Login

MET


Comune di Carmignano
Antica Fiera di Carmignano, il successo si rinnova
Tante persone per tre giorni hanno riempito il cuore del paese. Ieri gran finale con i fuochi d’artificio
Tutti con gli occhi verso il cielo per ammirare i fuochi d'artificio sparati dalla Rocca. Con questa immagine Carmignano ha salutato ieri, martedì 3 dicembre, l'edizione 2019 dell'Antica Fiera di Sant'Andrea e ha dato appuntamento al prossimo anno. Una fiera che, nonostante il maltempo, ha richiamato circa 2500 persone (numeri in linea con lo scorso anno), carmignanesi e non, che per tre giorni (sabato 30 novembre, domenica 1 e martedì 3 dicembre) hanno riempito il cuore del paese e hanno partecipato alle varie iniziative organizzate dall'assessorato alla Cultura e Turismo in collaborazione con la Pro Loco e varie associazioni del territorio.

“Tre giornate ricche di sorrisi e stupore. Siamo davvero contenti che anche quest’anno Carmignano abbia ritrovato il gusto della tradizione nella fiera di Sant’Andrea - ha detto l'assessore alla Cultura e Turismo Stella Spinelli -. L’entusiasmo visto negli occhi dei più piccoli è il migliore dei feedback. Prenderemo ogni critica in modo costruttivo per migliorare ancora la nostra amata fiera. La collaborazione fra Pro Loco, Bio Distretto, produttori e uffici del Comune ha portato a un risultato davvero soddisfacente. Bravi tutti”.

“Siamo molto soddisfatti di questa edizione della Fiera, che come sempre ha attratto un vasto pubblico - ha aggiunto Carlo Attucci, presidente della Pro Loco di Carmignano -. Una manifestazione in costante crescita, che non poteva non concludersi con un bellissimo spettacolo pirotecnico. A farla da padrone è stata la giostra dei cavalli in piazza, e poi come sempre l’esposizione di animali da stalla e da cortile. Visto il grande successo, il prossimo anno cercheremo di ampliare ulteriormente l’aia allestita nel Santa Caterina”.

Una Fiera che anche quest'anno ha puntato su un ritorno alle origini, mettendo in risalto l'anima artigianale e agricola del territorio e valorizzando le sue eccellenze enogastronomiche. Tutto ciò unito a tante iniziative culturali per tutti i gusti e tutte le età. Protagonisti della fiera sono stati i bambini, ed è proprio per loro che dopo tanti anni, è stata nuovamente allestita in piazza la giostra dei cavalli. Grande successo anche per le esibizioni di falconeria, che hanno fatto stare con il naso all'insù i tanti bimbi che li hanno visti volare per la prima volta. Ad attrarre e incuriosire grandi e piccini anche l'esposizione di trattori vecchi e nuovi nel parcheggio del Santa Caterina, quella degli animali da stalla e da cortile dei contadini del territorio (c'erano l'asina incrocio, la mucca frisona, il vitello incrocio, le pecore pomarancine, i maiali di cinta senese, i paperi ocati, le galline nostrali, i polli bianchi moroseta, il coniglio leprino di Viterbo) e quella delle ventotto auto d'epoca portate sabato in piazza dal Club Capelli al Vento di Prato. Molto partecipati anche i laboratori di riciclo e lo spettacolo di burattini; Sala consiliare gremita di persone ieri per il "Magic show" del giovanissimo Mago Mircus, tredici anni, che ha incantato i bambini fra giochi di prestigio e illusionismo. Si conferma poi il successo degli show cooking in piazza: ai fornelli quest'anno si sono alternati Nicola Spinelli della pasticceria Roberta, Daiana Cecconi di Masterchef 2 e Graziella Ferrarello dell'Antica Osteria dei Mercanti, che hanno preparato piatti utilizzando prodotti tipici dell'enogastronomia locale. Tante persone hanno fatto acquisti al mercato dell'olio nuovo e dei prodotti di Carmignano, così come a "Io Creo! Natale", la mostra mercato dell'arte e dell'ingegno al femminile resa possibile grazie alla creatività e alla passione di tante donne del territorio, e al Mercato della Fiera. Molto bene sono andati anche il mercatino di solidarietà - che è stato ora spostato nell’atrio del palazzo comunale - dove sono esposti i lavori realizzati dai ragazzi delle scuole di Carmignano, e quello di biancheria antica di Mater Caritas e il mercatino natalizio e dell'antiquariato. Molto partecipate le conferenze sull'agricoltura biologica, con la presentazione dell’Atlante delle produzioni tradizionali, e sul vino; in tanti hanno poi visitato le mostre di fotografia e pittura allestite in sala consiliare e nella saletta della So.ri, così come l'esposizione di biancheria antica di Mater Caritas. Ha incuriosito tanto anche la proiezione del filmato “Carmignano tra cielo e terra”. A chiudere in bellezza questa festa all'insegna della tradizione e dell'innovazione, i fuochi d'artificio dalla Rocca.

La Fiera non è finita. Sono, infatti, in programma nel fine settimana due appuntamenti “Oltre la Fiera”. Sabato 7 dicembre dalle 15 alle 18 al Museo della Vite e del Vino da non perdere il quarto Concorso dell’olio popolare biologico: fino a domani, giovedì 5 dicembre, le aziende che coltivano e raccolgono le olive secondo il metodo dell’agricoltura biologica, potranno far pervenire il campione del proprio olio alla Pro Loco di Carmignano. Data l’annata particolare che nella zona ha visto una forte diminuzione di olive a causa delle avverse condizioni meteo, la Pro Loco ha deciso di estendere la partecipazione al concorso anche a oli non certificati biologici, purché provengano da aziende con tale certificazione e siano franti in frantoi bio (questo prodotto potrà quindi essere accettato tramite la compilazione di un’autocertificazione). E così sabato tutti gli oli pervenuti, sotto la guida dell’agronomo Ugo Damerini, saranno assaggiati e votati dal pubblico. Domenica 8 dicembre alle 11 in Sala consiliare verrà premiato il miglior olio biologico (per informazioni Pro Loco Carmignano: 055 8712568 oppure info@carmignanodivino.prato.it).

04/12/2019 13.14
Comune di Carmignano


 
 


Vai al contenuto