Login

MET


Comune di Firenze
Firenze, Vandali contro la sede di Fratelli d’Italia e Casaggì
Torselli (FdI): “Biglietto da visita per il corteo di sabato prossimo o diretta conseguenza della caccia alle streghe scatenata in nome dell’antifascismo?”
“L’infame gesto compiuto la notte scorsa a danno della sede che ospita il Coordinamento Regionale di Fratelli d’Italia, oltre alla sede di Casaggì Firenze, in via Frusa a Firenze, va forse letto come una sorta di biglietto da visita in vista del corteo organizzato dalla sinistra fiorentina per sabato prossimo?” A chiederselo è Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale a Firenze e coordinatore regionale del partito in Toscana.

“Nel giorno in cui Firenze si ferma per rendere omaggio a Idy Diene - prosegue l’esponente di Fratelli d’Italia - proprio nel nome dell’integrazione e del rispetto reciproco, gesti come quello di cui siamo stati vittime stanotte dimostrano invece come Firenze, purtroppo, sia ancora molto lontana dall’essere una città veramente democratica, civile e rispettosa del pensiero altrui”.

“Al sindaco Nardella ed al governatore Rossi - aggiunge Torselli - chiediamo ufficialmente di aprire un’attenta riflessione su quanto stia accadendo negli ultimi tempi a Firenze ed in Toscana (non dimentichiamoci dell’infame aggressione subita in piena campagna elettorale da Giorgia Meloni a Livorno): gesti come quello di stanotte, secondo loro, non sono la diretta conseguenza del clima da caccia alle streghe seminato per tutta la campagna elettorale, in nome del più anacronistico e datato antifascismo?”.

“A nome del Coordinamento Regionale di Fratelli d’Italia - conclude Torselli - esprimo inoltre tutta la solidarietà e la vicinanza a quei cittadini che si sono ritrovati questa mattina le auto e le abitazioni vandalizzate dalla idiozia di questi quattro figli di papà che, tra uno spinello e l’altro, hanno scelto di combattere in questo modo imbecille la noia provocata dalle loro insoddisfacenti vite. Purtroppo, non essendo mai stati abituati, né a lavorare, né a conquistarsi qualcosa nella vita attraverso il sacrificio, non riescono neppure a concepire il mero valore materiale delle cose altrui”. (fdr)

14/03/2018 13.27
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto