Login

MET


Comune di Fucecchio
La forza della memoria: Fucecchio non dimentica
Venerdì pomeriggio a Massarella la commemorazione del 75° anniversario dell'Eccidio del Padule alla presenza di istituzioni, associazioni e dei ragazzi di #fucecchioèlibera

Le urla strazianti, il crepitio delle mitragliatrici, la disperazione di mamme che vedevano uccidere i propri figli e i propri familiari. Con lo spettacolo "L'ultimo fiume", ideato e diretto da Firenza Guidi, ieri il Padule di Fucecchio, nella frazione di Massarella, ha rivissuto i tragici momenti dell'Eccidio del 23 agosto 1944 quando i soldati nazisti uccisero 174 persone, in gran parte donne e bambini. La rappresentazione dell'associazione Elan Frantoio è stata l'atto conclusivo della commemorazione promossa dal Comune di Fucecchio per mantenere vivo il ricordo di quei fatti a 75 anni di distanza.

All'invito dell'Amministrazione comunale, rappresentata dal vicesindaco Emma Donnini, dall'assessore alla memoria Daniele Cei, dall'assessore Fabio Gargani e dal presidente del Consiglio comunale Marco Padovani, hanno risposto tanti Comuni, la Regione Toscana, con l'intervento dell'assessore Vittorio Bugli, e tantissime associazioni. Particolarmente toccante la cerimonia al Giardino della Memoria dove, dopo la deposizione della corona di alloro al monumento, gli interventi istituzionali sono stati preceduti dalla lettura di alcune poesie da parte dei ragazzi del gruppo #fucecchioèlibera. Tutti i momenti della cerimonia, a partire dal raduno in piazza 7 Martiri, sono stati accompagnati dalle musiche della Fanfara dell'associazione bersaglieri sezione "Aldo Marzi" di Firenze.

Prima della commemorazione, il vicesindaco Donnini e l'assessore Cei, insieme ai ragazzi di #fucecchioèlibera e ai rappresentanti dell'Associazione Il Padule, si sono recati a deporre i fiori ai cippi in Padule, atto con cui di fatto si é inaugurata questa giornata della memoria.

24/08/2019 10.05
Comune di Fucecchio


 
 

Google


Vai al contenuto