid che si verificassero nelle prossime ore.

 
Tracciamento e gestione dei casi positivi, dal 10 gennaio un portale per la gestione da parte dei cittadini
08/01/2022
I cittadini che abbiano riportato un risultato positivo al tampone devono attraverso l’accesso in maniera sicura con SPID, CNS o CIE al portale https://referticovid.sanita.toscana.it, compilare il questionario di autovalutazione per poi conseguire, al termine della malattia, l’attestazione di termine di isolamento

Per velocizzare le attività di tracciamento e la rilevazione dei casi positivi, alla luce dell’attuale circolazione del Covid e in particolare della variante Omicron, il sistema sanitario regionale incrementa il sistema informatico di tracciamento dei casi positivi con una nuova ordinanza, che è alla firma del presidente Eugenio Giani ed entrerà in vigore il prossimo lunedì 10 gennaio. Che cosa deve fare il cittadino La gestione informatizzata prevede un ruolo attivo del cittadino che segnala alcune informazioni personali al servizio sanitario regionale, accedendo in maniera sicura con SPID, CNS o CIE al portale https://referticovid.sanita.toscana.it, contribuendo così a semplificare e velocizzare l’attività di tracciamento. Il link per l’autovalutazione verrà da subito attivato anche sul portale http://fascicolosanitario.regione.toscana.it/ e a seguire sulla App Toscana Salute. I cittadini che abbiano riportato un risultato positivo al tampone devono quindi, attraverso l’accesso in maniera sicura con SPID, CNS o CIE al portale https://referticovid.sanita.toscana.it, compilare il questionario di autovalutazione, che consente di gestire correttamente il provvedimento di sanità pubblica e di conseguire, al termine della malattia, l’attestazione di termine di isolamento sanitario da Covid Le indicazioni dell'ordinanza L’ordinanza prevede una serie di indicazioni che ridefiniscono il sistema di gestione del tracciamento dei casi e delle attività delle Asl, dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, delle farmacie aderenti agli accordi e delle associazioni di volontariato con due principali obiettivi: semplificare e sburocratizzare i provvedimenti di isolamento delle persone ancora in attesa di essere contattate; aumentare il numero dei tamponi da somministrare attraverso un incremento dell’elenco dei soggetti autorizzati dalla Regione a effettuare test antigenici rapidi e molecolari. Le attività delle Asl In particolare le Centrali di tracciamento delle Asl dovranno prioritariamente prendere in carico: i casi positivi secondo il criterio cronologico della data di diagnosi attraverso un tampone risultato positivo e presente nel sistema regionale (casi ancora in attesa di essere contattati per definirne la guarigione o la rivalutazione); soggetti che per motivi sociali, socio-sanitari o personali non possono svolgere un ruolo attivo nel percorso informatizzato di auto-valutazione, non avendo risposto compiutamente, al fine di fornire informazioni dal sistema. Le Asl saranno tenute ad incrementare in maniera sostanziale: la capacità di tracciamento quotidiana, anche al fine del rilascio delle attestazioni di termine di isolamento sanitario da Covid19; l’offerta di tamponi molecolari e antigenici, attuando, nel territorio di competenza, gli obiettivi definiti dalla direzione regionale Sanità, Welfare e Coesione Sociale, anche attraverso delle convenzioni uniformi sul territorio toscano; a continuare a garantire una costante e continua attività di informazione sui percorsi Covid-correlati, comprensibile, attuale e di facile accesso, utilizzando tra gli altri i siti istituzionali e i numeri telefonici dedicati, sempre accessibili, al fine di evitare il ricorso improprio sia ai numeri di emergenza che ai numeri della continuità assistenziale. Per quanto riguarda l’attività di gestione dei provvedimenti di isolamento, le Asl dovranno provvedere, attraverso il sistema informativo sanitario della prevenzione collettiva, a: chiudere il provvedimento di isolamento automaticamente attraverso l’invio dell’attestazione di termine di isolamento sanitario da Covid19 per i soggetti asintomatici dopo 7 o 10 giorni a seconda dello stato di vaccinazione a seguito di un referto di tampone negativo eseguito nei tempi corretti; chiudere il provvedimento di isolamento automaticamente attraverso l’invio dell’attestazione di termine di isolamento sanitario da Covid19, per quei cittadini che hanno compilato il questionario di autovalutazione dichiarando di essere paucisintomatici all’inizio dello stato di positività, una volta trascorsi 10 giorni dalla data del tampone positivo, a seguito di un referto di tampone negativo eseguito nei tempi corretti; inviare automaticamente il fine isolamento trascorsi 21 giorn i dalla data del primo tampone positivo; aprire il provvedimento di inizio isolamento per tutti coloro che non hanno seguito le indicazioni inviate dal sistema regionale e non hanno aderito al sistema di autovalutazione, riportando come stato della sorveglianza la dizione “perso al follow up”. Questi soggetti potranno in qualsiasi momento aderire al sistema di autovalutazione, permettendo il perfezionamento della pratica, qualora non siano stati contattati dalla centrale di tracciamento dell’Azienda di riferimento. L’ordinanza ridefinisce anche le funzioni e i compiti delle farmacie, dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta aderenti agli accordi, e delle associazioni di volontariato sulla base di principi e modelli organizzativi già condivisi a livello regionale. Rimane fermo l’invito rivolto alla popolazione toscana nel rispettare le misure di prevenzione e di isolamento per garantirne tutta la loro efficacia.

