Login

MET

Città metropolitana di Firenze Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze


IN PRIMO PIANO....

Autostrade per l'Italia A1 Milano-Napoli: chiusura tratto tra Barberino e Calenzano in direzione Firenze
Per lavori di ampliamento corsie dalle ore 18:00 di sabato 25 alle ore 14:00 di domenica 26 febbraio. Traffico proveniente da Bologna deviato sulla SP8 Autostrade per l’Italia comunica che sulla A1 Milano-Napoli sarà chiuso al traffico proveniente da Bologna il tratto compreso tra Barberino e Calenzano verso Firenze, dalle ore 18:00 di sabato 25 febbraio alle ore 14:00 di domenica 26, per lavori di ampliamento corsie.
Il traffico proveniente da Bologna e diretto verso Firenze, dopo l’uscita obbligatoria a Barberino potrà percorrere la SP8 verso Calenzano e rientrare in autostrada direzione Firenze.
Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite: i collegamenti "My Way" in onda sul canale 501 Sky Meteo24; sulla App My Way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple; su Sky TG24 HD (canali 100 e 500 di Sky) e su Sky TG24, disponibile al canale 50 del digitale terrestre. Sul sito autostrade.it, su RTL 102.5, su Isoradio 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in area di servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il call center Autostrade al numero 840.04.21.21.

23/02/2017 12.57 Autostrade per l'Italia
Comune di Firenze Presentati i progetti di riqualificazione dei grandi complessi immobiliari statali di Firenze
Il sindaco Nardella: “Operazione ambiziosa da oltre 175mila mq tra vecchie caserme e immobili dello Stato che finalmente trovano una nuova destinazione” Il nuovo volto di Firenze passa anche attraverso la riqualificazione dei grandi complessi immobiliari statali che nei prossimi anni trasformeranno vaste aree cittadine, assumeranno nuove funzioni o saranno ‘restituiti’ alla città. Alcuni progetti e percorsi di rigenerazione urbana in corso avviati grazie alla forte volontà delle amministrazioni pubbliche coinvolte e al contributo di alcuni investitori privati sono stati presentati oggi in Palazzo Vecchio dal sindaco Dario Nardella e dal direttore dell’Agenzia del demanio Roberto Reggi.
“Siamo di fronte a un’operazione ambiziosa da oltre 175mila metri quadrati tra vecchie caserme e immobili dello Stato che finalmente trovano una nuova destinazione e nuove funzioni di interesse per la città - ha detto il sindaco Nardella -. E anche laddove prevediamo abitazioni lo facciamo con lo scopo di ripopolare il centro tenendo conto il principio del social housing. Non consumiamo un metro quadrato di suolo in più; il nostro obiettivo è riconvertire a beneficio della città questi oltre 175mila metri che hanno un valore di 360 milioni di euro, mentre gli interventi di riqualificazione ammontano ad altri 300 milioni”. “Questo vuol dire dare possibilità di lavoro alle ditte, creare posti di lavoro che possono arrivare fino a 3mila unità di lavoro diretto ed oltre 5.000 unità di lavoro diretto e indiretto - ha spiegato -. È una grande opportunità per la città con la quale noi andiamo a riempire i ‘buchi neri’ alcuni dei quali che sono rimasti da molti anni senza una destinazione. Anche questo è un modo per combattere il degrado e lo sfilacciamento delle periferie e del rapporto tra il centro storico e gli altri quartieri della città”. “Tutto è partito il 3 aprile 2014 - ha continuato Nardella - quando firmai con il ministro della Difesa Pinotti e il direttore generale dell’Agenzia del Demano Stefano Scalera una lettera d’intenti che dopo 15 giorni portò alla sottoscrizione di un’intesa tra Comune, Ministero della Difesa e Agenzia del Demanio per porre in essere tutte le azioni necessarie alla rifunzionalizzazione degli immobili dello Stato non più utili alle esigenze militari, ovvero per verificare la possibilità di un recupero delle caserme presenti in città a uso residenziale, ricettivo o commerciale”. “A distanza di tre anni abbiamo chiuso tutte le operazioni - ha concluso -, adesso ci vorranno altri cinque anni per vedere tutte queste realtà trasformarsi in luoghi di vita, lavoro, economia e vivibilità della nostra città”.
“La riqualificazione dei grandi contenitori pubblici di Firenze nei prossimi anni trasformerà intere zone della città, e permetterà a molti complessi immobiliari di assumere nuove funzioni e tornare ad essere accessibili per la cittadinanza - ha detto il direttore dell’Agenzia del demanio Reggi -. In questi anni il costante e quotidiano lavoro sinergico delle amministrazioni e delle Istituzioni ha permesso di arrivare oggi a disegnare una nuova mappa della città, incentrata sull’efficienza degli spazi e la valorizzazione di questi edifici. Agenzia del Demanio e Comune hanno compreso da tempo che lavorare fianco a fianco sarebbe stato, oltre che necessario, strategico al raggiungimento degli obiettivi prefissati: studiare insieme il futuro di grandi aree cittadine, immobili storici ed ex caserme non più utilizzate dalla Difesa, ma preziose per il tessuto urbano”.
Presentati 16 tra i numerosi piani di razionalizzazione e valorizzazione che coinvolgono edifici statali, ex caserme e palazzi storici che sviluppano una superficie di oltre 175mila mq per un’estensione territoriale pari a circa 600 mila mq in totale. Immobili di grande bellezza e di pregio storico il cui valore stimato è di circa 360 milioni di euro, collocati in tutta la cinta muraria cittadina, dal centro alla periferia. Molteplici gli obiettivi alla base di tutte le operazioni messe in campo, primi tra tutti la necessità di far tornare alla piena fruizione dei cittadini queste strutture con vocazioni utili e prestigiose, avviare lavori e cantieri con significative ricadute economiche sul territorio e generare risparmi di spesa pubblica grazie alla ottimizzazione degli spazi in uso alla pubblica amministrazione con la creazione di Federal Building. Tra le operazioni spicca, infatti, la rifunzionalizzazione della Caserma De Lauger che diventerà unica sede della Polizia di Stato: l’Agenzia del Demanio finanzierà con quasi 30 milioni di euro gli importanti interventi di ristrutturazione degli immobili di proprietà dello Stato nei quali si insedieranno gli uffici.
Coinvolti in questa imponente operazione sulla città anche edifici che lo Stato ha trasferito gratuitamente all’amministrazione comunale grazie alle procedure del federalismo demaniale culturale, come Forte Belvedere, destinato a divenire un centro multidisciplinare della contemporaneità, e immobili storici inseriti in progetti di respiro internazionale come la Caserma Redi, che diverrà sede del Centro di ricerca del progetto europeo E-RIHS in Italia.
Queste operazioni richiedono tutte un complesso lavoro di costante collaborazione tra le Istituzioni che traduce una rinnovata visione di Firenze dove, grazie alla recente approvazione del Regolamento urbanistico del Comune, nel giro di pochi anni, sorgeranno centri residenziali, centri di alta formazione e luoghi dedicati allo sport, nuove strutture turistiche d’eccellenza e spazi dedicati alla cultura. (fp)
24/02/2017 16.49 Comune di Firenze
Regione Toscana Pioggia e vento su tutta la Toscana
codice giallo fino alla mattina di sabato 25 febbraio Confermato il codice giallo per piogge diffuse su tutta la Toscana ad eccezione del nord ovest, fino alle 8 di domattina sabato 26 febbraio e per vento forte su tutta la regione fino alle 20 di domani.

Lo ha emesso il Centro Funzionale della Regione in seguito della perturbazione in transito con precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio seguita da aria fredda e da forti venti di Grecale.

Le precipitazioni, più probabilmente sulle zone centro-meridionali, potranno assumere carattere di rovescio o temporale dal tardo pomeriggio di oggi, venerdì 25.

