Login

MET


Comune di Figline e Incisa Valdarno
Poggio Croce: presto incontro con cittadini e Prefettura per migranti
Ieri i sindaci Mugnai e Sottani hanno incontrato la cooperativa: “Serve più chiarezza sull’intero percorso”
“Le nostre sono città che hanno sempre dimostrato piena disponibilità all’accoglienza, ma per garantire una piena integrazione serve più chiarezza sull’intero percorso”.

E’ il commento dei sindaci Giulia Mugnai e Paolo Sottani (rispettivamente di Figline e Incisa Valdarno e Greve in Chianti) sulla possibilità che il Poggio alla Croce, frazione divisa tra i due comuni, possa ospitare circa 30 migranti per volontà di un privato, in una struttura di sua proprietà.

Ieri i due sindaci hanno quindi convocato la cooperativa Cristoforo di Pontassieve - a cui probabilmente la Prefettura di Firenze affiderà la gestione dei migranti - con l’obiettivo di approfondire tempistica e modalità di arrivo, ma anche definire il tipo di attività che svolgeranno nel caso in cui siano ospitati al Poggio alla Croce. I sindaci Mugnai e Sottani, che hanno appreso dell'iniziativa di sabato 18 marzo senza ricevere alcun invito, stanno organizzando un nuovo incontro per la prima settimana di aprile con la partecipazione della Prefettura e della cooperativa".

“Ci sono ancora molti aspetti da definire, di natura burocratica ma soprattutto in termini di progettualità e sostenibilità – hanno spiegato i due sindaci -. Numeri così importanti di migranti in una frazione con poche centinaia di residenti e dalle caratteristiche logistiche particolari, rischiano di alterare l’equilibrio delle comunità e non garantiscono le migliori condizioni per l’accoglienza. Stiamo lavorando per fare chiarezza e individuare le soluzioni più opportune affinché non si vada a modificare il clima di coesione e solidarietà che ha sempre caratterizzato la frazione del Poggio alla Croce. Siamo certi che la Prefettura vorrà ascoltare le richieste di istituzioni e cittadini per costruire progetti veri di accoglienza”.

16/03/2017 15.17
Comune di Figline e Incisa Valdarno


 
 

Google


Vai al contenuto