 
Tamponi a prezzo calmierato: test rapidi a 15, molecolari a massimo 80 euro
08/01/2022
L’ordinanza di Giani in vigore dal 10 gennaio. "Indecoroso che si speculi sulla salute e sulle preoccupazioni dei nostri cittadini"

I test antigenici rapidi e molecolari saranno a prezzo calmierato a partire dal prossimo lunedì 10 gennaio. In Toscana, il costo del tampone antigenico rapido non potrà superare il prezzo massimo di 15 euro, mentre il tampone molecolare non potrà costare più di 80 euro. Sono tenuti ad applicare questi prezzi calmierati tutte le strutture sanitarie private, le strutture sanitarie private autorizzate o accreditate con il servizio sanitario nazionale, nonché tutti gli altri soggetti autorizzati dalla Regione alla somministrazione di test antigenici rapidi e molecolari. Sono questi i contenuti di un’ordinanza, già alla firma del presidente Eugenio Giani, che entrerà in vigore a partire dal 10 gennaio. “Il diffondersi della variante Omicron ha fatto crescere a dismisura la richiesta dei tamponi antigenici rapidi e molecolari, tanto da determinare il coinvolgimento di strutture non solo pubbliche e un aumento dei prezzi, che non possiamo più tollerare - dichiara il presidente Giani -. Con questa ordinanza antisciacallaggio intendo garantire, al meglio delle nostre possibilità, l’accesso ai tamponi, in modo uniforme e soprattutto equo, a tutti i cittadini. Queste nuove tariffe dovranno essere rispettate. E’ indecoroso che si speculi sulla salute e sulle preoccupazioni dei nostri cittadini in uno dei periodi più difficili che ci troviamo a vivere per l’emergenza sanitaria Covid”.

 
Toscana, 12.454 nuovi casi
09/01/2022
Su 62.104 test di cui 21.015 tamponi molecolari e 41.089 test rapidi. Saturazione dei reparti ospdalieri oltre il 20%

Sono 12.454 in più rispetto a ieri i nuovi casi positivi in Toscana (5.187 confermati con tampone molecolare e 7.267 da test rapido antigenico), che portano a 498.936 i casi registrati dall'inizio della pandemia . I nuovi casi sono il 2,6% in più rispetto al totale del giorno precedente. Oggi sono stati eseguiti 21.015 tamponi molecolari e 41.089 tamponi antigenici rapidi, di questi il 20,1% è risultato positivo. Sono invece 16.723 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 74,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 175.048, +6,7% rispetto a ieri. L'età media dei 12.454 nuovi positivi odierni è di 39 anni circa (23% ha meno di 20 anni, 26% tra 20 e 39 anni, 35% tra 40 e 59 anni, 13% tra 60 e 79 anni, 3% ha 80 anni o più). Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 1.151 (44 in più rispetto a ieri, più 4%), 115 in terapia intensiva (2 in più rispetto a ieri, più 1,8%). I guariti crescono dello 0,4% e raggiungono quota 316.237 (63,4% dei casi totali). Oggi si registrano 13 nuovi decessi: 7 uomini e 6 donne con un'età media di 80,1 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 4 a Firenze, 1 a Prato, 1 a Pistoia, 1 a Massa Carrara, 3 a Lucca, 1 a Siena, 2 a Grosseto. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione. Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (5.187 confermati con tampone molecolare e 7.267 da test rapido antigenico). Sono 148.357 i casi complessivi ad oggi a Firenze (4.051 in più rispetto a ieri), 41.230 a Prato (884 in più), 43.666 a Pistoia (1.007 in più), 24.389 a Massa (621 in più), 49.275 a Lucca (1.269 in più), 57.657 a Pisa (1.365 in più), 36.230 a Livorno (952 in più), 44.596 ad Arezzo (1.034 in più), 32.751 a Siena (746 in più), 20.230 a Grosseto (525 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 6.147 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 4.002 nella Nord Ovest, 2.305 nella Sud est. La Toscana si trova al 9° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 13.511 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 12.292 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 15.543 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 15.045, Firenze con 14.859, la più bassa Grosseto con 9.286. Complessivamente, 173.897 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (11.001 in più rispetto a ieri, più 6,8%). Sono 38.131 (1.209 in meno rispetto a ieri, meno 3,1%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 23.326, Nord Ovest 9.150, Sud Est 5.655). Le persone complessivamente guarite sono 316.237 (1.396 in più rispetto a ieri, più 0,4%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 316.237 (1.396 in più rispetto a ieri, più 0,4%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo. Sono 7.651 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 2.453 a Firenze, 678 a Prato, 712 a Pistoia, 559 a Massa Carrara, 728 a Lucca, 772 a Pisa, 445 a Livorno, 572 ad Arezzo, 389 a Siena, 244 a Grosseto, 99 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 207,2 x100.000 residenti contro il 234,5 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (294,5 x100.000), Prato (255,6 x100.000) e Firenze (245,7 x100.000), il più basso a Grosseto (112,0 x100.000). Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell'Agenzia Regionale di Sanità all’indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19. Vaccini attualmente somministrati: 7.414.708.

 
Covid, il 10 gennaio si inaugura l’hub vaccinale di Sesto Fiorentino
08/01/2022
Presso il Centro Commerciale Centro Sesto, nel parcheggio scoperto, in via Petrosa. Copertura stimata di almeno 360 vaccini al giorno

Sarà in attività da lunedì 10 gennaio l’Hub vaccinale di Sesto Fiorentino. La copertura stimata è di almeno 360 vaccini al giorno. Le prenotazioni sul portale regionale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/#/home sono già aperte. L’inaugurazione, cui prenderà parte il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, si terrà lunedì 10 gennaio, alle ore 9.30, presso il Centro Commerciale Centro Sesto, nel parcheggio scoperto, in via Petrosa, a Sesto Fiorentino. Interverranno fra gli altri: il sindaco del Comune di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, il direttore generale della Asl centro Paolo Morello Marchese, il direttore del dipartimento Prevenzione della Asl centro Renzo Berti, il direttore della Società della Salute fiorentina nord ovest Andrea Francalanci.

 
Giani inaugura l’hub vaccinale ai Fraticini della Croce Rossa, a Firenze
08/01/2022
Si parte con mille dosi giornaliere, che potranno crescere fino a 2mila. Sarà attivo 7 giorni su 7 fino alle 21.30

“Ben vengano hub vaccinali come quello attivato oggi ai Fraticini della Croce Rossa. I numeri dei contagi che stiamo registrando in questi giorni sono molto alti e crescono veloci. Occorre ancora di più non abbassare la guardia e aumentare la nostra potenza di fuoco vaccinale con ogni mezzo disponibile. Il 10 gennaio apriranno anche tre hub aziendali per la somministrazione della dose booster presso Eli Lilly a Sesto Fiorentino, Confindustria Toscana Nord a Montecarlo-Lucca, Solvay a Rosignano in provincia di Livorno. Solo collaborando tutti insieme, ognuno facendo la propria parte, possiamo contrastare, al meglio delle nostre possibilità, la diffusione del virus e proteggere i nostri cittadini dagli effetti severi della malattia e dalla variante Omicroc particolarmente contagiosa. Stiamo anche aumentando le strutture di cure intermedie per allentare la pressione sugli ospedali. Lunedì farò un sopralluogo a Camerata. Ringrazio con gratitudine tutti gli attori della campagna vaccinale e i cittadini della loro collaborazione”. Sono queste le parole del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, pronunciate oggi in occasione dell’attivazione dell’hub ai Fraticini della Croce Rossa in via dei Massoni 19 a Firenze, sopra la collina di Careggi: uno spazio importante per una campagna vaccinale, che questa settimana ha visto l’avvio anche dell’hub di Figline e Incisa con una copertura di 700 dosi al giorno. Altre aperture importanti sempre sul territorio della provincia fiorentina, sono già in programma per la prossima settimana. La copertura iniziale di questo hub, lo ricordiamo, sarà di mille dosi al giorno con possibilità di crescere fino a 2mila. Nell’ex ospedale in via dei Massoni, gli ampi spazi della struttura consentiranno un’accessibilità adeguata, già a partire dai due ampi parcheggi per la sosta (è raccomandato di non arrivare troppo in anticipo per non arrecare disagi al a viabilità interna). L’hub ai Fratinici è disponibile per le terze dosi programmate e il centro vaccinale sarà aperto 7 giorni su 7, dalle 8.30 alle 21.30. I box di postazione ,collocati al primo piano della struttura, saranno 7, ma potranno crescere nel numero contestualmente all’aumento delle somministrazioni, che sarà valutato progressivamente a partire dalla prossima settimana. Tutto il personale è della Croce Rossa, dall’accoglienza alla somministrazione delle dosi: medici, infermieri e altri operatori dell’hub. La struttura, inoltre, ospita già un reparto Covid, il cui accesso è collocato dalla parte opposta, in via dei Massoni 21, rispetto all’ingresso per le vaccinazioni.

 
Uncem: scuolabus senza green pass
09/01/2022
I chiarimenti del Ministero della Salute

Uncem ha chiesto nel pomeriggio di oggi un'interpretazione al Ministero della Salute, relativa all'ordinanza di stamani per scuolabus. Questi i chiarimenti arrivati: 1. Per i soli motivi di salute e di studio, accesso ai mezzi pubblici per lo spostamento da e per isole minori con Green pass base e non rafforzato fino al 10 febbraio. 2. Il trasporto scolastico dedicato non è equiparato a trasporto pubblico locale rispetto all'uso delle Certificazioni verdi Covid-19 ed è accessibile fino al 10 febbraio agli studenti (primaria, secondaria di primo e di secondo grado), anche sopra i 12 anni, con solo obbligo di mascherina Ffp2 (e senza Green pass). Sugli scuolabus non c'è obbligo di Green pass che invece da domani, 10 gennaio, è obbligatorio - nella forma "rafforzata" - sui mezzi pubblici normali.

 
Ortofrutticola del Mugello, Giani: “Massima solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori”
09/01/2022
Consiglio comunale straordinario, convocato dal sindaco di Marradi Tommaso Triberti, davanti ai cancelli dello stabilimento

“Ho testimoniato la solidarietà concreta della Regione Toscana a tutte le lavoratrici e ai lavoratori dell'Ortofrutticola del Mugello, la fabbrica di marron glacé di Marradi, che la proprietà ha annunciato di voler chiudere, per spostare a Bergamo tutta la produzione. Questa è una battaglia simbolo che colpisce al cuore lavoratrici e lavoratori con saperi e competenze di altissimo valore e che dalla mattina alla sera vedono messa in discussione la loro attività. La Regione Toscana sarà sempre al loro fianco. Per il 13 gennaio ho già convocato il tavolo dell'Unità di crisi, con tutte le parti coinvolte compresa anche la proprietà. Esploreremo tutte le ipotesi possibili per fare ripartire lo stabilimento, che rappresenta l’identità della nostra Toscana in un settore, come quello agroalimentare, fondato su prodotti di eccellenza”. Sono queste le parole pronunciate dal governatore della Toscana, Eugenio Giani, che stamani ha presieduto un consiglio comunale straordinario, convocato dal sindaco di Marradi Tommaso Triberti, davanti ai cancelli dello stabilimento nella zona industriale di Sant'Adriano. Una seduta straordinaria del consiglio a cui hanno preso parte, nonostante la neve, tutte le lavoratrici e i lavoratori dello stabilimento, le istituzioni locali e i consiglieri comunali di tutte le forze politiche, che all’unanimità hanno approvato l’ordine del giorno sulla salvaguardia dell’Ortofrutticola di Marradi, una fabbrica che, nata nel 1984 su iniziativa dell’allora Comunità Montana del Mugello, è un punto di riferimento per il territorio e perno dell'economia locale. “E’ incomprensibile, quanto inaccettabile - prosegue Giani - che un settore produttivo come questo, che garantisce un importante equilibrio economico e occupazionale per l’intero territorio, veda la chiusura di uno stabilimento, che la nuova proprietà ha acquistato appena un anno e mezzo fa, nell'agosto del 2020. La Regione - conclude - cercherà di capire se l’impresa vorrà portare avanti questa attività. E se così non fosse, garantirà il massimo impegno per trovare chi vorrà, invece, sviluppare la produzione di uno dei prodotti tipici della nostra Toscana”. “Questa fabbrica è per noi un importante punto di riferimento. Rappresenta la storia di una comunità produttiva, che va salvaguardata - sottolinea il sindaco Triberti –. Non possiamo permetterci che non ci sia più. La proprietà non si rende conto del valore immenso che questo stabilimento ha non solo per i lavoratori, ma per tutti noi e l’intero paese. Se venisse a Marradi lo capirebbe. Non ci arrenderemo - aggiunge - faremo il massimo per trovare la migliore soluzione possibile e salvaguardare l’identità e l’economia del nostro territorio". A contattare l’Unità di crisi regionale, spiega Valerio Fabiani, consigliere per il lavoro e crisi aziendali del presidente Eugenio Giani, sono stati lo stesso sindaco Triberti e i sindacati, che hanno partecipato al tavolo regionale dello scorso 3 gennaio, insieme alle strutture dell’Unità di crisi. L’azienda, lo ricordiamo, conta una decina di dipendenti a tempo pieno, a cui vanno sommati i lavoratori stagionali, che, nei momenti di maggior richiesta, fanno oscillare il numero totale dalle 60 alle 100 unità, di cui circa l’80 per cento donne.