Sul nord-ovest piogge già in attenuazione durante la serata di oggi, venerdì, e in cessazione durante la notte tra oggi e domani, sabato.

Tra la tarda serata di oggi, venerdì, e la sera di domani, sabato, raffiche di Grecale fino a 50-80 km/h; fino a 80-100 km/h sui rilievi (localmente superiori sulle zone di crinale) e sulla costa.

Saranno possibili pertanto innalzamenti dei corsi d'acqua minori su tutto il territorio regionale, non si escludono piene ordinarie relativamente alla Sieve nel Mugello e nei corsi d'acqua del grossetano.

La Protezione civile regionale raccomanda, in concomitanza con i fenomeni indicati, di fare attenzione alle attività all'aperto,agli attraversamenti dei corsi d'acqua (ponti o guadi) e alle zone depresse o contigue ai corsi d'acqua (sottopassi, zone di bonifica, sponde dei fiumi).

In presenza di vento forte fare attenzione all'aperto in particolare alla presenza di alberi e strutture temporanee o pericolanti.
24/02/2017 17.23 Regione Toscana
Redazione di Met Gli abiti delle balie
Fondazione Ferragamo, Istituto degli Innocenti e Polimoda insieme per una collaborazione su un progetto destinato al Museo degli Innocenti a Firenze Su idea e iniziativa della Fondazione Ferragamo, un gruppo di studenti al terzo anno di Fashion Technology ha preso parte a un applied project per la riscoperta e la riproduzione degli abiti originari delle balie dell’Istituto di fine Ottocento.

A partire dalle fotografie della Ditta Giacomo Brogi nelle Sale del baliatico e dai cartamodelli storici di Janet Arnold, i giovani modellisti hanno condotto una ricerca per individuare caratteristiche e dettagli stilistici dell’epoca e ricostruire un cartamodello quanto più possibile fedele all’originale. Dopo aver sperimentato diverse tecniche di cucitura a mano e a macchina e aver studiato la fisicità delle donne del periodo per riadattarvi i manichini gentilmente donati per il progetto da Veroni Angiolino Snc., gli studenti hanno quindi realizzato le riproduzioni in tela di due abiti, rispettivamente di una balia asciutta e una balia da latte, trattando il tessuto attraverso lavaggi e colorazioni per ottenere la più probabile tonalità originale e l’effetto di invecchiamento.

La ricerca sul cartamodello di capi storici è parte integrante del programma di studi e della formazione di un modellista, figura fondamentale per tutti i brand più attenti alla qualità, determinante nello sviluppo di una collezione in quanto esperto delle tecniche di realizzazione dei capi, oltre ad avere una profonda conoscenza delle materie prime e dei processi di sviluppo del prodotto. Il corso triennale Undergraduate in Fashion Technology di Polimoda è un’eccellenza in questo campo e ogni anno prepara giovani professionisti pronti ad inserirsi nel settore, anche grazie agli speciali applied project come questo che consentono agli studenti di confrontarsi con situazioni reali e dinamiche professionali.

Al termine del progetto, i due capi sono stati donati da Polimoda al Museo degli Innocenti per esposizione nel suggestivo ambiente del Coretto, spazio intimo e riservato da cui le balie erano solite assistere privatamente alle funzioni religiose che si svolgevano nella chiesa sottostante.
Questo progetto offre l'occasione per celebrare le balie che nei secoli hanno nutrito e accudito centinaia di migliaia di bambini affidati agli Innocenti. Fino all'inizio del XX secolo non ci sono state alternative efficaci all'allattamento al seno, rendendo le balie indispensabili per la sopravvivenza dei neonati.


24/02/2017 12.37 Redazione di Met
Comune di Calenzano Il Sindaco di Calenzano alla Sahara Marathon, in solidarietà con i Saharawi
Alessio Biagioli parteciperà alla manifestazione internazionale nata per sensibilizzare sulle condizioni del popolo Saharawi
Il Sindaco di Calenzano Alessio Biagioli parteciperà alla dodicesima edizione della Sahara Marathon, la manifestazione sportiva internazionale di solidarietà con il popolo Saharawi.

