Login

MET


Regione Toscana
“Mai più fascismi”, Giani: “La piazza di oggi presidio di democrazia e libertà”
L’assessora al lavoro e alla cultura della memoria Alessandra Nardini in piazza San Giovanni col Gonfalone della Toscana. Con il gonfalone anche il sindaco di Firenze Dario Nardella e altri sindaci della Città Metropolitana
“La piazza piena di oggi è un messaggio chiaro: la libertà, la Costituzione sono i valori fondanti della nostra democrazia, che tutti noi dobbiamo e vogliamo difendere con forza. E dalla Toscana, da sempre terra di diritti, in prima linea nella difesa delle diseguaglianze voglio che arrivi forte e chiaro il messaggio che questa è la parte giusta dalla quale dobbiamo stare.

Ancora una volta una voglio ribadire che nei confronti di tutti i movimenti politici che praticano il fascismo dobbiamo essere duri e far rispettare la Costituzione che ne prevede lo scioglimento. La piazza di oggi così piena e così viva è un presidio di democrazia, una democrazia che con fatica il nostro Paese ha conquistato sconfiggendo il fascismo”.

Così il presidente della Regione Eugenio Giani commentando la manifestazione “Mai più fascismi”organizzata da Cgil, Cisl e Uil in corso ora a Roma e alla quale partecipa in rappresentanza della Regione l’assessora al lavoro e alla cultura della memoria Alessandra Nardini che stamani è in piazza San Giovanni col Gonfalone della Toscana. Presente anche l’assessora Serena Spinelli e il consigliere per lavoro e crisi aziendali del presidente Giani, Valerio Fabiani

“Siamo in tantissimi – ha aggiunto Alessandra Nardini- c’è tantissmo popolo qui oggi perché le aggressioni e le intimidazioni non fermano la libertà e la democrazia. I sindacati – ha ribadito Nardini- svolgono un ruolo fondamentale per la nostra democrazia e per i diriutti delle lavoratrici e dei lavoratori e quindi vanno respinte con chiarezza e fermezza. E’ un onore per me oggi poter rappresentare la Toscana che ha proiprio nel Gonfalone il Pegaso alato che fu del Comitato Toscanao di Liberazione nazionale: la Toscana affonda le prroprie radini nei valori dell' antifascismo e della Resistenza. Diciamo forte e chiaro no ai rigurgiti e alla violenza Nel nostro Paese e in Toscana non c’è spazio per chi si rifà al periodo più buio della storia. I muovimenti neofascisti e neonazisti vanno sciolti ”

Arrivo dei manifestanti in Piazza San Giovanni, fotoAntonio Morelli

16/10/2021 15.13
Regione Toscana


 
 


Met -Vai al contenuto