 
Torna Pitti Immagine alla Fortezza da Basso, al via martedì 11 gennaio
08/01/2022
Attenzione ai provvedimenti per allestimento, mostra e smontaggio

Tornano gli eventi di Pitti Immagine alla Fortezza da Basso. Si inizia l’11 gennaio con Pitti Uomo e Pitti Bimbo (fino al 13) per poi concludere con Pitti Filati (dal 2 al 4 febbraio). Gli uffici della mobilità hanno predisposto una serie di provvedimenti per consentire l’allestimento, lo svolgimento e lo smontaggio degli stand delle manifestazioni. Alcuni di questi sono già in vigore, altri invece scatteranno a fasi successive. Si tratta in sostanza dello schema già attivato per le scorse edizioni in una versione ridotta. Attenzione alle linee del trasporto pubblico a lunga percorrenza non locale (linee nazionali e internazionali autorizzate dall’articolo 14 della Legge Regionale): nei giorni del 10 e 13 gennaio sarà soppressa la fermata su viale Strozzi lato Montelungo. In alternativa sarà possibile utilizzare la fermata realizzata in via Detti (tratto compreso fra via Codignola e via delle Case Nuove, lato adiacente alla fermate Nenni della T1) oppure, ma solo in orario notturno da mezzanotte alle 5.30, le fermate At in via Gabbuggiani. Previste deviazioni anche per i bus del trasporto urbano, in particolare per le linee 17,20 e 23. Per info www. at-bus.it Per quanto riguarda la Polizia Municipale durante la prossima settimana è previsto l’impiego di 64 agenti tra conto terzi e viabilità. Ecco i provvedimenti articolati nelle diverse fasi. PROVVEDIMENTI GENERALI Sono già in vigore i divieti di sosta e transito in piazza Bambine e Bambini di Beslan e viale Strozzi (rampe di accesso-uscita); confermata la fermata di taxi e navette nel controviale interno di viale Strozzi (tra piazzale Montelungo e Porta Santa Maria Novella). Questi provvedimenti sono in vigore fino al 10 gennaio e saranno replicati dall’11 al 13 gennaio. Anche i divieti di sosta e transito in piazzale Caduti nell’Egeo saranno in vigore fino 10 gennaio con replica dall’11 al 13 gennaio. Già in vigore anche lo stop per i bus del trasporto pubblico locale extraurbano in piazza Bambine e Bambini di Beslan: la fermata per questi mezzi sarà spostata in viale Strozzi lato ferrovia tra viale Belfiore e viale Fratelli Rosselli (binario 16) mentre quella del tpl urbano sarà collocata nella corsia riservata di largo Giudice (già viale Strozzi). PITTI IMMAGINE UOMO-BIMBO Allestimento (10 gennaio) Lunedì 10 gennaio in viale Strozzi lato piazzale Montelungo (dal sottopasso Belfiore al sottopasso Rosselli lungo il bastione ferroviario) saranno istituiti divieti di transito (deroghe per mezzi di soccorso e polizia, veicoli interessati alla manifestazione, ai mezzi del trasporto pubblico urbano ed extraurbano, ai taxi e agli Ncc) e di sosta con revoca delle fermate delle linee del Tpl urbano, extraurbano e di quelle di lunga percorrenza. Le fermate del Tpl urbano ed extraurbano saranno in via Detti (da via Codignola a viuzzo delle Case Nuove), in viale Strozzi e largo Giudice (vedi sopra). Sempre lunedì sulla rampa Spadolini e in via Caduti di Nassirya scatteranno divieti di transito (deroghe per mezzi di polizia, soccorso, del Tpl, taxi e Ncc) con istituzione di parcheggio sulla corsia destra della carreggiata per i mezzi interessati all’allestimento. I giorni di mostra – Pitti Uomo e Pitti Bimbo (11-13 gennaio) In occasione dei giorni della mostra sono stati predisposti alcuni provvedimenti specifici. In piazza Bambine e Bambini di Beslan saranno in vigore divieti di transito e sosta eccetto veicoli a servizio degli invalidi nell’area antistante alla Porta Faenza. Viale Strozzi, o meglio il controviale dal semaforo del viale al Porta Santa Maria Novella sarà riservato al transito e fermata dei taxi e Ncc oltre che alla pista pedociclabile. Rimanendo su viale Strozzi, la corsia del viale lato IGM, tra via della Fortezza e via del Pratello, sarà riservata alla fermata dei mezzi NCC. Ancora via Dionisi (tra piazza del Crocifisso e viale Strozzi) sarà dedicata alla sosta taxi, mentre il controviale di viale Guidoni sul lato San Donato nel controviale sarà consentita la sosta soltanto alle navette. Le operazioni di smontaggio (13-19 gennaio) I primi provvedimenti inizieranno giovedì 13 gennaio con i divieti di sosta e transito in piazzale Bambine e Bambini di Beslan e in viale Strozzi sulle rampe di accesso/uscita dal piazzale; confermato anche il transito per mezzi autorizzati sul controviale di viale Strozzi dal semaforo del viale al Porta Santa Maria Novella. Sempre il 13 scatteranno divieti di sosta e transito su viale Strozzi lato piazzale Montelungo (dal sottopasso Belfiore al sottopasso Rosselli lungo il bastione ferroviario), sulla rampa Spadolini e in via Caduti di Nassirya con deroga per i mezzi impegnati nel disallestimento. E contestualmente scatteranno le revoche delle fermate del trasporto (con spostamento in via Detti e via Gabbuggiani. Il 14 e il 15 gennaio è previsto in deroga il transito su viale Strozzi o meglio sulla corsia asfaltata del giardino Calipari tra la Porta Mugnone e piazzale Montelungo per i mezzi impegnati nel disallestimento. I giorni della mostra – Pitti Filati (2-4 febbraio) Nei giorni di Pitti Filati saranno istituiti divieti di sosta in viale Fratelli Rosselli (tra via Montebello e il numero civico 12) per dedicare i posti ai bus navetta a servizio della manifestazione. Tornano i divieti di sosta anche sul controviale di viale Guidoni sempre per il parcheggio delle navette e dei mezzi interessati alla manifestazione.

