Login

MET


Provincia di Prato
PROVINCIA DI PRATO: A PALAZZO BUONAMICI IL CIBORIO BRONZEO DI EDUARDO BRUNO
Resterà a Prato fino al 13 giugno
Un'opera d'arte raffinata e preziosa, realizzata dall'artista Eduardo Bruno che vive a Prato da tempo, resterà esposta fino al 13 giugno nella sala d'ingresso di palazzo Buonamici. prima di essere definitivamente collocata nella chiesa di Cervicati (l’antica Kerbicatoy), in Calabria, che l'ha commissionato. Si tratta di un imponente e singolare ciborio bronzeo, alto un metro e mezzo e del peso di 220 chilogrammi, che è stato presentato questa mattina. Con l'artista Eduardo Bruno, c'erano il presidente della Provincia, Lamberto Gestri, il presidente della Circoscrizione centro, Massimo Taiti, e don Renzo Fantappiè, direttore dell'ufficio beni culturali della diocesi di Prato.
L'opera – che ha richiesto tre anni di lavoro – è il risultato di una lunga ricerca. L'elaborazione iconosgrafica fa riferimento alle simbologie tratte dalla Divina Commedia e al Liber Figurarum del

…calabrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato >> ( Pa-radiso XII,139 – 41). Lo scultore ha scolpito le formelle con le figure simboliche e tutta la decorazione plastica, realizzando successivamente la fusione bronzea a cera persa.

Don Renzo Fantappiè ha sottolineato la singolarità dell'opera che ha la forma simbolica di un tempietto classico. “Un modello cinquecentesco, diffuso in Toscana come documentano il duomo di Volterra e Massa Marittima”, ha messo in evidenza.
Il ciborio ha forma ottagonale ed è articolato su tre registri essenziali, profuso di misteriose simbologie gioachimite, dantesche e veterotestamentarie.
Le otto formelle della parte centrale, incassate tra le colonnine di stile composito, presentano la classica figurazione plastica della deposizione della Vergine Maria, San Giovanni evangelista, San Nicola, San Rocco, Sacro Pellicano e Cervo che si abbevera alla Sacra fonte.

07/06/2013 13.02
Provincia di Prato


 
 

Google


Vai al contenuto