Login

MET

Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Maggio Musicale Fiorentino. 250 anni dalla nascita di Ludwig Van Beethoven. Zubin Mehta dirige il ciclo integrale delle nuove sinfonie
Dal 28 ottobre al 5 dicembre Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino celebra i 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven con il ciclo integrale delle nove sinfonie. Per festeggiare alla grande il titano della musica, il Maestro Zubin Mehta, direttore onorario a vita del Maggio, dirigerà l’Orchestra e il Coro del Maggio in cinque imperdibili appuntamenti (più uno: contando la doppia esecuzione della Sinfonia n.9 alle ore 15 del 5 dicembre) programmati a partire dal 28 ottobre da ottobre fino al 5 dicembre 2020.

Composte nell’arco di venticinque anni (dal 1799 al 1824), le nove sinfonie di Ludwig van Beethoven rappresentano una pietra miliare della letteratura musicale di tutti i tempi. Fin dalla prima prova in campo sinfonico Beethoven dimostrò di voler seguire una strada che lo avrebbe condotto verso nuovi orizzonti. La sinfonia, nata mezzo secolo prima come genere di puro diletto sonoro, nelle sue mani si sarebbe trasformata nel mezzo di comunicazione privilegiato delle istanze poetiche e spirituali del musicista. È musica che parla all’umanità intera quella delle nove sinfonie di Beethoven, un monumento sonoro eretto a imperitura memoria con cui dovranno confrontarsi tanto i compositori quanto gli ascoltatori delle epoche successive.

Il maestro Zubin Mehta dà avvio al “Ciclo Beethoven” mercoledì 28 ottobre con Leonore n.3 ouverture in do maggiore op.72 a, per proseguire con la Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36, pagina animata da energia palpitante che riassume abilmente elementi del passato e del futuro per chiudere con la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92, apoteosi del ritmo da cui prendono forma incisi tematici come nel suggestivo Allegretto.

Spazio al Beethoven titanico per eccellenza venerdì 31 ottobre: in programma la Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 ‘Eroica’, grandioso cimento creativo nonché emblema di un Beethoven fieramente consapevole della propria arte, e la Sinfonia n. 5 in do minore op. 67, il cui incipit, il più celebre della storia della musica, è stato associato all’immagine del destino che batte alla porta innescando quel bellicoso confronto tematico che caratterizza i movimenti di quest’opera.

Martedì 3 novembre, apre il concerto l’esecuzione della Kammersymphonie in mi maggiore op. 9 di Arnold Schönberg e prosegue con la Sinfonia n. 1 in do maggiore op. 21, primo frutto sinfonico del giovane Beethoven che già reca alcuni dei segni caratteristici del suo futuro linguaggio e poi chiude con la Sinfonia n. 4 in si bemolle maggiore op. 60, nata all’ombra della Terza e della Quinta e definita da Schumann, per i suoi tratti volutamente antitetici, “una slanciata ragazza greca fra due giganti nordici”.

Il ciclo continua mercoledì 25 novembre con la Sinfonia n. 2 in si bemolle maggiore D. 125 di Franz Schubert e i Cinque Pezzi per orchestra op. 16 di Schönberg, seguiti dalla Sinfonia n. 6 in fa maggiore op. 68 ‘Pastorale’, partitura di idilliaca bellezza in cui si mescolano sensazioni e ricordi di vita campestre tanto cari a Beethoven.

L’ultima tappa del ciclo Beethoven è fissata sabato 5 dicembre con un doppio appuntamento (alle 15 e alle 20). In programma alle ore 20 la Sinfonia n. 8 in fa maggiore op. 93, definita dallo stesso autore ’piccola sinfonia’ per le dimensioni ridotte e la leggerezza di spirito, e la monumentale Nona (quest’ultima eseguita anche alle ore 15, fuori abbonamento). Ultima figlia in campo sinfonico, la Sinfonia n. 9 in re minore op. 125 compendia tutte le conquiste musicali maturate negli anni da Beethoven: dalla libertà di forma - con quell’ultimo movimento in cui per la prima volta nella cornice sinfonica la musica strumentale cede il passo alla voce umana - all’uso della variazione e del contrappunto, dalle affinità tematiche che si rincorrono di movimento in movimento dando un senso di ciclicità e unitarietà alla composizione, fino al messaggio intimo e profondo racchiuso tra i pentagrammi di un’opera suprema. I solisti impegnati con il Coro - diretto da Lorenzo Fratini - e l’Orchestra nell’esecuzione, saranno il soprano Genia Kühmeier, il mezzosoprano Marie-Claude Chappuis, il tenore Michael König e il basso Franz-Joseph Selig. Tra le due sinfonie beethoveniane una prima esecuzione assoluta: Prometeo o il tacere per coro e orchestra, una commissione del Maggio Musicale Fiorentino a Salvatore Sciarrino.
22/10/2020 14.53 Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
Camera di Commercio di Firenze Camera di Commercio. Import-export: procedure più snelle
Firmato protocollo d’intesa tra l’Agenzia Dogane e Monopoli e PromoFirenze Una semplificazione delle procedure operative che regolano i flussi internazionali delle merci. Questo l’obiettivo dell’intesa raggiunta dall’Agenzia Dogane e Monopoli e PromoFirenze, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Firenze. L’accordo è stato firmato oggi dal direttore territoriale Dogane e Monopoli per Toscana, Sardegna e Umbria, Roberto Chiara, e dal direttore vicario di PromoFirenze, Mario Casabianca.

L’iniziativa s’inserisce nel quadro del sistema di relazioni che l’Agenzia Dogane e Monopoli ha da tempo instaurato con il mondo imprenditoriale e nell’azione di accompagnamento alle aziende che operano con l’estero portata avanti da PromoFirenze, e permetterà di realizzare eventi formativi e informativi, nonché workshop periodici rivolti alle imprese, per favorire la massima diffusione del quadro di riferimento, degli adempimenti e delle innovazioni che intervengono nella normativa e nella prassi doganale e delle accise.

“La sottoscrizione del Protocollo – ha commentato Roberto Chiara – testimonia l’alto grado raggiunto dalla Direzione Territoriale VI – Toscana, Sardegna e Umbria nel perseguire sinergie istituzionali e assicurare sul territorio una piena ed efficace presenza dell’Agenzia Dogane e Monopoli”.

“Semplificare le procedure e informare sempre meglio le imprese che lavorano con l’estero significa aiutare la ripresa delle esportazioni, principale motore della nostra economia, a sostegno del quale come azienda speciale della Camera abbiamo varato il progetto ExportHub Firenze” - sottolinea Mario Casabianca.

Per informazioni sull’operatività del protocollo e sull’assistenza alle imprese, è possibile contattare l’ufficio di PromoFirenze scrivendo a exporthub@promofirenze.it.
22/10/2020 13.06 Camera di Commercio di Firenze
Regione Toscana Il presidente Giani ha deciso le deleghe della nuova giunta regionale
Le ha annunciate in occasione della presentazione della nuova squadra di governo, avvenuta a Firenze nel contesto della Villa Medicea di Careggi Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha stabilito la ripartizione delle deleghe tra i componenti della nuova Giunta Regionale. Le ha annunciate in occasione della presentazione della nuova squadra di governo, avvenuta a Firenze nel contesto della Villa Medicea di Careggi.

Lui stesso si occuperà in prima persona del bilancio, del personale, della cultura, dell’informazione, delle politiche per il mare, delle terme e dello sport.

Questo l’elenco completo delle attribuzioni che ha deciso di gestire direttamente. Si tratta dei rapporti con il Governo, con le istituzioni europee e con il Consiglio regionale, della partecipazione ai lavori delle conferenze dei Presidenti delle Regioni, alla Stato-Regioni e a quella Unificata, della programmazione e attuazione delle politiche regionali di coesione, di informazione e comunicazione istituzionale, di concertazione, del coordinamento dei progetti speciali (Giovanisì, progetto lavoro sicuro, progetto per lo sviluppo sostenibile dell’attività estrattiva nel distretto Apuo-Versiliese, progetto sicurezza nel porto di Livorno etc), della programmazione e del patrimonio regionali, del bilancio, dell’organizzazione e del personale, delle politiche culturali, dello sport, delle politiche per il mare, delle aree di crisi complessa (Piombino e Livorno), delle terme e di ogni altro incarico non attribuito agli altri componenti della Giunta.

La delega di vicepresidente è assegnata a Stefania Saccardi, nuova assessora all’agro-alimentare, alla caccia e alla pesca. A lei vanno le deleghe all’agricoltura, con il sostegno alle imprese e alle produzioni agricole e zootecniche, lo sviluppo rurale, le foreste, la caccia, pesca e agriturismo e le politiche per la montagna, Toscana diffusa: aree interne.

Stefano Baccelli è il nuovo assessore alle infrastrutture, trasporti e al governo del territorio. A lui vanno infatti le infrastrutture per la mobilità, la logistica, la viabilità e i trasporti, i rapporti con le società nazionali che operano nei settori della mobilità e dei trasporti, l’urbanistica e la pianificazione, il governo del territorio, la programmazione e il coordinamento per gli interventi di tutela e valorizzazione del paesaggio, la cartografia.

Il nuovo assessore alla sanità e alla salute è Simone Bezzini. Le sue deleghe riguardano la programmazione del Servizio Sanitario Regionale, l’organizzazione del SSR, la gestione e il monitoraggio del SSR, il diritto alla salute, le politiche per la promozione della salute, la prevenzione, la cura e la riabilitazione.

Stefano Ciuoffo è il nuovo assessore alla semplificazione, all’informatica, ai rapporti con gli enti locali e alla sicurezza. In particolare si occuperà di sistemi informativi e e-government, connettività per una Toscana diffusa, appalti e attività contrattuale, semplificazione, privacy, politiche istituzionali, politiche in favore degli enti locali, rapporti con gli enti locali, immigrazione, politiche per la sicurezza e cultura della legalità, partecipazione, coordinamento delle partecipazioni regionali sulle tematiche economico finanziarie.

Leonardo Marras è il nuovo assessore con deleghe all’Economia, alle attività produttive, alle politiche del credito e al turismo. In particolare seguirà le politiche di sostegno economico a artigianato, Piccola e Media Impresa e industria, la promozione ed internazionalizzazione del sistema produttivo, l’imprenditoria giovanile e quella femminile, le politiche del credito, il turismo e l’industria alberghiera, il commercio, fiere e mercati.

Monia Monni è la nuova assessora all’ambiente, all’economia circolare, alla difesa del suolo, ai lavori pubblici e alla Protezione Civile. La declaratoria che la riguarda prevede un lungo elenco di attribuzioni. Si tratta di transizione ecologica e sviluppo sostenibile, ciclo dei rifiuti, economia circolare, efficienza energetica e promozione delle fonti rinnovabili, contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici, tutela dell’ambiente dall’inquinamento, bonifiche dei siti inquinati, parchi, aree protette e biodiversità, valutazione di impatto ambientale e valutazione ambientale strategica, autorizzazioni ambientali e energetiche, prevenzione del rischio sismico, difesa del suolo e servizio idrico integrato, servizio geologico, idrologico e politiche per contrastare l’erosione costiera, sicurezza delle miniere, protezione civile.

Alessandra Nardini, in qualità di nuovo assessore all’istruzione, formazione professionale, università e ricerca, impiego, relazioni internazionali e politiche di genere, curerà i rapporti con Università e centri di ricerca, la promozione e la ricerca scientifica, le politiche per l’alta formazione e per il Diritto allo Studio Universitario, l’innovazione e il trasferimento tecnologico, l’ istruzione, la formazione professionale, i centri per l’impiego, le crisi aziendali, le attività internazionali, la cultura della memoria, le iniziative contro la pena di morte e la promozione diritti umani, la tutela dei consumatori e degli utenti, l’attuazione della LR 63 del 2004 (contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere), le pari opportunità e le azioni positive, il progetto ATI (un piano specifico per le donne).

Serena Spinelli è la nuova assessora alle politiche sociali, all’edilizia residenziale pubblica e alla cooperazione internazionale. E’ chiamata ad occuparsi in particolare delle iniziative per il welfare regionale, delle marginalità sociali, del servizio civile regionale, dell’integrazione socio-sanitaria, terzo settore, delle politiche regionali per le questioni carcerarie, dell’edilizia residenziale pubblica e delle politiche per fronteggiare l’emergenza abitativa e gli sfratti e della cooperazione internazionale.
22/10/2020 17.25 Regione Toscana
Anci Toscana AnciToscana. Giunta regionale, l'augurio di buon lavoro del presidente Biffoni
L'intervento del presidente di AnciToscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni alla giunta della Regione Toscana presentata oggi a Firenze "Alla nuova giunta regionale, a nome dei sindaci toscani, voglio fare i migliori auguri per il lavoro che li attende nei prossimi cinque anni. Un lavoro che sono certo condivideremo, in un percorso già iniziato con il presidente Giani, consapevoli che solo collaborando potremo fare il meglio per le nostre comunità". Questo l'augurio del presidente di AnciToscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni alla giunta della Regione Toscana presentata oggi a Firenze.
22/10/2020 15.27 Anci Toscana
Comune di Sesto Fiorentino Sesto Fiorentino. Nomine museo Ginori, la soddisfazione del sindaco Falchi. Montanari: “La fabbrica della bellezza ritroverà il suo popolo”
Nominati mercoledì 21 ottobre con la firma del decreto da parte del ministro Dario Franceschini i membri del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Archivio Museo Richard Ginori della manifattura di Doccia, cui spetterà la gestione del museo La presidenza è stata attribuita allo storico dell’arte Tomaso Montanari. Su indicazione della Regione Toscana è stato nominato consigliere Maurizio Toccafondi, mentre Gianni Pozzi siederà nell’organo per il Comune di Sesto Fiorentino. Il Ministero ha indicato inoltre Stefano Casciu, direttore del Polo museale toscano, e Nicoletta Maraschio.
Il professor Montanari ha presentato le dimissioni da consigliere speciale del sindaco di Sesto Fiorentino per le politiche culturali.

“È una notizia bellissima e a lungo attesa da tutta la nostra città - commenta il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi - Con la nomina e l’insediamento del CdA il percorso verso la riapertura del Museo di Doccia inizia finalmente a muovere i primi passi operativi. Sono molto soddisfatto della scelta di Tomaso Montanari che, oltre rappresentare un profilo di altissimo livello sul piano delle competenze, in questi anni si è speso in prima persona affinché il nodo della Ginori e del suo museo venisse sciolto. Ho preso atto delle sue dimissioni da consigliere speciale e lo ringrazio per il lavoro svolto fino ad oggi per la nostra città”.

“Ho accolto con sorpresa, ma anche con entusiasmo, l’inaspettata decisione del ministro Dario Franceschini di propormi la presidenza della Fondazione Ginori: un impegno, a titolo gratuito, che interpreto come un servizio alla comunità, e alle istituzioni - afferma Montanari - Lo ringrazio per la fiducia, così come ringrazio il sindaco di Sesto Lorenzo Falchi, l’assessore uscente alla Cultura della Regione Toscana Monica Barni, e il neopresidente Eugenio Giani per l’immediato consenso sul mio nome. E saluto gli altri membri del cda: Stefano Casciu, Nicoletta Maraschio, Gianni Pozzi e Maurizio Toccafondi, con i quali inizia un impegnativo lavoro comune”.
“Il Museo Ginori - dice ancora Montanari - è una sfida straordinaria: per il territorio della Piana, per il futuro di questa strepitosa storia culturale e sociale, per costruire un’altra idea di museo e di patrimonio. Un continuo confronto con i cittadini, con le amministrazioni e con le forze sociali e produttive del territorio sarà la condizione essenziale per ogni passo della Fondazione. I lavori all’edificio museale e la messa in sicurezza delle collezioni, la definizione del contesto urbanistico e la scelta del direttore sono i primi, ineludibili appuntamenti”.
“Questa grande storia popolare ed operaia - prosegue - riesce a tenere insieme le idee imprenditoriali del marchese Carlo Ginori e la scultura barocca toscana, i discorsi di don Milani sullo sciopero e le creazioni di Giò Ponti, la nascita del Mutuo Soccorso e le devastazioni della globalizzazione: il museo deve essere capace di raccontare questo intreccio continuo di arte e di lavoro, in una casa comune aperta alla comunità di Sesto, e a tutti. La fabbrica della bellezza ­– questo è il mio impegno – ritroverà il suo popolo”.
22/10/2020 14.08 Comune di Sesto Fiorentino
Comune di Firenze Casa protetta, tornano i contributi per l’installazione di sistemi di sicurezza
Stanziati 150mila euro, domande al via da oggi, 22 ottobre. Gianassi e Vannucci: “Rilanciamo il contributo per rendere più sicure le abitazioni” Tornano i contributi per l’installazione di sistemi di sicurezza nelle abitazioni. Il progetto “Casa protetta” è stato infatti riattivato anche per l’anno 2020 ed è finalizzato ad erogare contributi ai cittadini per la protezione delle abitazioni private da furti e intrusioni. Una decisione presa dall’assessore al bilancio Federico Gianassi e dall’assessore alla sicurezza Andrea Vannucci che hanno deciso di riproporre la possibilità per i cittadini di ottenere un sostegno agli investimenti in sistemi di sicurezza passiva nelle proprie abitazioni. Con la delibera di giunta sono stati stanziati 150mila euro.

A partire da oggi e fino alle ore 12 del 15 dicembre, o fino all’esaurimento delle risorse stanziate se antecedente al 15 dicembre, possono essere presentate le domande di contributo al link https://servizi.comune.fi.it/servizi/scheda-servizio/casa-protetta-contributi-per-la-messa-in-sicurezza-delle-abitazioni-private pubblicato sulla rete civica del Comune di Firenze.

“Rilanciamo Casa Protetta per le famiglie che fanno interventi di messa in protezione delle proprie case. Andò molto bene lo scorso anno e 166 famiglie hanno ottenuto il contributo comunale per rendere più sicura la casa. Continuiamo come Amministrazione a investire in questa direzione - hanno detto Vannucci e Gianassi -. Una iniziativa che si inserisce nel quadro più ampio delle varie azioni che la nostra amministrazione ha adottato per la sicurezza dei cittadini e che mira a sostenere le iniziative autonome delle famiglie fiorentine per proteggere le proprie case”.

Alla riattivazione dell’iniziativa sono stati destinati 150mila euro, avendo ottenuto nel bando dello scorso anno un buon riscontro con 207 domande presentate nel 2019 e 166 accolte (la maggioranza delle richieste sono arrivata dal Quartiere 5 – 49 domande - e dal Quartiere 4 – 35 domande) e la maggioranza dei fondi sono stati usati per installare portoncini e serrande blindate o per installare sistemi di antifurto.

Fra le novità introdotte rispetto ai bandi precedenti c’è la possibilità di ammettere le spese dell’anno 2020, e che saranno ammesse (con riserva) anche quelle domande per interventi che non sono ancora conclusi al momento della scadenza del bando.

Fra i requisiti di accesso serve la residenza nel Comune di Firenze, che siano proprietari o locatari, comodatari, titolari di usufrutto o diritto di abitazione sull’unità immobiliare in cui è realizzato l’intervento; il valore Isee non dovrà essere superiore a 48mila euro, mentre la composizione del nucleo familiare dovrà rientrare in una delle seguenti tipologie: presenza all’interno del nucleo familiare residente di persona che compirà i 70 anni di età entro il 31 dicembre 2020 o che abbia età superiore; presenza di almeno un figlio minorenne, presenza all’interno del nucleo familiare residente di persona diversamente abile con disabilità riconosciuta pari o superiore al 75%; persone che vivono da sole e che quindi costituiscono un nucleo familiare individuale.

Gli interventi ammessi a contributo riguardano l’installazione di sistemi di sicurezza ‘passivi’ delle abitazioni, in particolare: porte blindate o rinforzate, rilevatori di apertura ed effrazione sui serramenti, tapparelle metalliche con bloccaggi, vetri antisfondamento, casseforti a muro, fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati, apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline; ma anche il rafforzamento, la sostituzione o l’installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici; saracinesche, grate sulle finestre, serrature, lucchetti, catenacci e spioncini.

La richiesta dovrà essere presentata attraverso il servizio on line dedicato sulla Rete civica, al quale sarà possibile accedere attraverso le credenziali del Sistema pubblico di identità digitale (Spid), carta di identità elettronica, carta nazionale dei servizi o, per chi ne è già in possesso, con le credenziali di accesso ai servizi on line del Comune. Alla richiesta dovranno essere allegati: copia fattura o ricevuta fiscale”parlante”; copia del bonifico attestante l’avvenuto pagamento; documentazione fotografica della situazione prima dell’intervento e dopo l’intervento. I pagamenti dovranno essere effettuati con bonifico cosiddetto ‘parlante’ o ordinario dal quale risultino evidenti la causale del versamento, codice fiscale di chi effettua il pagamento, codice fiscale/partita Iva del beneficiario del pagamento. Il contributo sarà erogato nella misura del 50% delle spese ammissibili, comprensive di Iva, e comunque non oltre l’importo massimo di 1.500 euro. (sp)
22/10/2020 15.49 Comune di Firenze
Comune di Firenze Innovazione, attualità e sperimentazione alla 7a edizione del Firenze Film Corti Festival
Inaugurazione martedì 27 ottobre a MAD - Murate Art District con l'anteprima assoluta de “Il Gioco”il nuovo film corto dell'attore e regista Alessandro Haber, che sarà presente al Festival In programma 35 cortometraggi provenienti da 17 paesi diversi.
Incontri, proiezioni, eventi speciali nel pieno rispetto delle norme anti-contagio.

Tra gli ospiti anche Giacomo Campiotti, regista della serie cult "Braccialetti Rossi"
Insieme a lui le registe Wilma Labate ed Elisabetta Pandimiglio, il produttore Gianluca Arcopinto e i registi Jesus Garces Lambert e Giovanni Guidelli

Innovazione, attualità e sperimentazione. Sono questi i temi principali della 7a edizione del Firenze Film Corti Festival, in programma a Firenze dal 27 al 30 ottobre a MAD - Murate Art District e alla Limonaia di Villa Strozzi.
La direzione artistica della rassegna fiorentina dedicata all'universo del cortometraggio è affidata alla regista Teresa Paoli. Quest'anno il FFCF porta in concorso 35 film provenienti da 17 differenti paesi e oltre 32 sceneggiature in inglese e in italiano. A tutto ciò si aggiungono incontri con ospiti, proiezioni ed eventi speciali, nel pieno rispetto delle norme anti-contagio.
Ospite d'eccezione per l'inaurazione del Festival prevista per martedì 27 ottobre a MAD - Murate Art District, sarà Alessandro Haber, che presenterà in anteprima nazionale “Il Gioco”. Haber, attore e regista, è un grande appassionato dello short cinema ed ha partecipato alla realizzazione, come attore e/o come regista a ben 18 film corti, uno dei quali è stato già in programmazione in una precedente edizione del FFCF.

In questa settima edizione in programma corti che spaziano dall'innovazione alla sperimentazione di linguaggio, dalla rivisitazione dei classici in chiave moderna (“To her” di Iacopo Ardolino) alla cura dell'immagine e ai silenzi dei volti e degli sguardi come istantanee pittoriche che prendono il sopravvento con la comunicazione visiva sul parlato (“Soffio” di Nicola Rangone), fino al tema della comprensione non verbale (“Deaf love” di Michele Bertini Malgarini).
E poi: l'animazione sperimentale (“La Giostra” di Nina Giulio Berruti), i temi dell'infanzia (“Delitto naturale” di Valentina Bertuzzi), la denuncia politica integrata alla comunicazione delle arti figurative (“Umbrella Dance For Hong Kong” di WONG King Fai), la mancanza e la perdita degli affetti (“Tono menor” di Ivan Sainz Pardo), i temi psicologici che lasciano spazio a percorsi personali e interiori (“Il quadro alle tue spalle di Frida Bruno” e “Il primo giorno di Matilde” di Rosario Capozzolo), l'evasione e la rigenerazione come rinascita (“Anna” di Dekel Berenson), la denuncia sociale (“Il Vestito” di Maurizio Ravallese) e molto altro ancora.

L'ingresso al Festival è libero con prenotazione (fino ad esaurimento posti) https://firenzefilmcortifestival.com/2020/10/12/prenotazioni-7firenzefilmcortifestival/.

Gli eventi speciali, gli ospiti e la collaborazioni

Tra gli ospiti invitati anche il regista Giacomo Campiotti, protagonista di un incontro intitolato “Il valore delle storie” (venerdì 30 ottobre ore 17:30, Limonaia di Villa Strozzi). Un’occasione per parlare di cinema, televisione, racconto audiovisivo, partendo dal suo percorso artistico e in particolare dalla visione di frammenti dei suoi primissimi lavori, tra cui il suo primo cortometraggio “Tre donne” del 1983. Già aiuto regista di Mario Monicelli, Giacomo Campiotti ha lavorato con Ermanno Olmi e ha firmato il film candidato ai Golden Globes come miglior film straniero "Come due coccodrilli”. Ha diretto serie italiane e internazionali per la televisione tra cui “Zivago" con Keira Knightley e Sam Neil, "Giuseppe Moscati", "Non è mai troppo tardi", "Liberi di scegliere", "Ognuno è perfetto". È il regista della serie cult "Braccialetti Rossi". In questo momento sta lavorando ad una nuova produzione sulla storia di Chiara Lubich.

A Campiotti si aggiunge la regista Wilma Labate, al Firenze Film Corti Festival con “Arrivederci Saigon” (28 ottobre, ore 21 – Limonaia di Villa Strozzi) il film che racconta l’incredibile storia delle Stars, la giovanissima band italiana che dalla provincia toscana viene spedita inaspettatamente in Vietnam, a suonare nelle basi militari americane.
Nella stessa giornata - alla presenza del regista Giovanni Guidelli - la proiezione del cortometraggio realizzato col sostegno Bando Personalità illustri della Regione Toscana “Farinata: La Tredicesima Notte” e la proiezione di “Scuola Calcio”, film del collettivo Mina. Gianluca Arcopinto, produttore e organizzatore di più di cento film, e figura di riferimento del cinema indipendente italiano e la regista Elisabetta Pandimiglio, ne hanno curato la direzione artistica e saranno presenti al festival.

Da segnalare anche l'evento “Fare Cinema d'arte, con la proiezione del film “Io, Leonardo” e l'incontro con il regista Jesus Garces Lambert, che nel 2018 ha diretto il film “Caravaggio - L'anima e il sangue”, il documentario più visto in sala nella storia del cinema italiano.

Per il secondo anno consecutivo il Firenze Film Corti Festival focalizza la sua attenzione sulle opere dei giovani. Attraverso la sezione del Festival denominata "Concorso Spazio giovani", riservata agli studenti delle Accademie, delle Università, delle Scuole di cinema e degli Istituti superiori, sono pervenute opere di estremo interesse. Le opere finaliste potranno essere apprezzate via streaming giovedì 29 ottobre. L'iniziativa è realizzata in collaborazione con l'Accademia delle Belle Arti di Firenze.

La giuria finale e il comitato scientifico-artistico

Durante il Festival una giuria finale presieduta da Emanuela Mascherini e composta da Federico Berti (giornalista, scrittore di cinema), Simona De Simone/Nuanda Sheridan (regista), Stefano Mutolo (co-fondatore CNA Cinema e distributore), Marta Savina (regista e sceneggiatrice) assegnerà i seguenti premi: miglior film di fiction, miglior documentario, il miglior film sperimentale, il miglior cartone animato, oltre al premio per la migliore sceneggiatura.
Sarà inoltre premiato il miglior Film in assoluto del FFCF che potrà essere selezionato da una qualsiasi delle categorie.

Tra le novità di quest'anno la formazione di un comitato scientifico-artistico nato per discutere e elaborare i tre principi su cui si basa la linea culturale del Festival: contemporaneità, internazionalità e innovazione.Fanno parte del gruppo Claudio Rocca (Direttore Accademia di Belle Arti di Firenze), Mimmo Calopresti (regista internazionale), Valentina Gensini (Direttore Murate Art District) e Massimo Becattini (regista documentarista).

Per maggiori informazioni: firenzefilmcortifestival.com

Il Festival è organizzato dall'Associazione Rive Gauche
Presidente: Marino Demata
Presidente del Firenze Film Corti Festival: Francesco Grifoni
Direttrice artistica del 7° Firenze Film Corti Festival: Teresa Paoli
Presidente della Giuria del 7° Firenze Film Corti Festival: Emanuela Mascherini
Vicepresidente del Firenze Film Corti Festival: Maria Rosaria Perill
Sono partner del Firenze Film Corti Festival: MiBACT, Consiglio Regionale della Toscana, Fondazione Sistema Toscana, Comune di Firenze, Mus.e, MAD - Murate Art District, Accademia Belle Arti di Firenze, The Animattikon Project, INKTIP, Hollywood screenings Film Festival, Edinburgh Short Film Festival, Piemonte DocuMenteur FilmFest, Blue Danube FilmFestival.
22/10/2020 14.24 Comune di Firenze
Regione Toscana Toscana. Coronavirus: 1145 nuovi casi, età media 46 anni, 8 decessi
I tamponi eseguiti sono 11.495 in più rispetto a ieri. Le guarigioni crescono dell'1% Sono oggi 1145 i nuovi casi di positività al Coronavirus (927 identificati in corso di tracciamento e 218 da attività di screening) su un totale di casi, registrati dall’inizio dell’epidemia, pari a 26.611 unità. I nuovi casi sono il 4,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media dei 1.145 casi odierni è di 46 anni circa (il 14% ha meno di 20 anni, il 26% tra 20 e 39 anni, il 33% tra 40 e 59 anni, il 17% tra 60 e 79 anni, il 10% ha 80 anni o più).

I guariti crescono dell’1% e raggiungono quota 12.121 (45,5% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 962.277, 11.495 in più rispetto a ieri. Sono 7.270 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 15,7% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 13.261, +8,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 606 (27 in più rispetto a ieri), di cui 82 in terapia intensiva (6 in più). Oggi si registrano 8 nuovi decessi: 7 uomini e una donna con un'età media di 86,1 anni.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

Si ricorda che a partire dal 24 giugno 2020, il Ministero della Salute ha modificato il sistema di rilevazione dei dati sulla diffusione del Covid-19. I casi positivi non sono più indicati secondo la provincia di notifica bensì in base alla provincia di residenza o domicilio.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 7.690 i casi complessivi ad oggi a Firenze (277 in più rispetto a ieri), 1.735 a Prato (51 in più), 1.852 a Pistoia (51 in più), 2.061 a Massa (60 in più), 2.841 a Lucca (95 in più), 3.506 a Pisa (212 in più), 1.562 a Livorno (176 in più), 2.563 ad Arezzo (120 in più), 1.350 a Siena (71 in più), 901 a Grosseto (32 in più). Sono 550 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 379 quindi i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 543 nella Nord Ovest, 223 nella Sud est.

La Toscana si trova al 9° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 714 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 745 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 1.058 casi x100.000 abitanti, Pisa con 837, Firenze con 760, la più bassa Grosseto con 407.

Complessivamente, 12.655 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (995 in più rispetto a ieri, più 8,5%). Sono 20.237 (696 in più rispetto a ieri, più 3,6%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 8.443, Nord Ovest 6.821, Sud Est 4.973).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 606 (27 in più rispetto a ieri, più 4,7%), 82 in terapia intensiva (6 in più rispetto a ieri, più 7,9%).

Le persone complessivamente guarite sono 12.121 (115 in più rispetto a ieri, più 1%): 480 persone clinicamente guarite (13 in più rispetto a ieri, più 2,8%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 11.641 (102 in più rispetto a ieri, più 0,9%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Oggi si registrano 8 nuovi decessi: 7 uomini e una donna con un'età media di 86,1 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 2 a Prato, 1 a Pistoia, 2 a Pisa, 1 a Arezzo, 2 a Siena. Sono 1.229 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 449 a Firenze, 58 a Prato, 87 a Pistoia, 186 a Massa Carrara, 149 a Lucca, 102 a Pisa, 66 a Livorno, 58 ad Arezzo, 35 a Siena, 26 a Grosseto, 13 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 33,0 x100.000 residenti contro il 61,0 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (95,4 x100.000), Firenze (44,4 x100.000) e Lucca (38,4 x100.000), il più basso a Grosseto (11,7 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell'Agenzia Regionale di Sanità all’indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19.
22/10/2020 15.00 Regione Toscana
Pergola, Niccolini, Mila Pieralli Il Teatro della Pergola riapre con la prima nazionale di "The Dubliners" di Giancarlo Sepe
In scena da martedì 27 ottobre e fino al 15 novembre Il Teatro della Pergola riapre il 27 ottobre (fino al 15 novembre) con la prima nazionale di The Dubliners di Giancarlo Sepe, con la Compagnia Teatro La Comunità e i Nuovi riuniti da un maestro della contaminazione dei generi.
Sepe è il perfetto interprete del teatro come sintesi di tutte le arti e diviene per la Fondazione Teatro della Toscana, che produce The Dubliners, il riferimento fondamentale per un nuovo percorso artistico che coinvolge i giovani e che, nel superamento di generi e distinzioni, offre loro la possibilità di esplorare l’imprevedibile e di imparare a superare costantemente i propri limiti.

In una Pergola ridisegnata per l’occasione, va in scena l’ultimo dei racconti, The Dead (I Morti), e il dodicesimo, Ivy Day in the Committee Room (Il giorno dell’edera) dei quindici scritti da James Joyce agli inizi del Novecento sull’esistenza statica e alienata dei dublinesi di cui l’autore faceva parte. Spariscono le quinte e lo spettatore è immerso nella atmosfera grigia e fumosa di una Dublino in cui personaggi stanchi e sfiniti si trascinano nella vana speranza di trovare uno slancio, un sussulto di vita. È una collezione di epifanie, con una città che Joyce trasfigura in rivelazione di carattere religioso, per rendere manifesto ai suoi concittadini che essi si trovano al centro di una paralisi spirituale, corrotti e oppressi da regole inutili quanto crudeli.
Lo spettacolo, nelle precedenti edizioni del 2014 e 2015, ha riscosso un grande successo di critica e di pubblico, in virtù dell’originale e potente rilettura di Joyce da parte di Giancarlo Sepe, la cui messinscena, ai confini tra il linguaggio teatrale e quello filmico, si compone attraverso immagini di intensa suggestione visiva.
L’anima della ricerca è proprio legata allo spazio scenico che ne condiziona ritmi e visioni. The Dubliners è una sorta di itinerario virtuoso che fa incontrare tutti i personaggi di Joyce come in una lunga panoramica, dove conosciamo le famose Epifanie dell’autore, che nella mestizia delle piccole storie di piccoli uomini, cava dall’apatia e dall’immobilità del quotidiano quella luce poetica che alimenta un popolo privo di qualunque stimolo e qualunque proiezione.
Joyce fugge da quella paralisi emotiva dei suoi concittadini, che nella serata dell’Epifania si celebra intorno a un’enorme tavola per festeggiarsi, ipocritamente, tra canti e balli. Qui i morti, dice l’autore, sono più vivi dei vivi, loro hanno lottato fino all’ultimo.

The Dubliners come drammaturgia è la frantumazione dei racconti, come fossero fotografati, oppure letti, oppure vissuti come ricordi familiari, le immagini di un rione periferico. La fuga, soluzione mai efficace, sarebbe l’unica via di salvezza una volta appurata l’impossibilità di migliorare la propria condizione. Parlo di fotografia perché è l’immagine del presente, quando la si scatta, ma senza futuro, un’espressione che non diventa né gesto, né parola, come l’idea rinunciataria della vita che hanno i dublinesi.
Le storie sono tenute insieme dalla comune idea della "morte in vita": tutti i personaggi falliscono, sono frustrati, rinunciatari, delusi, indifferenti. Le immagini dello spettacolo evocano la paralisi morale, il decadimento, lo squallore e la desolazione. Ad alleviare questa miseria di vita interviene l’Epifania, un’improvvisa illuminazione o rivelazione della verità e dell’essenza della verità che lampeggia nella mente dei protagonisti, togliendoli dal loro stato di cecità.
L’Epifania è uno stato di grazia che si crea all’improvviso davanti ai nostri occhi, un riflesso della luce, una sfumatura di colore, insomma uno stato di passione o di visione o di eccitazione intellettuale, una vera e propria attrazione che dura solo un momento, una sorta di estasi che sarà il successo di una vita grama e senza cose da ricordare.
Giancarlo Sepe

27 ottobre – 15 novembre
Prima Nazionale
Fondazione Teatro della Toscana
Maddalena Amorini, Davide Arena, Sonia Bertin, Alessandra Brattoli, Federica Cavallaro, Manuel D’Amario, Davide Diamanti, Fabio Facchini, Ghennadi Gidari, Camilla Martini, Laura Pinato, Federica Stefanelli, Guido Targetti, Erica Trinchera, Lorenzo Volpe
con la partecipazione di Pino Tufillaro
THE DUBLINERS
part I The Dead – part II Ivy Day in the Committee Room
di James Joyce
uno spettacolo di Giancarlo Sepe
musiche Davide Mastrogiovanni e Harmonia Team
disegnatore luci Umile Vainieri
scene e costumi originali Carlo De Marino
costumi Elena Bianchini
direttrice di scena Federica Francolini
sarta Eleonora Sgherri
datore luci Orso Casprini
amministratrice Grazia Sgueglia

Biglietti
Intero
Platea 37€ - Palco 29€ - Galleria 21€
Ridotto Over 60
Platea 33€ - Palco 26€ - Galleria 18€
Ridotto Under 26
Platea 22€ - Palco 18€ - Galleria 13€
Ridotto Soci Unicoop Firenze
Platea 30€ - Palco 24€ - Galleria 17€

Biglietteria
Via della Pergola 30, Firenze
055.0763333 – biglietteria@teatrodellapergola.com.
Dal lunedì al sabato: 9.30 / 18.30.
Circuito BoxOffice Toscana e online.
22/10/2020 12.52 Pergola, Niccolini, Mila Pieralli
Comune di Fiesole XXIX Premio Fiesole Narrativa Under 40 – Scelti i tre finalisti
La premiazione avrà luogo sabato 14 novembre 2020, alle ore 17.00, a Fiesole, nella Sala del Basolato, in Piazza Mino Sono stati scelti i tre finalisti del XXIX Premio Fiesole Narrativa Under 40. I tre autori selezionati sono: Marta Barone con Città sommersa, edito da Bompiani, Andrea Donaera con Io sono la bestia, edito da NN Editore e Alessio Forgione con Giovanissimi, edito da NN Editore.
Il Premio Fiesole Narrativa è fra i più importanti premi letterari italiani per la letteratura under 40, assegnato negli anni passati ad autori che si sono poi definitivamente affermati come Sandro Veronesi, Paolo Giordano, Roberto Cotroneo, Silvia Ballestra, Pietro Grossi, Paolo Sorrentino, Ascanio Celestini, Chiara Valerio, Nadia Terranova.

La giuria, che ha selezionato i tre scrittori che si contenderanno l’assegnazione del premio, è presieduta da Franco Cesati e composta da Caterina Briganti, Silvia Gigli, Marcello Mancini, Gloria Manghetti, Fulvio Paloscia, Lorella Romagnoli e Francesco Tei.

La premiazione avrà luogo sabato 14 novembre 2020, alle ore 17.00, a Fiesole, nella Sala del Basolato, in Piazza Mino. In quell’occasione, come ogni anno, verranno assegnati anche alcuni premi speciali a chi si è distinto nella diffusione della cultura.

Aspettando quel giorno, per chi è interessato a saperne di più sulla terzina selezionata, venerdì 30 ottobre alle ore 17.00 nella Biblioteca Comunale di Fiesole si terrà un incontro con alcuni membri della Giuria che illustreranno i tre libri finalisti e saranno disponibili a rispondere alle domande del pubblico.

Per garantire il rispetto delle norme anti-covid i posti all’incontro del 30 ottobre sono limitati ed è quindi obbligatoria la prenotazione:
al numero 055 599659 lun.-merc.-ven. 15-19; mart.-giov.-sab. 9-13
oppure all’indirizzo biblioteca@comune.fiesole.fi.it indicando nominativo e numero di telefono.
22/10/2020 12.28 Comune di Fiesole
Regione Toscana Giani: “Provvedimenti mirati contro gli assembramenti”
La nuova Giunta già al lavoro E’ già al lavoro la nuova Giunta, guidata dal presidente Eugenio Giani, convocata questa mattina per condividere obiettivi e strategie di governance con tutti gli otto assessori ormai titolari di delega. “Non intendiamo sprecare altro tempo prezioso - dichiara Giani -. Il periodo da affrontare è molto complesso a causa del Covid, che mette in seria difficoltà il settore socio sanitario, ma anche quello economico ad ampio raggio. Assumeremo nell’arco di 2-3 giorni, tramite una nuova ordinanza, provvedimenti equilibrati per garantire sia la prevenzione dai contagi sia la vita della comunità secondo canoni di correttezza e responsabilità anti Covid. Stiamo lavorando su vari fronti e in particolare in tre direzioni per evitare soprattutto gli assembramenti sui mezzi di trasporto, nei luoghi della cosiddetta movida e nei centri commerciali, senza mai perdere di vista la tenuta dei nostri ospedali e la risposta del sistema sanitario regionale ai possibili immediati e futuri scenari, determinati dall’avanzata del Covid”.

Nel pomeriggio si è svolto, infatti, anche il primo incontro del neo assessore alla sanità Simone Bezzini con i direttori generali delle Aziende sanitarie e di Estar, sempre alla presenza di Giani, deciso a spingere verso un’accelerazione di provvedimenti ben ponderati, che sappiano coniugare la necessità di difendersi dai contagi in crescita di questi ultimi giorni con il diritto al lavoro e all’istruzione.

“La Regione si è sempre ispirata a quello che deve essere un coordinamento a livello nazionale - prosegue Giani - e sempre rispettando le indicazioni del Governo, probabilmente dovremo arrivare a prendere provvedimenti mirati e che possano disincentivare gli assembramenti e la possibilità di contagio. Riguardo al trasporto pubblico attiveremo già a partire da domani un tavolo di coordinamento, cui fa riferimento il dpcm, per favorire una maggiore disponibilità di mezzi di trasporto e, quindi, una minore concentrazione di persone sugli stessi nelle ore di punta, magari con l’aiuto dello scaglionamento degli ingressi e delle uscite nelle scuole, facendo ricorso ai doppi turni per evitare quello che abbiamo già visto, il diffondersi galoppante del contagio. Lavoreremo anche per capire come agevolare i lavori dei Comuni per disincentivare gli assembramenti nei luoghi maggiormente frequentati, svolgendo una funzione di coordinamento. Stiamo anche riflettendo sull’eventuale chiusura dei centri commerciali il sabato e la domenica, sempre per scongiurare il più possibile gli assembramenti e la diffusione dei contagi. Lo scenario attuale – conclude il presidente – ci chiede di continuare a monitorare costantemente l’intera rete ospedaliera e il territorio. Sono già allo studio tutte le possibili azioni di intervento necessarie, come anche il potenziamento della tracciabilità dei casi positivi in tempi rapidi e l’aumento di tamponi eseguiti e processati giornalmente”.
22/10/2020 19.53 Regione Toscana
Non-profit in provincia di Firenze Il David al piazzale di Michelangelo si tinge di rosa
Al via l'illuminazione alla presenza del sindaco Dario Nardella Da ieri anche il David al Piazzale di Michelangelo, il Teatro Puccini, il Mercato delle Cure si illumineranno per una settimana, insieme alle sei porte storiche, al Loggiato degli Innocenti, l'Arno ed altri monumenti fiorentini, per ricordare l'importanza di fare prevenzione nella lotta contro il tumore al seno.
È una delle tante iniziative promosse dall'associazione FIRENZE IN ROSA Onlus, in collaborazione con il Comune di Firenze e con la partecipazione concreta di altre Istituzioni cittadine tra cui l'Istituto degli Innocenti, per il Pink October, mese internazionale dedicato al tema della prevenzione. La maggior parte dell'illuminazione è stata seguita da Silfi spa società illuminazione Firenze.
"Il cuore della città si colora di rosa grazie ad una partecipazione concreta di Istituzioni ed Enti per sfidare insieme il tumore al seno e ricordare a donne e uomini quanto sia importante sottoporsi a controlli periodici nella lotta contro il tumore al seno" afferma la presidente di FIRENZE IN ROSA Onlus Lucia De Ranieri "Il drastico calo degli screening e delle diagnosi di tumori nei primi mesi del 2020, dovuto anche alla situazione di emergenza Covid, non significa purtroppo meno tumori, bensì un aumento di persone inconsapevoli di essere malate. È importante, oggi ancora di più, sottolineare l'importanza di fare prevenzione".
Per l'occasione anche 2000 negozi, aderenti all'iniziativa, esporranno il Fiocco Rosa ed i materiali del Pink October appositamente elaborati dalla Onlus. Le persone attraverso la tecnica dell'origami potranno trasformare il volantino distribuito da FIRENZE IN ROSA Onlus in un fiocco rosa da indossare, fotografare e condividere sui canali social taggando @firenzeinrosa o utilizzando l'hashtag #FirenzeInRosa: BE PINK! CONL'ORIGAMI

Tra le altre iniziative messe in campo il Punto Rosa, dal 19 al 23 Ottobre presso il The Student Hotel, dove la Onlus offre su prenotazione controlli ecografici al seno GRATUITI per donne fino ai 45 anni e oltre i 75 anni di età.
22/10/2020 12.35 Non-profit in provincia di Firenze
Comune di Vicchio Nel Mugello arriva il drive through per gli under 19
Attivo da venerdì 23 ottobre a Vicchio in piazza della Rimembranza Da domani (venerdì 23) entra in funzione a Vicchio il servizio di drive through dedicato agli under 19 che permetterà di implementare l'effettuazione dei tamponi molecolari. Il servizio, predisposto dall’Asl Toscana centro, diretto ed organizzato dalla Cooperativa Libera, cooperativa sociale di tipo A, si svolge con la collaborazione logistica della Confraternita di Misericordia di Vicchio ed il pieno sostegno e supporto del comune di Vicchio.

“La collaborazione fra Asl, Sds Mugello e Terzo settore, ha commentato il sindaco di Vicchio e presidente della SDS Mugello Filippo Carlà Campa, si conferma come elemento centrale anche nella lotta al Covid-19. Grazie all’impegno ed alla sensibilità dei sindaci dell’Unione Montana dei comuni del Mugello, si è ottenuto l’attivazione di questo servizio per gli under 19 che rappresenta un’efficace risposta alle necessità della comunità locale e del territorio".

Il servizio, si svolgerà in piazza della Rimembranza a Vicchio (parcheggio adiacente alla piazza della Vittoria) con il seguente orario: martedi - mercoledi – venerdi dalle ore 8.30 alle ore 13.00, per un totale di 100 tamponi giornalieri.
Si precisa che tale servizio è rivolto ai cittadini under 19 che hanno ricevuto la convocazione del Dipartimento di Sanità pubblica oppure inviati tramite prenotazione del tampone tramite il nuovo sistema di prenotazione online al quale si può accedere essendo in possesso della prescrizione del tampone da parte del proprio Medico di Medicina Generale.
Non è previsto il libero accesso e non sarà possibile accettare persone al di fuori dei percorsi citati.
Si richiede inoltre di presentarsi con un documento di identità valido e la tessera sanitaria, al fine di agevolare le procedure di verifica dei dati.
Il link di prenotazione tamponi

>> https://prenotatampone.sanita.toscana.it

Il link di ritiro del referto >>>> https://referticovid.sanita.toscana.it
22/10/2020 15.21 Comune di Vicchio
Firenze Fiera Al via Roto4ALL: la community della rotocalco si dà appuntamento via streaming all’Auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze per un nuovo Rinascimento della stampa
Firenze Fiera location strategica per il più importante evento nazionale dei protagonisti della rotocalco L’industria della rotocalco, eccellenza italiana nel settore della stampa, riparte da Firenze. Si terrà domani (venerdì 23 ottobre) la prima edizione di Roto4All, il grande evento di filiera che, nel rispetto delle normative subentrate con il nuovo DPCM del 18 ottobre 2020, si svolgerà in versione streaming dall’Auditorium del Palazzo dei Congressi dove è stata allestita una sala di regia con la presenza dei relatori e del conduttore, lo speaker di Radio 2, Matteo Bordone.
L’intera community della rotocalco si collegherà da remoto: oltre 350 produttori di macchine, stampatori, agenzie, packaging designer e brand owner, coordinati dal Gruppo Rotocalco di Acimga (l’Associazione nazionale dei produttori di macchine da stampa, converting e cartotecnica) che ha fortemente voluto questo evento e che ha scelto di spostare in una specifica sezione della Print4All Conference del prossimo marzo la riunione in presenza.
Per i protagonisti della rotocalco resta strategica la scelta di Firenze e di Firenze Fiera, geograficamente in posizione ideale e centrale per il confronto sulle opportunità e le innovazioni rese possibili da una tecnologia di stampa unica per qualità, velocità e sostenibilità. Una delle applicazioni più diffuse della “roto” è nella realizzazione dell’imballaggio flessibile per alimenti: si può dire che il packaging di un prodotto su quattro sugli scaffali di tutto il mondo sia stampato con macchine made in Italy.
Acimga porta in dote il know how organizzativo fieristico e di eventi di filiera sviluppato con Print4All, manifestazione internazionale di riferimento che si svolge a Milano ogni tre anni, accompagnata, ogni anno, da Print4All Conference, che riunisce a cadenza annuale l’intera comunità del printing e del converting.

http://www.acimga.it
22/10/2020 15.17 Firenze Fiera
Redazione di Met Pa: Cgil Cisl Uil, Dadone sbaglia, servono risorse per contratti e assunzioni
Comunicato sindacale. Prosegue stato di agitazione, Ministra punti su contrattazione e dialogo “La ministra Dadone sbaglia. Le mancate assunzioni e le risorse insufficienti per rinnovare i contratti limitano l’operatività e la funzionalità di servizi pubblici che sono fondamentali per le persone e la tutela della salute, della sicurezza e della legalità (anche fiscale e previdenziale) del nostro paese ”. Questa la replica di Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa all’intervista rilasciata dalla titolare del dicastero della Pubblica Amministrazione, Fabiana Dadone, aggiungendo che: “Forse la ministra sottovaluta che quando parliamo di contratti, stiamo parlando anche di quei medici, infermieri, educatrici, agenti di polizia locale, assistenti sociali, amministrativi, dipendenti degli enti previdenziali, delle agenzie, degli amministrativi, dei tecnici e di tutte quelle professionalità che in questi mesi non hanno mai fatto venir meno il loro contributo al buon funzionamento e alla gestione dell’emergenza. Ci saremmo aspettati più attenzione nei confronti di chi in queste ore sta lottando per salvare il paese”.
Per le categorie di Cgil, Cisl e Uil, “abnorme casomai è la distanza tra i proclami di questi mesi e le misure che poi il governo ha messo in campo nei confronti delle pubbliche amministrazioni. Non ci sono risorse per l’innovazione, per il potenziamento dei servizi, non c’è garanzia di stabilizzazione per i precari, non ci sono le condizioni per sbloccare la contrattazione decentrata. Quando la ministra afferma che nel suo Decreto ministeriale non ha interferito con la contrattazione, ma anzi ha addirittura previsto che le amministrazioni possano confrontarsi con i sindacati, commette un atto di rilegificazione di materie che oggi sono titolarità della contrattazione. Intanto con il DM è stato superato unilateralmente il contratto individuale di smart working che era previsto dalla legge 81/17, in più si dà il potere al dirigente di decidere su materie che sono oggetto della contrattazione collettiva, come la flessibilità degli orari o il lavoro agile. Ci domandiamo, a tal proposito, con quale autorità un dirigente possa decidere quali siano i lavoratori fragili da tutelare”.
Quanto alle risorse economiche per il rinnovo dei contratti, proseguono i sindacati dei servizi pubblici, “qui siamo veramente alla farsa: la ministra dichiara che sono stati garantiti più soldi che in passato. L’errore sta nel fatto che le cifre vengono lette in valore assoluto, mentre bisogna guardare l’impatto che hanno sulle retribuzioni. La ministra, o meglio i suoi collaboratori, dovrebbero fare meglio i conti. A oggi i lavoratori pubblici percepiscono già un elemento perequativo, che è un elemento distinto della retribuzione, e l’indennità di vacanza contrattuale. Queste somme, circa 37 euro, devono essere considerate nello stanziamento e quindi non costituiscono risorse aggiuntive per il rinnovo dei contratti che, a differenza della tornata contrattuale 2016 -2018, dovranno utilizzare gran parte di quanto stanziato anche per riscrivere il sistema di classificazione e inquadramento professionale e per rifinanziare i fondi per garantire il pagamento delle indennità a chi lavora . In pratica, la media di incrementi contrattuali si aggira intorno agli 83 euro lordi, che sono al di sotto di quanto previsto dal contratto 2016-2018, ma anche molto lontani dall’aspettativa dei lavoratori. Lo dica la ministra agli infermieri e al personale sanitario che l’indennità per la terapia intensiva rimarrà di 4,16 euro al giorno e non potrà essere incrementata né rivalutata perché lei ha deciso che le risorse che ha stanziato il governo sono congrue e sufficienti. Non saremo certo noi a dirlo ai lavoratori”.
Per queste ragioni, osservano Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa, “chiediamo rispetto per le lavoratrici e i lavoratori pubblici, e soprattutto chiediamo sicurezza nei luoghi di lavoro. Questi i motivi che ci portano a proclamare lo stato di agitazione. In questi mesi, al netto di qualche intervista o dichiarazione fatta, non abbiamo ravvisato quegli elementi di innovazione che dovrebbero caratterizzare questa grande stagione di emergenza ma anche di riorganizzazione della Pubblica amministrazione. Per questo, non solo confermiamo le ragioni che ci hanno portato allo stato di agitazione, ma continueremo a discutere con i lavoratori sui contratti, sulle assunzioni e sulle nuove procedure di reclutamento, che consentano al personale di arrivare in tempi celerissimi nelle amministrazioni per potenziare e migliorare i servizi ai cittadini, sui temi della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, a difesa non solo dei lavoratori stessi ma anche degli utenti che accedono ai servizi. Probabilmente la ministra Dadone dovrebbe ragionare sull’esigenza di rompere definitivamente con oltre vent’anni di delegittimazione del lavoro pubblico e soprattutto di relegazione ad un ruolo marginale della contrattazione, e pensare che le riforme e i processi di riorganizzazione, così come i contratti, si fanno con i lavoratori e con i sindacati, non contro chi rappresenta il lavoro”, concludono Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Uil Pa.
22/10/2020 19.46 Redazione di Met
Camera di Commercio di Firenze Nuovo webinar gratuito del PID: L'E-COMMERCE È ONLINE! Come promuoverlo e usare i social shops
Il team del Punto Impresa Digitale Firenze promuove una nuova serie di incontri formativi su web marketing e impresa 4.0 L'evento PID di novembre, dal titolo "L'E-COMMERCE È ONLINE! Come promuoverlo e usare i social shops" è programmato, in versione webinar, per mercoledì 4 novembre 2020, dalle ore 10:00.

Per partecipare è necessario iscriversi compilando il breve modulo disponibile a questo link https://forms.gle/BhVMgG8mAHPkEQ146

La vendita online è diventata un importante elemento nella strategia di molte imprese; allo stesso tempo, l'acquisto online è diventato un'abitudine per l'utente e cliente. Proprio per la grande diffusione degli e-commerce, accelerata in quest'ultimo periodo anche dall'emergenza Covid-19, diventa ancora più difficile emergere col proprio negozio online rispetto alla concorrenza. La partita si gioca sulla strategia e sulla conoscenza degli strumenti, che sono numerosi e diversi: in questo evento approfondiremo due strumenti per promuovere il proprio negozio online: gli annunci pubblicitari su Google (ads) e i social shops di Facebook e Instagram. Inoltre saranno presenti due aziende del territorio esperte in materia, di cui sarà interessante scoprire strategia e strumenti usati su questo tema.

Continua anche la videoconsulenza, per approfondire gli argomenti del corso o altri in ambito web marketing e impresa 4.0. Le consulenze sono gratuite per le imprese fiorentine iscritte in Camera di Commercio: è sufficiente prendere un appuntamento scrivendo all'indirizzo puntoimpresadigitale@fi.camcom.it specificando il nome dell'impresa.

Per conoscere tutte le attività del PID vai alla pagina dedicata.

Per ulteriori informazioni: puntoimpresadigitale@fi.camcom.it
22/10/2020 15.27 Camera di Commercio di Firenze
Comune di Firenze Firenze è tra le città che sostengono il ‘Green City Accord’
Il sindaco Nardella:“Senza l’impegno delle città l’Europa non potrà raggiungere gli obiettivi ambiziosi della strategia green”
Firenze è tra le città europee che sostengono il ‘Green City Accord’, l’iniziativa della Commissione Ue aderendo alla quale i sindaci si impegnano a migliorare la qualità dell’aria e dell’acqua, a estendere le aree verdi e a ripristinare gli ecosistemi urbani, ad avanzare verso l’economia circolare e a ridurre la produzione di rifiuti e a ridurre significativamente l’inquinamento acustico.

L’accordo arriva a conclusione della XVIII edizione della Settimana europea delle regioni e delle città, che oggi ha visto svolgersi via web un panel di discussione a cui ha partecipato via web anche il sindaco Dario Nardella in qualità di vicepresidente di Eurocities.

“Con 30 sindaci europei oggi lanciamo il ‘Green City Accord’ con la Commissione europea - ha detto il sindaco Nardella -. Senza l’impegno delle città l’Europa non potrà raggiungere gli obiettivi ambiziosi della strategia green. Eurocities è in prima linea sull’ambiente”.

Il ‘Green City Accord’ è un movimento di sindaci europei impegnati a migliorare la qualità della vita di tutti gli europei e ad accelerare l’attuazione delle pertinenti leggi ambientali dell’Ue e del Green Deal europeo. Le città sono fondamentali per raggiungere gli obiettivi ambientali dell’Unione europea e anche se molte azioni di successo sono state intraprese a livello cittadino, sono necessari ulteriori sforzi per affrontare le crescenti sfide ambientali.

Il sindaco Nardella, già sottoscrittore della lettera aperta inviata al presidente del Consiglio dell’Ue, Angela Merkel e al presidente del Consiglio europeo, Charles Michel lo scorso 15 ottobre, assieme a oltre 50 sindaci europei per sostenere l’Ue nell’aumentare gli obiettivi di riduzione delle emissioni 2030 e chiedere finanziamenti diretti per il recupero del Covid alle città, questa mattina ha partecipato insieme ai rappresentanti delle città di Lille, Porto e Siviglia, al panel Eurocities per testimoniare il sostegno all’accordo che conferma l’ambizione per le città di continuare a mostrare la strada per un’Europa sostenibile e inclusiva.

Il sindaco Nardella ha presentato alcuni esempi di azioni che Firenze sta mettendo in atto per aumentare la sua visione verde della città come, ad esempio, i progetti di forestazione urbana e per l’incremento del verde urbano, con la previsione di 20.000 nuove alberature in tutto il mandato amministrativo. Inoltre, per migliorare la qualità dell’aria e ridurre il rumore, Nardella ha parlato della modernizzazione della rete di trasporto cittadino, che è uno dei progetti portanti che vede nel sistema tramviario uno dei suoi punti di forza, e dello scudo verde, il progetto di accesso controllato in città, per delimitare gli accessi, non solo al centro storico patrimonio dell’Umanità, soprattutto dei mezzi più inquinanti, regolando i transiti sulla base di una politica allargata di congestion charge. Infine, ha spiegato il nuovo piano per la raccolta dei rifiuti integrato dal riciclo dei materiali per lo sviluppo di una società improntata all'economia circolare con l’obiettivo di raggiungere in pochi anni il 70% di raccolta differenziata, il 60 % di riciclo dei rifiuti e limitando al 10% il conferimento in discarica. Il progetto coinvolge oggi 200 mila utenze domestiche e 28 mila utenze non domestiche, oltre ai rifiuti prodotti da turisti, pendolari e studenti, per un totale di oltre 246 mila tonnellate.

Firmando il ‘Green City Accord’, le città si impegnano a sostenere una visione condivisa del futuro urbano dove: “Entro il 2030, le città saranno luoghi attraenti in cui vivere, lavorare e investire e sosterranno la salute e il benessere degli europei. Tutti gli europei respireranno aria pulita, godranno di acqua pulita, avranno accesso a parchi e spazi verdi e sperimenteranno meno rumore ambientale. L’economia circolare diventerà una realtà e i rifiuti saranno ridotti al minimo grazie a un maggiore riutilizzo, riparazione e riciclaggio”.

Aderendo all’accordo, i sindaci accettano di intensificare le attività in 5 aree in cui viene richiesto l’impegno dei sindaci per rafforzare le iniziative già intraprese dall’Europa, come il Patto dei sindaci per l’energia e il clima, per un target sempre più ambizioso che, a seguito della decisione del Parlamento Europeo, vede nel 60% il target della riduzione delle emissioni al 2030 e la neutralità energetica al 2050: aria (migliorare significativamente la qualità dell’aria per avvicinarsi al rispetto delle Linee guida sulla qualità dell’aria dell’Oms e porre fine al superamento degli standard di qualità dell’aria dell’Ue il prima possibile); acqua (compiere progressi significativi nel miglioramento della qualità dei corpi idrici e dell’efficienza dell’uso dell’acqua); natura e biodiversità (aumentare l’estensione e la qualità delle aree verdi nelle proprie città, anche ripristinando gli ecosistemi urbani); economia circolare e rifiuti: avanzare verso l’economia circolare, migliorando in modo significativo la gestione e il riciclaggio dei rifiuti urbani domestici e riducendo la produzione di rifiuti); rumore (ridurre significativamente l’inquinamento acustico nelle città e avvicinarsi ai livelli raccomandati dall’Oms). In ognuna di queste aree, i firmatari si impegnano a stabilire livelli di riferimento e fissare obiettivi ambiziosi che vadano oltre i requisiti minimi fissati dalle leggi dell’Ue entro due anni dalla firma; attuare politiche e programmi in modo integrato, per raggiungere i propri obiettivi entro il 2030; riferire sull’attuazione e sui progressi compiuti ogni anni. (fp)
22/10/2020 15.46 Comune di Firenze
Comune di Firenze Firenze. È attivo il numero verde di Rete Dafne per il sostegno alle vittime di reato
L’assessore Vannucci: “Servizio utile e importante. Grazie alle Istituzioni che fanno parte della Rete” È attivo il numero verde di Rete Dafne, progetto che garantisce gratuitamente informazione, assistenza, sostegno e protezione alle vittime di reato, qualunque esso sia. Il servizio telefonico è gratuito chiamando l’800777811: personale qualificato e specializzato saprà indicare alle vittime di reato la strada giusta per affrontare la difficile situazione in cui si trovano. Grazie al numero verde, infatti, tutti i cittadini vittime di un crimine, senza distinzione di genere, età, provenienza, condizione socio-economica, possono rivolgersi gratuitamente a Rete Dafne e usufruire di uno specifico supporto professionale. Il team della Rete è composto da psicologi, avvocati, operatori sociali, mediatori, psichiatri specializzati in assistenza e supporto alle vittime di reato

“Il numero verde è un servizio utile e importante per aiutare e assistere le persone vittime di reato - ha detto l’assessore a Welfare Andrea Vannucci -. La nostra città è vicina alle persone che subiscono reati, danno crimini e violenze. Voglio ringraziare tutte le Istituzioni che fanno parte della Rete”.

L’obiettivo di Rete Dafne è prendersi cura di chi ha sofferto o sta male a causa di un’ingiustizia subita e all’eventuale fase di stress che può conseguire, supportando la persona vittima di reato e guidandola verso i servizi presenti sul territorio.

Rete Dafne Firenze è un’iniziativa gestita dall’associazione Aleteia, membro di Rete Dafne Italia, in collaborazione con l’Ente Locale l’amministrazione comunale, le Società della Salute del territorio fiorentino, l’Azienda sanitaria, l’Autorità Giudiziaria e le Forze dell’Ordine. La Rete garantisce aiuto e supporto per rafforzare le capacità reattive di chi è stato danneggiato da un reato, con varie attività di supporto come informazione sui diritti, accompagnamento e orientamento ai servizi pubblici e privati presenti sul territorio, sostegno psicologico, consulenza medico psichiatrica e percorso di mediazione vittima-reo.

Rete Dafne è un servizio che risponde ai criteri indicati nella direttiva 2012/29/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2012, che istituisce norme minime in materia di diritti, assistenza e protezione delle vittime di reato. La direttiva invita gli stati membri a provvedere affinché “la vittima, in funzione delle sue esigenze, abbia accesso a specifici servizi di assistenza riservati, gratuiti e operanti nell’interesse della vittima, prima, durante e per congruo periodo di tempo dopo il procedimento penale”. (fp)

22/10/2020 12.56 Comune di Firenze
Comune di Scandicci Al via la riqualificazione del Palazzo Comunale di Scandicci
Abbattimento sprechi energetici ed emissioni, migliori condizioni lavoro, risanamento cemento Al via nella seconda metà di ottobre i lavori per la riqualificazione e l’efficientamento energetico del Palazzo Comunale di Scandicci, eseguiti con i contributi europei Por-Fesr 2014-2020 erogati tramite bando dalla Regione Toscana. L’intervento riguarda opere di abbattimento degli sprechi energetici dell’edificio e di conseguenza di riduzione degli inquinanti, il risanamento di parti in cemento e un miglioramento delle condizioni di lavoro all’interno degli uffici, oltre ad una migliore accoglienza per i cittadini che usufruiscono dei servizi del Comune. I lavori hanno durata di 365 giorni e sono eseguiti da Raveggi srl e Proget Impianti srl, con un importo contrattuale di 1 milione 635 mila e 447 euro. I progetti edile e impiantistico sono stati redatti dagli uffici Tecnici del Comune di Scandicci.

“Il Municipio è uno dei simboli della nostra città, è patrimonio e riferimento di ogni persona e deve avere la dignità propria dell’istituzione che rappresenta – dice il Sindaco Sandro Fallani – al termine dei lavori il Palazzo Comunale avrà finalmente ambienti accoglienti per i cittadini e all’interno un miglioramento delle condizioni di lavoro, che ad oggi non sono accettabili per chi tutti i giorni è impegnato a garantire il miglior livello possibile di servizi alla città. I lavori sono anche un’occasione importante di miglioramento ambientale, grazie ad una drastica riduzione degli sprechi energetici e ad un conseguente e fondamentale abbattimento delle emissioni di uno degli edifici più grandi del centro di Scandicci”.

Per tutto il periodo dei lavori i servizi ai cittadini non subiranno interruzioni, grazie al Punto Comune al primo piano del Municipio che manterrà gli stessi orari e le consuete modalità di accesso: nel rispetto delle norme anticovid per accedere ai servizi del Comune di Scandicci i cittadini possono prendere appuntamento contattando il PUNTOCOMUNE via telefono (0557591.711/712/713 dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18,30 e il sabato dalle 8 alle 12,30), per email a puntocomune@comune.scandicci.fi.it , oppure via WhatsApp al numero 3663436633.

Altri uffici di backoffice nel periodo dei lavori sono invece trasferiti temporaneamente in altre sedi.

Il progetto complessivo prevede una nuova organizzazione distributiva ai vari piani del palazzo al fine di ottimizzare gli spazi e raggruppare ed unificare i settori affini.

Gli interventi consisteranno in:
sostituzione delle attuali partizioni interne con un nuovo sistema di pareti divisorie trasparenti ed opache;

installazione di controsoffittature, per alloggiare gli impianti tecnologici e migliorare il comfort acustico interno;

miglioramento dell’isolamento termico mediante realizzazione di contropareti con idoneo spessore di isolante;

nuovo impianto di climatizzazione Vrf-Vrf e nuovi impianti di illuminazione con apparecchi a led, oltre adeguamento impianto forza motrice, trasmissione dati e installazione di nuovo impianto di rilevazioni fumi e allarme incendio;

sostituzione degli attuali infissi a tutti i piani del Palazzo Comunale oltre alla chiusura del cannocchiale al piano terrazza (intervento parzialmente già effettuato), e avanzamento della tamponatura sempre al piano terrazza lato piazza, mediante chiusura interamente vetrata.

Gli attuali infissi risalgono all’epoca di costruzione dell’edificio e sono della tipologia in alluminio con vetro singolo, l’intervento ne prevede la sostituzione mantenendo il tipo in alluminio ma con taglio termico e vetrocamera in modo da rispettare le norme in materia di termica ed acustica.

L’involucro esterno dell’edificio sarà oggetto del recupero corticale del cemento armato.

La sostituzione e il potenziamento degli impianti implicano nuove macchine per la climatizzazione, di tipo elettrico, che verranno alloggiate nel resede tergale e laterale del Palazzo
22/10/2020 19.35 Comune di Scandicci
Comune di Figline e Incisa Valdarno FiglineIncisa. Da venerdì 23 a domenica 25 ottobre piazza Parri diventa “Una piazza di libri”
La biblioteca Rovai di Incisa si trasferisce momentaneamente in una tensostruttura, per ospitare eventi per grandi e piccini. Prenotazione obbligatoria Da venerdì 23 a domenica 25 ottobre piazza Parri, a Incisa, si trasformerà in “Una piazza di libri”. È lì, infatti, che grazie al montaggio di una tensostruttura, si trasferirà temporaneamente la biblioteca comunale Gilberto Rovai, in modo da assicurare lo svolgimento della sua tradizionale “Festa dei lettori”, ma in versione riadattata alle esigenze di prevenzione del contagio da coronavirus e, in particolare, ai contenuti dell’ultimo DPCM del 18 ottobre. Annullate, quindi, le merende e l’aperilibro del fine settimana ma confermate, invece, tutte le altre attività in calendario.

Oltre all’annuale premiazione dei lettori dell’anno, sono previsti laboratori, spettacoli per bambini, letture in musica, workshop di naturopatia e presentazione degli ultimi volumi arrivati in biblioteca. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione, contattando i numeri 0559125445 oppure 0559125446 o scrivendo a biblioteca.rovai@comunefiv.it .

IL PROGRAMMA - Si parte venerdì alle ore 17 con “Non vedo l’ora di leggere”, un incontro per bambini (con letture animate, recitate cioè dai loro lettori, capaci di far vivere i personaggi delle storie usando voce, mimica e talvolta anche qualche supporto visivo), particolarmente adatto a chi si approccia alla lettura per la prima volta.

Sabato mattina invece, dalle ore 10,30 si terranno i laboratori per bambini (dai 4 anni in su) dal titolo “Kamishibai – Letture in valigia”. L’incontro, curato dall’associazione culturale Pandora, prevede la presenza di narratori pronti a tirar fuori da un vero e proprio bagaglio personaggi e “scenografia” utili a far comprendere, con più immediatezza, il racconto ai più piccini (seguendo, appunto, il metodo giapponese del Kamishibai).

Il pomeriggio, dalle ore 15, toccherà agli utenti più assidui e ai lettori più appassionati della biblioteca Rovai entrare in scena, perché ci sarà un momento dedicato proprio alla loro premiazione. Tre le sezioni a cui è dedicato il podio: adulti, bambini e ragazzi fino ai 14 anni.

Inoltre, saranno presentati anche i nuovi libri acquisiti dalla biblioteca, che saranno subito resi disponibili per il prestito.

Alle 18,30, invece, sarà il momento della musica, con lo spettacolo di Letizia Fuochi e Francesco Cusumano dal titolo “Non fu sogno né sonno”. Si tratta di letture, tratte da “In nome della Madre” e da “Le Sante dello Scandalo” di Erri De Luca, che saranno accompagnate da musiche tratte dall’album “La buona novella” di Fabrizio De André.

Domenica 25 si riparte alle 10, con un workshop di naturopatia a cura di Tommaso De Marinis e dedicato a “Stress e difese immunitarie, un aiuto erboristico”. Il focus sarà, appunto, sulle piante adattogene, capaci cioè di aumentare la resistenza dell’organismo allo stress.

Dalle 16 spazio, ancora una volta, ai più piccoli (età: 3 anni in su), per lo spettacolo “Rosaspina”, prodotto da Teatro Metropopolare. Famosa per il suo riadattamento Disney (con “La bella addormentata”), la fiaba sarà portata in scena da un’attrice, Giulia Aiazzi, e da un cantore, Matteo Bonechi, che si soffermeranno sul rapporto tra la principessa e il telaio. Testo e regia sono di Livia Gionfrida.
Per tutta la durata della manifestazione saranno attivi i servizi della biblioteca, a cui sarà possibile accedere anche senza prenotazione.

Per rimanere aggiornati su tutti gli eventi a Figline e Incisa si rimanda al sito: www.fiv-eventi.it
22/10/2020 12.41 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Comune di Montespertoli Commercio e centro storico di Montespertoli: via il bando per i contributi alle nuove aperture di negozi e vinto un bando regionale per la riqualificazione del Centro Commerciale Naturale
A maggio è partito il progetto di Marketing Territoriale che punta per i prossimi cinque anni, attraverso diversi step, alla riqualificazione e promozione del territorio raccontando le eccellenze montespertolesi con un'unica nuova immagine coordinata Il concetto di marketing territoriale si lega fortemente anche alle attività commerciali di cui dovrà essere valorizzata un'identità per dare nuove risposte sia ai residenti che ai turisti.

"Commercio e promozione del territorio devono andare a braccetto in una unica strategia per questo abbiamo lavorato insieme all'Assessore De Toffoli per portare avanti una progetto a 360°: un nuovo brand che verrà presentato nei prossimi mesi, riqualificazione urbana, incentivi alle nuove aperture e ecommerce. Tutto questo per stare vicino a chi fa impresa a Montespertoli." dichiara l'Assessore al Commercio Paolo Vignozzi.

Adesso è il momento dei primi step operativi come l'incentivare le aperture di nuovi negozi nel Centro Storico.
L'amministrazione, nonostante il complicato anno che stiamo vivendo, ha quindi realizzato un sistema di contributi per favorire nuove aperture di negozi con nuove azioni volte ad incentivare una ripresa del settore come quello del commercio di vicinato e del piccolo artigianato particolarmente colpito negli ultimi anni.
Nella giunta di giovedì scorso è stato quindi approvato il disciplinare del bando per concedere contributi a fondo perduto volti ad incentivare l’apertura di nuove attività commerciali e artigianali per le vie del centro storico: piazza dei Machiavelli, via Roma, via Sonnino e Piazza del Popolo.

Lo stanziamento complessivo previsto per l’erogazione dei contributi per gli anni 2020-21-22 è pari ad € 26.000,00 così suddivisi:
- 14.000,00 euro per l'annualità del 2020;
- 5.000,00 euro per l'annualità del 2021;
- 7.000,00 euro per l'annualità del 2022;
L'Amministrazione sottolinea che sarà possibile stanziare ulteriori fondi che si potrebbero rendere disponibili nel corso del triennio, si tratta in sostanza di un bando aperto di cui è possibile implementare la dotazione finanziaria.

Sul fronte E-commerce già da mesi, e siamo alle battute finali, gli Uffici Comunali insieme all'Associazione Commercianti stanno lavorando per la creazione del portale da mettere a disposizione di tutte le attività commerciali, produttive e professionali del territorio in modo che possa fungere da vetrina e shop online.

Una bella notizia è arrivata pochi giorni fa con l'esito positivo in merito alla partecipazione del Comune al bando regionale 'Spazi Urbani 2020' rivolto alla qualificazione e valorizzazione dei luoghi del commercio e alla rigenerazione degli spazi urbani ottenendo un finanziamento di 35.000 euro a favore di:
- nuovi arredi e pannelli informativi in acciaio CorTen;
- installazione di luci a terra;
- indicazioni e mappe con installazione nel centro del paese per una migliore indicazione ai visitatori e turisti;
- acquisto di materiali per sostenere le cene e i momenti di convivialità organizzati con i commercianti.

'Esserci aggiudicati questo finanziamento ci permetterà di rivalutare e riqualificare il nostro Centro Commerciale Naturale e, insieme ai contributi a favore di nuove attività commerciali e artigianali e alla vetrina digitale, aiutare la rinascita delle vie e delle due piazze che hanno sofferto negli ultimi anni' conclude l'Assessore al Commercio Paolo Vignozzi
22/10/2020 11.14 Comune di Montespertoli
Città Metropolitana di Firenze 'Felicità Metropolitane' con "Ricordati di Bach"
Venerdì 23 ottobre alle ore 18.30 presso la Biblioteca di Calenzano talk show con Ilaria Guidantoni. Reading di Federica Miniati. Sonorizzazioni dal vivo a cura di Alice Cappagli (violoncello) Venerdì 23 ottobre alle ore 18.30 presso la Biblioteca di Calenzano, l’associazione culturale 'La Nottola di Minerva', nell’ambito del progetto 'Felicità metropolitane', in collaborazione con la Città Metropolitana di Firenze, presenta il libro di Alice Cappagli 'Ricordati di Bach', edito da Einaudi.
Talk Show con Ilaria Guidantoni. Reading di Federica Miniati. Sonorizzazioni dal vivo a cura di Alice Cappagli (Violoncello)

Esistono passioni così potenti da cambiarti la vita. Da rovesciarti la testa, i pensieri, lo sguardo. Per Cecilia la musica è esattamente questo: un modo di vivere, il solo che conosce. «Fai finta di dover parlare di tutto quello che è finito in un abisso, – le dice il suo maestro. – Della gioia e del pianto, della vita e della morte. Fai finta di dovermi raccontare qualcosa che non ha mai avuto parole per essere descritto. Rimane Bach. Tolto tutto rimane solo lui: la lisca del tempo». Ma il tempo che cos’è? Cecilia ha otto anni quando un incidente d’auto le lede per sempre il nervo della mano sinistra e si mette in testa d’imparare a suonare il violoncello. E ne ha diciannove quando tenta i
primi concorsi. In mezzo, dieci anni di duro lavoro con Smotlak, un maestro diverso da tutti gli altri, carismatico, burbero, spregiudicato. Per arrivare a scoprire qual è il senso di ogni sfida e della sua stessa vita. Cecilia è ancora una bambina, quando a dispetto di tutto e di tutti – in particolare dei suoi genitori -, entra all’Istituto Mascagni di Livorno, un conservatorio, e di quelli seri. Scoprirà a poco a poco cosa significa segarsi i polpastrelli con le corde, imparare solfeggio e armonia, progredire o regredire, scoraggiarsi o meravigliarsi. Educare la sua mano, sfidarla. E trovare una forza inaspettata, un’energia che sembra sprigionare direttamente dalla fatica.
Il suo insegnante, Smotlak, spirito spericolato e grande scommettitore, capace di perdere a un tavolo da gioco un Goffriller del 1703, punta su di lei come si può puntare su un cavallo, e mira a farla diventare come gli altri, «quelli senza cuciture». Intorno a loro, una schiera di personaggi che impareremo a conoscere pagina dopo pagina: Odila, compagna di corso e unica amica, la terribile prof. Maltinti, il «sovietico» Maestro Cini… Ma «le vere lezioni non sono quasi mai a lezione», e Cecilia non tarderà a capirlo, scoprendo che una scommessa ben piazzata può portarti lontano e che un vero maestro insegna veramente tutto: perfino a vivere.
«Questa storia è la mia storia, Cecilia sono io».

Alice Cappagli è livornese e ha suonato il violoncello nell'orchestra del Teatro alla Scala per 37 anni. Ha pubblicato per Statale 11 un racconto a tema musicale dal titolo Una grande esecuzione (2010). Per Einaudi ha pubblicato Niente caffè per Spinoza (2019 e 2020) e Ricordati di Bach (2020).
Con il progetto Felicità metropolitane, giunto quest’anno alla quarta edizione, in collaborazione con la Città Metropolitana, la città di Firenze e l’emittente Controradio, l’Associazione culturale La Nottola di Minerva propone una rassegna di incontri sul tema della felicità, nei mesi di settembre e ottobre 2020.
La rassegna si rinnova con un itinerario coordinato di autori e artisti che hanno affrontato la tematica della felicità da diverse angolazioni, attraverso modalità in grado di creare un dialogo tra generazioni, un programma interdisciplinare e un presidio culturale per l'intera Città Metropolitana. Lettura e informazione vanno di pari passo per raccontare la contemporaneità attraverso strumenti di promozione della lettura per sottolineare l'intimo legame tra cultura, educazione e felicità.
La quarta edizione fa tesoro delle esperienze precedenti per diffondere in modo capillare un progetto che coinvolge Centri Culturali, Fondazioni, Biblioteche del territorio, palazzi storici e luoghi aperti alla cittadinanza.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti
È consigliata la prenotazione biblioteca@comune.calenzano.fi.it– 055 883 3421

Gli eventi si svolgeranno in presenza nel rispetto delle regole anti-covid

Gli eventi saranno registrati e pubblicati sul canale YouTube della Nottola di Minerva
http://www.lanottoladiminerva.it/wp/felicita-metropolitane-iv-edizione/

Info: ufficiostampa@lanottoladiminerva.it
www.lanottoladiminerva.it
www.sdiaf.comune.fi.it
www.musefirenze.it
www.palazzomediciriccardi.it
www.biblioteche.comune.fi.it
www.controradio.it
22/10/2020 12.02 Città Metropolitana di Firenze
Regione Toscana Consiglio regionale: Mazzeo a Figline incontrerà i lavoratori della Bekaert
Il presidente del Consiglio regionale domattina alle 10 davanti ai cancelli per parlare con una delegazione
Il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, incontrerà domani mattina, venerdì 23 ottobre, i lavoratori della Bekaert a Figline. Dopo i primi incontri nel campo della sanità, martedì scorso all'ospedale di Cisanello e al Santa Chiara di Pisa, e del mondo della scuola, con la visita alla secondaria di primo grado 'Giacomo Leopardi' questa mattina a Vecchiano (Pisa), Mazzeo sarà domattina alle 10, fuori dai cancelli della ditta per parlare con una delegazione dei lavoratori. "Voglio testimoniare da subito la vicinanza mia personale e di tutto il Consiglio Regionale agli operai della Bekaert impegnati in una durissima vertenza, ma, al tempo stesso, ribadire la massima attenzione al tema del lavoro e a tutte le crisi aziendali che si sono aperte in Toscana in questi ultimi anni", spiega Mazzeo.
22/10/2020 19.30 Regione Toscana
Unione Montana dei Comuni del Mugello In Mugello, cultura e musica... go on!
Gli appuntamenti nel weekend Appuntamenti culturali e musica a go go questo weekend nel Mugello. In primo piano le presentazioni di libri e gli incontri del festival “Ingorgo Letterario”, la musica della rassegna “Go on! Giotto Jazz Festival e Etnica”, la cerimonia che ricorda la figura di Giovacchino Forzano. Ed ancora: mostre, trekking e attività all'aperto, visite guidate...
Le iniziative si svolgeranno con partecipazione limitata e anche con dirette social, adottando le misure di sicurezza disposte dal governo. Sagre e fiere paesane, come da recente Dpcm, sono state annullate.

Per saperne di più: www.mugellotoscana.it


22/10/2020 18.05 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello
Unione Montana dei Comuni del Mugello Mugello, sindaci: sospensione mercati straordinari sul territorio
Restano consentiti quelli previsti da normativa vigente I sindaci dell'Unione dei Comuni del Mugello hanno condiviso l'orientamento di sospendere nel territorio mugellano tutti i mercati straordinari (es. antiquariato, svuotacantina) mentre restano consentiti, come da normativa vigente, i mercati settimanali e mercati rionali, oltre a quelli alimentari e/o agricoli anche se destinati a vendita di prodotti stagionali.
22/10/2020 14.46 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello

Città Metropolitana di Firenze FiPiLi, lavori tra Lastra a Signa e Ginestra e tra Ponsacco e Cascina-Lavoria
Giovedì 22, venerdì 23 e sabato 24 ottobre, dalle 22 alle 6 del mattino Per lavori di pavimentazione stradale sulla strada di grande comunicazione Firenze Pisa Livorno l'Ufficio Viabilità della Città Metropolitana di Firenze ha previsto la chiusura della carreggiata tra gli svincoli di Lastra a Signa e Ginestra Fiorentina, in direzione Mare, dalle ore 22 di giovedì 22 e alle ore 6 di venerdì 23 ottobre 2020, e della carreggiata tra gli svincoli di Ponsacco e Cascina/Lavoria in direzione Mare dalle 22 del 23 alle 6 del 24 ottobre 2020.
22/10/2020 11.50 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Empoli Empoli. La genuinità dei prodotti agroalimentari del territorio toscano sui banchi del ‘Mercatale’
Carni, ortaggi, verdure, formaggi, salumi, miele, marmellate e molto altro Stagionalità, qualità, genuinità del territorio toscano a due passi dal centro città di Empoli sui banchi del “Mercatale”.

Un appuntamento ormai fisso quello del sabato mattina, al parcheggio di Via Bisarnella, dalle 8 alle 13, per gli amanti del mangiar sano, naturale, di qualità e nel rispetto della stagionalità. Un mercato della qualità dell’agricoltura alle porte del parco Mariambini.

LE AZIENDE AGRICOLE CHE ESPORRANNO - Sabato 24 ottobre 2020 dalle 8 alle 13 ci saranno: l’azienda agricola Papini, entrata da poco nella famiglia degli agricoltori del ‘Mercatale’, porterà del buonissimo miele e una esposizione di piante grasse; sempre presente il Romagnoli con la sua carne di vitello allevati in azienda e salumi da Montespertoli; l’azienda agricola La Chiocciola d'Elsa di Poggibonsi con verdure e chiocciole; il Colle Fiorentino con ortaggi di stagione da Montespertoli; i formaggi di Maria con formaggi a latte crudo da Volterra; il pane di grani antichi del forno Romolino da Lastra a Signa; le verdure dell'azienda agricola di Luigina da Certaldo con le verdure e cipollotto fresco; i salumi di filiera toscana di Marco macelleria di Castelfiorentino. Infine l'azienda agricola di Andrea che porterà fave, verdure di stagione, marmellate e uova.
22/10/2020 11.04 Comune di Empoli
Comune di Lastra a Signa Lastra a Signa. Variante alla via Livornese, affidati i lavori per la realizzazione della rampa di accesso al ponte a Signa e della rotatoria
A fine novembre l’avvio del cantiere del 1° lotto della variante nella zona di Ponte a Signa Sono stati affidati i lavori del 1° lotto del progetto di variante alla via Livornese che riguardano l’eliminazione dell'intersezione semaforica sulla ex 67 nella zona di Ponte a Signa, mediante l'inserimento di una rotatoria e la realizzazione di una rampa per l’accesso diretto al ponte sull'Arno da via di Sotto.
L’obiettivo dell’intervento è quello di migliorare la funzionalità dell’intersezione a Ponte a Signa tra via Livornese, via di Sotto e il ponte sull’Arno e fluidificare il traffico in entrambe le direzioni. L’intervento fa parte del più ampio di progetto di adeguamento della viabilità comunale, comprendente un ulteriore lotto di intervento, con lo scopo di creare una rete viaria alternativa alla Livornese dall’uscita della Fi-Pi-Li fino a Ponte a Signa.
Per quanto riguarda il costo del 1° lotto è pari a 1.300.000 euro di cui 120.000 da fondi regionali e per le restanti risorse: circa l’80 % da fondi FSC e il 20% da risorse comunali. L’apertura del cantiere è prevista per fine novembre.
Nel dettaglio il progetto prevede una rotonda, che oltre a facilitare lo scorrimento del traffico veicolare dovrebbe ridurre il rischio di incidente stradale tipico delle intersezioni a raso, che avrà una larghezza della corona giratoria di 8 metri e un’isola centrale sormontabile di 5 metri di raggio. Sarà modificato il senso circolatorio della viabilità adiacente alla rotatoria con l’introduzione di un senso unico di marcia in uscita verso via XXV Aprile e l'inversione del senso unico in corrispondenza di via G. Puccini. La rotatoria recupererà uno spazio pedonale fruibile su piazza Ferroni grazie all’allargamento dei marciapiedi sulla piazza lato Montelupo, attualmente adibito a sosta in prossimità dell’incrocio. In via De Amicis verranno riqualificati tutti i percorsi pedonali esistenti attraverso l’integrazione delle pavimentazioni attuali e la ridefinizione degli stalli di sosta con posti in linea con l'asse stradale della via. Per quanto riguarda la rampa si tratterà di realizzare un’asse di derivazione stradale che correrà parallelamente alla viabilità esistente per poi immettersi in maniera quasi perpendicolare nella soprastante strada. La nuova strada comprenderà anche una pista ciclabile che si snoderà parallelamente all’unico marciapiede previsto lato Arno.
In particolare la rampa sarà realizzata sfruttando una struttura di sostegno a telaio, in parte in cemento armato gettato in opera (pilastri) e in parte utilizzando un impalcato in precompresso (travi porta solaio e soletta). Al di sotto della stessa verrà ricavata una superficie utile da destinare ad un parcheggio che avrà capienza di 30 posti auto.
“Siamo giunti ad una tappa fondamentale del progetto di viabilità alternativa alla Livornese – ha spiegato il sindaco Angela Bagni- che migliorerà lo scorrimento del traffico sulla nostra arteria stradale principale. Dopo un grande lavoro sia di progettazione che un lungo e complesso iter di gara finalmente, tra un po' più di un mese, daremo il via a quella che sarà una vera e propria rivoluzione per la nostra viabilità interna”.
22/10/2020 14.29 Comune di Lastra a Signa
Comune di Firenze Entra nella Fontana del Nettuno, denunciato e multato dalla Polizia Municipale
Vestito da centurione inscena una protesta incitato e ripreso da un complice in piazza Vestito da centurione entra nelle Fontana del Nettuno inscenando una protesta incitato e ripreso da un complice in piazza. Ma per i due è scattata la denuncia per manifestazione e per l’intruso anche una multa da 160 euro.

É successo oggi. Erano le 12.45 quando un uomo abbigliato come un centurione romano ha scavalcato la recinzione della Fontana del Nettuno salendo sul bordo della vasca da dove ha iniziato ad arringare i passanti urlando frasi di protesta. Gli agenti della Polizia Municipale intervenuti sul posto hanno notato tra le persone radunatesi un uomo che lo incitava filmandolo con il cellulare. Gli agenti hanno invitato più volte il "centurione" nella fontana a interrompere la protesta e a uscire dalla fontana. Questi ha dichiarato che sarebbe uscito a patto venissero attaccati alcuni manifesti di una associazione di cui lui si dichiarava presidente. Alla fine l’uomo ha interrotto la protesta seguendo gli agenti presso la sede della Polizia Municipale a Palazzo Vecchio dove è stato identificato (P.S. residente fuori regione). Nel frattempo la Polizia Municipale insieme alla Polizia di Stato ha rintracciato l’altro uomo, anche egli identificato come R.C. residente sempre fuori regione. Grazie alle immagini delle telecamere è emerso che i due si conoscevano e che erano arrivati insieme in piazza. Per questo entrambi sono stati denunciati per manifestazione non autorizzata e P.S. è stato anche multato per essere entrato nella fontana (sanzione da 160 euro). Per i due, già noti per aver effettuato manifestazioni simili in altre città, è scattato anche il foglio di via della Questura. (mf)
22/10/2020 19.26 Comune di Firenze
Comune di Castelfiorentino Castelfiorentino. Lavoro in cambio del Reddito di Cittadinanza, al via otto progetti di utilità collettiva (PUC)
Già attivati due progetti, con l’inserimento dei fruitori del RdC nell’accesso ai servizi della Casa della Salute e dei Medici di Medicina Generale, nell’ambito della campagna vaccinale antinfluenzale 2020/2021 Lavoro in cambio del Reddito di Cittadinanza. A Castelfiorentino è già una realtà. Due persone che usufruiscono del Rdc sono state inserite in due Progetti di Utilità Collettiva (PUC), nell’ambito di un “pacchetto” di otto progetti mediante i quali l’Amministrazione Comunale castellana punta a coinvolgere fino a un massimo di 82 cittadini che percepiscono il reddito in un ampio ventaglio di attività a carattere sociale, educativo e culturale.
I primi due inserimenti interessano l’accesso in piena sicurezza (nel rispetto delle normative anti covid 19) ai servizi della Casa della Salute e dei Medici di Medicina Generale. Nella pratica, i fruitori del Rdc vengono impiegati nella valutazione degli utenti per rilevare la presenza o meno di fattori di rischio collegati al Covid 19, attraverso la misurazione della temperatura corporea, la garanzia del distanziamento tra le persone e della sanificazione delle mani, l’informazione e l’orientamento in caso di accesso non programmato alle strutture.
Obiettivo di questi due progetti e delle relative prestazioni è quello di assicurare un supporto alla campagna vaccinale antinfluenzale 2020/2021, quanto mai necessaria quest’anno sia per contenere gli accessi alle strutture sanitarie (che sono già sotto pressione) sia per agevolare il compito del personale medico nel diversificare l’origine dei sintomi simil influenzali
“La campagna vaccinale contro l’influenza – osserva l’Assessore alla Sanità, Alessandro Tafi – assume quest’anno una doppia funzione. Serve a individuare più facilmente l’insorgenza del Covid 19 nelle persone vaccinate ma che presentano comunque sintomi influenzali, ed è in ogni caso importante per ridurre l’accesso negli ospedali. Con questi due inserimenti – prosegue Tafi – che segnano l’avvio di un piano più ampio per impiegare al servizio della comunità i fruitori del reddito di cittadinanza, intendiamo inoltre lanciare un segnale forte, di equità e di giustizia. Chi percepisce un reddito dovrebbe sentire il bisogno di restituire qualcosa alla collettività di cui fa parte. Per questo motivo abbiamo promosso otto progetti, che spaziano dal sociale, alla scuola, alla cultura. Per quelli attivati in questi giorni desidero ringraziare il dott. Franco Doni, direttore della Società della Salute Empolese Valdelsa Valdarno, il cui contributo è stato davvero indispensabile, e il nostro personale dell’Ufficio Politiche Sociali, in particolare la dott.ssa Samantha Coppolaro”.
Gli altri progetti promossi dal Comune riguardano il settore educativo (3 progetti, che interessano la scuola primaria “Tilli”, la scuola primaria “Roosevelt” e la scuola primaria “Di Vittorio”), la cultura (due progetti presso la Biblioteca Comunale “Vallesiana”) e infine un altro progetto che interessa l’accesso in sicurezza al presidio ospedaliero del “Santa Verdiana”, sempre in relazione al sostengo della campagna vaccinale antinfluenzale 2020/2021 e ai prelievi ematici.

22/10/2020 11.25 Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino
Comune di Firenze Firenze. Rinasce lo Spazio Giovani Cure
Lo storico centro del Comune sarà gestito dalla coop Il Girasole, del consorzio Co&So, nella grande area Pettini Danza, laboratori teatrali, musica, una redazione web. Saranno organizzate attività per giovani e anziani, nel rispetto delle misure sanitarie. Lo Spazio Giovani Cure, storico centro giovanile del Quartiere 2 del Comune di Firenze, rinasce grazie alla cooperativa Il Girasole, per conto del Consorzio Co&So, che da quest'anno lo gestisce in collaborazione con l'Associazione Culturale Kaleido.

Da luglio, sfruttando il parco Pettini e lo spazio estivo Fico Bistrot, gestito dall'associazione Raccontarno, sono stati organizzati concerti, corsi di teatro per bambini e adulti, reading letterari all'aria aperta. Ma nel cassetto ci sono tanti progetti, che nei prossimi mesi la cooperativa Il Girasole realizzerà con altre associazioni del territorio, oltre alle già citate Kaleido e Raccontarno: Centrale dell’Arte, Briodanza, Batucada Agogo, Noi Insieme e Il Globo.

L'idea è creare un luogo di riferimento in cui i giovani del quartiere possano socializzare, stare insieme, divertirsi, imparare e fare i compiti, ma anche un posto in cui tutti i cittadini possano frequentare per corsi, incontri, iniziative. Per ora le attività si svolgeranno all'esterno, quando il tempo lo consentirà, e nelle stanze al primo piano disponibili, in attesa che vengano completati i lavori negli altri locali.

È uno spazio per promuovere il protagonismo dei giovani, aperto allo scambio e all'incontro fra le diverse generazioni che vivono l'area Pettini. Gli abitanti del parco vanno da 0 a 90 anni, vi si possono incontrare gli anziani del Centro adiacente, le famiglie, i ragazzi che vengono a chiacchierare appena usciti da scuola: una comunità intera.

22/10/2020 13.52 Comune di Firenze
Comune di Vicchio A Vicchio ripristinata la regolamentazione della Zona a Traffico Limitato (ZTL) in Via Garibaldi, Piazza Giotto e Corso del Popolo
Da sabato 24 ottobre A partire da sabato 24 ottobre è ripristinata la regolamentazione della Zona a Traffico Limitato (ZTL) in Via Garibaldi, Piazza Giotto e Corso del Popolo. Lo stabilisce l’ordinanza 554/2020, adottata a seguito della direttiva della Giunta Municipale del 16.10: in sostanza è stato deciso di ripristinare la circolazione nella ZTL così come regolamentata prima della modifica sperimentale.

L’ordinanza prevede:

il ripristino delle zone di sosta a tempo (30 minuti) sul lato ovest - di Piazza Giotto, compreso il tratto prospiciente i nn.cc. 17-19, e nel tratto antistante e adiacente la statua, laddove erano presenti prima della modifica;
il ripristino in Piazza Giotto del posteggio riservato ai veicoli al servizio di disabili, nel primo stallo di sosta sul lato ovest della piazza, in corrispondenza del n.c. 5;
il ripristino del divieto di sosta permanente nel tratto antistante la chiesa;
il ripristino del senso unico di marcia in Via Garibaldi, con direzione consentita da Piazza della Vittoria a Piazza Giotto;
il ripristino del senso unico di marcia in Piazza Giotto, con direzione consentita da Via Garibaldi a Corso del Popolo;
il ripristino del senso unico in Corso del Popolo, con direzioni consentite da Piazza Giotto a Via Cellini e da Piazza Giotto a Vicolo della Chiesa;
il ripristino del divieto di accesso in Corso del Popolo, all’intersezione con Via Cellini (zona Ponente) e con Vicolo della Chiesa (zona Levante);
il ripristino del divieto di sosta e transito in Via Garibaldi, Piazza Giotto e Corso del Popolo dalle ore 19.00 alle ore 6.00 dei giorni feriali;

E' istituito il divieto di sosta e transito in Via Garibaldi, Piazza Giotto e Corso del Popolo dalle ore 19.00 del sabato fino alle ore 6.00 del lunedì.

Dai divieti di transito sono esclusi i veicoli di soccorso in servizio di emergenza, ed i soggetti autorizzati in qualità di utilizzatori di garages situati nella Z.T.L. di Corso del Popolo con accesso ove consentito dalle chiusure contingenti.

22/10/2020 10.32 Comune di Vicchio
 
 




Vai al contenuto