Login

MET


Aeronautica Militare
Scuola Militare Aeronautica “Giulio Douhet”: giurano gli allievi del corso “Nadir”
La Cerimonia è stata presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare
Venerdì 28 aprile, presso il piazzale bandiera dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche (ISMA), 42 giovani Allievi della Scuola Militare Aeronautica “Giulio Douhet” hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana alla presenza dei familiari e delle massime cariche Istituzionali Civili, Militari e Religiose.

La cerimonia, presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli ed alla presenza del Comandante delle Scuole, Gen. S.A. Fernando Giancotti, è stata aperta dall’intervento del Col. Michele Buccolo, Comandante della Scuola Militare Aeronautica, che ha ricordato come il percorso intrapreso dai giovani allievi sia “un percorso complesso, impegnativo ma di certo coraggioso, a testimonianza di come si possa ancora guardare con fiducia e speranza a generazioni come la vostra, fieri e capaci di abbracciare valori di fedeltà, sacrificio e senso del dovere”.

Nel prendere la parola, il Generale Vecciarelli ha ringraziato le Autorità e tutti i presenti che con la loro testimonianza di vicinanza hanno voluto rendere ancora più significativa la giornata odierna. Un deferente saluto è stato poi rivolto al Gonfalone della Città di Firenze, inquadrato nello schieramento, insignito di ben 4 medaglie d’oro, a testimonianza del coraggio e abnegazione, di civismo e solidarietà che hanno contraddistinto i fiorentini nell’arco della storia del nostro Paese.

“Il vostro impegno, le vostre volontà, ambizioni e desideri saranno sostenuti dalla passione e dalla serietà degli insegnanti perché dare prospettiva al vostro futuro è il compito affidato a questo istituto. Tutto ciò auspicabilmente ispirandovi ai principi cardine della nostra organizzazione quali il senso del dovere e della responsabilità, la coesione, la tenacia, la passione, l’altruismo, il coraggio. Tutti valori etici che vi vengono proposti con l’esempio del buon senso, al fine di lasciar maturare in ognuno di voi il pensiero che dietro ogni possibile e desiderato successo si cela il merito dei tanti e non soltanto l’ambizione del singolo.”

All’evento hanno altresì partecipato i Gonfaloni della Regione Toscana, della Città Metropolitana di Firenze e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e gli ex Comandanti dell’ISMA, della Scuola Douhet e i docenti.

Particolarmente toccante è stata la presenza dell’Associazione ex-Allievi della Scuola con una nutrita rappresentanza, la cui vicinanza è attestazione dell’indissolubile legame tra il passato, il presente ed il futuro per gli uomini e le donne dello stesso Istituto Scolastico.



Alla cerimonia di Giuramento è seguito il Battesimo del Corso che ha assunto il nome “Nadir”; a simboleggiare un punto immaginario nella volta celeste, opposto allo Zenit, punto che al suo massimo è notte, ombra, proprio quando la luna è più alta nel cielo.

Il motto scelto dal Corso è “Aestus nitor, lumen noctem”: lo splendore dell’ardore è luce nella notte.



Il padrino, Generale di Divisione Aerea Stefano Fort, Comandante dell’Istituto di Scienze Militari Aeronautiche, ha infine consegnato nelle mani del Capo Corso il vessillo che identificherà e accompagnerà per sempre il Corso medesimo.



Il Liceo Militare Aeronautico “Giulio Douhet” (inaugurato nel 2006) così come le altre Scuole Militari (Nunziatella di Napoli, Teulié di Milano e Morosini di Venezia) è un istituto di istruzione secondaria di secondo grado, che svolge i corsi del secondo triennio negli indirizzi classico e scientifico, al quale si accede per concorso pubblico.

Attualmente sono in forza alla Scuola Douhet 129 Allievi di cui 38 di sesso femminile, suddivisi nel Corso Lyra al terzo ed ultimo anno di frequenza, il Corso Mito al secondo anno di frequenza ed il Corso Nadir, incorporato lo scorso 5 settembre 2016.

28/04/2017 13.07
Aeronautica Militare


 
 

Google


Vai al contenuto