Login

MET


Comune di Firenze
Firenze. Assunti 24 assistenti sociali, l’assessore Vannucci: “Svolgono un ruolo strategico. Sono schierati al fianco dei più fragili e dei loro bisogni”
Alla presentazione dei nuovi assunti in Palazzo Vecchio erano presenti tra gli altri l’assessore a Welfare Andrea Vannucci, il dirigente del Servizio sociale professionale Alessandro Licitra e l’assistente sociale del Coordinamento Segretariato sociale Carlotta Bardi
Il Comune di Firenze ha assunto a tempo indeterminato 24 assistenti sociali, che entrano in servizio oggi. Il concorso che li ha portati all’assunzione alle dipendenze della Direzione Servizi sociali è stato bandito nel marzo scorso. Erano dieci anni che l’Ente non assumeva questi profili professionali. I 24 assistenti sociali si aggiungono a quelli già in servizio (in tutto sono oltre 100) e si occuperanno di anziani, disabili, minori, famiglie e situazioni di povertà estrema.

Alla presentazione dei nuovi assunti in Palazzo Vecchio erano presenti tra gli altri l’assessore a Welfare Andrea Vannucci, il dirigente del Servizio sociale professionale Alessandro Licitra e l’assistente sociale del Coordinamento Segretariato sociale Carlotta Bardi.

“Queste nuove assunzioni sono la dimostrazione che l’amministrazione comunale crede fortemente nell’importanza e nel ruolo centrale di queste figure professionali - ha detto l’assessore Vannucci -. Queste assunzioni sono il nostro modo per dare una mano ai cittadini in difficoltà. Gli assistenti sociali svolgono un ruolo strategico e molto delicato. Sono persone che si schierano in prima linea, a contatto e al fianco dei più fragili. I nostri servizi sociali sono una rete capillare di attenzione ai bisogni e alle fragilità della cittadinanza, di cui fanno parte anche i nostri sette Centri sociali dislocati sui cinque quartieri”. “Il concorso è stato fatto per ampliare la squadra degli assistenti sociali - ha concluso Vannucci -, figure professionali necessarie per potenziare le politiche sociali rispetto all’attenzione per gli ultimi, i penultimi e laddove c’è bisogno”. (fp)

02/12/2019 15.39
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto