Login

MET


Comune di Fucecchio
Crescono ancora i contagi a Fucecchio ma oggi è partita la campagna di vaccinazione all'ospedale San Pietro Igneo
Dai 44 della scorsa settimana si è passati ai 62 degli ultimi 7 giorni. Il sindaco ai cittadini: "Non diamo ascolto alle fake news, vacciniamoci"
La crescita dei casi di positività al Covid è costante a Fucecchio: 21 l'ultima settimana di gennaio, 44 la prima di febbraio, 62 quella chiusa con la rilevazione di ieri. Un salto triplo che preoccupa non poco e che certifica una situazione in linea con i dati regionali in costante peggioramento. Fucecchio, così come i comuni dell'Empolese Valdelsa e del Valdarno Inferiore, non fa eccezione. L'auspicio è che l'istituzione della zona arancione in Toscana, a partire da oggi, freni questa crescita prima che la pressione sugli ospedali possa tornare ad essere eccessiva. Il sindaco Alessio Spinelli, anche nel ruolo di presidente della Società della Salute Empolese Valdarno Valdelsa, predica prudenza e massima attenzione. "Febbraio e marzo un anno fa furono i mesi dell'esplosione del contagio. Il virus ci prese in contropiede, cogliendoci impreparati, oggi invece sappiamo molto bene cosa fare per difenderci: mantenere la distanza interpersonale, indossare sempre la mascherina, igienizzare frequentemente le mani.
Dopo l'avvio all'ospedale di Empoli di giovedì scorso, questa mattina è iniziata la vaccinazione anche a Fucecchio e Castelfiorentino. Insegnanti, personale scolastico, forze dell'ordine, polizia penitenziaria: queste le categorie chiamate alla vaccinazione. All'ospedale di Fucecchio sono state 50 le persone che oggi hanno ricevuto la prima dose del vaccino Astrazeneca. La seconda dose verrà somministrata dopo 84 giorni. La prima cittadina ad essere stat vaccinata è stata un'insegnante di 36 anni.
A seguire le operazioni questa mattina all'ospedale San Pietro Igneo c'era anche il sindaco Alessio Spinelli. "Finalmente - ha detto - mettiamo in campo l'unica arma che abbiamo oggi contro il Covid: il vaccino. Invito tutte le persone che rientrano nella categorie che possono essere vaccinate a non avere indugi e a prenotarsi. Dobbiamo vaccinare più persone possibile, per uscire da questa situazione sanitaria a oggi non ci sono altre strade. Ai cittadini dico di non stare ad ascoltare negazionisti e apprendisti stregoni ma di seguire con fiducia le direttive della scienza. Abbiamo già sconfitto molte malattie gravi grazie ai vaccini, adesso dobbiamo battere il Covid".

14/02/2021 17.08
Comune di Fucecchio


 
 


Vai al contenuto