Login

MET


Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana
“50 GIORNI DI CINEMA INTERNAZIONALE A FIRENZE”
29 – 30 Ottobre, Odeon Firenze
“50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze”. Una Finestra sul Nord, un fine settimana all'insegna del Cinema Finlandese 29 – 30 Ottobre, Odeon Firenze

Prosegue domani e dopodomani, Sabato 29 e Domenica 30 Ottobre, all'interno della “50 Giorni”, la rassegna Una Finestra sul Nord. In programma corti, documentari e lungometraggi per conoscere da vicino la cultura e la società finlandesi. Da segnalare sabato, alle 21.45, Mama Afrika, un documentario sulla vita della cantante e attivista per i diritti umani, Miriam Makeba (1932–2008), la prima artista nera sudafricana a raggiungere fama internazionale.

Sabato 29 Ottobre

ore 15.45 Prinsessa La Principessa, regia di Arto Halonen, 2010, colore, 100 min. con Katja Kukkola, Samuli Edelmann, Krista Kosonen, Peter Franzén, Pirkka-Pekka Peteliu.
A volte sotto le definizioni cliniche di follia e schizofrenia si possono nascondere menti e personaggi che in un certo modo sono invece molto logici e razionali. Il film narra della storia vera di Anna Lappalainen (1896–1988), ricoverata a 35 anni presso una clinica di salute mentale a Tuusula, dove passerà il resto della sua vita. Nell’ospedale e nei dintorni si fa ben presto conoscere, con il suo carattere carismatico ed allegro, come “la principessa”, rimanendo tanto impressa nel suo ambiente da farsi dedicare un monumento dopo la sua morte. Oltre che per il suo valore narrativo, il film è un interessante tentativo documentaristico sulle cure psichiatriche dell’epoca.

ore 17.45 Cortometraggi:
- Lumikko, Mustela nivalis, regia di Miia Tervo, 2009, colore, 19 min
Il documentario parla di giovani ragazze che cercano l’amore nei posti sbagliati, svilendosi e confondendo amore, affetto e sesso. Non è sbagliato cercare l’amore, bisogna solo saperlo cercare nel posto giusto.
- Ilona, regia di Alli Haapasalo, 2003, colore, 31 min. Ilona è una giovane studentessa in procinto di fare l’esame di maturità che, al contrario di molti suoi coetanei, non ha problemi, e proprio questo la farà entrare in crisi d’identità.
- Ballongresan, Un giro in mongolfiera, regia di Jonas Kukkonen, 2009, colore, 15 min. Con Cita Örndal, Christina Indrenius-Zalewski, Dick Idman, Jan-Christian Söderholm. Due signore in pensione, Vicky e Benita, vincono il superpremio a bingo, ma dopo la vincita le cose vanno un po’ storte…

ore 19.00 Postia pappi Jaakobille, C’è posta per il pastore Jaakob, regia di Klaus Härö, 2009, colore, 74 min. Con Kaarina Hazard, Heikki Nousiainen. A Leila, condannata all’ergastolo, viene concessa la grazia e le viene offerto un impiego in una canonica dove si trasferisce malvolentieri. Tra i compiti della burbera Leila c’è la lettura delle numerose lettere che arrivano quotidianamente al pastore Jaakob, attività che ritiene perfettamente inutile fino al giorno in cui le lettere smettono di arrivare, il pastore si rattrista e lei comincia ad affezionarsi a lui. Due mondi e due umanità totalmente diverse che si incrociano, si scontrano e, infine, si trovano.

Ore 20.30 Kukkulan kuningas, Il re del colle, regia di Alli Haapasalo, 2009, colore, 60 min
con Jani Volanen, Jussi Nikkilä, Elena Leeve, Pertti Sveholm, Tiina Weckström.
La sera della vigilia di Natale a Helsinki. Il giovane tassista Samu, neo-papà, lavora per evitare il Natale in famiglia. All’aeroporto incontra un cliente particolare, Hans, un mercenario finlandese, tornato in patria dopo 20 anni per cercare la figlia del suo amico e compagno d’armi deceduto. Samu accetta di fargli da autista, e mentre osserva Hans affrontare luoghi e persone del suo passato, comincia ad aprire gli occhi sul suo stesso futuro.

Ore 21.45 Mama Afrika, regia di Mika Kaurismäki, 2011, colore, 90 min
Mama Afrika è un documentario sulla vita della carismatica cantante e attivista per i diritti umani, Miriam Makeba (1932–2008), la prima artista nera sudafricana a raggiungere fama internazionale. Dopo aver criticato l’apartheid negli anni ‘60, viene privata della cittadinanza sudafricana. Vive in esilio per 30 anni dedicando la sua vita alla lotta per i diritti del popolo nero sudafricano. Mama Afrika racconta la vita di Miriam Makeba come persona, artista e attivista, mettendo in luce il patrimonio culturale che ci ha lasciato. L’ultimo lavoro del regista Mika Kaurismäki che, insieme al fratello Aki Kaurismäki, ha rivoluzionato il cinema finlandese.

Domenica 30 Ottobre

ore 10.00 Myrsky, Bufera, regia di Kaisa Rastimo, 2008, colore, 90 min. con Ronja Arvilommi, Laura Malmivaara, Janne Virtanen, Sara Tammela.
Myrsky racconta la storia di una giovane ragazzina e un grande cane. Un padre finlandese trova a Berlino nel 1989 un cucciolo di cane in rischio di essere abbattuto. Lo salva e lo porta a casa in Finlandia, dove sua figlia di 7 anni, Muru lo prende sotto la sua protezione lasciandolo crescere in amore senza tante regole ed educazione. Il cucciolo diventa grande e forte, e nessuno riesce più a fermarlo… Il film si basa su una storia vera ed è adatto a tutti coloro che amano gli animali.

ore 11.45 Cortometraggi
Gorilla, regia di Hanna Bergholm, 2010, colore, 10 min. Con Siiri Kaskilahti, Asta Friman, Saana Alapuranen. Un divertente cortometraggio sui rapporti di amore e odio tra due sorelline.

Supermään, regia di PV Lehtinen, 2010, colore, 14 min. Con Aappo Pääkkölä, Valtteri Hakulinen, Milka Ahlroth, Minna Koskela, Omar Marcus.
Il piccolo Oskari fa un viaggio in città e incontra il suo supereroe, ma non tutto è come si immaginava.

Treenilaji, Ci vuole pratica, regia di Laura Joutsi, 2009, colore, 11 mi. Con Aino Munck, Samuli Edelmann.
Una bambina di 9 anni va a passare il fine settimana dal padre. I due si scontrano con le difficoltà di essere padre da un lato e figlia dall’altro, entrambi desiderosi di essere accettati così come sono.

28/10/2011 12.09
Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto