Login

MET


Diocesi di Prato
Giovedì 31 maggio, appuntamento con la tradizionale processione del Corpus Domini, per le strade di Prato
Ritrovo alle ore 21 per la messa nel piazzale del seminario
I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. Il tema del prossimo Sinodo dei vescovi sarà anche quello della tradizionale processione del Corpus Domini di quest’anno a Prato. Il Santissimo Sacramento sarà portato dal vescovo Franco Agostinelli e dai fedeli lungo le strade del centro storico dove si trovano alcuni luoghi della formazione e della crescita personale. Primo fra tutti il Seminario diocesano, punto di partenza della processione e luogo dove sarà celebrata la messa presieduta da mons. Agostinelli e concelebrata dal clero diocesano.

L’appuntamento è per giovedì 31 maggio, in orario serale, come ormai avviene da alcuni anni a questa parte. Ecco il programma con gli orari e l’indicazione del percorso compiuto da Gesù Eucarestia seguito dai fedeli in processione fino a piazza Duomo, dove il Vescovo impartirà la benedizione a tutti i presenti dal pulpito di Donatello.

Il primo orario da segnalare è al mattino, alle ore 10, con la messa celebrata da mons. Agostinelli per i malati e gli anziani nella chiesa di San Silvestro a Tobbiana.

Alle ore 21, celebrazione eucaristica (senza omelia) nel piazzale del Seminario vescovile accanto alla chiesa di San Fabiano, con ingresso da via Giovanni di Gherardo. Da lì, alle ore 21,45, prenderà il via la solenne processione per le vie del centro secondo questo itinerario: via di Gherardo, via del Seminario, via Convenevole, piazza S. Domenico, corso Savonarola, piazza card. Niccolò, via S. Caterina, via del Pellegrino, via Cambioni, piazza S. Francesco, via Ricasoli, piazza del Comune, corso Mazzoni, piazza Duomo. Il Santissimo passerà dunque dalla piazza dei monasteri di San Vincenzo e San Clemente, altro luogo di vocazione, e dalle scuole di San Niccolò, Cesare Guasti e lambirà il Cicognini.

Alle 23 circa, il Vescovo salirà sul pulpito del duomo per un breve saluto ai presenti e poi impartirà la benedizione eucaristica. Partecipano l’amministrazione comunale, quella provinciale con i rispettivi gonfaloni, i comuni della provincia presenti sul territorio diocesano e le autorità cittadine.



Ai residenti delle strade interessate dal passaggio della processione la Diocesi chiede di abbellire finestre e balconi con drappi e fiori.

Si ricorda inoltre che nei giorni precedenti, dal 29 al 31 maggio, in cattedrale si tengono le solenni Quarantore.

29/05/2018 13.36
Diocesi di Prato


 
 

Google


Vai al contenuto