Login

MET


Regione Toscana
Legalità, i due anni di Suvignano. Iniziativa nella tenuta il 29 luglio
Il bene, con i suoi 713 ettari, è il più esteso tra quelli confiscati alla criiminalità organizzata in Toscana
La tenuta di Suvignano, simbolo dei beni confiscati alle mafie e alla criminalità organizzata in Toscana, festeggia due anni dal suo ritorno nella disponibilità dei cittadini, affidata alla gestione della Regione attraverso Ente Terre.
Lo farà mercoledì 29 luglio: occasione in cui nella tenuta, 713 ettari nei comuni di Monteroni d’Arbia e Murlo in provincia di Siena, sarà inaugurato il “Percorso della legalità”, un vero e proprio sentiero, all’interno della proprietà, che racconta quello che sul fronte della cultura della legalità e dell’antimafia ha fatto e fa la Regione, le iniziative con i giovani sui campi strappati alla criminalità organizzata (prima in Sicilia e Calabria ed oggi in Toscana), la storia della tenuta e la sua rinascita anche da un punto di vista aziendale, con le sue culture, i suoi allevamenti e gli alloggi affittati ai turisti. Un luogo dove generare nuove ricchezza, sociale e ambientale, e un simbolo di riscatto.
L’appuntamento è alle 10. Interverranno l’assessore alla legalità della Regione Vittorio Bugli e i sindaci di Monteroni d’Arbia Gabriele Berni e di Murlo Davide Ricci. Alle 11.15 sarà proiettato il video “Il riscatto della legalità: Suvignano ed altre storie”. La partecipazione sarà naturalmente contingentata e su prenotazione, per evitare assembramenti e ridurre al minimo i rischi di contagio Covid-19.

27/07/2020 16.16
Regione Toscana


 
 


Vai al contenuto