Login

MET


Comune di Firenze
Le Biblioteche comunali aderiscono alla giornata mondiale del gioco in biblioteca
Domani dalle 15.30 alla Biblioteca Mario Luzi, BiblioteCaNova Isolotto e Biblioteca delle Oblate si potrà trascorrere un pomeriggio nel mondo dei giochi in scatola
Le Biblioteche Comunali Fiorentine aderiscono alla giornata mondiale del gioco in biblioteca, iniziativa promossa da American Library Association che ha il duplice intento di mostrare le potenzialità educative del gioco e del videogioco e le capacità aggregative della biblioteca nei confronti di tutte le fasce di utenza. Il “gaming”, integrato tra i servizi di una biblioteca, fa sentire gli utenti i benvenuti e favorisce le relazioni sociali. “Il gioco è un modo per divertirsi, esercitare la mente, migliorare le competenze e far incontrare nuove persone in un ambiente sicuro e piacevole, esaltando la connessione reciproca tra le persone e le biblioteche” ha detto l’assessore alle biblioteche Massimo Fratini che ha aggiunto: “Dopo la sperimentazione fatta l'anno scorso sui giochi di ruolo, quest'anno abbiamo esteso il progetto anche ai giochi da tavolo. Invito tutti a partecipare”. L’appuntamento (per bambini da 10 anni in su) è per domani a partire dalle 15.30 alla BiblioteCaNova Isolotto, alla Biblioteca delle Oblate e alla Biblioteca Mario Luzi: le Associazioni Ludissea 42, GiocoZona, Gruppo Ludico Chi Non Gioca Di Non Tocca e Save The Meeple faranno da guida con consigli e spiegazioni, all’interno del fantastico mondo dei giochi in scatola.

“L'iniziativa di domani è un evento fantastico – ha commentato Cosimo Guccione, consigliere delegato alle politiche giovanili - che mette insieme da una parte la grande capacità del nostro sistema bibliotecario di trovare nuove risorse e spunti, e dall'altra la realtà associative del territorio che si occupano di ludico. Proprio queste associazioni – ha aggiunto Guccione - fanno un lavoro straordinario: infatti questi giochi non sono fini a se stessi ma sviluppano, in grandi e piccini, le capacità cognitive, di comunicazione, collaborazione con gli altri e di risoluzione dei problemi. E tutto questo giocando insieme ad altre persone, con le spiegazioni precise e puntuali dei volontari”.

09/11/2018 17.56
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto