Login

MET


Città Metropolitana di Firenze
I Lakota Sioux a Firenze: "Tutti responsabili dell'ambiente"/VIDEO
Moses Brings Plenty a sostegno dela battaglia per salvare gli ulivi secolari in Italia. "Da noi in estinzione i cavalli selvaggi e i bisonti"
"La nostra vita nell'America di oggi è in pericolo e non sono in pericolo solo i Lakota Sioux ma anche tutti gli esseri umani a causa di temi molto attuali come il riscaldamento globale e gli effetti che questo ha sul pianeta": Moses Brings Plenty, portavoce della nazione indiana dei nativi americani dei Lakota Sioux e star del cinema, in visita a Firenze per rinnovare e rinsaldare i rapporti tra Città Metropolitana di Firenze, Regione Toscana e la nazione Lakota, è intervenuto in Palazzo Medici Riccardi e nel Palazzo del Consiglio Regionale, sottolineando come "adesso, per esempio, nelle nostre terre stiamo lottando per salvare gli ultimi cavalli selvaggi dall'estinzione e gli ultimi bisonti americani. E la nostra lotta deve essere di supporto ai fratelli in Puglia che lottano per non far tagliare gli ulivi secolari. Quindi, come vedete, abbiamo temi di lotta comune per l'ambiente perché ciò che accade all'ecosistema di casa nostra avrà effetto sulle persone qui in Italia e tutto ciò che verrà fatto in Italia sull'ecosistema avrà effetti sulla mia gente".
Gli Stati Uniti "hanno tagliato il budget per la protezione dell'ambiente, ma secondo me senza un ambiente sano non può esserci un'economia sana. L'ambiente è in grande pericolo".
I rapporti istituzionali avviati nel 1998 dalla Provincia di Firenze e ora portati avanti dalla Metrocittà con la nazione Lakota hanno permesso lo sviluppo di vari progetti didattici, culturali, scientifici e antropologici.

Tra i progetti di interscambio realizzati tra la Toscana e la nazione nativa americana dei Lakota Sioux c'è anche l'accordo internazionale firmato dall'università di Pisa con la Black Hills State University e il centro di educazione nativo americano della riserva, il Lakota youth development. L'accordo prevede scambi culturali di docenti e studenti del dipartimento pisano di scienze politiche con l'università|americana. Il primo a partecipare al progetto è stato Michele Manfrin che si è laureato con una tesi sul razzismo ambientale, scritta dopo aver trascorso 15 giorni negli Usa.

Moses Brings Plenty e la sua signora Sara Ann sono stati accompagnati dal loro incaricato in Italia, il Prof. Alessandro Martire.
Moses è uno dei portavoce della Nazione Lakota (Sioux), nonché attore cinematografico di fama. Il suo ultimo film girato nel 2018 è stato, assieme a Kevin Costner, “Yellowstone” . E’ apparso inoltre, in tanti altri film come: “The Revenant” - “Cow boys & Aliens”- “Toro seduto”, “Hell on wheels”, "Cuore di Tuono”, “Pirati dei Caraibi” e molti altri ancora.
La sua presenza a Firenze dal 9 maggio 2019 al 12 maggio 2019 è stata caratterizzata, presso il Grand Hotel Mediterraneo, da quattro seminari su importanti ed attuali tematiche come: sensibilizzazione alle problematiche climatiche ed ambientali moderne, rapporto uomo e ambiente, cultura e tradizione dei popoli nativi americani, spiritualità dei Lakota Sioux, la lotta dei Lakota per la protezione dei Mustang Selvaggi in America, e molte altre tematiche affascinanti che permetteranno agli intervenuti di capire e conoscere l’antica filosofia spirituale dei Sioux ed il loro messaggio per poter tornare a vivere in armonia con la creazione.
Presentato il nuovo libro dal titolo "Il Risveglio dell’anima: la riconnessione spirituale secondo i Lakota".

Su https://youtu.be/aG82giESh1w il video di Florence Tv utilizzabile da social e media

15/05/2019 10.30
Città Metropolitana di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto