Login

MET

Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Camera di Commercio di Firenze Archeologia 4.0: trovare i reperti senza scavare
Il radar ad alta risoluzione e i droni che mappano il sottosuolo al convegno organizzato il 25 gennaio da Camera di Commercio di Firenze e Regione Toscana Basta con i polverosi scavi alla Indiana Jones, le nuove frontiere dell’archeologia si chiamano geo-radar e droni e consentono di scandagliare il sottosuolo prima di eseguire qualunque lavoro. Questi sistemi, ottimi per migliorare il lavoro di professionisti alla ricerca dei manufatti perduti, facilitano anche la realizzazione di opere pubbliche e private in territori ad alta densità archeologica, come Firenze.

Una dimostrazione pratica del radar ad alta risoluzione è stata organizzata durante il seminario Cultural Heritage Reloaded, che tratterà argomenti come l’archeologia preventiva e il precision mapping, organizzato da Regione Toscana e dal Punto Impresa Digitale di Camera di Commercio di Firenze in collaborazione con l’Università di Siena e Unioncamere Toscana venerdì 25 gennaio nella Sala corsi dell’ente camerale (ingresso da piazza dei Giudici, 3).

Fra gli altri, il seminario vedrà la partecipazione di Andrea Pessina e Pierluigi Giroldini della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio, del professor Stefano Campana dell’Università di Siena, insieme ai titolari di alcune imprese selezionate come best practices nel settore.

L'incontro gratuito è rivolto alle imprese operanti nell’edilizia e ai professionisti. L’Ordine degli ingegneri riconosce due crediti, mentre sono in corso di ottenimento crediti formativi per l'Ordine dei Geologi della Toscana e l'Ordine degli Architetti di Firenze.

Per partecipare all’evento è necessario iscriversi on line sul sito di Camera di Commercio di Firenze http://www.fi.camcom.gov.it/cultural-heritage-reloaded
22/01/2019 15.06 Camera di Commercio di Firenze
Publiacqua spa Attenzione ai contatori dell’acqua
Si raccomanda agli utenti di tenere sotto controllo le tubazioni del proprio impianto interno Considerato il repentino abbassamento delle temperature, soprattutto notturne, previsto anche per i prossimi giorni, in particolar modo nelle zone collinari e appenniniche per le Province di Firenze, Prato, Pistoia e Arezzo, Publiacqua ricorda e raccomanda di nuovo a tutti gli utenti di provvedere a proteggere con scrupolo il proprio contatore dell’acqua con materiali isolanti o con stracci di lana, per evitarne la rottura a causa del gelo; ciò provocherebbe infatti la cessazione dell'erogazione di acqua per il tempo necessario alla sostituzione del contatore da parte nostra. Sostituzione i cui costi sarebbero tra l’altro a carico degli utenti stessi. Oltre a questo Publiacqua ricorda anche che un problema a parte è rappresentato dalle seconde case, inabitate nel periodo invernale, dove il ghiaccio può provocare la rottura di tubazioni e termosifoni. Anche in questo caso raccomandiamo agli utenti, oltre che proteggere il contatore, di tenere sotto controllo le tubazioni del proprio impianto interno adottando, al bisogno, qualche piccolo accorgimento come quello di mantenere un minimo flusso da un rubinetto per evitare il congelamento delle tubazioni esposte.

Ricordiamo inoltre agli utenti che, in caso di richiesta di intervento al nostro Numero Verde Guasti 800 314 314 per rottura del contatore, è fortemente consigliato farlo comunicando la matricola dello stesso (riportata su qualsiasi bolletta e sullo stesso contatore). Questa informazione, infatti, è fondamentale per accelerare al massimo i tempi di intervento e quindi di ripristino del servizio.
22/01/2019 16.19 Publiacqua spa
Regione Toscana Treno della memoria, Barni: "Educazione, conoscenza e spirito critico contro la costruzione dell'odio"
Un tema importante è quello legato alla costruzione dello spirito critico nei ragazzi "La visita ad Auschwitz è la tappa di un percorso iniziato un anno prima con la formazione dei docenti. Noi non siamo qua solo per commemorare e mettere corone, ma per fornire ai ragazzi la conoscenza su ciò che è stato. Soprattutto per fornire loro quegli strumenti di pensiero critico che li possano aiutare a giudicare". La vicepresidente della Regione Toscana Monica Barni lo sottolinea, uscendo dal Museo di Auschwitz, al termine della cerimonia davanti al Muro della Morte dove anche la Regione Toscana ha portato, come ogni volta, la sua corona di fiori.

"Per questo - continua Barni - ho centrato il mio intervento ieri a Birkenau durante la cerimonia dei nomi, su tre aspetti principali: l'educazione, la conoscenza e la costruzione dello spirito critico". Educazione come chiave fondamentale per la costruzione dei nuovi cittadini e la nuova classe dirigente, spiega la vicepresidente.

"Importante poi il tema della conoscenza - prosegue - perché troppo spesso si abbina la Shoah all'operato di mostri, cioè qualcuno che è distante da noi e costruiamo un muro tra noi e loro. Ma quello che è stato non è solo opera di mostri, è anche e soprattutto il frutto di un disegno perfettamente strutturato che ha coinvolto la burocrazia e stamani l'abbiamo visto: i registri delle persone, degli oggetti, i capelli, tutto doveva essere schedato e riutilizzato anche a fini di sostegno dell'economia. Mai fermarsi quindi all'affermazione – dice ancora - che chi ha perpetrato questo abominio fossero dei mostri, ma andare oltre e capire le ragioni profonde e il disegno che si voleva seguire. Non a caso ieri ho parlato di ‘stato giardiniere', uno stato, cioè, che vuole eliminare le erbacce e che lo fa con un disegno scientifico, facendo sì che quelle erbacce possano servire fino in fondo".

Ultimo tema, quello legato alla costruzione dello spirito critico nei ragazzi: "perché devono sempre tenere gli occhi aperti – afferma Barni – e, come ci dice Primo Levi, far sì che la storia non si ripeta perché non pensate che quell'orrore non possa tornare, può tornare in forme diverse, usando capri espiatori diversi, ma il meccanismo è sempre lo stesso: si individua un capro espiatorio, si costruisce un clima di sospetto e di odio e questa mattina lo abbiamo visto benissimo nel padiglione israeliano del Museo, nel quale una stanza era interamente dedicata al tema della costruzione dell'odio attraverso le parole e le azioni. Poi, una volta trovato il capro espiatorio e un contesto favorevole, si va oltre, ma a quel punto le condizioni si sono create ed è facile. Per questo - conclude Monica Barni - anche con il presidente Enrico Rossi abbiamo invitato i giovani a non essere indifferenti, a scegliere in modo consapevole , perché le scelte di ognuno di noi sono importanti. I nostri giovani devono essere partigiani della memoria".
22/01/2019 16.40 Regione Toscana
Gruppo Ferrovie dello Stato Maltempo, attivati dal Gruppo FS i piani neve e gelo nelle regioni del Centro Nord
Per la giornata del 23 gennaio rimane attiva la fase di preallerta dei piani neve e gelo in Toscana, Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo. Preallerta in Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia –Romagna e Sardegna; emergenza lieve in Liguria e Piemonte In base al bollettino meteo diramato dalla Protezione Civile, il Gruppo FS Italiane ha attivato per la giornata di domani, mercoledì 23 gennaio, la fase di preallerta dei Piani neve e gelo in Lombardia, Emilia – Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Sardegna mentre in Liguria e basso Piemonte è stata attivata la fase di emergenza lieve.

L’offerta ferroviaria è confermata in tutte regioni ad esclusione della Liguria e del Piemonte. In queste due Regioni a causa delle nevicate più abbondanti, domani mercoledì 23 gennaio, sarà garantito il 70% dei treni regionali sulle seguenti linee:

· Genova – Busalla – Tortona, intera giornata (cancellata la relazione Busalla-Genova dalle ore 10.00)

· Genova – Acqui Terme, intera giornata

· Arquata – Alessandria, intera giornata

· Savona – San Giuseppe di Cairo, intera giornata (interessati treni delle linee Alessandria – Savona, Torino – Savona e Fossano – San Giuseppe di Cairo)

Al momento non è interessato il traffico ferroviario media e lunga percorrenza.



L’elenco aggiornato dei treni cancellati è disponibile sul sito trenitalia.com e surfi.it nella sezione infomobilità.

I servizi commerciali potranno essere ulteriormente ridotti o subire modifiche in base al peggioramento delle condizioni meteo. Il Gruppo FS Italiane ha già predisposto il monitoraggio costante dell’infrastruttura ferroviaria, per assicurarne l’efficienza e garantirne la piena disponibilità per i servizi delle imprese ferroviarie e, quindi, la mobilità delle persone.

La fase di preallerta dei Piani neve e gelo di FS Italiane rimane ancora attiva in Toscana, Umbria, Marche, Toscana, Lazio e Abruzzo in attesa delle evoluzioni meteo previste in graduale miglioramento dalla giornata di domani.

Per far fronte in maniera tempestiva a eventuali criticità provocate nelle prossime ore dal maltempo saranno attivi i Centri operativi territoriali nelle regioni interessate, coordinati dalle Sale Operative centrali di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia.

Le principali azioni previste dal Gruppo FS Italiane:

· presidi tecnici degli impianti nevralgici, con particolare attenzione ai nodi urbani ferroviari;

· corse raschia-ghiaccio, per mantenere in efficienza i sistemi di alimentazione elettrica dei treni;

· allertato il personale delle ditte appaltatrici per garantire la piena operatività degli spazi di stazione aperti al pubblico.

Sono più di 1.100i dipendenti del Gruppo FS Italiane e delle ditte appaltatrici pronti ad intervenire per assistere le persone e garantire la mobilità ferroviaria.

Circa 500 persone, fra operatori della circolazione, tecnici di RFI e delle ditte appaltatrici, sono pronte ad intervenire in caso di necessità per eseguire specifici controlli sull’infrastruttura e attività di monitoraggio sugli impianti ferroviari.

Trenitalia ha previsto misure tecniche e organizzative specifiche per garantire la mobilità delle persone, con locomotive e treni diesel di soccorso pronte a intervenire in caso di peggioramento delle condizioni meteo. Previsto inoltre il potenziamento dei servizi di assistenza ai viaggiatori nelle stazioni interessate con oltre 650 addetti per assistere efornire informazioni sulla riprogrammazione dei servizi di trasporto.

Nel corso della giornata di oggi 22 gennaio, infine, il miglioramento delle condizioni meteo e le nevicate contenute delle ultime ore hanno permesso di garantire in Toscana, sulle seguenti linee ferroviarie, il 70% dei treni regionali:

· Faentina (dalle ore 14.00 di oggi)

· Siena – Grosseto (intera giornata)

· Siena – Chiusi (intera giornata)

Sulla linea Siena – Empoli – Firenze invece il Gruppo FS Italiane sta assicurando l’80% delle corse regionali e un servizio bus “spola” tra Siena e Empoli che sostituisce i treni cancellati; in particolare i treni Firenze – Empoli – Siena e viceversa effettuano fermate aggiuntive a Ponte a Elsa e Castellina in Chianti con allungamenti dei tempi di viaggio fino a 15 minuti.

Sulla linea Chiusi – Arezzo – Firenze infine è attualmente garantito il 100% delle corse regionali.


FS Italiane invita i viaggiatori a tenersi informati sulla situazione della circolazione dei treni anche attraverso i canali di informazione del Gruppo, visitando i siti web trenitalia.com, rfi.it, il giornale on line fsnews.it, ascoltando FSNews Radio, o collegandosi a @fsnews_it, il profilo Twitter di FS.
22/01/2019 19.25 Gruppo Ferrovie dello Stato
Comune di Montespertoli Comune di Montespertoli, scuola e associazioni insieme per ricordare l’Olocausto
Tutte le iniziative organizzate a Montespertoli per la Giornata della Memoria In occasione della Giornata della Memoria, che si tiene il 27 gennaio, una settimana dedicata al ricordo e non solo. Il Comune, le scuole, le associazioni e la cittadinanza di Montespertoli proseguono con l'impegno corale di dare testimonianza del periodo più buio della storia contemporanea, per trasmettere alle giovani generazioni la memoria della politica genocidaria dei regimi totalitari. L'obiettivo condiviso, e rinnovato ogni anno, è di tenere al centro la dignità delle persone, oggi più che mai minacciata, se non addirittura calpestata, dall'affermazione di politiche di estrema destra, anche nell'Europa che dovrebbe ben ricordare le conseguenze delle scelte fatte in quel periodo.
A scuola, nei giorni scorsi, Kitty Brown Falaschi, donna ebrea vittima delle persecuzioni naziste in Italia negli anni '40 che ha vissuto in prima persona la tragica esperienza dei campi di concentramento, ha incontrato i giovani studenti di terza media della “Fucini” e ha raccontato loro la storia della sua famiglia. “Le tracce dei lager ti restano sempre dentro, è un trauma troppo profondo per pensare di poterlo superare e dimenticare”, ha detto Kitty ai ragazzi colpiti dall'importante testimonianza.

Il messaggio è chiaro: non perdere mai la memoria di ciò che è stato ma soprattutto di come si è giunti all'affermazione dei regimi totalitari. Non bisogna mai abbassare la guardia e ritenere che le società di oggi siano immuni a certi fenomeni, e mai sottovalutare gli episodi e i sentimenti di violenza che oggigiorno rifioriscono. Nasce da questa esigenza il costante impegno dell'Amministrazione comunale e di tutti gli altri soggetti coinvolti a tramandare e rafforzare quei valori di civiltà che si sono affermati nel ‘900 grazie al sacrificio e alla sofferenza di tanti esseri umani.

Il programma delle celebrazioni per la Giornata della Memoria che, tra giovedì 24 gennaio e sabato 2 febbraio, presso l'auditorium del centro culturale “Le Corti”, sarà possibile visitare l'esposizione delle tavole dell'artista Roberto Innocenti (premio Andersen), estratte dai due libri illustrati “Rosa Bianca” e “Storia di Erika”.

Le due opere offrono uno spaccato della guerra, disegnata con taglio e riferimenti molto attuali e vista attraverso gli occhi dei bambini. Sono proprio questi ultimi, infatti, i destinatari dei volumi pubblicati da La Margherita Edizioni, affinché la tragedia dell'Olocausto, sempre più lontana nel passato, non cada nell'oblio.

Ecco perché diventa ancor più doveroso passare il testimone alle giovani generazioni per scongiurare il rischio di un ritorno all'autoritarismo del passato. La mostra sarà visitabile dal martedì al venerdì, dalle ore 16 alle 19, e il sabato dalle ore 11 alle 13. Giovedì 24 e venerdì 25 gennaio visiteranno l'esposizione gli studenti delle classi quinte della scuola primaria “Rita Levi Montalcini” di Montagnana e della primaria “Niccolò Machiavelli”, guidati dallo stesso Roberto Innocenti e da Giulio Cesare Bucci, un ex ufficiale in congedo.

Il 27 gennaio alla Casa del Popolo si terrà un incontro organizzato da Spi-Cgil insieme a Casa del Popolo, Arci, Aned e Bibliamus, e patrocinato dall'Amministrazione comunale, dal titolo “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”. Sarà un momento di riflessione e di condivisione di letture, testimonianze e pensieri, aperto a chiunque abbia voglia di raccontare le proprie esperienze ed emozioni. L'incontro si terrà dalle ore 17 alle 19.30. Inoltre, dal 26 gennaio al 2 febbraio, presso i locali della Casa del Popolo sarà allestita la mostra fotografica “Testimonianze” sui campi di concentramento di Matahausen, a cura dell'associazione Aned.
22/01/2019 14.04 Comune di Montespertoli
Regione Toscana Maltempo, codice giallo per neve anche per il 23 gennaio
Prosegue la perturbazione che ha portato e porterà neve un po' in tutta la Regione fino a quote collinari. La Sala operativa unificata permanente della Regione ha confermato il codice arancione emesso lunedì e valido fino alla mezzanotte di martedì 22 e ne ha emesso uno giallo per neve e ghiaccio che interesserà quasi tutta la Toscana nella giornata di mercoledì 23 gennaio; uniche zone escluse sono quelle lungo tutta la costa e le isole Il codice giallo per neve è valido dalla mezzanotte di oggi, martedì 22 gennaio, fino alla mezzanotte di domani, mercoledì 23 gennaio per le seguenti aree: Casentino, Valdichiana, Mugello, valli del Fiora e dell'Albegna, valle dell'Ombrone Grossetano, Romagna toscana, Valtiberina. Per queste stesse zone resta confermato il codice arancione emesso ieri e valido fino alla mezzanotte di oggi. Codice giallo per neve, valido dalle ore 15 fino alla mezzanotte del 23 gennaio, per queste aree: Valdarno Inferiore, Lunigiana, Serchio-Garfagnana-Lima e Serchio-Lucca. Infine, sempre per queste zone è emesso un codice giallo per ghiaccio dalla mezzanotte di oggi fino alle 12 di domani, 23 gennaio.

Vediamo nel dettaglio la situazione prevista.
NEVE. Nel pomeriggio-sera di oggi 22 gennaio previste nevicate a quote collinari su gran parte delle zone interne: su Alto Mugello, Casentino e Alta Val Tiberina e localmente sui rilievi dell'aretino e del senese. Possibili locali nevicate anche a quote di pianura ma senza accumuli. Domani, mercoledì, residue deboli nevicate in nottata fino a quote di fondovalle sui settori appenninici settentrionali e sull'aretino e senese, in esaurimento; dal pomeriggio deboli nevicate a carattere sparso oltre i 500 metri sulle zone interne, con quota della neve in calo in serata fino a localmente 300 metri sulle zone settentrionali. Possibili accumuli a quote collinari e non significativi in pianura.

GHIACCIO. Per domani, 23 gennaio, durante la notte e nel primo mattino temperature sotto zero su tutte le zone interne con possibile formazione di ghiaccio, in particolare sulle zone maggiormente interessate da precipitazioni.

Per informazioni più dettagliate e per le norme di comportamento da tenere in occasione di tali fenomeni consultare la pagina http://www.regione.toscana.it/allertameteo
22/01/2019 15.07 Regione Toscana
Comune di Campi Bisenzio Campi. Accogliere la memoria
Le iniziative in programma Campi Bisenzio celebra la giornata della memoria proponendo tre iniziative:

  • Domenica 27 Gennaio, presso il TeatroDante Carlo Monni, alle ore 17.30 pomeriggio all'insegna di musica, balletto e letture I PAINTED PEACE a cura della Scuola di Musica di Campi Bisenzio.

  • Lunedì 28 Gennaio, sempre al TeatroDante, alle ore 10 il Sindaco Emiliano Fossi e l'Assessore alla Cultura Monica Roso interverranno alla presentazione del libro "STORIE CAMPIGIANE" di Giovanni Bacci e del libro "ANCHE SUPERMAN ERA UN RIFUGIATO" alla presenza degli autori Alessandro Raveggi e Lilith Moscon e di Dagmawi Ymer.

  • Martedì 29 Gennaio presso la Sala Consiliare S. Pertini, alle ore 17, verrà conferito il Premio Levriero Città di Campi Bisenzio a Ugo Brilli.


Accogliere la memoria è un'iniziativa promossa da Comune di Campi Bisenzio, Associazione Futura Memoria, Cooperativa Macramè ONLUS e UNHCR.


"Si tratta d i una serie di iniziative promosse in collaborazione con le associazioni del territorio ricca e di elevata qualità - sottolineano il sindaco Emiliano Fossi e Monica Roso, assessore alla cultura - che non si ferma alla semplice celebrazione del 27 gennaio, ma amplia i concetti di memoria, libertà e democrazia".
22/01/2019 12.12 Comune di Campi Bisenzio
Città Metropolitana di Firenze Meteo Metrocittà Firenze, deboli nevicate sparse in Mugello
Bassi: "Attenzione sulle strade a tratti ghiacciati per l'abbassarsi delle temperature". Codice giallo per rischio neve mercoledì 23 gennaio. Rischio ghiaccio anche in Valdisieve La Sala di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze segnala che sono in atto deboli nevicate sparse, in particolare nella zona del Mugello - Alto Mugello. Per le prossime ore ancora possibilità di deboli nevicate sparse oltre 200-300 m di quota, sui settori appenninici. "Per l'abbassarsi delle temperature è probabile la formazione di tratti ghiacciati. Si ricorda l'obbligo delle dotazioni invernali e massima attenzione alla guida - avverte il consigliere Angelo Bassi, delegato della Metrocittà alla Protezione civile - Il personale della Viabilità e della nostra Protezione civile sta operando per garantire la percorribilità delle strade di competenza".
Per domani, mercoledì 23 gennaio, è previsto dal Centro funzionale regionale un codice giallo per rischio neve su tutto il territorio provinciale e codice giallo per rischio ghiaccio nelle zone Mugello-Valdisieve e Romagna Toscana (Alto Mugello). (mb)

In allegato: neve sulla Sp 477 "Dell'Alpe di Casaglia" e le segnalazioni di codice giallo sul territorio
22/01/2019 21.39 Città Metropolitana di Firenze
Ufficio Stampa Associato del Chianti A causa delle precipitazioni nevose non sarà garantito il servizio di trasporto scolastico nelle aree montanare e collinari di Greve in Chianti
Le scuole saranno regolarmente aperte. Istituti in funzione anche a Barberino, Tavarnelle e San Casciano Visto il perdurare delle precipitazioni nevose che interessano il territorio grevigiano, domani, mercoledì 23 gennaio, non sarà garantito il servizio di trasporto scolastico in tutte le zone montane e collinari. Il Comune informa inoltre che saranno sospese le gite scolastiche. Le scuole saranno regolarmente aperte.

BARBERINO TAVARNELLE. Scuole aperte anche per le scuole del territorio di Barberino Tavarnelle. L'Ufficio Servizi educativi dell'Unione comunale del Chianti fiorentino comunica che domani, mercoledì 23 gennaio, il servizio di trasporto scolastico potrà subire ritardi o variazioni legati alla percorribilità delle strade. Per informazioni più dettagliate si consiglia di contattare 0558052228, a partire dalle ore 7,15 di domattina.

SAN CASCIANO. Il Comune, che sta monitorando costantemente la situazione in collaborazione con le squadre dei volontari della Protezione civile, informa che non è prevista alcuna variazione per le scuole di San Casciano, aperte regolarmente, e il normale funzionamento del servizio di trasporto scolastico.
22/01/2019 19.29 Ufficio Stampa Associato del Chianti
Comune di Barberino di Mugello Giornata della Memoria a Barberino e commento Assessore Giovannelli
Una programmazione che quest’anno è dedicata in particolare modo alle famiglie e ai ragazzi per sottolineare l’importanza del trasmettere la Memoria GIORNATA DELLA MEMORIA 2019
Programma delle iniziative realizzate da Catalyst
in collaborazione con ANPI e Comune di Barberino di Mugello

Come ogni anno, in occasione della Giornata della Memoria, Catalyst cura presso il Teatro Comunale Corsini, una significativa programmazione di iniziative realizzate in collaborazione con ANPI e con il Comune di Barberino di Mugello, che vedranno il culmine proprio nella giornata del 27 gennaio, alle ore 18.00, con il concerto-spettacolo della Pavel Zalud Orchestra diretta da Enrico Fink.
Una programmazione che quest’anno è dedicata in particolare modo alle famiglie e ai ragazzi per sottolineare l’importanza del trasmettere la Memoria e conoscere un passato aberrante ma che se studiato e compreso può aiutare a cogliere i segnali di allarme e pericolo che attraversano la società contemporanea mettendo in pericolo lo sviluppo di una vita civile e democratica e il rispetto dei fondamentali diritti umani.
Proprio per questo oltre ai tre titoli riservati alle scuole (L’albero della Memoria 04/02/19 e La mia Vita prigioniera 05/02/19), domenica 27 gennaio alle 18.00 il Teatro Corsini ospita lo spettacolo musicale WIEGENLIED. Ninna nanna per l’ultima notte a Terezin, un concerto spettacolo nato da un’idea dello scrittore ed ebraista Matteo Corradini che in oltre 10 anni di studi e viaggi sul ghetto di Terezin ha recuperato quegli strumenti originali Pavel Zalud che oggi, suonati dai solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo, formano la PAVEL ZALUD ORCHESTRA diretta da Enrico Fink che in questo spettacolo suona per la prima volta tutti insieme i 13 strumenti musicali.

WIEGENLIED. Ninna Nanna per l’ultima notte a Terezin è infatti incentrato sulle musiche composte negli anni del ghetto composte negli anni del ghetto da Ilse Weber, poetessa ebrea autrice di libri, canzoni e poesie per bambini e sul racconto dell’esperienza unica di Terezín, che intreccia parole e musica creando poco per volta un dialogo in crescendo, tra commozione e sorrisi.
Dopo l’occupazione nazista della Cecoslovacchia, nel 1939 Ilse Weber arrivò nel campo di concentramento di Auschwitz. Ilse, già affermata scrittrice di libri per l’infanzia, scrisse più di 60 poesie durante la sua prigionia, alcune con musiche composte da lei con la sua chitarra. Si fece deportare ad Auschwitz volontariamente assieme ai bambini di Theresienstadt e fu uccisa insieme a suo nipote Tommy nelle camere a gas.


PROGRAMMA COMPLETO DELLE INIZIATIVE dal 25/01 al 5/02 2019

venerdì 25 gennaio ore 20.45 Teatro Corsini
Rassegna Cinelò a cura di Lorenzo Benucci proiezione del film documentario
AUSTERLITZ
regia di Sergey Loznitsa Documentario Germania 2016
a seguire dibattito con Elisa Bacciotti

domenica 27 gennaio ore 18 Teatro Corsini
replica riservata alle scuole lunedì 28 gennaio ore 10
WIEGENLIED NinnaNanna per l’ultima notte a Terezin
con l’Orchestra Pavel Žalud diretta da Enrico Fink
e 16 strumenti originali dal ghetto di Terezín
progetto a cura di Matteo Corradini
dai 10 anni – per tutti

Diretta da Enrico Fink, l’Orchestra Pavel Žalud nata da un progetto dello scrittore Matteo Corradini, suona per la prima volta 10 dei 13 strumenti originali provenienti dal ghetto di Terezin. Un concerto-spettacolo che mescola le musiche composte negli anni del ghetto dalla scrittrice Ilse Weber, autrice di libri per l’infanzia, al racconto dell’esperienza unica di Terezín, intrecciando parole e musica, commozione e sorrisi. Uno spettacolo pensato per i ragazzi e le famiglie e dedicato alla memoria di tanti bambini innocenti che ancora oggi spariscono nella quasi indifferenza collettiva, in un soffio di vento o in un’onda nel mare.

lunedì 4 febbraio ore 10.30 – riservato alle scuole –
Catalyst
L’ALBERO DELLA MEMORIA
uno spettacolo di Riccardo Rombi
dal libro di Anna e Michele Sarfatti
con Francesco Franzosi, Alba Grigatti
e le musiche dal vivo di Letizia Fuochi e Francesco Cusumano

martedì 5 febbraio ore 11.00 – riservato alle scuole –
DireMare Teatro
LA MIA VITA PRIGIONIERA
Il Diario di Elio Bartolozzi
regia di Francesca Uguzzoni
con Alessandro Varrucciu

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Catalyst Teatro Corsini 055 331449 / 055 841237 ufficiostampa@catalyst.it
Biglietti per WiegenLied Terezin 27/01 h18 INTERO € 8,00 | RIDOTTO UNDER 12 € 6,00


Un commento dell'Assessore alla Cultura del Comune di Barberino Fulvio Giovannelli

“Siamo felici di poter organizzare e promuovere iniziative volte alla diffusione di una memoria condivisa come questi – ha spiegato l’assessore alla cultura del Comune di Barberino Fulvio Giovannelli. Un momento importante di confronto e di riflessione, anche e soprattutto per i nostri giovani. Il filo conduttore che lega queste belle iniziative che abbiamo organizzato con la collaborazione di tante realtà di Barberino è proprio questo: la condivisione e la conoscenza della nostra storia recente ci deve essere d’aiuto per vivere il presente mettendo al centro il valore etico e morale della persona e del rapporto relazionale tra gli esseri umani, un valore imprescindibile su cui costruire il futuro con particolare attenzione alle consuetudini, che spesso sfociano in atteggiamenti non sentiti”.
22/01/2019 16.58 Comune di Barberino di Mugello
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli - Decreto sicurezza, i sindaci dell'area fiorentina sud-est con la Regione: “Misure contraddittorie, illegittime e discriminatorie, bene il ricorso alla Corte costituzionale”
I primi cittadini scrivono al presidente Rossi chiedendo che le istanze dei Comuni vengano raccolte nell'impugnativa presentata dalla Toscana nelle scorse settimane
Il decreto sicurezza? “Viola il principio di uguaglianza, introduce discriminazioni rispetto agli stranieri, crea incertezze per gli enti locali ed è chiaramente contraddittoria”. Ne sono convinti i sindaci dei 15 Comuni dell'area a sud-est di Firenze, firmatari di una lettera inviata al presidente della Toscana Enrico Rossi in cui chiedono che la Regione raccolga anche le loro istanze nel ricorso al decreto presentato nelle settimane scorse alla Corte costituzionale.

La lettera è sottoscritta dal sindaco di Bagno a Ripoli, presidente della Conferenza zonale dei sindaci, Francesco Casini, Giacomo Trentanovi sindaco di Barberino Valdelsa, Anna Ravoni sindaco di Fiesole, Giulia Mugnai sindaco di Figline Incisa Valdarno, Paolo Sottani sindaco di Greve in Chianti, Alessio Calamandrei sindaco di Impruneta, Aleandro Murras sindaco di Londa, Renzo Zucchini sindaco di Pelago, Monica Marini sindaco di Pontassieve, Cristiano Benucci sindaco di Reggello, Daniele Lorenzini sindaco di Rignano sull'Arno, Mauro Pinzani sindaco di Rufina, Massimiliano Pescini sindaco di San Casciano Val di Pesa, Alessandro Manni sindaco di San Godenzo, David Baroncelli sindaco di Tavarnelle Val di Pesa.

Nel mirino dei sindaci, in particolare, l'articolo 13 del decreto sicurezza, che abroga l'iscrizione anagrafica degli stranieri richiedenti asilo. Una misura, scrivono nella missiva, “che appare viziata da manifesta illegittimità costituzionale per violazione del principio di uguaglianza poiché introduce una irragionevole discriminazione rispetto agli altri stranieri in possesso di permesso di soggiorno che in presenza di dimora abituale o domicilio effettivo (come quello dei richiedenti asilo), sono obbligatoriamente iscritti alle anagrafi delle popolazioni residenti a condizione di parità coi cittadini italiani”. La norma contenuta nel decreto, secondo i sindaci, “crea incertezze per gli enti locali”, impedisce agli amministratori “di conoscere con certezza il numero delle persone presenti sul proprio territorio e di determinare i servizi pubblici e sociali che i Comuni hanno l’obbligo di garantire e rischia di riaprire il contenzioso giudiziario per stabilire quale debba ritenersi la dimora abituale del richiedente”.

L'abrogazione dell'iscrizione all'anagrafe dei richiedenti asilo, sostengono i sindaci, appare inoltre “contraddittoria”, dal momento che il permesso di soggiorno rilasciato per la richiesta di asilo è “l'unico documento di riconoscimento che può essere chiesto allo straniero che ha chiesto protezione internazionale per l’accesso ai diritti riconosciuti dalla legge”.

“In sostanza – spiega Casini – con le nuove norme introdotte dal governo non solo non si risolvono i problemi ma si aggravano, creando più clandestini e senza dare una risposta reale al vero tema sicurezza. Maggiore sicurezza si ottiene solo inviando sul territorio più agenti delle forze dell'ordine a presidio delle nostre città e con una vera riforma della giustizia. Il resto è demagogia”.
22/01/2019 12.27 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli

Unione Comuni Valdarno Valdisieve Giornata della Memoria: a Pelago lo spettacolo il “Giorno di Nada”
Venerdì 25 gennaio alla Casa del Popolo Uno spettacolo dedicato alla “Ragazza di Bube” in occasione della Giornata della Memoria. È previsto per venerdì 25 gennaio alle 21 alla Casa del Popolo di Pelago (piazza Ghiberti) lo spettacolo “La vera storia di Nada Giorgi 'la ragazza di Bube'”. La rappresentazione è a cura della compagnia La Carovana della Memoria, con la regia di Moreno Betti, l’arrangiamento di Moreno Ciandri, protagonisti Antonella Ganino e tutta la Compagnia Bella. Lo spettacolo ha il patrocinio del Comune di Pelago ed il sostegno dell'Associazione Donne in Cammino.

22/01/2019 11.31 Unione Comuni Valdarno Valdisieve

Comune di Castelfiorentino Castelfiorentino. Quasi 50 giovani-attori per uno spettacolo sulla Shoah
Al Teatro C’Art (26 e 27 gennaio) la compagnia teatrale “Passi di Luce” presenta “Oltre il Filo, la Speranza” in occasione della Giornata della Memoria 2019 “Oltre il Filo, la Speranza”. E’ questo il titolo della rappresentazione teatrale proposta dalla Compagnia “Passi di Luce” per ricordare la tragedia della Shoah, e che si svolgerà Teatro C’Art (loc. Pesciola) sabato 26 e domenica 27 gennaio, in occasione della “Giornata della Memoria 2019. Lo spettacolo, che gode del patrocinio del Comune di Castelfiorentino, nasce da un intenso e appassionato lavoro di ricerca e dalla creatività artistica di quasi cinquanta giovani-attori, ragazzi e bambini che grazie alla regia di Elena Verdiani hanno voluto ricordare l’olocausto con uno sguardo di speranza, rivolto al futuro.
Testi e personaggi sono stati scelti e interpretati da loro, le scene sono state costruite in un laboratorio di teatro-danza, partendo dalle storie e dalle testimonianze di ebrei sopravvissuti. Un lavoro in cui i ragazzi sono stati coinvolti in maniera attiva, cosi da portarli a riflettere su questo tema e a cercare di trasmettere un messaggio al pubblico attraverso questo tipo di arte.
"Quello che abbiamo trattato – osserva Marco, 16 anni - è un tema molto delicato. Dal mio punto di vista ho visto molto impegno da parte di tutti. C'è stato un lavoro considerevole anche e soprattutto nei minimi e singoli particolari, per cercare di non interpretare delle realtà che non sono accadute. Una delle prime scene nella quale recito, grazie alla situazione che si crea, mi suscita paura. Perciò posso solo immaginare il terrore che quelle povere persone hanno provato. Per non parlare di ciò che hanno subito e visto"
“É impressionante – sottolinea Bianca, 13 anni - come una sola battuta ti possa trasportare in quei campi, con tutti gli affanni, il terrore e la terribile tristezza che incombeva su ognuna di quelle persone... Ed é terrificante pensare che queste cose siano successe davvero e che nessuno abbia potuto fare niente. Questo tema, per quanto mi riguarda, mi ha fatto immedesimare moltissimo in quelle anime sfinite, mi ha fatto riflettere su quanto siamo fortunati ad avere tutte le piccole e grandi ricchezze che abbiamo e a come quotidianamente le sottovalutiamo”.
Lo spettacolo, che sarà presentato in “prima assoluta” sabato sera (ore 21.15), avrà due repliche domenica 27 gennaio (giornata della memoria): ore 16.30 e ore 18.00. Per informazioni e prenotazioni: 338.7855036 (Jessica, orario 19.00-21.00). I biglietti sono acquistabili in loco il giorno dell’evento (posto unico, non numerato).
Il Teatro C’Art si trova in via Brodolini 9, zona industriale Pesciola.

22/01/2019 10.22 Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino
Comune di Pontassieve Rete Ferroviaria Italiana sceglie Pontassieve
Cresce l’Officina Nazionale Armamento: assunti 29 nuovi tecnici Marini: “Soddisfazione per un’eccellenza che investe sul nostro territorio”.

L’Officina Nazionale Armamento di Pontassieve è un polo tecnologicamente avanzato, dove si producono componenti fondamentali dell’infrastruttura ferroviaria e di parti essenziali al suo funzionamento per l’intera rete ferroviaria italiana. Una vera eccellenza da oltre 150 anni al servizio delle ferrovie e del Paese che da qualche giorno si è arricchita di 29 nuovi operatori. Come riporta la nota diffusa dall’azienda “si tratta di ragazzi, tra i 19 ed i 28 anni, provenienti da Toscana ed Umbria, tutti diplomati con ottimi voti negli istituti tecnici Industriali e per Geometri, che sono stati assunti a dicembre. Dopo un percorso formativo, hanno iniziato la loro attività lavorativa affiancando i colleghi più esperti dai quali potranno apprendere gli aspetti concreti del mestiere”
“È una notizia che accogliamo – commenta il Sindaco Monica Marini - con grande soddisfazione poiché abbiamo sostenuto e appoggiato fino da subito la scelta di RFI di investire per far crescere l’Officina Nazionale Armamento di Pontassieve. Per renderlo possibile, nel novembre del 2017, abbiamo approvato in Consiglio Comunale una variante al regolamento urbanistico dove era previsto l’ampliamento dello stabilimento. L’officina di Pontassieve era infatti stata scelta per sviluppare un progetto di crescita e introdurre nuove lavorazioni per competere così con le più grandi realtà europee. Tale opportunità, oltre ad ampliare la produzione dell’officina, si è tradotta anche in nuovi posti di lavoro. Come Amministrazione siamo stati e saremo sempre disponibili a dare il nostro contributo per far sì che questa realtà si confermi sempre più un’eccellenza nazionale ed europea. Non nascondo - prosegue - che nel 2014 poco dopo essermi insediata gli scenari per questa azienda non erano rosei come invece lo sono adesso e per questo sono doppiamente soddisfatta per la scelta di RFI di investire sul nostro territorio”
Simbolico anche il fatto che questa forte spinta di rinnovamento e investimenti cada poco dopo la celebrazione (a giugno 2018) di 150 anni di una storia che si lega in modo indissolubile a Pontassieve, qui – conclude Marini - hanno lavorato e lavorano tanti concittadini, questa produzione, insieme a quella del vino e della pelle, rappresenta uno dei settori economici più importanti per la crescita e lo sviluppo della nostra comunità.

Nata nel 1868 per iniziativa dell’allora Società per le strade ferrate romane, l’Officina Nazionale Armamento di Pontassieve di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) diviene punto di riferimento nella produzione di cunei in legno per il fissaggio delle rotaie a doppio fungo in uso durante quegli anni.
22/01/2019 15.41 Comune di Pontassieve
Regione Toscana Rossi e Saccardi: "Confermiamo la fiducia in Calamai e Damone, confidiamo negli esiti dell'inchiesta"
Così a proposito dell'inchiesta sui concorsi di Careggi "Confermiamo la nostra fiducia in Monica Calamai e in Rocco Damone, persone della cui onestà, capacità e rigore nel perseguire l'interesse pubblico non dubitiamo. Attendiamo gli esiti dell'indagine e confidiamo che si possa fare chiarezza nel più breve tempo possibile". Il presidente Enrico Rossi e l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi intervengono così a proposito dell'inchiesta sui concorsi di Careggi, che ha coinvolto anche Monica Calamai, attualmente dg dell'assessorato e fino al marzo 2018 dg di Careggi, e Rocco Damone, dg di Careggi dal marzo 2018
22/01/2019 12.09 Regione Toscana
Teatro del Maggio Musicale Fiorentino Maggio in Regione. Alvise Casellati e l’Orchestra del Maggio In tour nei teatri della Toscana
Dal 24 gennaio al 2 febbraio cinque concerti con due sinfonie
tratte dal repertorio di Mozart e Beethoven
Il Maggio va in trasferta. L’Orchestra torna a viaggiare per i teatri della Toscana grazie al progetto Maggio in Regione che prevede, da qui all’inizio di febbraio, una serie di concerti diretti dal maestro Alvise Casellati. A partire da questo giovedì il direttore e l’Orchestra del Maggio porteranno la Sinfonia n. 38 in re maggiore K. 504 Praga di Mozart e la Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36 di Beethoven in “tournée”, con cinque concerti in calendario in meno di dieci giorni. Il primo è fissato giovedì 24 gennaio alle 21 al Teatro Goldoni di Livorno, sabato 26 (ore 21) al Teatro Jenco di Viareggio, martedì 29 (ore 21) al Teatro Era di Pontedera, mercoledì 30 (ore 21) al Teatro Persio Flacco di Volterra e infine sabato 2 febbraio (ore 21) al Teatro moderno di Grosseto.

Sinfonia n. 38 in re maggiore K. 504 Praga - Wolfgang Amadeus Mozart
Nel 1786 Mozart vive un momento di crisi; a Vienna le sue ultime composizioni non riscuotono più il favore di un tempo, considerate troppo difficili e adatte alle orecchie di un pubblico di intenditori piuttosto che di dilettanti desiderosi di svago musicale. A consolarlo dall’amarezza per la disaffezione del pubblico viennese giunge fortunatamente un invito da Praga, dove il compositore è chiamato per tastare con mano il successo senza pari ottenuto dalle Nozze di Figaro. Per l’occasione, come omaggio alla benevola città boema che lo avrebbe accolto con tutti gli onori, Mozart compone una delle sue pagine sinfoniche più significative: la Sinfonia in re maggiore KV 504 “Prager”. Considerata ai vertici della produzione mozartiana, quest’opera mostra un’evoluzione rispetto alle sinfonie precedenti sia sul piano dell’organico, dove si attestano legni, corni e trombe a coppie, sia su quello formale, con l’introduzione di un Adagio in apertura prima dell’Allegro e la soppressione del Minuetto. Altra peculiarità è la consonanza dei tre movimenti con il mondo dell’opera. Nella Sinfonia “di Praga” si respira infatti il clima delle grandi creazioni mozartiane per il teatro, dal primo movimento in cui il compositore anticipa atmosfere che ritroveremo nel Don Giovanni, al dinamicissimo terzo movimento in cui emergono echi e risonanze delle Nozze di Figaro.

Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36 - Ludwig van Beethoven
Fin dalla sua prima prova in campo sinfonico Beethoven dimostrò di voler seguire la strada che lo avrebbe condotto verso nuovi orizzonti musicali. Nata mezzo secolo prima come genere di puro diletto sonoro, la sinfonia si sarebbe trasformata nelle sue mani nel mezzo di comunicazione privilegiato delle istanze poetiche del musicista. La Seconda Sinfonia in re maggiore op. 36 risale al 1802, anno in cui Beethoven è costretto a combattere dolorosamente con l’acuirsi della sua malattia. Nonostante tutto, il musicista si dedica anima e corpo alla composizione dando vita, tra le varie opere di quel periodo, alla sua Seconda Sinfonia. Giudicata dai suoi contemporanei troppo lunga e troppo elaborata rispetto agli standard del tempo, la Seconda è una pagina animata da energia palpitante che riassume abilmente elementi del passato e del futuro. Se da un lato l’Introduzione lenta e solenne (secondo il modello di Haydn) e il malinconico tema del Larghetto appartengono ancora al clima espressivo classico, dall’altro si fanno strada elementi di stampo assolutamente beethoveniano, quali i temi fieri e risoluti del primo movimento, lo Scherzo, che prenderà stabilmente il posto del settecentesco Minuetto, fino al trattamento dei fiati, che Beethoven fa emergere in opposizione agli archi, dando loro una fisionomia e un’importanza nuova.
22/01/2019 14.09 Teatro del Maggio Musicale Fiorentino
Comune di Firenze Fiorino d'Oro alla squadra delle Florence Dragon Lady – LILT ed a Firenze in Rosa onlus
Maria Federica Giuliani: “Compleanno d'oro per le mitiche Donne in rosa”. Approvata, dal Consiglio comunale, mozione presentata dal gruppo PD E' stata approvata, dal Consiglio comunale, la mozione presentata dai consiglieri Maria Federica Giuliani (prima firmataria), Angelo Bassi, Benedetta Albanese, Nicola Armentano, Fabrizio Ricci per conferire il Fiorino d’Oro della città di Firenze alla squadra delle Florence Dragon Lady – LILT ed a Firenze in Rosa onlus.

“Si tratta – sottolinea Maria Federica Giuliani – di un atto doveroso verso la squadra delle Florence Dragon Lady - LILT, costituita da un gruppo di donne, le mitiche Dnne in Rosa. Una squadra, nata il 14 febbraio 2006, che si allena alla Canottieri Comunali di Firenze e che oltre la vita di squadra e di preparazione per le manifestazioni partecipa alle attività di divulgazione della cultura della prevenzione e riabilitazione oncologica.

Lo scorso luglio – ricorda la consigliera Giuliani – Firenze ha ospitato l’ emozionante manifestazione “Dragon Boat Festival 2018”, organizzata da Firenze in Rosa onlus, che per la prima volta si è svolta in Europa nelle acque dell’Arno e che ha visto coinvolte 129 squadre in rappresentanza di 17 paesi, di tutti i continenti e la partecipazione di oltre 4.000 persone provenienti da ogni parte del mondo con un grande messaggio di prevenzione e di normalizzazione della malattia. In quell'occasione si è svolto nel Salone dei Cinquecento anche un importante congresso scientifico sulla riabilitazione oncologica. Un grande lavoro, grazie alla collaborazione di tutti gli enti, Comune e regione in primis, che ha dato a tutta Firenze l’opportunità di conoscere ed esprimere solidarietà nell’affrontare la malattia con spirito di squadra, fiducia e speranza. La mozione approvata – conclude Maria Federica Giuliani – invita il sindaco a conferire le onorificenze del Fiorino d’Oro alla squadra delle Florence Dragon Lady – LILT ed a Firenze in Rosa onlus”. (s.spa.)

22/01/2019 9.12 Comune di Firenze
Guardia di Finanza - Comando regionale Sgominata banda Italo - Albanese. Operava tra il Nord Europa, la Lombardia e la Toscana
14 Arresti per traffico internazionale di stupefacenti e sequestro di oltre 500 Kg di Marijuana e 18 kg di cocaina 14 arresti, 520 kg di marijuana e 18 Kg di cocaina sequestrati, 17 episodi di importazioni riscostruiti: è questo il bilancio dell’operazione denominata “BUSLIJNEN” (“autobus di linea” in lingua olandese), condotta dai Finanzieri del Comando Provinciale Guardia di Finanza di Firenze che hanno anche eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nei confronti di 11 soggetti indagati (3 dei quali erano stati già arrestati in flagranza di reato nel corso dell’indagine).

Le persone destinatarie della misura cautelare personale coercitiva sono state raggiunte in località ubicate nel territorio della Regione Toscana, nei pressi di Roma, nonché in vari altri luoghi siti in Lombardia. Le indagini sviluppate hanno accertato che gli indagati facevano parte di una strutturata organizzazione malavitosa italo-albanese dedita al traffico internazionale di stupefacenti che nel tempo aveva importato nel nostro Paese ingenti quantità di cocaina e marijuana dal Belgio e dall’Olanda.

Tra l’altro, uno dei soggetti coinvolti, pluripregiudicato, era emerso in passato in indagini riguardanti varie cosche ‘ndranghetiste calabresi, impegnate nel traffico internazionale di stupefacenti sulla rotta Spagna-Italia, essendo stato già arrestato nel 2013 (e condannato in via definitiva) per aver trasportato, sul proprio pullman, 17 kg di hashish.
L’ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale del capoluogo toscano – Dott.ssa Angela Fantechi, su richiesta della Procura della Repubblica di Firenze – Direzione Distrettuale Antimafia – diretta dal Procuratore Capo Giuseppe Creazzo, riguarda complessivamente 12 soggetti, 11 dei quali destinatari di custodia cautelare in carcere e l’ultimo con obbligo di dimora, tutti con l’accusa di far parte di un’associazione a delinquere dedita al traffico internazionale di stupefacenti.

Il contesto investigativo sviluppato dai Finanzieri del Gruppo Investigativo sulla Criminalità Organizzata, sotto la direzione del Sost. Proc. Giulio Monferini, ha preso avvio da un’indagine avviata nei confronti di soggetti albanesi aventi precedenti specifici per droga in cui, appunto, si è risalita la “catena di approvvigionamento” dello stupefacente che faceva capo ad un pregiudicato albanese (P.K.) più altri soggetti connazionali, suoi sodali. Del trasporto della droga se ne facevano carico, essenzialmente, tre soggetti italiani: il titolare di una ditta di trasporti e due suoi autisti, i quali – per non essere scoperti – avevano modificato abilmente, ricavandone un doppiofondo nel vano del sottoscala del pullman (la cui apertura era consentita da un originale doppio meccanismo comandato elettronicamente), che copriva la tratta stradale Olanda-Belgio-Milano.

Lo stupefacente, una volta arrivato a Milano, era prelevato da un altro sodale albanese dell’organizzazione che, unitamente ad altri complici, si occupava della successiva distribuzione nel territorio locale, nonché in Toscana.

Durante le investigazioni, durate molti mesi, sono stati ricostruiti ben 16 episodi di traffico di cocaina (per oltre 50 kg complessivi sequestrati), in un'altra circostanza, nei dintorni di Mantova, è stato individuato e sequestrato un carico di 520 kg di marijuana, arrestando in flagranza di reato 7 persone.

Con l’operazione di servizio eseguita stamane, le Fiamme Gialle fiorentine, con la collaborazione di alcuni Reparti del Corpo operanti sul territorio nazionale, è stata data esecuzione al provvedimento emesso dal GIP del Tribunale di Firenze presso le provincie di Prato, Milano, Bergamo, Monza, Lodi e Roma.

22/01/2019 14.00 Guardia di Finanza - Comando regionale
Regione Toscana Arresti a Prato, Rossi: "Operazione importante, orgoglioso del progetto Lavoro Sicuro"
I numeri di "Prato Lavoro Sicuro" "Un'operazione importante che ha permesso, forse per la prima volta in Italia, di applicare l'articolo 603 bis del codice penale che estende al datore di lavoro le norme sul caporalato". Questo il primo commento del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi alla notizia di una vasta operazione che nelle prime ore della mattinata ha portato all'arresto dei titolari cinesi di una ditta di confezioni, accusati del reiterato sfruttamento di 21 connazionali.

"Desidero innanzi tutto ringraziare la Procura della Repubblica di Prato, i Carabinieri e quanti hanno lavorato alle indagini. Ma un ringraziamento speciale – sottolinea il presidente – va agli operatori della Regione Toscana da anni impegnati nel progetto 'Prato Lavoro Sicuro' perché l'operazione di oggi è scaturita anche dagli accertamenti che quotidianamente svolgono sul territorio. Ed è per noi grande motivo di orgoglio".

"La Regione Toscana – conclude Rossi – mantiene il suo impegno nel contrastare lavoro nero, dormitori e caporalato, proprio per questo il piano straordinario andrà a avanti fino al 2020 e diventerà strutturale".

I numeri di "Prato Lavoro Sicuro"

Dal 2 settembre del 2014 al 31 dicembre 2018 sono state ispezionate 11.583 imprese, dando luogo a 5.484 comunicazioni di reato, a 464 sequestri e all'eliminazione di 1.723 impianti elettrici fatiscenti, 1.303 dormitori e 369 cucine abusive.

La situazione è nel tempo nettamente migliorata. Nella fase 2, iniziata il 1 aprile del 2017, le notizie di reato sono passate dal 54,8% al 34,8%, gli impianti elettrici non a norma dal 18,1 al 5,4%, i dormitori abusivi dal 11,7 al 7,6%.
Il piano proseguirà tuttavia fino 31 dicembre del 2020 e dal prossimo aprile il raggio ispettivo verrà ulteriormente esteso.
22/01/2019 17.01 Regione Toscana
Comune di Scandicci Scandicci. Libro della Vita, Claudio Vercelli con “I sommersi e i salvati” di Primo Levi
Domenica 27 gennaio alle 11 nell'Auditorium del Centro Rogers in piazza Resistenza a Scandicci Quinto appuntamento della quinta edizione de Il Libro della vita, una delle rassegne metropolitane più attese sulla promozione del libro e della lettura, in cui gli ospiti raccontano in cinquanta minuti il libro che gli ha cambiato la vita. Domenica 27 gennaio 2019 alle 11 nell'Auditorium del Centro Rogers in piazza Resistenza a Scandicci (fermata tramvia Resistenza), lo storico Claudio Vercelli parla de “I sommersi e i salvati” di Primo Levi. Il Libro della Vita è un progetto del Comune di Scandicci con il patrocinio di Regione Toscana e Città Metropolitana di Firenze. In tutto undici appuntamenti domenicali a partire dal 18 novembre 2018 fino al 24 marzo 2019, alle ore 11, nell'Auditorium del Centro Rogers in piazza Resistenza a Scandicci (fermata tramvia Resistenza). Racconti personali e inediti, ricchi di pretesti per far innamorare il pubblico di un libro. L'ingresso agli incontri è gratuito fino ad esaurimento posti. Info www.librodellavita.net , #librodellavita .

Novità di quest'anno i tre incontri della nuova proposta “Le città della vita”, uno spin-off che si sposta la sera alle 21 sempre in Auditorium con il racconto di Napoli di venerdì 25 gennaio, con Raffaele Palumbo, di Trieste (sabato 2 marzo Simone Cristicchi) e Firenze (venerdì 15 marzo Benedetto Ferrara), mantenendo il format dei 50 minuti di presentazione, dove l'attenzione si rivolge ad una città che ha contribuito in maniera forte e indelebile al carattere e alla personalità dei nostri ospiti. Il Libro della Vita è curato da Raffaele Palumbo.

Claudio Vercelli è uno storico italiano contemporaneista. Le sue aree specifiche di competenza sono la storia europea del Novecento, quella mediorientale e i regimi totalitari. Compie i suoi studi presso la Statale di Torino e la Statale di Milano prima in Scienze Politiche con indirizzo politico-internazionale e quindi formandosi come storico contemporaneista di relazioni internazionali. Si occupa di deportazioni, di sistemi concentrazionari, di genocidi e di negazionismo dell'Olocausto, argomenti sui quali ha pubblicato diversi saggi storici, partecipato a conferenze e convegni. È inoltre docente di storia dell'ebraismo all'Università Cattolica di Milano e di storia dell’Europa contemporanea presso l’Università Popolare di Torino. Numerosi i suoi studi monografici su diversi temi di storia contemporanea. Una peculiarità dello storico torinese come studioso dell'Olocausto, è stato l'interesse rivolto anche ai non ebrei deportati ed imprigionati nei campi di concentramento, così come, più in generale, a tutte quelle altre categorie che lo furono per ragioni politiche, etniche e religiose


“I sommersi e i salvati” di Primo Levi - “È avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire”. In otto, densi capitoli Primo Levi torna sull’esperienza dei Lager nazisti per leggerla non come un fatto conchiuso, un evento imprevedibile e circoscritto, insomma un incidente della Storia, ma come una vicenda esemplare attraverso cui è possibile capire fin dove può giungere l’uomo nel ruolo del carnefice e in quello della vittima. Le domande cui Levi risponde con l’equilibrio e la lucida fermezza che siamo soliti riconoscere ai classici, investono frontalmente il nostro oggi e si propongono alle nuove generazioni, per le quali la parabola nazista si va facendo sempre più lontana e più sfumata. Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema autoritario, e quali le tecniche per annientare la personalità di un individuo? Quali rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Chi sono gli esseri che abitano la “zona grigia” della collaborazione? Come si costruisce un mostro? Era possibile capire dall’interno la logica della macchina dello sterminio? Era possibile ribellarsi ad essa? E ancora: come funziona la memoria di un’esperienza estrema? Che cosa sapevano, o volevano sapere, i tedeschi? Levi non si limita a chiarire gli aspetti del fenomeno Lager che fino ad oggi restavano oscuri. Il suo è anche un libro “militante” che si batte contro ogni falsificazione e negazione della realtà, contro l’inquinamento del senso etico e l’assuefazione a quella degradazione dell’umano che riempie le cronache di questi decenni. I sommersi e i salvati rappresenta un contributo importante alla fondazione di una nuova, vigile coscienza critica. Il volume, la cui stesura ha richiesto dieci anni, fu pubblicato da Einaudi nella primavera del 1986.
22/01/2019 17.03 Comune di Scandicci
Comune di Empoli Conferenze di ‘Empoli 2019’, Silvia De Luca introduce ai Percorsi dell’arte medievale
Tanta la partecipazione al primo incontro a carattere storico artistico. Il prossimo verterà su il Medioevo, Da Giovanni Pisano a Lorenzo Monaco. Sabato 26 gennaio alle 17.30, Museo del Vetro Possiamo dire buona la ‘prima’ in termini di ampia partecipazione e attenzione nonché anche di curiosità da parte del numeroso pubblico che, sabato 19 gennaio 2019, è intervenuto alla conferenza a carattere storico artistico, che ha inaugurato il nuovo anno del ciclo “Empoli 2019”, nove secoli di storia, tenutosi al Museo del Vetro.

Un pubblico davvero interessato, l’augurio è che possa intervenire anche sabato prossimo, 26 gennaio 2019, alle 17,30, in occasione dell’intervento di Silvia De Luca, intitolato “Da Giovanni Pisano a Lorenzo Monaco. Percorsi dell’arte medievale a Empoli”.



LA CONFERENZA - Di origini campane, Silvia De Luca si è prima formata all’Università di Perugia per poi conseguire il Dottorato di Ricerca in Storia dell’Arte all’Università di Firenze. Empolese di adozione, vive nella nostra città dove insegna Storia dell’Arte all’Istituto di Istruzione Superiore Virgilio.

Il Medioevo è da sempre al centro dei suoi acuti interessi; questo periodo è stato per questo oggetto delle sue ricerche per Empoli 2019, affrontate con il rigore filologico che la caratterizza.

Per questo motivo, il suo intervento Da Giovanni Pisano a Lorenzo Monaco. Percorsi dell’arte medievale a Empoli non solo farà il punto sulla situazione degli studi, ma verrà arricchito da spunti, considerazioni inedite, curiosità su alcuni degli aspetti meno conosciuti dell’arte a Empoli.



PROSSIMI APPUNTAMENTI - Gli incontri proseguiranno poi, sempre al sabato pomeriggio, fino al mese di marzo, secondo il calendario di seguito proposto.



Sabato 2 Febbraio

Walfredo Siemoni, Cappelle, cappellanie, altari e patroni in Sant’Andrea a Empoli



Sabato 16 Febbraio

Simone Giordani, Bernardo Rossellino a Empoli: l'Annunciazione in Santo Stefano degli agostiniani, due statue "Belle e ben fatte e proporzionate"

Francesca Maria Bacci, Bernardo Rossellino a Empoli: il fonte battesimale della Collegiata tra modelli antichi e ispirazioni rinascimentali



Sabato 2 marzo

Cristina Gelli, L’arte del Cinquecento a Empoli: modelli fiorentini e precetti conciliari



Sabato 16 marzo

Alessandro Grassi, Empoli nel Seicento. Un osservatorio sulla pittura toscana

Sabato 30 marzo

Paola Matteucci, Umanesimo di provincia: Lavoro, Resistenza, Formazione
22/01/2019 13.17 Comune di Empoli
Comune di Firenze Al via la sostituzione dei tigli di Lungarno del Tempio
A febbraio 10 nuove piante Al via da giovedì 24 gennaio gli interventi di abbattimento e sostituzione dei tigli collocati su Lungarno del Tempio.

La prima fase degli interventi consisterà nell’abbattimento di otto piante in cattivo stato fitosanitario, ritenute pericolose per la loro stabilità: secondo le prove di Visual Tree Assessment i tigli sono risultati in Classe C di propensione al cedimento, analisi confermate da successive indagini strumentali di tipo penetrometrico, tomografico e da prove di trazione controllata. Nella seconda fase, nel mese di febbraio, si provvederà alla sostituzione delle piante abbattute con nuovi esemplari di tiglio. In totale saranno messe a dimora 10 piante, recuperando anche due precedenti vuoti createsi nel filare. (edl)

22/01/2019 19.05 Comune di Firenze
Comune di Scandicci Sporting Arno a Badia a Settimo, 800 mila euro dal Coni per nuovo campo sintetico, recinzione, bagni e spogliatoi
Il progetto fissa il rifacimento del campo di calcio a 11 in erba sintetica 800 mila euro dal Coni per la riqualificazione degli impianti sportivi dello Sporting Arno a Badia a Settimo, grazie ad un bando governativo per sport e periferie a cui il Comune di Scandicci ha partecipato nel 2017. Il progetto fissa il rifacimento del campo di calcio a 11 in erba sintetica grazie alla sostituzione del vecchio manto in erba artificiale - molto deteriorato - con uno nuovo di ultima generazione; sono inoltre previste le nuove recinzioni perimetrali per la separazione tra il pubblico e l’area di gioco, i nuovi cancelli e la rete parapalloni sulle testate del campo; nella seconda fase di lavori sono fissati gli interventi di adeguamento degli accessi e degli spazi spogliatoio, nonché la riqualificazione della zona riservata al pubblico con i nuovi bagni, i nuovi percorsi e le uscite di sicurezza; è infine prevista la sostituzione dell’attuale copertura degli spogliatoi con una nuova a pannelli coibentati.


“In questi ultimi anni stiamo portando avanti con continuità un importante piano di riqualificazione degli impianti sportivi in città – dice l'assessore allo Sport Andrea Anichini – con un rinnovato protagonismo delle società e delle associazioni che fanno sport nel territorio: in questo caso è stato primario il ruolo dello Sporting Arno, a cui va il nostro ringraziamento più sentito per essersi fatti carico della progettazione degli interventi. Altre opere in cantiere sugli impianti in città riguardano il campo sportivo di San Giusto e il Bartolozzi”.


Dopo la comunicazione da parte del Coni al Comune di Scandicci riguardo all'approvazione del finanziamento, l'iter prevede adesso la stipula di un accordo, l'approvazione della versione esecutiva del progetto e l'affidamento dei lavori tramite gara d'appalto.
22/01/2019 16.15 Comune di Scandicci
Asl Toscana Centro Cesareo in super emergenza salva mamma e bimba al San Jacopo di Pistoia
Decisive le scelte e la prontezza dell’equipe del reparto diretto da Pasquale Florio Un cesareo in super emergenza a 30 settimane, ha salvato due vite, quelle di una mamma e della sua bimba ancora in grembo. E’ successo all’ospedale San Jacopo di Pistoia dove per un distacco massivo di placenta, la bimba è stata fatta nascere immediatamente. La mattina la donna ha visto alcune macchioline di sangue e si è precipitata in ospedale dove è arrivata a piedi. Pochi minuti dopo aver varcato la soglia del San Jacopo, ha perso conoscenza ed è svenuta. Subito soccorsa, le ostetriche del reparto si sono attivate anche per registrare il battito del feto.

La ginecologa Elisa Ghelardini, insospettita perché il ritmo del cuore fetale era bradicardico, ha fatto portare l’ecografo ed eseguita una ecografia praticamente nel corridoio, ha diagnosticato il distacco massivo della placenta. Il "distacco di placenta" è una patologia serissima che mette a rischio la sopravvivenza del feto ma anche quella della madre, perché comporta una emorragia massiva interna.

La donna è stata quindi trasferita d’urgenza in sala operatoria mentre veniva allertato tutto il personale, gli anestesisti, le ostetriche, gli infermieri e naturalmente i medici.

Il direttore di ostetricia e ginecologia, professor Pasquale Florio e il dottor Raffaele Fimiani dell’unità operativa complessa di ginecologia e ostetricia pistoiese, hanno effettuato il cesareo sulla donna che per la perdita massiva di sangue da 15 di emoglobina, al momento dell’intervento registrava valori di 7,5. L’equipe composta dagli anestesisti Leandro Barontini e Fabio Cricelli, dagli infermieri Ilaria Biagi, Laura Boscardin e Federico Cadeddu, è riuscita a far nascere la bimba nel giro di pochissimi minuti. La piccola ha pianto subito ed è stata assistita immediatamente dai pediatri, Ilaria Cianchi, Livia Drovandi e Ugo Gasperini.

L’esito positivo della vicenda non era affatto scontato. Diversi fattori tra cui la prontezza del personale sanitario che in pochi minuti ha dovuto fare scelte importanti, sono stati decisivi: la tempestività della diagnosi e la rapidità con la quale sono state bloccate tutte le attività in sala operatoria per dare la precedenza al taglio cesareo; la sinergia del personale che ha lavorato all'unisono senza intoppi, garantendo il massimo livello di assistenza, da quella anestesiologica (la donna aveva fatto colazione e la decisione di fare un intervento d'urgenza è una decisione importante) a quella dei pediatri che hanno assistito la neonata subito dopo la nascita; la scelta di fare un taglio cesareo a 30 settimane, cioè a una epoca gestazionale prematura per la nascita; la decisione di dare priorità massima alla esecuzione del taglio cesareo rispetto alle altre attività chirurgiche.
22/01/2019 15.03 Asl Toscana Centro - Pistoia
Comune di Firenze Da mercoledì 23 gennaio il rifacimento della segnaletica nella zona di piazza Dalmazia
Al via anche lo sfalcio della vegetazione in via di Novoli e in via Luder Da mercoledì, condizioni meteorologiche permettendo, è in programma il rifacimento della segnaletica in via Mariti, piazza Dalmazia, via di Rifredi e via Bini. Fino al 28 gennaio in dalle 9 alle 18 saranno in vigore restringimenti di carreggiata nei tratti interessati.
Sempre domani, sempre se il meteo lo consentirà, prenderanno il via le operazioni di sfalcio della vegetazione in via di Novoli e nelle aiuole spartitraffico in via Luder. Previsti restringimenti di carreggiata a tratti in via di Novoli nel tratto da via Torre degli Agli e via di Villa Demidoff in entrambe le direttrici, in via Luder da viale Guidoni a via Zoroastro da Peretola. Termine previsto 30 gennaio.
22/01/2019 17.21 Comune di Firenze
Comune di San Casciano Una nuova opportunità per i giovani. Al via un corso per imparare a progettare e organizzare eventi
L’iniziativa è promossa e organizzata dalla Festa del Volontariato sancascianese in collaborazione con il Comune. Il corso, della durata di due mesi, sarà tenuto da professionisti del settore nella sala del Consiglio comunale di San Casciano. Aperte le iscrizioni da effettuare entro il 20 febbraio presso la biblioteca comunale Offrire opportunità formative e professionali ai giovani e rilanciare con le energie di nuovi volontari la macchina organizzativa della Festa del Volontariato sancascianese. Sono questi gli obiettivi del Corso di organizzazione e gestione degli eventi, promosso e organizzato dalla Festa del Volontariato sancascianese in collaborazione e con il patrocinio del Comune di San Casciano. Il corso, articolato in un ciclo di incontri volti alla conoscenza e alla diffusione di pratiche e strumenti relativi all'organizzazione di manifestazioni ed iniziative, si propone di formare giovani e adulti di età compresa fra i 18 e i 35 anni. "Ci avvarremo della collaborazione di professionisti ed esperti del settore - fanno sapere dall'organizzazione della Festa del Volontariato - per illustrare nel dettaglio l'attività organizzativa che spazia dalla creazione al progetto dell’evento e alla cura degli aspetti legali, tecnici e legati alla sicurezza".

Il corso si terrà nei mesi di marzo ed aprile, in date da definire, in fascia serale, dalle ore 21:30 nella sala del Consiglio comunale di San Casciano. L'iniziativa è aperta a tutti e al termine del percorso formativo rilascerà ai partecipanti un attestato. "Non si tratta solo di un percorso teorico - aggiungono gli organizzatori - le conoscenze che i partecipanti acquisiranno 'in aula' si tradurranno in un'esperienza sul campo, agli iscritti proponiamo di effettuare un tirocinio nel corso della Festa del Volontariato per conoscere nel concreto i vari aspetti che caratterizzano l'attività ed un eventuale sbocco professionale, lo stage si terrà nella prima settimana di settembre, periodo di svolgimento della festa". "È un'esperienza che ha avuto un esito positivo con la prima edizione, organizzata dal Comune due anni fa - aggiunge l'assessore all'associazionismo Roberto Ciappi - che ha prodotto un gruppo di giovani appassionate nell'organizzazione di eventi, lo stesso che poi ha costituito il team dell'evento fieristico di successo Wedding in Chianti, questa seconda edizione del corso mira a ritagliare nuovi spazi professionali, specifici e settoriali, per i giovani e rinforzare ed estendere il gruppo che gestisce la Festa del volontariato". Si richiede di effettuare l’iscrizione al corso entro il 20 febbraio presso la biblioteca comunale (via Roma, 37). Il costo di partecipazione è pari a €7. Informazioni 055.8256380 www.festadelvolontariatosancascianese.it
22/01/2019 18.58 Comune di San Casciano
Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana As time goes by. L’uomo che disegnava sogni
Il documentario di Simone Aleandri su Silvano "Nano"Campeggi
Il pittore e illustratore fiorentino che diventò celebre a Hollywood
Mercoledì 23 gennaio, ore 21.00, cinema La Compagnia
Sarà proiettato mercoledì 23 gennaio, alle 21.00, al cinema La Compagnia di Firenze, il documentario di Simone Aleandri, As time goes by. L'uomo che disegnava sogni. L'opera, grazie a interviste inedite allo stesso artista, ripercorre la carriera di Silvano Campeggi, per tutti Nano, pittore e illustratore fiorentino di umili origini, che andò ad imparare a disegnare da Ottone Rosai e che, per una serie di fortunati incontri, sbarcò ad Hollywood, dove divenne un famoso illustratore di manifesti per il cinema. I più famosi divi del cinema americano '40 in poi, furono immortalati dal tratto unico di Nano Campeggi, che contribuì a quella fabbrica dei sogni che fece sognare il mondo intero. Tra i suoi manifesti cinematografici più noti ci sono quelli dei film Casablanca, Cantando sotto la pioggia, Un americano a Parigi, West Side Story, La gatta sul tetto che scotta, Ben Hur, Colazione da Tiffany. Nano Camapeggi, scomparso lo scorso 29 agosto, viene così celebrato dalla sua Firenze, nel giorno del suo compleanno, era infatti nato il 23 gennaio del 1923.
"C’è stato un tempo - afferma il regista - in cui il cinema iniziava fuori dalle sale, per strada. A ogni angolo delle città c’erano manifesti di film che coprivano le macerie della guerra appena finita. La gente li guardava, dal basso all’alto, davanti ai cinema sognando di entrare. Erano gli anni di Clark Gable, Rita Hayworth e Marilyn Monroe, di Atlanta che bruciava e di Ingrid Bergman che fuggiva su un aereo per destinazioni lontane. Erano gli anni di Silvano Campeggi, “Nano” per tutti, l’uomo che ha disegnato i sogni degli italiani, uno dei cartellonisti più importanti della Storia del Cinema.
Mercoledì 23 gennaio il biglietto del film dà accesso a una mostra in Saletta Mymovies con le opere dell’artista.

Biglietti: 6€ intero/ 5€ ridotto /4€ tessera IOinCOMPAGNIA
22/01/2019 16.09 Fondazione Sistema Toscana/Mediateca Toscana
Comune di Firenze Urta contro i veicoli in sosta e uno di questi colpisce la proprietaria, donna ricoverata in ospedale in codice rosso
L’incidente intorno alle 13.30 in via Pistoiese. Illesi il conducente del furgone e i suoi passeggeri Ha urtato con il suo furgone contro tre veicoli in sosta e uno di questi ha colpito la proprietaria che è finita in ospedale in codice rosso. È quanto è avvenuto intorno alle 13.30 in via Pistoiese, all’altezza di via Nave di Brozzi.

Il furgone era sulla direttrice in uscita città quando, per cause ancora da accertare, è andato a sbattere contro tre veicoli in sosta sul margine destro della strada. Nella carambola ha avuto la peggio la proprietaria dell’ultimo veicolo urtato che è rimasta colpita dalla propria vettura. La donna è stata portata in ospedale in codice rosso. Nessuna conseguenza invece per conducente del furgone, un 46 enne di Perugia, come pure i suoi due passeggeri. Non si sono registrati particolari risentimenti per la viabilità.
22/01/2019 16.04 Comune di Firenze
Comune di Lastra a Signa Lastra a Signa. Nidi comunali, anche nel 2019 confermate le forti riduzioni sulla tariffa fino al 75% di sconto sul costo mensile del servizio
Tanti i progetti dell'amministrazione comunale per migliorare la qualità dei servizi all'infanzia Forti riduzioni sulla tariffa dei nidi di Lastra a Signa anche per il 2019. Lo ha deciso la giunta comunale che nel bilancio preventivo 2019 ha inserito i fondi necessari per continuare ad effettuare sconti sulla tariffa fino al prossimo mese di luglio. Le agevolazioni consisteranno in sconti in maniera progressiva dal 75% fino al 25 % per coloro che sono in una fascia Isee inferiore ai 20.000 euro.
Quindi per il secondo anno consecutivo le famiglie che hanno un Isee inferiore a 3.999 euro pagheranno 60,50 euro, coloro si trovano nella fascia Isee da 4.000 a 5.999 euro pagheranno 72,60 euro, chi nella fascia tra da 6.000 a 7.999 pagherà 84,70 euro, tra gli 8.000 e i 9.999 euro 96,80 euro e così via fino a coloro che hanno un Isee tra i 18.000 e i 19.999 euro pagheranno una tariffa pari a 181,50 euro mensili.
Le risorse impiegate, in tutto 20.000 euro, permetteranno a 80 (su 121) famiglie lastrigiane che hanno i bambini iscritti ai 4 nidi presenti sul territorio, di ricevere le forti riduzioni sulla tariffa. Le riduzioni sono applicate anche sulla tariffa giornaliera. Inoltre per chi ha un secondo figlio iscritto ai nidi d’infanzia è applicata una riduzione del 25% sulla tariffa, indipendentemente dalla situazione Isee.

“Proseguiamo nel dare risposta e sostegno alle fasce più deboli della popolazione in uno dei servizi essenziali quale l’educazione e la formazione dei bambini – ha spiegato il sindaco Bagni-. E’ di pochi giorni fa la notizia che arriveranno finanziamenti ministeriali sul settore infanzia anche per l’anno in corso, in questo modo riusciremo a mantenere queste agevolazioni fino a dicembre 2019, oltre a implementare e promuovere progetti specifici per questa fascia di età”.
Ma queste riduzioni non sono l’unico provvedimento che l’amministrazione comunale ha inserito in bilancio per coloro che frequentano i nidi comunali e le altre scuole del territorio comunale. Per l’anno scolastico 2019/20 saranno introdotte due nuove fasce Isee con tariffazione agevolata da 20.000 a 30.000 e da 30.000 a 36.000 euro per il pagamento della mensa scolastica. Inoltre l’amministrazione comunale sta valutando un’altra serie di riduzioni, sempre sulla tariffa della refezione scolastica, rivolte alle famiglie numerose: il 10% per il 2° figlio iscritto al servizio, il 15% di sconto per il terzo figlio e il 25% per il 4° figlio per coloro che hanno un Isee fino a 36.000 euro.
Ricordiamo inoltre che l’amministrazione comunale negli ultimi anni ha aumentato i posti disponibili nei nidi comunali in particolare confermando i 10 posti in più al nido i Caci e i due posti in più a quello di Carcheri ( nido d'infanzia completamente rinnovato nell’estate 2018) nonostante la riapertura del nido d’infanzia privato di Malmantile.

I programmi didattici svolti durante l’anno educativo seguono sempre di più indicazioni innovative e al passo con i tempi, in particolare quest’anno una maggior attenzione è dedicata ad attività pedagogiche all’avanguardia ed attività outdoor per i piccoli utenti (come l’orto a scuola o progetti specifici sulle stagioni). Infine è stata introdotta nel 2018, e continua tutt’ora, in tutti i nidi comunali di Lastra a Signa la "Chiamata salva vita", per contrastare il fenomeno degli abbandoni in auto che funziona con queste modalità: se entro l’orario di ingresso al nido il bambino è assente e nessuno dei genitori o parenti ha chiamato la struttura per avvertire, sarà il personale del nido a chiamare la famiglia per assicurarsi che il bambino sia in loro custodia.
22/01/2019 14.36 Comune di Lastra a Signa
Comune di Scandicci Scuole, sport, spazi pubblici: la Giunta fissa opere per 4 milioni e 399 mila euro
In tutto gli interventi fissati dalla Giunta comunale, come primi schemi progettuali di lavori che saranno contenuti nel Piano triennale delle opere 2019-2021 Opere pubbliche per 4,399 milioni di euro, in gran parte destinate alle scuole ma con attenzione anche agli impianti sportivi e agli spazi pubblici cittadini. In tutto gli interventi fissati dalla Giunta comunale, come primi schemi progettuali di lavori che saranno contenuti nel Piano triennale delle opere 2019-2021, sono sette e riguardano le scuole primarie Sandro Pertini, XXV Aprile, Donatello Gabbrielli, la scuola secondaria di primo grado Altiero Spinelli, gli impianti sportivi del Bartolozzi, il bocciodromo comunale Tamiro Martelli e largo San Zanobi. “Questa delibera anticipa le nuove opere che inseriremo nel Piano triennale – dice l'assessore alle Opere pubbliche e Vicesindaco Andrea Giorgi – in linea con quanto abbiamo fatto in questi anni diamo priorità assoluta alle scuole, dove i bambini e i ragazzi passano ore importantissime del loro tempo, agli impianti sportivi che sono fondamentali per la salute e la qualità del tempo libero dei cittadini, e al tempo stesso mettiamo il massimo impegno anche ai luoghi pubblici della città”.
Gli interventi fissati dalla delibera approvata dalla Giunta sono diffusi nei quartieri del territorio comunale.
Per la riqualificazione dell'impianto sportivo Bartolozzi l'importo è di un milione e 600 mila euro, finanziato mediante mutuo.
La scuola primaria Sandro Pertini di San Giusto sarà interessata da interventi che comprendono la sistemazione esterna, il miglioramento dell'antincendio e della sicurezza, con un importo di 500 mila euro.
Per la scuola primaria XXV aprile è prevista la realizzazione dell'involucro esterno, con cappotto isolante, oltre a nuovi infissi e nuovi impianti, per un investimento di 999 mila euro.
Per la riqualificazione di largo San Zanobi, l'importo fissato è di 500 mila euro finanziati mediante alienazioni.
Riguardo al risanamento del bocciodromo comunale Tamiro Martelli l'importo sarà di 200 mila euro.
Per il plesso scolastico della Gabbrielli la Giunta ha fissato la riqualificazione del parcheggio della scuola, il riordino del giardino e il nuovo ingresso, per un investimento di 300 mila euro.
Sempre riguardo alle scuole, per la secondaria di primo grado Altiero Spinelli è fissato l'intervento di miglioramento dell'antincendio, della sicurezza e la sistemazione esterna, con un investimento di 300 mila euro.
Seguici su facebook e su twitter @comunescandicci
22/01/2019 12.46 Comune di Scandicci
Alia Spa - Servizi Ambientali Campi Bisenzio: prosegue l’attivazione della raccolta porta a porta dei rifiuti
Da marzo il sistema a regime a Sant’Angelo, Indicatore, Gorinello, San Martino, San Lorenzo e Santa Maria Prosegue a Campi Bisenzio l’attivazione della nuova modalità di raccolta rifiuti porta a porta nelle zone di Sant’Angelo, Indicatore, Gorinello, San Martino, San Lorenzo e Santa Maria. Nei giorni scorsi è iniziata l’attività di distribuzione del materiale informativo e dei contenitori alle 4.900 utenze interessate, di cui 4.400 domestiche e 500 non domestiche.

Da domani, mercoledì 23 gennaio, per illustrare il nuovo sistema di raccolta sono stati organizzati 4 incontri pubblici ai quali interverranno, oltre ai referenti dell’amministrazione comunale, i tecnici Alia per chiarire ogni dubbio o quesito e fornire tutte le informazioni necessarie agli utenti. Il 1° (23.01) è a Gorinello, presso il Circolo ARCI “Manetti” (via F. Baracca, 2) alle ore 21.00; venerdì 25, invece, l’assemblea avrà luogo a Sant’Angelo presso la Società di Mutuo Soccorso (via S. Angelo, 104) stesso orario. Mercoledì 30.01, invece, l’appuntamento è a San Martino, ore 21.00, presso la Società di Mutuo Soccorso (via S. Martino, 60) e per concludere venerdì 1 febbraio l’incontro è a Santa Maria presso la Parrocchia, in via S. Lavagnini 28/A (ore 21.00).

Ogni utenza domestica servita dal nuovo sistema di raccolta porta a porta verrà dotata di un kit singolo composto da 3 bidoncini di colore diverso: marrone per organico, giallo per carta e cartone e grigio per rifiuto residuo non differenziabile, oltre a sacchi azzurri per imballaggi in plastica/metalli/poliaccoppiati/polistirolo ed una borsa per gli imballaggi in vetro. Le utenze condominiali (con più di 3 utenze), invece, riceveranno kit condominiali costituiti da 3 bidoni carrellati. Rimarranno sul territorio, ad accesso libero, solo le campane verdi per la raccolta degli imballaggi in vetro.

A chi non viene trovato al domicilio durante la contattazione , viene lasciato un apposito volantino informativo indicante il numero di telefono da contattare per fissare un nuovo appuntamento. Il ritiro dei kit singoli può essere effettuato anche presso il punto di consegna a Calenzano (via delle Cantine 25) aperto al pubblico, fino al 09 marzo, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 18.00 ed il sabato dalle 9.00 alle 13.00. Dal 26 gennaio al 9 marzo, inoltre, il sabato mattina, sono disponibili punti itineranti con orario 9.00-12.00. Nello specifico gli utenti potranno recarsi: il 26.01 al Gorinello, via Del Santo n. 3 (presso il giardino pubblico); il 02.02 a Sant’Angelo in via Bassa (presso la Scuola Marco Polo); il 09.02 in via XIII Martiri al parcheggio; il 16.02 a San Martino in via T. Manetti (presso il giardino pubblico); il 23.02 in via Novelli (presso il giardino pubblico); il 02.03 in piazza Gramsci ed il sabato 09 marzo a Villa Il Palagio, in via Paradiso (parcheggio).

«Stiamo illustrando e condividendo – ha spiegato l'Assessore Riccardo Nucciotti – la strategia che è stata predisposta per la differenziata e la relativa campagna di comunicazione con una serie di appuntamenti. Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti con la partenza del primo lotto dell'estensione del servizio sul territorio comunale. Per raggiungere risultati ancora più soddisfacenti confidiamo nella più ampia collaborazione da parte dei cittadini, portando avanti importanti operazioni di monitoraggio nelle zone del territorio comunale nelle quali sono ancora presenti i cassonetti».

Per ogni ulteriore informazione è a disposizione il Call Center di Alia, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 08.30 alle ore 19.30, il sabato dalle ore 08.30 alle ore 14.30 ai numeri 800 888 333 (da rete fissa, gratuito) o 199 105 105 (da rete mobile, a pagamento, secondo i piani tariffari del proprio gestore)
22/01/2019 14.34 Alia Spa - Servizi Ambientali
Comune di Greve in Chianti Prevenzione in classe. Gli studenti della media di Greve diventano sentinelle della sicurezza idrogeologica
Approda nel Chianti il progetto didattico I LOVE CBMV – FLUMINA, promosso dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno in collaborazione con Eta Beta Onlus e la partecipazione del Comune Una settimana di lezioni e laboratori all’insegna della prevenzione contro i rischi idrogeologici alla scuola media “Giovanni da Verrazzano” di Greve in Chianti. Grazie alla collaborazione con l’Istituto Comprensivo Statale e il Comune è in corso in questi giorni il progetto didattico di educazione ambientale FLUMINA – I LOVE CBMV, promosso e finanziato dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno in collaborazione con l’associazione Eta Beta Onlus.

Prosegue l’iniziativa dopo la giornata di apertura del progetto che si è tenuta ieri con una lezione nel corso della quale il presidente del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno Marco Bottino e il sindaco di Greve Paolo Sottani hanno evidenziato “il valore e la centralità del progetto finalizzato ad illustrare le attività della bonifica e a diffondere, a partire dai ragazzi, una maggiore cultura ambientale perché anche loro possano essere sentinelle della sicurezza idrogeologica”.

Le attività di progetto ruotano intorno al laboratorio “Flumina”, ideato e condotto dagli operatori di Eta Beta Onlus. Flumina è un sistema di simulazione fluviale capace di riprodurre un bacino idrografico, evidenziando in maniera semplice, intuitiva e coinvolgente fenomeni fisici importanti e complessi (come la dinamica della formazione di un’asta fluviale, l’erosione planiziale, il trasporto dei sedimenti, etc.) accanto a fatti di geografia umana come il popolamento e l’espansione urbana. Grazie a Flumina i ragazzi sono direttamente coinvolti: sono loro stessi a lavorare come veri e propri tecnici e operatori, mettendo direttamente “le mani nel fiume”, per costruire e gestire opere e sistemazioni idrauliche presenti anche nella realtà come argini, paratoie, casse di espansione, etc.
22/01/2019 19.01 Comune di Greve in Chianti
Comune di Campi Bisenzio Campi, graduatoria definitiva bando generale ERP 2018
Pubblicata, nell'Albo pretorio del Comune L'11 Gennaio 2019 è stata pubblicata, nell'Albo pretorio del Comune di Campi Bisenzio, la graduatoria definitiva del Bando di concorso per l'assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica (case popolari) anno 2018.

In base alla vigente normativa sulla privacy, non vengono pubblicati i nominativi delle persone ammesse ed escluse ma solo il relativo numero di protocollo della domanda presentata sulla piattaforma F.I.D.O.

Per informazioni sullo stato della propria domanda (ad esempio le ragioni dell'esclusione o l'attribuzione dei punteggi) sarà possibile chiamare l'ufficio competente, dando indicazione del numero di protocollo della domanda, o recarsi di persona all'ufficio Casa (anche
senza indicazione del numero di protocollo).

Nel caso in cui non potesse andare il soggetto interessato, è possibile nominare un delegato munito di delega scritta e di copia del documento di identità del delegante.

È possibile consultare la graduatoria e l'elenco esclusi sul sito del Comune di Campi Bisenzio nella sezione Servizi alla Persona - Sviluppo Economico / Politiche Sociali.

"esprimo grande soddisfazione - dice l'Assessore Luigi Ricci - per il lavoro svolto dagli uffici"
22/01/2019 11.42 Comune di Campi Bisenzio
Comune di Firenze Controlli nei mercati, intervento della Polizia Municipale alle Cascine
Sequestrati oltre 430 articoli tra cui borse, scarpe e capi di abbigliamento contraffatti Proseguono gli interventi della Polizia Municipale contro l’abusivismo commerciale nei mercati cittadini. Martedì 22 gennaio gli agenti del Reparto Amministrativo hanno effettuato una serie di controlli al Mercato delle Cascine sequestrando oltre 430 articoli. Si tratta della merce abbandonata da tre venditori abusivi che si sono dati alla fuga alla vista degli agenti. Dei 433 articoli quasi la metà sono risultati prodotti di bigiotteria. A questi si aggiungono una novantina tra maglie, giubbotti e felpe, 30 paia di scarpe e 13 borse. Tra la merce anche prodotti contraffatti, nello specifico borse, scarpe e abbigliamento, di note griffe di moda.
22/01/2019 16.05 Comune di Firenze
 
 




Vai al contenuto