Login

MET


Comune di Pistoia
“L'usignolo, il diavolo rosso il convertito. Idalberto Targioni nella Toscana tra '800 e '900”: incontro alla biblioteca San Giorgio
Martedì 19 dicembre alle 17 in sala Bigongiari
Martedì 19 dicembre alle 17 nella Sala Bigongiari della biblioteca San Giorgio si tiene l'incontro “L'usignolo, il diavolo rosso il convertito. Idalberto Targioni nella Toscana tra '800 e '900”, ultimo appuntamento del ciclo autunnale per l'anno 2017 di “Leggere, raccontare incontrarsi...”.

L’incontro vuole essere l’occasione per presentare il materiale dell'archivio e lo stato di ricerca degli studi sulla figura di Targioni e la sua opera di politico e poeta.

Ne parleranno Roberto Barontini, presidente dell'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Pistoia, Roberto Bianchi, professore associato di Storia contemporanea all'università di Firenze, Monica Cetraro, assessore alla cultura, turismo e innovazione tecnologica del Comune di Lamporecchio, Simonetta Chiappini, erede di Targioni e membro della Società italiana delle storiche, Giampaolo Francesconi, direttore responsabile del “Bullettino storico pistoiese”, Daniele Lovito, ricercatore e collaboratore dell'Istituto storico toscano della Resistenza e dell'età contemporanea, e Matteo Mazzoni, dottore di ricerca in Studi storici dell'età moderna e contemporanea e direttore dell'Istituto storico toscano della Resistenza e dell'età contemporanea.

Idalberto Targioni (1868-1930) fu un protagonista della storia culturale, politica e sociale in Toscana tra Otto e Novecento. Trovatello, contadino a Lamporecchio, poeta autodidatta, sindaco socialista, convertitosi all'interventismo durante la prima guerra mondiale divenne fascista e collaborò col regime. Targioni rappresenta percorsi di vita che segnarono una parte della sua generazione. A distanza di centocinquanta anni dalla nascita, gli eredi mettono a disposizione della comunità e degli studiosi tutte le carte del suo archivio finora inedite e la sua biblioteca.

16/12/2017 11.10
Comune di Pistoia


 
 

Google


Vai al contenuto