Login

MET


Arcidiocesi di Firenze
Il Card. Betori ha incontrato il segretario della Lega Musulmana Mondiale, Muhammad Bin Abdul Karim Al Issa
Alla visita hanno partecipato anche il vicario generale della diocesi, mons. Andrea Bellandi, il rabbino Joseph Levi e l’imam Izzeddin Elzir responsabili della “Scuola Fiorentina di Alta Formazione per il Dialogo Interreligioso ed Interculturale”
L'Arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori ha incontrato oggi pomeriggio in Arcivescovado il segretario della Lega Musulmana Mondiale, Muhammad Bin Abdul Karim Al Issa accompagnato da una delegazione. Alla visita hanno partecipato anche il vicario generale della diocesi, mons. Andrea Bellandi, il rabbino Joseph Levi e l’imam Izzeddin Elzir responsabili della “Scuola Fiorentina di Alta Formazione per il Dialogo Interreligioso ed Interculturale”.

"Il dialogo è lo strumento più importante per arrivare alla pace nel mondo - ha detto il card. Betori. Il nostro compito, incontri e gesti come quello di oggi dimostrano che le religioni possono essere elemento di unione e fraternità fra i popoli e non di divisione. E proprio per aiutare e sostenere su questa strada chi ha responsabilità di governo, politica, e civile è nata a Firenze la scuola di educazione al dialogo interreligioso.

Il nostro incontro - ha spiegato ancora il card. Betori - avviene nel giorno del patrono della città San Giovanni Battista, un ebreo, considerato un grande profeta anche dalla religione islamica. Questo ci ricorda che molto ci unisce anche nella storia delle nostre religioni e la scuola per il dialogo interreligioso servirà a mostrare anche queste radici comuni. A Firenze - ha concluso il cardinale - abbiamo una particolare responsabilità: nel secolo scorso il sindaco Giorgio La Pira è stato promotore di dialogo fra Paesi e religioni una eredità pesante quindi, ma che ci onora e ci incoraggia su questo cammino".?

l Card. Betori ha incontrato il segretario della Lega Musulmana Mondiale, Muhammad Bin Abdul Karim Al Issa (Fonte foto DiocesiFirenze)

24/06/2018 20.50
Arcidiocesi di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto