Login

MET


Comune di Firenze
Inaugurazione della mostra di disegni “GiovanniViola” martedì 21 marzo nel Palazzo del Pegaso della Regione Toscana
Sarà presente la presidente della Commissione cultura del Comune Maria Federica Giuliani: “Un evento in occasione nella Giornata Mondiale della Sindrome di Down, sancita ufficialmente da una risoluzione dell'Onu per diffondere una maggiore consapevolezza
Sarà inaugurata domani, martedì 21 marzo alle 18,00 nell'auditorium del Palazzo del Pegaso della Regione Toscana la mostra “GiovanniViola”, un percorso artistico e di vita che sottolinea quanto l’arte abbia quel magnifico dono di arrivare immediatamente al cuore delle persone.
Sarà presente la presidente della Commissione cultura del Comune Maria Federica Giuliani: “Un evento in occasione nella Giornata Mondiale della Sindrome di Down, sancita ufficialmente da una risoluzione dell'Onu per diffondere – spiega la presidente Giuliani – una maggiore consapevolezza ed integrazione fra le persone”.
Al di là dei preconcetti, delle imposizioni sociali, la creazione artistica arriva direttamente alle persone senza mediazione, sprigionando solo emozioni. Ed è allora che l’artista è solo artista, a prescindere da qualsiasi convenzione e definizione umana, solo talento e capacità. Ecco allora che ogni barriera e pregiudizio cade e tutto si mescola nel colore. E scopriamo che è proprio la diversità il vero motore, il vero cardine intorno al quale ruota tutto l’universo umano. Camminare insieme verso l’integrazione per scoprire sempre di più come è bello e giusto crescere tutti insieme, compensando le mancanze di ognuno di noi, donando le proprie risorse. Un rapporto straordinario quello tra disabilità ed attività artistiche che tocca nel profondo la dimensione umana.
Il 21 marzo è la Giornata Mondiale della Sindrome di Down (WDSD-World Down Syndrome Day), un giorno dedicato alle persone con Trisomia 21, che nella coppia numero 21 delle cellule sono caratterizzate dalla presenza di un cromosoma in più, tre invece di due. Vogliamo affermare una nuova cultura della diversità, promuovere il rispetto e l’integrazione con la meraviglia dell’arte, della forza comunicativa delle opere, per costituire un omune linguaggio partendo da condivise e profonde simbologie pittoriche. La felicità è un diritto di tutti e per ognuno di noi si esprime in maniera diversa, l'arte è un ponte per raggiungerla. (s.spa.)

20/03/2017 18.33
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto