Login

MET


Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa
In oltre 60 alla camminata fra Empoli, Montelupo e Limite. Fabio Barsottini: “Così si costruisce la città sulle due rive”
Dopo il primo tratto fra Cerreto Guidi e Vinci nuova iniziativa ieri all’interno del percorso di partecipazione “Due rive per un piano”, dedicato alla redazione del Piano Strutturale Intercomunale. Nelle prossime settimane Ufficio di Piano Mobile nelle piazze dei cinque Comuni

Grande partecipazione ieri mattina, sabato 25 settembre, al secondo appuntamento di trekking agro-urbano previsto da “Due rive per un Piano”, il percorso di partecipazione pensato per coinvolgere la cittadinanza dei Comuni di Capraia e Limite, Cerreto Guidi, Empoli, Montelupo Fiorentino e Vinci nella fase di redazione del Piano Strutturale Intercomunale, lo strumento urbanistico che governerà le trasformazioni del territorio dei cinque comuni nei prossimi anni.

Alla partenza, fissata nel parco urbano di Serravalle di Empoli, si sono dati appuntamento più di 60 cittadine e cittadini desiderosi di dare il proprio contributo e al tempo stesso di scoprire le caratteristiche del territorio ma anche gli obiettivi e gli interventi che le amministrazioni si sono date per i prossimi anni.

«Così si costruisce la città sulle due rive – ha detto il vicesindaco di Empoli Fabio Barsottini, presente alla camminata –. Una splendida giornata e una grande occasione di partecipazione per il futuro di tutta l’area Empolese. Attraverso il Piano Strutturale Intercomunale ci daremo nuovi obiettivi di sviluppo mettendo insieme i comuni di Empoli, Vinci, Cerreto Guidi, Capraia e Limite e Montelupo Fiorentino. Questa è l’occasione per decidere e costruire il territorio che vivremo nei prossimi anni. Andiamo avanti e scriviamo insieme il futuro. La partecipazione continua. Tutto questo, infatti, vogliamo farlo insieme ai cittadini. Decidere cosa conservare e cosa invece sviluppare per rendere il nostro territorio l’area più vivibile della Toscana».

Durante il percorso è stato possibile conoscere più approfonditamente e confrontarsi con i tecnici comunali in merito alla realizzazione della strada di collegamento tra la ss.67 e la zona di Serravalle, o ancora del ponte che collegherà Fibbiana a Capraia e Limite, ma anche di scoprire l’importanza strategica della cassa di espansione sede del golf club di Montelupo - una soluzione efficace che ne garantisce la manutenzione e dunque l’effettivo utilizzo qualora si rendesse necessaria.

Il percorso si è poi soffermato in due aree che qualificano il patrimonio ambientale del territorio: l’Oasi di Arnovecchio - testimonianza delle trasformazioni conosciute nel corso dei secoli e importante risorsa ambientale grazie ad un intervento di rinaturalizzazione ad opera dell’uomo (oggi affidata alla gestione del Centro Ricerca Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio), e le rive dell’Arno in località Tinaia, dove i partecipanti hanno potuto attraversare il corso del fiume a bordo della “nave” messa a disposizione dalla Società Canottieri Limite, potendo così guardare al fiume da un punto di vista insolito e “interno” a questa grande arteria naturale che attraversa il territorio dei cinque comuni.

Non sono mancati gli spunti, le domande ma soprattutto le sollecitazioni da parte dei partecipanti in merito ai diversi argomenti affrontati durante la camminata: i risultati saranno raccolti all’interno di un report che verrà consegnato alle amministrazioni e ai loro tecnici impegnati nella redazione del Piano.

Si è conclusa così la seconda fase del percorso di partecipazione, che però proseguirà con altre attività rivolte alla cittadinanza: il primo appuntamento sarà nel mese di ottobre, con l’uscita nelle piazze dei cinque comuni dell’Ufficio di Piano Mobile, un'altra soluzione per portare il processo di pianificazione fuori dagli uffici comunali, ascoltare e coinvolgere la cittadinanza nella costruzione di questo importante strumento di governo del territorio (le date degli appuntamenti verranno presto indicate sul sito dedicato al Piano).

26/09/2021 13.28
Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa


 
 


Met -Vai al contenuto