Login

MET


Redazione Met Sport
IL VOLLEY CLUB LE SIGNE TRIONFA AL PRIMO CHALLENGE NAZIONALE CITTÀ DI TORRI
Primo nella categoria under 14 e ottavo nella categoria under 16 – MVP Sofia Migliorini e migliore libero Anna Castellani
Si conclude nel migliore dei modi la spedizione delle due squadre giovanili del Volley Club le Signe che hanno partecipato al Primo Challenge Città di Torri che si è svolto nei giorni 28, 29 e 30 nelle città di Torri di Quartesolo, Longare, Quinto Vicentino e Vicenza. Il torneo, ideato da Dario Tagliabue anima organizzativa della Unione Sportiva Torri, è stato organizzato in modo praticamente perfetto dai dirigenti della società stessa, sorretto dai volontari dell’associazione e dalle atlete vicentine stesse. Il torneo di assoluto livello nazionale ha visto la partecipazione delle migliori formazioni giovanili nazionali per un totale di 32 squadre, 16 per la categoria under 14 e 16 per la under 16, provenienti da tutta Italia, isole comprese, dove la Roomy Pallavolo Sicilia di Catania era la società che proveniva da più lontano. I nomi delle partecipanti sono i più noti e i più importanti nel settore giovanile della pallavolo femminile e che regolarmente si trovano in queste manifestazioni, vetrine importanti dove si mettono in mostra i migliori talenti della pallavolo giovanile. Foppapedretti Bergamo, Anderlini Modena, San Donà, Pesaro, Acqui Terme, U. S. Torri, Buggiano e le Signe stesse, sono solo alcune delle partecipanti che da anni portano il meglio delle atlete sul palcoscenico nazionale della pallavolo. Il cammino delle due squadre de Le Signe sono stati quasi paralleli nella fase a gironi, dove la under 16 ha avuto ragione di GS Argentario (TN), Volley 3 Venezie e di Catania, mentre la under 14, dopo avere vinto con Vispa Volley e Jesolo, si è dovuta arrendere dopo tre set tirati con la Foppapedretti di Bergamo. Se a questo punto la under 16 de Le Signe si presentava con questi risultati come favorita, la under 14 si doveva invece guadagnare la semifinale incontrando a sua volta una delle favorite del torneo, ovvero la Pallavolo Acqui. Per mera sfortuna e con qualche infortunio, leggero per fortuna, la formazione under 16 si ferma contro le padroni di casa, per poi ritrovarsi a giocare per il 7° e 8° posto contro il GS Argentario già affrontato e sconfitto nel girone di qualificazione. Purtroppo, anche in questo caso, la sfortuna si è fatta sentire e le trentine si sono aggiudicate il 7° posto, lasciando alle ragazze di Simona Ferretti l’ottavo posto. Storia diversa per le atlete di Sabrina Bartali della under 14, che dopo avere sconfitto la quotata Acqui, si ritrova a incontrare un cliente difficile come il Borgo a Buggiano, formazione attualmente in lotta per conquistare, insieme a Le Signe, la finale del campionato regionale Toscana. Buggiano, forse stanco da un quarto tiratissimo vinto contro Bergamo, non riesce a opporre troppa resistenza a Le Signe che in due set riescono a chiudere la storia e a guadagnarsi la finale dove incontreranno il San Donà, formazione già incontrata a Rovereto con esito infausto. Il teatro delle finali under 14 e under 16 è il bellissimo impianto del PalaVillanova di Torri di Quartesolo, un impianto grande e nuovissimo capace di fare impallidire strutture di città più importanti. In questa finale, sperata, cercata e voluta dai giorni del torneo di Rovereto, le ragazze de Le Signe volevano togliersi un sassolino dalle scarpe rappresentato da una sconfitta immeritata patita proprio contro il San Donà. Entrambe le formazioni si sono presentate in piena forma e caricate al massimo e l’inizio è stato scoppiettante, con le venete che si sono portate avanti subito sino al 14 a 7, lasciando Le Signe alquanto perplesse sul dal farsi. Per fortuna con pazienza e bravura le ragazze di Sabrina con servizi ficcanti e contrattacchi potenti, sono riuscite prima a raggiungere il San Donà per poi superarlo, chiudendo il set sul 25 a 19. Si cambia campo e si parte per il secondo set; pronti, attenti, via e il san Donà è già sul 5 a 0, con un Le Signe che non riesce a contrastare il gioco delle venete che a loro volta e in poco tempo raggiungono il venticinquesimo punto lasciando a Le Signe solo 10 punti, tanti dubbi e perplessità. Tie break e la musica sembra non cambiare: San Donà avanti e Le Signe a arrancargli dietro, presentandosi al cambio campo sul punteggio di 8 a 5. Per fortuna qualcosa cambia ne Le Signe e piano, piano queste raggiungono le venete sul 13 pari. A questo punto si va avanti punto a punto, con la palla per chiudere set e partita più volte al San Donà e una a Le Signe. Ma le venete non riescono a chiudere anche per la caparbietà e la voglia di vincere delle signesi e finalmente quest’ultime dopo un’ottima difesa chiudono in contrattacco con il punteggio di 22 a 20. Fischio di chiusura dell’incontro dell’arbitro e immediata invasione di campo dei sostenitori de Le Signe che hanno raggiunto le proprie giocatrici per festeggiare una vittoria cercata e a lungo attesa. Dopo avere liberato il campo ha avuto inizio la finale della categoria under 16 dove s’incontravano le formazioni del Bassano del Grappa e la SGM Miranese, finale tutta veneta che ha visto prevalere Bassano su SGM Miranese per 2 a 1. Per la serie
nemo profeta in patria nella formazione di Bassano militano due ragazze provenienti dalla provincia di Firenze e Prato, per la precisione Giulia Calamai, già in forze nella formazione under 16 de Le Signe nella scorsa stagione, e Sara Zerini proveniente dal Volley Project di Prato. Una riflessione: forse sarà il caso che le nostre società abbandonino la politica sino ad ora fatta e cercare di collaborare con la società vicina che è in grado di valorizzare localmente l’atleta di talento, per non lasciarlo andare a rinforzare formazioni di altre regioni che magari vincono il titolo nazionale grazie anche a queste ragazze. Bisogna che le società lavorino insieme per mantenere questi talenti nelle formazioni locali o, peggio ancora, evitare di disperderli come accade adesso. A chiusura della giornata e del torneo, dopo i saluti del sindaco di Torri, dei vari assessori dei comuni patrocinanti e dei presidenti delle federazioni FIPAV provinciale e regionale, si sono svolte le premiazioni che hanno visto assegnare due dei più importanti premi individuali a due giocatrici de Le Signe. Per la precisione il premio di MVP (Most Valuable Player) del torneo è andato a Sofia Migliorini palleggiatore della under 14, mentre a Anna Castellani della under 16 è andato il premio come migliore libero del torneo. Festa finale con tutte le formazioni in campo per la foto ricordo e un arrivederci al Secondo Challenge Città di Torri 2014. Cosa riporta a casa il Volley Club le Signe? Sicuramente tanta soddisfazione per il gioco espresso, buon viatico per i regionali di entrambe le formazioni, la certezza che il lavoro sin qui svolto è sicuramente pagante e la soddisfazione per i premi vinti. Ma si porta a Signa anche un’immagine di un organizzazione eccellente e le immagini d’impianti sportivi bellissimi che le amministrazioni locali hanno concesso come patrocinio all’organizzazione della Unione Sportiva Torri. E qui? Qui rimane solo il punto di domanda…

Le due formazioni protagoniste e le atlete premiate individualmente

03/04/2013 12.38
Redazione Met Sport


 
 

Google


Vai al contenuto