Login

MET


Redazione di Met
Sant'Egidio, per un mondo senza la pena di morte
Il 30 novembre, grande mobilitazione per la giornata “Città per la Vita”: webinar internazionale, collegamento Firenze-Ohio, iniziative nella Città del Fiore
Domani, martedì 30 novembre alle ore 17.30, si terrà sul sito www.santegidio.org il webinar internazionale “No Justice without Life”, evento promosso da Sant’Egidio in collaborazione con numerose associazioni che si battono per l’abolizione della pena di morte.
Interverranno rappresentanti delle istituzioni, esperti, attivisti e testimoni della società civile da Africa, Asia, Europa e Nord America, come il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, il premio Nobel per la Pace Tawakkol Karman, l’ex ministro della giustizia del Burkina Faso Bessolé René Bagoro, Mario Marazziti, coordinatore della campagna internazionale contro la pena di morte della Comunità di Sant’Egidio, e l’attivista statunitenese Sister Helen Prejean.

Si terrà anche un incontro a Sollicciano, con rappresentanti religiosi e la testimonianza video del Rev. Sullivan. La Comunità di Sant'Egidio di Firenze interverrà a un incontro degli attivisti dell'Ohio, impegnati nell'ultimo miglio per l'abolizione della pena di morte nel loro Paese. Chiesta una lettera di sostegno al Sindaco di Firenze Dario Nardella e al Presidente della Regione Eugenio Giani che sarà trasmessa alla Camera dei Rappresentanti e ai Senatori dell'Ohio.

In questa stessa giornata nella preghiera della Comunità di Sant'Egidio saranno ricordati tutti i corrispondenti nei bracci della morte, si chiederà la salvezza di tutti i condannati e la vicinanza verso ogni vittima. Anche alcune comunità religiose e parrocchie si associeranno a questa preghiera durante la Messa o in altri momenti di preghiera.

Il webinar che si terrà il 30 novembre alle 17.30 potrà essere seguito su https://us06web.zoom.us/webinar/register/8516377898834/WN_f7OH9cblTlKkqLqJgckeOQ

L'intervento di Firenze per l'Ohio su: https://youtu.be/ryCVH_BXyA0


In contemporanea si svolgeranno manifestazioni ed eventi in numerose città di 70 Paesi del mondo, per lanciare un forte messaggio in difesa della vita e dei diritti umani nel giorno in cui, nel 1786, venne abolita per la prima volta la pena capitale da uno Stato, il Granducato di Toscana. Sono attualmente oltre 2.400 le “Città per la vita” che aderito alla campagna per l’abolizione della pena capitale.


In occasione della Giornata mondiale contro la pena di morte “Città per la vita” esce anche il libro edito da Ianieri “La seconda lettera. Corrispondenza con un condannato a morte” di Laura Bellotti. "In questo ultimo quarto di secolo 15.384 volte la Comunità di Sant’Egidio, direttamente e con l’aiuto di tanti, ha favorito l’incontro con un condannato a morte. […] Chi scrive? Anche giovanissimi, quindicenni, studenti e classi intere che scoprono già da teenager un mondo complesso, meno in bianco e nero. È l’empatia. Studenti universitari, ma anche famiglie in cui genitori e figli leggono e scrivono insieme le lettere. E diventa come un’adozione a distanza, un pezzo di famiglia che sta in un punto oscuro del mondo" (dalla prefazione di Mario Marazziti, della Comunità di Sant'Egidio).

Solo nell'ultimo anno sono oltre 2500 le richieste che la Comunità di Sant'Egidio ha ricevuto; quella che “La seconda lettera” racconta è la storia di una di una di queste corrispondenze.

Tutto ha inizio quando la figlia dell'autrice le invia un link raccomandandole però di non sentirsi obbligata ad accettare. Incuriosita, clicca e si apre la pagina “Scrivere ad un condannato a morte” del sito della Comunità di Sant’Egidio. Laura Bellotti accetta la proposta e le viene assegnato un nome e un indirizzo postale.

Era il dicembre del 2012, la sua vita e la sua quotidianità da quel giorno sono cambiate.

Qui il link al progetto:

https://www.santegidio.org/pageID/30212/langID/it/SCRIVI-A-UN-CONDANNATO-A-MORTE.html

Per maggiori informazioni www.santegidio.org/30nov2021

29/11/2021 17.40
Redazione di Met


 
 


Met -Vai al contenuto