Login

MET


Comune di Barberino Val d'Elsa
Teatro, passione collettiva. Volontari e cittadini, la vera anima del Regina Margherita
Presentata con una festa di comunità la stagione teatrale 2017-2018
Prosa, Teatro Km zero, Jazz, Teatro ragazzi e Vernacolo. Performances e interventi con i protagonisti, attori e registi, ospiti del ricco cartellone confezionato per tutti i gusti e le età
A Marcialla l’esperienza di una comunità che ritrova se stessa si accende sotto i riflettori di un teatro. E’ un edificio che ama confondersi tra le case e i terratetto di via Amelindo Mori, il colore verde della facciata e l’insegna asimmetrica, elementi visivi che richiamano ad uno spazio diverso da quello domestico, incuriosiscono, invitano ad entrare. Le porte si aprono e il Regina Margherita di una piccola frazione di campagna, ai confini tra Barberino e Certaldo, spalanca un mondo, fatto di cose, sipario, suoni, luci, poltrone, camerini, ma soprattutto di persone, sguardi, gesti e parole che sentono e comunicano quel luogo come ‘bene’ pubblico, come spazio di cui è parte attiva la collettività. Il comunale di Marcialla è un laboratorio contemporaneo in cui la creatività attraversa e contempla le arti e i linguaggi più diversi, sostenuto, frequentato e alimentato da un gruppo di cittadini che ama fare e produrre teatro di qualità.


“Pulsa la vita nel teatro valdelsano - sono le parole del sindaco Giacomo Trentanovi, nonché presidente dell’Unione comunale del Chiantifiorentino - che anche per quest’anno, grazie all’impegno dell’Associazione culturale Marcialla, il contributo dell’Unione comunale del Chianti fiorentino e il sostegno della Città metropolitana, nell’ambito di progetti specifici vincitori di bandi pubblici, come Sliding Theaters ed Echi di contaminazione, tiene il passo rispetto alle programmazioni dei grandi palcoscenici di città. In un territorio che scommette e investe sulla cultura Il Regina Margherita è pronto a sfoderare una stagione varia, diversificata, eterogenea caratterizzata da un tocco di mediterraneità che rende ancora più attraente il cartellone 2017-2018”.



Dalla prosa alla musica, dal teatro ragazzi al vernacolo, il palinsesto è stato presentato nel dettaglio al pubblico in occasione di un pomeriggio di festa che ha coinvolto spettatori di tutte le età. Immagini, performances e battute in scena, persino un video benaugurale da parte di uno degli illustri ospiti della stagione, Alessandro Benvenuti. A descrivere i contenuti e i tratti distintivi degli oltre venti spettacoli il direttore artistico del Regina Margherita Gianfranco Martinelli. “In ogni stagione, mai banale e scontata, ma frutto di una ricerca di linguaggi, di competenze specifiche che negli anni si sono affinate, c’è del nostro – commenta Martinelli – c’è molto della cultura del fare, tipico della sensibilità toscana, che entra e vive in questo spazio da protagonista. Una stagione che ogni anno confezioniamo come un piccolo miracolo, con importanti sforzi economici e grazie alla disponibilità dei tanti volontari dell’associazione, dei cittadini di Marcialla e degli attori e registi che girano l’Italia e il mondo e amano fare tappa da noi perché qui trovano il senso più vero della creazione di uno spettacolo”. Oltre alla prosa e alla presenza inedita di alcuni titoli di teatro definito a Km Zero per il coinvolgimento di compagnie locali e toscane, le colline di Marcialla suoneranno il grande jazz con la rassegna Jazz & Wine. Alcuni dei più illustri artisti del panorama musicale internazionale calcheranno le scene del piccolo teatro valdelsano.



“Un orgoglio che per noi si lega a doppio filo con la qualità della vita e l’amore per il teatro – conferma soddisfatta la presidente dell’Associazione Culturale Marcialla Sara Innocenti - una cultura tipica e locale che non smentisce le radici artistiche di questo territorio così prolifico di talenti, la molteplicità delle tante anime espressive che si muovono sul palcoscenico del Regina Margherita sono il riflesso di un dialogo a più voci che teniamo vivo attraverso il volontariato e la formazione laboratoriale rivolta a varie fasce di età”. A testimoniare l’offerta formativa del teatro alcune performances, la prima della scuola di teatro del Teatro Riflesso di Colle Val d’Elsa, realtà con la quale il Regina Margherita ha attivato importanti collaborazioni artistiche, la seconda del laboratorio per ragazzi a cura di Riccardo Mori, Alessio Grandi e Damiano Masini. Gli attori di Teatro Riflesso Irene Biancalani, Alessandro Scavone e Marco Rugi hanno interpretato un brano tratto dal film In&Out. Il Regina Margherita ospiterà nuove produzioni come quelle di Italo Pecoretti, nome di spicco del teatro di figura che propone anche per quest’anno una bella e ricca rassegna per ragazzi, con il coinvolgimento di alcune delle compagnie più accreditate nello scenario nazionale, e della compagnia I pochi e nemmen tanto boni con Ruggero Trentanovi, Laura Masini e Ornella Detti. La compagnia marciallina che parla toscano arricchisce il cartellone con una rassegna di commedie brillanti in lingua. Nel corso della serata tanti gli interventi che si sono alternati. Il pubblico è entrato in contatto con alcuni dei protagonisti della stagione rappresentati dalle associazioni Tealtro e Effetto Notte, Ipotesi Teatrale, Tignano Festival, Giotto in Musica. Dalla musica si parte e alla musica si approda con la banda di Marcialla, la Filarmonica Verdi diretta da Adriano Scoccati, presente alla serata che offrirà un epilogo in note alla stagione del Regina Margherita. “La soddisfazione più grande di questa passione è la possibilità di coltivarla insieme – conclude Sara Innocenti - la nostra associazione fonda ogni propria azione sul lavoro di gruppo, sull’impegno indefesso dei volontari e sulle affinità elettive che accomunano grandi e piccini”. Informazioni e dettagli del cartellone sono disponibili su: www.teatromargherita.org. Info: 055 8074348

08/11/2017 17.22
Comune di Barberino Val d'Elsa


 
 

Google


Vai al contenuto