 
Nuovo asfalto in via del Gelsomino, ripristino dei tombini della rete fognaria in via Gioberti e la potatura degli alberi in via Pistoiese
08/01/2022
Ecco gli interventi che prenderanno il via la prossima settimana sulle strade fiorentine

L’asfaltatura notturna di via del Gelsomino e il ripristino dei tombini della rete fognaria in via Gioberti. Ma anche interventi di regolazione idraulica in via di Soffiano, la riqualificazione dell’illuminazione pubblica in via Fratelli Bronzetti e la ripresa delle operazioni di potatura in via Pistoiese. Sono solo alcuni dei principali lavori che prenderanno il via la prossima settimana sulle strade cittadine. Per quanto le asfaltatura, si inizia lunedì 10 gennaio il via del Gelsomino: in orario notturno (21-6) e fino al 24 gennaio nel tratto tra via Grecchi e via Senese sarà istituito un restringimento di carreggiata con senso unico verso via Senese. I veicoli diretti verso Porta Romana utilizzeranno via Senese con revoca della corsia preferenziale e conseguente spegnimento della porta telematica; per quelli diretti in piazzale Michelangelo-viale Torricelli l’itinerario alternativo è via Senese-via Catelli-via del Gelsomino. A seguire saranno effettuati i lavori di asfaltatura in via Senese dalle Due Strade verso il Galluzzo. Via Pistoiese: lunedì 10 gennaio riprenderanno le operazioni di potatura delle alberature iniziate a novembre e sospese a dicembre. Le operazioni sono articolate in fasi successive con provvedimenti di circolazione che variano a seconda dei tratti interessati dagli interventi. Si tratta di divieti di sosta, restringimenti di carreggiata, sensi unici alternati e divieti di transito che pregiudicheranno la transitabilità della strada fino al termine degli interventi che dovranno comunque concludersi entro marzo. Itinerari alternativi: per chi è diretto verso la città in deviazione già prima della rotatoria di San Donnino passando per via Curzio Malaparte-via Pratese; per la direttrice in uscita città il percorso è viale Gori-via Basili-via Palagio degli Spini. Deviazioni e itinerari per i residenti e frontisti che varieranno con l’avanzamento delle potature saranno indicati sul posto. Via Gioberti: da lunedì 10 gennaio saranno effettuati i ripristini di alcuni chiusini della rete fognaria. Fino al 17 gennaio sarà in vigore un divieto di transito nel tratto via Villari-via Fra’ Paolo Sarpi, mentre il tratto da via Villari a piazza Alberti diventerà a senso unico verso la piazza. Dal 17 al 21 gennaio invece i lavori di sposteranno nel tratto via Fra’ Paolo Sarpi-via Capo di Mondo che quindi sarà chiuso. Previsti anche divieti di sosta. Via di Soffiano: per interventi di regolazione idraulica da lunedì 10 gennaio sarà in vigore un restringimento di carreggiata nel tratto via Guardavia-via del Ferrone con senso unico verso quest’ultima strada. Previsti inoltre divieti di sosta e un divieto di transito per i mezzi superiori ai 35 quintali in via di Soffiano (tra via del Filarete e via Coppo di Marcovaldo), via del Filarete (tra via Guido da Siena e via di Soffiano), via Guardavia (tra via di Scandicci e via di Soffiano). Itinerario alternativo per questi mezzi da via Guido da Siena-via Coppo di Marcovaldo-via di Soffiano. I lavori termineranno il 25 febbraio. Via dei Corsi: per un intervento con piattaforma aerea lunedì 10 e martedì 11 gennaio la strada sarà chiusa fra via dei Tornabuoni e via dei Pescioni. Piazzale delle Cascine-viale dell’Aeronautica: da lunedì 10 gennaio sono in programma lavori alla rete di distribuzione dell’energia elettrica. Previsti divieti di sosta e restringimenti di carreggiata in piazzale delle Cascine fino al 13 febbraio mentre in viale dell’Aeronautica dalle 14.30 del 21 alle 24 del 23 gennaio saranno in vigore prima restringimenti di carreggiata con senso unico alternato e successivamente divieti di transito (sulla corsia di accesso al numero civico 8 dalla viabilità di viale dell’Aeronautica). Via Fratelli Bronzetti-via Sirtori: inizieranno lunedì 10 gennaio i lavori di riqualificazione dell’impianto di illuminazione pubblica. Saranno istituiti divieti di sosta e restringimenti di carreggiata su via Fratelli Bronzetti (tra piazza Fardella e viale Calatafimi e tra viale Calatafimi e il numero civico 12/E) e in via Sirtori (tra piazza Fardella e il numero civico 49). Termine previsto 18 febbraio. Via dei Palchetti: per lavori edili con ponteggio lunedì 10 gennaio scatterà la chiusura del tratto da via della Vigna Nuova a via dei Federighi. Termine previsto 21 gennaio. Borgo Tegolaio: per trasloco con scala aerea lunedì 10 e martedì 11 gennaio sarà in vigore un divieto di transito nel tratto via Michelozzi-via Mazzetta. In via Michelozzi previsto il senso unico verso via Maggio. Itinerario alternativo per raggiungere Borgo Tegolaio da lato di via Mazzetta: via dei Michelozzi-via Maggio-piazza Frescobaldi-lungarno Guicciardini-piazza Nazario Sauro-via dei Serragli-via Sant’Agostino-piazza Santo Spirito-via Mazzetta. Viale Gramsci: martedì 11 gennaio è in programma un intervento con piattaforma aerea con istituzione la chiusura del controviale lato numeri civici pari tra via Colletta e il numero civico 16. Via Arte della Lana: per operazioni di monitoraggio della chiesa di Orsamichele con piattaforma aerea martedì 11 e mercoledì 12 gennaio (orario 9-19) scatterà l’interruzione del transito nel tratto via Orsamichele-via dei Lamberti. Viale Fanti: per lavori con piattaforma aerea mercoledì 12 e giovedì 13 gennaio (orario 8.30-19) saranno in vigore divieti di transito sul controviale tra via Mameli e via Dupré. Via Solferino: per il posizionamento di una autogru per il sollevamento di materiali giovedì 13 e venerdì 14 gennaio la strada sarà interrotta fra via Palestro e via Garibaldi. Previsto un senso unico in via Palestro da via Montebello verso via Solferino. Via della Stufa: per lavori edili giovedì 13 gennaio in orario 9.30-11 previsto un divieto di transito nel tratto piazza di San Lorenzo-via Taddea. Il provvedimento sarà replicato nei giorni del 13, 17, 20, 24, 27 e 28 gennaio. Via Cavour: sabato 15 gennaio sarà effettuata la sostituzione di lampade dell’illuminazione pubblica. In orario 9-16 sarà chiusa la corsia di collegamento tra via Arazzieri in direzione di via Guelfa. Nel tratto via Guelfa-piazza Santissima Annunziata la strada diventerà a senso unico verso la piazza. Senso unico anche in via San Gallo da via XXVII Aprile verso via Guelfa. Via dei Pepi: per un trasloco sabato 15 gennaio dalle 6 alle 16 la strada sarà chiusa da via di Mezzo a via Pietrapiana. Previsto un senso unico in via Pietrapiana (da piazza Sant’Ambrogio verso via dei Pepi) e piazza dei Ciompi (da via Pietrapiana verso via Martiri del Popolo). (mf)

 
San Lorenzo, l’assessora Albanese: “Grande attenzione della Polizia Municipale alla zona del mercato: molti interventi anche mirati alla sicurezza”
08/01/2022
Firenze Parcheggi ha potenziato la vigilanza nel posteggio sotterraneo e nei prossimi giorni il consorzio del mercato riaprirà l’ascensore

“La situazione in San Lorenzo è costantemente monitorata e la Polizia Municipale ha moltiplicato i controlli. Per quanto riguarda la sicurezza del posteggio sotterraneo, io stessa ho preso parte a diversi sopralluoghi con i vari soggetti coinvolti a diverso titolo nella gestione del Mercato Centrale: la Firenze Parcheggi da 20 dicembre ha potenziato la vigilanza privata. E sull’ascensore il consorzio che gestisce il mercato centrale ha già programmato la riapertura nei prossimi giorni”. È quanto dichiara l’assessora alla sicurezza Benedetta Albanese intervenendo sul tema della chiusura dell’ascensore del parcheggio per problemi relativi alla sicurezza legata allo spaccio e consumo di sostanze stupefacenti. “Negli ultimi mesi la Polizia Municipale ha predisposto una serie di interventi dedicati alla zona di San Lorenzo dove ogni giorno sono impegnate sia pattuglie in divisa che in borghese di vari reparti e che interessano molteplici aspetti, dalla sicurezza in senso stretto al rispetto delle regole da parte delle attività economiche, dai controlli legati alle disposizioni dell’emergenza sanitaria a quelli relativi alla viabilità” sottolinea ancora l’assessore Albanese che aggiunge i numeri di questo lavoro mirato. Da agosto il reparto annonario ha verificato 345 banchi con 112 sanzioni sia per eccedenza dell’occupazione che per violazione sulla normativa dell’esposizione dei prezzi. Numerosi i controlli alle attività per quanto riguarda il green pass (tra novembre e dicembre 45 servizi di cui 4 con Polizia di Stato) e per il rispetto delle normative in materia di vendita (solo a novembre 55 attività commerciali verificate con 41 sanzioni accertate). Da non dimenticare anche i 400 verbali al Codice della Strada per transito non consentito in area pedonale e ztl, intralci e violazione delle condotte di guida. Per quanto riguarda la criticità legata allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti in particolare nel parcheggio, la situazione è nota tanto che già a settembre è effettuato un sopralluogo con vari uffici dell’Amministrazione, la Polizia Municipale, rappresentanti della Firenze Parcheggi, del Consorzio del Mercato Centrale e della MercatoCentrale SRL per individuare una soluzione. Sopralluoghi che si sono succeduti e a cui ha partecipato anche l’assessora Albanese. “La Polizia Municipale ha intensificato i controlli sull’area di San Lorenzo da agosto ha effettuato una cinquantina di servizi mirati con sanzioni e denunce – spiega - . Firenze Parcheggi si è attivata potenziando la vigilanza all’interno del parcheggio con una presenza continua dalle 9 alle 23 che si aggiunge ai controlli delle guardie giurate in orario notturni. I gestori del mercato hanno già predisposto una serie di interventi di pulizia e sanificazione per poter procedere nei prossimi giorni alla riapertura dell’ascensore” conclude l'assessore Albanese.

 
Rinasce la zona di via Pietrapiana-piazza Salvamini. Approvato il primo lotto del progetto da 2,4 milioni di euro
08/01/2022
Il sindaco Nardella: “Dopo il recupero di piazza dei Ciompi prosegue la riqualificazione della zona”

