Login

MET


Regione Toscana
Consorzi Bonifica: Baccelli, disciplina più chiara e rispettosa del contribuente
Licenziata a maggioranza in commissione Ambiente, la proposta di legge passa ora all’esame del Consiglio. Votano a favore Pd e Sì–Toscana a sinistra. Astenuti Lega e Movimento 5 stelle
Via libera in commissione Ambiente, presieduta da Stefano Baccelli (Pd), alla proposta di legge che interessa i consorzi di bonifica e difesa del suolo. Nel corso della seduta di oggi, mercoledì 28 novembre, il testo è stato licenziato a maggioranza. Hanno votato a favore Pd e Sì–Toscana a sinistra. Astenuti Lega e Movimento 5 stelle. La nuova disciplina, “più snella e chiara per i cittadini soprattutto nella parte relativa al pagamento del tributo” ha rilevato il presidente Baccelli, passa ora all’esame del Consiglio, probabilmente nella seduta pomeridiana di martedì prossimo, 4 dicembre.

Il testo licenziato è il risultato di modifiche e migliorie apportate dal gruppo di lavoro Giunta/Consiglio istituito all’interno della stessa Commissione, che tengono conto anche delle richieste pervenute in fase di audizioni.

Obiettivo: una disciplina più snella sul fronte del sistema elettorale (che oggi “ha il limite di attrarre pochi votanti, al singolo cittadino con diritto di voto dovrà essere data opportuna comunicazione” – ha spiegato il presidente) e più chiara nella parte relativa al pagamento del tributo. Su questo punto Baccelli ha spiegato modifiche definite “doverose”: dovrà essere in capo all'effettivo usufruttuario, proprietario o comproprietario di maggioranza dell'immobile mentre la verifica e il controllo del contribuente cui spetta il pagamento sarà a carico dei consorzi.

Sull’utilizzo di questi enti pubblici da parte dei Comuni in situazioni di emergenza è intervenuta la capogruppo della Lega Elisa Montemagni. Sollecitata da alcuni sindaci, ha infatti posto il problema della loro attivazione da parte delle amministrazioni locali. “Hanno i mezzi e sono sul territorio, ma non possono essere attivati dal sindaco”, ha rilevato. In sede di dibattito, gli uffici regionali hanno spiegato che la questione sollevata dalla capogruppo rientra nella disciplina della Protezione civile e che l’attivazione dei consorzi di bonifica è affidata al genio civile.

28/11/2018 17.28
Regione Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto