Login

MET


Comune di Vinci
Spazio alla fantasia e al magico mondo delle emozioni
I centri estivi nel Comune di Vinci in funzione dal primo giorno delle vacanze
Spazio alla fantasia e al magico mondo delle emozioni (foto archivio Antonello Serino MET)
Mentre i loro compagni più grandi delle “medie” e delle “superiori” sono impegnati negli esami di stato gli alunni delle scuole primarie si godono i primi giorni delle vacanze. Spesso questo per le famiglie, in particolare quelle che non possono contare sui nonni, diventa un problema. Per questo i servizi dei Comuni come i centri estivi sono fondamentali: da un lato offrono alle famiglie un ambiente qualificato e sicuro dove saranno seguiti i loro figli, dall’altro ai ragazzi attività ludiche in compagnia dei compagni di classe e con la possibilità di fare nuove amicizie.
Così anche a Vinci, dove vengono organizzati dalle stesse cooperative che hanno in gestione Villa Reghini. Sono circa sessanta gli iscritti per ogni settimana del Centro Estivo “Primavera”, quello di giugno, che si svolge nei locali della scuola primaria di Spicchio e ha come tema guida il fantastico mondo della tata che tutti i bambini vorrebbero, Mary Poppins. “Questi numeri rappresentano una bella soddisfazione”, commenta la Responsabile dei Servizi alla persona dott.ssa Cecilia Tosti, “da anni constatiamo una crescente richiesta, segno che i nostri servizi sono molto apprezzati dai cittadini”.
Dal primo luglio i centri estivi sia per l’età delle scuole primarie sia per i piccoli delle scuole dell’infanzia si trasferiscono in altri edifici scolastici, dislocati a Sovigliana e a Vinci. Anche qui i numeri delle iscrizioni superano le previsioni: infatti l’amministrazione comunale ha deciso di investire altre risorse per aumentare i posti disponibili. Questa seconda fase delle attività estive ruota intorno al variopinto mondo delle emozioni. “Sentire un’emozione, però, non significa ancora essere in grado di riconoscerla: dobbiamo farne esperienza e diventare in maniera graduale più consapevoli di ciò che stiamo provando. Per questo abbiamo deciso di dedicare il centro estivo a un tema così importante e delicato” si può leggere nel volantino che annuncia il servizio educativo. Così i servizi estivi non sono solo un luogo dove lasciare i figli quando si va al lavoro ma una “scuola” basata su un progetto educativo, dove i bambini, giocando, imparano a relazionarsi, rispettare le regole, esprimere i loro stati d’animo.
Questo vale anche per chi ha qualche difficoltà in più, perché i centri estivi, come la scuola, sono inclusivi. Per i bambini con disabilità, le cui famiglie sono state contattate preventivamente, ci sarà l’educatore di sostegno anche durante il centro estivo. Per questo il Comune di Vinci ha stanziato risorse per circa 15.000,00 Euro per far sì che la gioia di giocare insieme sia condivisa da tutti.
Come sempre l’orario dei centri estivi copre quello della scuola a tempo pieno, quindi anche il pranzo fa parte della giornata trascorsa fuori casa, come anche un giorno in piscina e altre uscite sul territorio.

12/06/2019 12.59
Comune di Vinci


 
 

Google


Vai al contenuto