Login

MET


Redazione di Met
IL PROGETTO PITAGORA PREMIATO DAL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA E DALLA FONDAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE
Thales impresa capofila del progetto
Il progetto Pitagora è stato uno dei quattro vincitori del “Premio Impresa + Innovazione + Lavoro” organizzato dal Consiglio regionale della Regione Toscana e dalla Fondazione per la ricerca e l’innovazione.
La cerimonia di consegna si è tenuta oggi a Firenze presso Palazzo Bastogi.
Attivo dal 2012 grazie al Bando Unico R&S 2012 della Regione Toscana, il progetto Pitagora, che vede la partecipazione di Thales Italia come impresa capofila, ha lo scopo di sviluppare soluzioni aeroportuali attraverso la cooperazione di una piccola filiera di imprese e università toscane. L’obiettivo è studiare e realizzare un prototipo di una piattaforma integrata finalizzata al miglioramento dell’operatività aeroportuale, in grado di prevenire e gestire eventuali scenari di crisi e, al contempo, rispondere alle necessità di comodità, semplicità, sicurezza dei passeggeri che transitano in aeroporto.
Un “Sistema di Sistemi”, che ambisce, attraverso l’impiego di tecnologie innovative, senza ledere i principi di privacy e security dei vari utenti interessati, a realizzare per l’aeroporto uno strumento unico per gestire in maniera integrata tutti i sistemi utilizzati per la gestione dei voli, dei passeggeri, dei bagagli, del personale e dell’operatività e sicurezza al fine di migliorare: operatività di voli; supporto ai passeggeri; gestione e incremento della sicurezza; prevenzione e risoluzione di incidenti; amministrazione delle risorse dell’aeroporto.

“Il progetto Pitagora – ha spiegato l’amministratore delegato di Thales Italia, Paolo Salvato – è un modello di compartecipazione virtuosa tra grandi imprese, Regione, Università e Pmi. E’ una scelta strategica per aumentare le ambizioni delle aziende italiane su mercati internazionali sempre più competitivi. La grande impresa può, con questi modelli di business, dare un contributo fondamentale, anche in un quadro di utilizzo e ottimizzazione dei fondi e di rilancio strategico industriale del territorio regionale”.
Questo consente a tutti di fare investimenti compatibili con le proprie dimensioni e di andare sul mercato con un portafoglio ampio, innovativo, competitivo e con un buon time to market.
“E’ la sintesi di successo – ha concluso Salvato – di un territorio che si organizza strategicamente ed economicamente per raggiungere obiettivi e trarne i relativi vantaggi”.

07/03/2014 13.54
Redazione di Met


 
 

Google


Vai al contenuto