Un riordino generale delle strade, delle relative intersezioni e dei marciapiedi di raccordo e il completamento della pedonalizzazione di via Pietrapiana con la creazione di una piazza alberata. Alberi che saranno collocati anche in piazza Salvemini che sarà “rialzata” e realizzata in pietra. È quanto prevede il progetto di riqualificazione dell’area intorno alle ex Poste di via Pietrapiana che comprende piazza Salvemini, via Pietrapiana da via Verdi a via dei Pepi e via Martiri del Popolo. Una riqualificazione perseguita tramite una riorganizzazione puntuale mediante interventi organici per scelta di materiali e finitura articolati in più fasi successive. La giunta comunale nella seduta del 30 dicembre ha approvato il progetto relativo alla prima tranche che riguarda via Pietrapiana-via dei Pepi per un investimento di quasi 987mila euro, fondi che arrivano dalla compensazione prevista dal piano operativo dell’ex palazzo delle Poste di via Pietrapiana. La spesa complessiva per il progetto è di poco più di 2,4 milioni di euro: oltre ai fondi per via Pietrapiana, sono previsti oltre 676mila euro per piazza Salvemini (lotto 2) e 751mila per via Martiri del Popolo (lotto 3). “La nostra attenzione alla riqualificazione dei quartieri fiorentini, incluso il centro storico, è molto forte – dichiara il sindaco Dario Nardella –. Dopo la bella operazione di recupero di piazza dei Ciompi andiamo avanti con la riqualificazione di tutta quella zona; in questo modo l’asse viario che va da piazza San Pier Maggiore a piazza dei Ciompi viene completato dal punto di vista dell’arredo urbano, della funzionalità e della viabilità”. “Questo progetto prevede il recupero dell’unitarietà della direttrice Pietrapiana-Borgo Albizi da sempre via principale di comunicazione tra il centro cittadino e le aree periferiche ad est della città – spiega l’assessore Giorgetti –. Un obiettivo che viene perseguito in via Pietrapiana con il riallineamento dei marciapiedi al tratto proveniente da Sant’Ambrogio secondo il tracciato storico e con l’inserimento di alberature riproponendo l’allineamento ai fabbricati esistenti prima delle demolizioni effettuate il secolo scorso. In piazza Salvemini, invece, dove è prevista la realizzazione di una piattaforma rialzata fino alla quota dei marciapiedi esistenti, mediante un disegno a terra della pavimentazione e con l’inserimento di alberature che ricalcano come nel caso di via Pietrapiana l’impianto urbanistico originario. In via Martiri del Popolo con l’uso di materiali in continuità stilistica con il contesto e con l’inserimento di alberature ricollegando l’intervento proposto in piazza Salvemini e via Pietrapiana con quanto già realizzato in piazza dei Ciompi”. Via Pietrapiana Il progetto prevede di riorganizzare i percorsi pedonali e veicolari per ottenere un’area lungo il palazzo delle Poste, utilizzabile sia come percorso che come spazio di sosta con sedute e zone d’ombra ottenute con l’inserimento di alberature in modo da mitigare le criticità legate alle isole di calore; un marciapiede più regolare ed ampio sul lato opposto, dove il flusso pedonale intenso è legato alla presenza di numerose attività commerciali; una carreggiata a larghezza costante e sufficientemente ampia da confermare la circolazione a senso unico dei veicoli; l’inserimento di stalli di sosta, anche per il carico/scarico, in linea ricavati parallelamente al marciapiede e adeguatamente protetti; l’ampliamento dello slargo antistante la farmacia. Dal punto di vista dei materiali, il progetto ipotizza l’uso combinato di pietra e altri materiali (acciaio, calcestruzzo architettonico) per creare una connessione fra la modernità del palazzo delle poste e il contesto della tradizione fiorentina; il restante marciapiede e la carreggiata verranno realizzati in pietra, così come il tratto di via dei Pepi compreso fra via Pietrapiana e via dell’Ulivo, di cui è prevista la riqualificazione nell’ambito di dei lavori di via Pietrapiana. Via Martiri del Popolo La riqualificazione prevede la sostituzione dei materiali esistenti con la pietra sia per i marciapiedi così come per la carreggiata. Piazza Salvemini Questo lotto punta a enfatizzare la piazza quale luogo di aggregazione e di socialità, aumentandone la sicurezza rispetto al traffico veicolare di via Verdi e via dell’Oriuolo tramite una riorganizzazione delle funzioni e privilegiando interventi in linea con le riqualificazioni già effettuate nella vicina piazza San Pier Maggiore. In concreto la piazza sarà rialzata alla quota del marciapiede e quindi con una maggior sicurezza rispetto al traffico di via Verdi e via dell’Oriuolo; lo spazio per il carico-scarico merci e il bike sharing sarà collocato in via dell’Oriuolo. Sarà riorganizzato e implementato l’arredo urbano e inserite alcune alberature la caratteristica della piazza quale luogo di socialità e aggregazione. Previste nuove rastrelliere portabici. Per quanto riguarda i materiali, sarà utilizzata la pietra con diverse finiture per enfatizzare spazi, percorsi e funzioni. (mf)

 
Via libera della giunta comunale di Firenze al rifacimento del lastrico in piazza del Tiratoio
08/01/2022
L’assessore Giorgetti: “Ancora un tassello della riqualificazione dell’Oltrarno”

Ancora un tassello della riqualificazione di strade e piazze in Oltrarno. Dopo i lavori in corso nel quadrante via Bartolini-piazza Verzaia-via Sant’Onofrio, la giunta comunale ha approvato, su proposta dell’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti, il progetto definitivo relativo alla pavimentazione di piazza del Tiratoio. Il via libera è arrivato nell’ultima seduta del 2021. “Con questo intervento si procede verso il completamento della riqualificazione di una porzione importante dell’Oltrarno – sottolinea l’assessore Giorgetti –. In questi anni sono stati numerosi gli interventi eseguiti in questa zona, dalla riqualificazione di Borgo San Frediano a quella di piazza dei Nerli e del Carmine, senza dimenticare i lavori nel quadrante piazza Verzaia, Sant’Onofrio, via Bartolini e via Lungo le Mura di Santa Rosa e quelli su Ponte Vespucci attualmente in corso. Il progetto appena approvato riguarda piazza del Tiratoio, ma a breve seguiranno anche quelli relativi a via del Tiratoio e via del Piaggione in attesa del rifacimento di piazza del Cestello che sarà l’ultimo importante tassello di questa grande operazione di riqualificazione dell’Oltrarno”. Attualmente la pavimentazione della piazza è costituita da lastrico in pietra macigno molto deteriorato tant’è che per ragioni di sicurezza sono stati effettuati ripristini in asfalto in attesa della complessiva riqualificazione. L’intervento prevede la rimozione del lastrico, il risanamento della fondazione con la realizzazione di una soletta in cemento armato e la posa della nuova pavimentazione sempre in pietra. Sarà utilizzato il lastrico di recupero proveniente dallo smontaggio di via Bartolini e via Sant’Onofrio (cantiere in corso) e quello proveniente dai depositi comunali rilavorato. In programma anche il rifacimento delle caditoie, il tutto per un investimento di quasi 400mila euro. (mf)

 
Consiglio comunale di Firenze, in modalità on line, lunedì 10 gennaio
08/01/2022
La seduta, dalle 14,30, potrà essere seguita in diretta streaming sul canale Youtube

Il Consiglio comunale di Firenze, presieduto da Luca Milani, è convocato in modalità on line all’indirizzo web: https://www.youtube.com/channel/UCXdLhwYzwI9159Ei7TDTn4w lunedì prossimo, 10 gennaio, dalle 14,30 a causa del peggioramento della diffusione della pandemia e dei numerosi contagi che si registrano anche nella nostra città. Il Consiglio comunale sarà dedicato essenzialmente a promuovere la discussione degli atti d’indirizzo dei consiglieri comunali. In apertura l’ora dedicata ai question time. Verranno trattati i seguenti argomenti: “Donazione indumenti usati nei cassonetti gialli in città”. “Nuova scuola Ghiberti”. “Semafori per non vedenti”. “In merito a tamponi e test antigenici rapidi a Firenze”. “Ritorno al futuro – scuola 2020-2021-2022 ancora work in progress?”. Tamponi molecolari e antigenici a prezzi calmierati anche da parte della Misericordia?”. “Pedone investito mortalmente da un mezzo Alia”. “Servizi cimiteriali, tra SaS e riduzione di orari, quanto c’entra la pandemia?”. Dopo le comunicazioni e le domande di attualità si proseguirà con interrogazioni, ordini del giorno, mozioni e risoluzioni. (s.spa.) I lavori del Consiglio potranno essere seguiti on-line sul canale del Consiglio di Firenze delle dirette streaming: https://www.youtube.com/channel/UCXdLhwYzwI9159Ei7TDTn4w. Il programma completo dei lavori è consultabile all’indirizzo web: https://www.comune.fi.it/system/files/2022-01/2022-01-10%20-%20ordine.pdf

 
Firenze, incendio in via della Fornace
09/01/2022
Trovato un corpo carbonizzato

I vigili del fuoco del comando di Firenze sono intervenuti questa mattina per un incendio appartamento in via della Fornace. All'interno dell'appartamento, posto al primo piano di una palazzina, è stato rinvenuto il corpo carbonizzato di una persona che si trovava nella camera da letto. Non ci sono altre informazioni e le cause dell'evento sono da accertare. Sul posto anche la Polizia Municipale.

 
Arrestato un 43enne fiorentino ritenuto responsabile di due rapine in centro
08/01/2022
In entrambi i casi l’uomo ha minacciato le vittime con un coltello ferendo una di esse

Nella serata del 7 gennaio, i Carabinieri della Stazione di Firenze hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Firenze su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo toscano, nei confronti di un 43enne fiorentino, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e in materia di sostanze stupefacenti, per i reati di rapina aggravata e lesioni personali. In base a quanto emerso dalle indagini, l’uomo è ritenuto responsabile di una rapina tentata ed una consumata il 22 dicembre scorso a Firenze: la prima ai danni di un minore nei pressi della Stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, la seconda ai danni di un 18enne in attesa alla fermata della tramvia del parco delle Cascine, a cui ha asportato il telefono cellulare. In entrambi i casi l’uomo, che ha minacciato le vittime con un coltello ferendo una di esse alla mano, è stato riconosciuto dai due giovani rapinati. L’indagato è stato associato presso la casa circondariale di Firenze Sollicciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il procedimento penale si trova nella fase delle indagini preliminari.

 
Polizze assicurative false: la Polizia di Stato denuncia 54enne
08/01/2022
Operava come “broker assicurativo” indipendente per svariate compagnie assicurative on line

La Polizia di Stato di Firenze ha denunciato a piede libero un cittadino italiano di 54 anni della provincia di Firenze ritenuto responsabile di aver falsificato e venduto numerose polizze assicurative. Era lo scorso 21 dicembre 2021 quando i poliziotti della Stradale, nel corso di un’indagine coordinata dalla Procura di Firenze, hanno eseguito perquisizioni in due domicili dell’indagato, che da anni operava come “broker assicurativo” indipendente per svariate compagnie assicurative on line ed hanno scoperto e sequestrato un vero e proprio banco di lavoro, con tutta l’attrezzatura necessaria per eseguire le contraffazioni. Come avveniva il falso? Sfruttando il copioso archivio di polizze regolari emesse in passato, con taglierino e righello, l’uomo si sarebbe ingegnato a effettuare dei “collage” di parti di polizze, così da crearne delle “nuove” e venderle a ignari acquirenti. L’indagine era nata dalla denuncia di una delle numerose vittime, che, a seguito di un controllo su strada, aveva scoperto di non essere assicurata benchè avesse pagato il premio della polizza.

 
Calcio Storico: Lunedì 10 gennaio inaugurazione della mostra di Enrico Bandelli “La mia Firenze”
08/01/2022
Al Palagio di Parte Guelfa fino a sabato 15 gennaio

Uno sguardo su Firenze, nelle sue basiliche e i monumenti più celebri, “bagnati” da una pioggia di colori. È “La mia Firenze”, la personale di Enrico Bandelli che sarà inaugurata lunedì 10 gennaio alle 17 al Palagio di Parte Guelfa. Enrico Bandelli con questa mostra, idealmente dedicata a Dante, sottolinea ancora una volta il suo legame con Firenze. “Nelle 14 opere esposte al Palagio – afferma il presidente del Calcio Storico Fiorentino Michele Pierguidi – si ritrovano, tra le altre, proprio le facciate delle basiliche che l’artista ha così ben raffigurato nel Palio del Calcio Storico 2021”. “Era giusto – aggiunge il presidente Pierguidi – che questa sensibilità e questo amore per la città trovassero spazio proprio al Palagio di Parte Guelfa, sede della più amata delle nostre tradizioni”. La mostra sarà visitabile da lunedì 10 a sabato 15 gennaio in orario 16-19.

 


a cura di: Città Metropolitana di Firenze - Direzione Urp, E-Government
© copyright e licenza d'uso