Login

MET


Comune di Figline e Incisa Valdarno
Figline e Incisa. Vandalizzati i fontanelli di Figline: a rischio erogazione acqua
In seguito al danneggiamento di alcuni impianti, la ditta Fridom comunica che per i prossimi giorni (e fino alla loro riparazione) il servizio potrebbe essere sospeso
La ditta Fridom (a cui è affidata, per conto del Comune, la gestione dei fontanelli per l’erogazione di acqua potabile a Figline e Incisa) informa che da oggi e per i prossimi giorni i dispositivi presenti a Figline potrebbero non essere in funzione, a causa di atti vandalici. La sospensione del servizio è dovuta alla necessità di effettuare le opportune verifiche su ogni singolo fontanello, in modo da verificare l’entità dei danni e da provvedere a ripararli al più presto.

Ricordiamo che si tratta di erogatori di acqua potabile (naturale e frizzante) sottoposti a processi di filtrazione più spinti di quelli per l’acqua normalmente erogata. Analisi periodiche di laboratorio più frequenti garantiscono la sicurezza dell’acqua erogata, mentre un programma di manutenzione preventiva garantisce l’affidabilità dell’impianto di produzione e distribuzione. L’acqua naturale erogata è completamente gratuita, mentre la gassata può essere prelevata pagando 10 centesimi al litro (oppure 8 centesimi, se si dispone di una carta ricaricabile al momento acquistabile solo alla tabaccheria sul ponte del Matassino).
A Figline e Incisa i fontanelli installati, tra il 2017 e il 2018, sono 9 e si trovano in varie zone della città: a Figline in piazza Guido Rossa, in via della Resistenza, in piazza Salvo D’Acquisto, ai Giardini dalla Chiesa, allo Stecco, in piazza Don Minzoni; a Incisa in località Burchio, La Massa e in piazza Santa Lucia. Grazie alla loro installazione, ogni anno, in media si evita l’acquisto di oltre 1 milione di bottiglie di plastica (e la conseguente produzione di oltre 52mila kg di plastica), si erogano circa 2 milioni di litri d’acqua e si risparmiano circa 63 euro a famiglia.
“Si tratta di un episodio molto spiacevole – commenta la Sindaca Mugnai -. Gli atti vandalici sono un problema che, periodicamente, interessa giardini e aree pubbliche in generale, provocando molti danni, anche a livello economico, al patrimonio pubblico. Dispiace sapere che alcuni cittadini non si rendano conto che danneggiare un qualsiasi bene pubblico equivale a colpire tutti i cittadini che, quotidianamente, lo utilizzano”.

“Come Amministrazione – conclude la Sindaca – abbiamo lavorato sulla videosorveglianza e incrementato i controlli, e continueremo a farlo. Ma non è una soluzione valida in termini assoluti. Serve un cambio di mentalità, serve imparare a rispettare gli spazi pubblici e serve la collaborazione da parte dei cittadini per tutelare i beni di tutti e per salvaguardarli”.

13/08/2019 14.00
Comune di Figline e Incisa Valdarno


 
 

Google


Vai al contenuto