Il viaggio, dal 25 febbraio al 3 marzo, è organizzato dalle associazioni di solidarietà con i saharawi e il Sindaco parteciperà in forma privata. Sarà comunque l’occasione per portare i saluti dell’Amministrazione, visitare le tendopoli in cui vivono i saharawi, incontrare le autorità, visitare ospedali, centri giovani, scuole, famiglie.

“Ogni anno ospitiamo sul nostro territorio i bambini saharawi, – ha commentato il Sindaco Alessio Biagioli – proprio per ascoltare le loro storie e allontanarli, almeno per un po’, dalle tendopoli nel deserto, sottoporli a visite mediche e prendersi cura di loro. Ora ho voluto fare il passo inverso ed andare a vedere di persona come vivono e come si sono organizzati”.

Lunedì 27 febbraio si terrà la festa nazionale, mentre la maratona vera e propria sarà martedì 28 febbraio e mercoledì 1 marzo le premiazioni. Il giorno successivo si incontrerà il Governatore di Auserd per l’organizzazione di un progetto di adozioni e sostegno a distanza e un altro per l’utilizzo dei clown negli presidi e ospedali pediatrici.

La manifestazione è organizzata dalla Segreteria di Stato del governo della Repubblica Araba Saharawi Democratica con l’aiuto di volontari provenienti da diverse nazioni. La SaharaMarathon, che comprende oltre alla maratona classica le distanze di 21km, 10km, 5km e la corsa dei bambini, ha come obiettivi la promozione dell’attività sportiva tra i giovani e le giovani Saharawi, il finanziamento e lo sviluppo di progetti umanitari. Ma vuole anche, attraverso lo sport, far conoscere e sensibilizzare il mondo su un conflitto che dura da più di 35 anni.
24/02/2017 13.06 Comune di Calenzano
Città Metropolitana di Firenze Viabilità Metrocittà Firenze, concessioni da uno a tre anni per impianti pubblicitari
Approvato il primo stralcio del piano di riordino sulle strade di competenza dell'ente Il Consiglio della Città Metropolitana di Firenze ha approvato all'unanimità il riordino degli impianti pubblicitari sulle strade provinciali e regionali di sua competenza. La delibera è stata illustrata da Massimiliano Pescini, consigliere delegato alla Viabilità. Il riordino procede per stralci e riguarda una serie di impianti per i quali vengono richieste concessioni da uno a tre anni. Nel gennaio 2010, infatti, era stato sospeso il rilascio di provvedimenti per l’ installazione di impianti pubblicitari, ad eccezione delle insegne di esercizio, dei segnali di cui agli articoli 134 e 136 del Regolamento di attuazione del Codice della Strada, degli impianti pubblicitari di servizio e degli impianti a carattere temporaneo, fino alla predisposizione del piano degli insediamenti e al completamento delle operazioni di riordino. In questi anni l’Ufficio Concessioni ha quindi rilasciato, per gli impianti pubblicitari, provvedimenti autorizzativi della durata di un anno.
Nel frattempo le Società di impianti pubblicitari che operano sul territorio, già titolari di provvedimenti autorizzativi per installazioni/esposizioni temporanee, hanno richiesto a più riprese sia in forma scritta che verbale la trasformazione delle autorizzazioni temporanee (della durata di un anno) in permanenti (della durata tre anni), al fine di evitare un certo aggravio economico. Perché questo accada è necessario portare a termine il riordino.
La redazione del piano di riordino implica una complessità legata alla natura stessa della viabilità che "sappiamo essere caratterizzata da situazioni in divenire relative sia alla infrastruttura stradale e alle sue pertinenze sia a situazioni imprevedibili che comportino variazioni del tracciato". Tuttavia, ha spiegato Pescini, sebbene non si possa parlare di una vera e propria pianificazione, "si prevede di procedere al riordino per stralci degli impianti pubblicitari" iniziando dalle seguenti strade di competenza della Città Metropolitana sulle quali sono già stati eseguiti il censimento ed in parte le operazioni di riordino.
Soddisfazione sul provvedimento anche da Liste Civiche: "E' stato fatto finora un ottimo lavoro - ha sottolineato Anna Ravoni - La ricognizione abbraccerà anche le strade minori".
Ed ecco l'elenco delle strade interessate al primo stralcio del piano di riordino: Sr 2 'Cassia', Sr 65 'Della Futa', Sr 66 'Pistoiese', Sr 69 'Di Val d'Arno', Sr 70 'Della Consuma', Sr 222 'Chiantigiana', Sr 302 'Brisighellese Ravennate', Sr 429 'Di Val d'Elsa', Sr 429 bis 'Raccordo Drove', Sr 436 'Francesca', Mpr 'Mezzana Perfetti Ricasoli', Sp 1 'Aretina per San Donato', Sp 4 'Volterrana', Sp 5 'Lucchese per Prato', Sp 8 'Militare per Barberino', Sp 11 'Pisana per Fucecchio', Sp 34 'Di Rosano', Sp 51 'Di Val d'Orme', Sp 112 'Della Motta', Sp 503 'Del Giogo', Sp 551 'Traversa del Mugello'.
24/02/2017 13.25 Città Metropolitana di Firenze
Musei Statali Art + Feminism: per la prima volta in più città in Italia la maratona globale di scrittura su Wikipedia che vede protagoniste donne e arte
In contemporanea, sabato 11 marzo, al MoMA di New York, a BASE Milano, al MAXXI di Roma, alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, al Museo Archeologico Provinciale di Potenza, al Caffé culturale Arté di Battipaglia (SA) e in diverse altre capitali europee e mondiali Per la prima volta in più location, Art + Feminism fa tappa in Italia in concomitanza con gli appuntamenti in tutto il mondo, dal MoMA di New York al National Museum of Women in the Arts di Washington D.C., dalla School of Machines di Berlino all’Espacio Fundación Telefónica a Lima in Perù.
Ad oggi sono sei gli editathon in programma nel nostro Paese, a cui potrebbero aggiungersi altri appuntamenti nelle prossime settimane.
Gli eventi si svolgeranno sabato 11 marzo presso BASE Milano, il progetto per la cultura e la creatività che ha visto rinascere e restituire alla città gli storici spazi dell’ex Ansaldo, dove la maratona di scrittura si concentrerà su arte digitale, interattiva e nel campo dei videogiochi sperimentali, il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma, con l’accento sull’arte contemporanea, architettura e fotografia, le Gallerie degli Uffizi di Firenze - che si concentreranno sulla biografia e i lavori di Suor Plautilla Nelli, le cui opere sono ospitate al Museo per una mostra personale che inaugura l’8 marzo 2017, organizzata dalle Gallerie degli Uffizi con il sostegno di Opera Musei Fiorentini e Advancing Women Artists Foundation - il Caffé culturale Arté di Battipaglia (SA), con focus su artiste campane e sulle miniaturiste, e il Museo Archeologico Provinciale di Potenza. Un ulteriore incontro, organizzato dalla Biblioteca di Area Linguistica (BALI) dell’Università Cà Foscari è fissato per l’8 marzo a Venezia, nall’ambito del calendario MarzoDonna del Comune di Venezia.
Le iniziative saranno aperte a tutti, ad esclusione degli appuntamenti di Venezia e Firenze, riservati a esperti e addetti del Museo e della Biblioteca.

Art + Feminism è un progetto nato nel 2014: si tratta di una maratona globale di scrittura su Wikipedia (editathon) che si pone l’obiettivo di creare e migliorare voci su artiste e donne impegnate nel mondo dell'arte e incoraggiare la partecipazione al femminile nella produzione di contenuti sulla grande enciclopedia libera.
Una ricerca svolta nel 2011 da Wikimedia Foundation ha infatti attestato che solo il 10% degli utenti iscritti a Wikipedia si identifica come donna: questo rappresenta una grave mancanza per un progetto che nasce con l’intento di promuovere una conoscenza libera, condivisa ed accessibile a tutti.
Dal 2014, con l’obiettivo di ridurre il gender gap nell’enciclopedia libera, Art+Feminism ha promosso ben 280 edit-a-thon in diverse città, creando e migliorando ben 4.600 articoli.

Gli appuntamenti sono promossi da Wikimedia Italia in collaborazione con Wiki Donne – gruppo di wikipediane riconosciuto dalla Wikimedia Foundation con sede in Roma, che svolge attività volte a ridurre il gender gap nel mondo wiki.
Enegan Luce & Gas supporta gli eventi Art + Feminism, nell’ambito dell’accordo di collaborazione con Wikimedia Italia, confermando nuovamente il suo impegno a sostegno dell’arte e della creatività anche grazie al progetto EneganArt.



Informazioni sugli eventi in Italia
Ingresso gratuito, posti limitati. I dettagli per la registrazione agli eventi sono riportati nei link sotto elencate.

Art + Feminism Milano
11 marzo 2017, dalle ore 10,30 alle ore 17,00
BASE, Via Bergognone 34, Milano
Art + Feminism Roma
11 marzo 2017, dalle ore 11,00 alle ore 16,00
Sala Graziella Lonardi Buontempo, MAXXI, Via Guido Reni 4/A, Roma

Art + Feminism Firenze
11 marzo 2017, dalle ore 11,00 alle ore 16,00
Gallerie degli Uffizi, Firenze
Evento riservato a esperti e addetti al Museo; sarà coinvolta la Advancing Women Artists Foundation e la storica dell’arte Ann Piper.

Art + Feminism Battipaglia (SA)
11 marzo 2017, dalle ore 16,30 alle ore 19,30
Artè Caffè culturale, Via Italia 35, Battipaglia (SA)

Art + Feminism Potenza
11 marzo 2017, dalle ore 11,00 alle ore 13,00
Museo Archeologico Provinciale di Potenza, Via Lazio, 18, Potenza

Art + Feminism Venezia
8 marzo 2017, dalle ore 15,30
CFZ-Cultural Flow Zone, TESA 1, Zattere al Pontelungo, Dorsoduro 1392, Venezia
Evento riservato a operatori della Biblioteca e studenti.

Wikimedia Italia
Wikimedia Italia è il capitolo italiano ufficiale di Wikimedia Foundation Inc., la fondazione che sostiene Wikipedia in tutto il mondo.
È un’associazione di promozione sociale che, dal 2005, contribuisce attivamente con i suoi progetti e grazie al lavoro dei volontari a diffusione, miglioramento e avanzamento del sapere e della cultura. Wikimedia Italia promuove lo sviluppo dei progetti della Foundation, Inc. primo fra tutti Wikipedia, e le sue traduzioni in lingua italiana.
Wikimedia Italia lavora ogni giorno in collaborazione con le istituzioni culturali italiane, per la raccolta e la diffusione gratuita di contenuti liberi (open content). Con “contenuti liberi” si definiscono tutte le opere contrassegnate dagli autori con una licenza che ne permetta l’elaborazione e la diffusione a titolo gratuito.

24/02/2017 12.41 Musei Statali
Comune di Fiesole Fiesole. Costruzione di un nuovo tratto di fognatura in via Marini
Da lunedì 27 febbraio Si comunica che da lunedì 27 febbraio la società Acque Toscane S.p.A. avvierà un cantiere per la costruzione di un nuovo tratto di fognatura in via Marini.
Per assicurare costantemente la circolazione e l’accesso alla piazza del Mercato i lavori si articoleranno in tre distinte fasi.
Nella prima fase, dal 27 febbraio al 2 marzo, il cantiere occuperà il tratto di via Marini all’immissione nella piazza del Mercato, alla quale si potrà accedere dalla rampa di via delle Mura Etrusche, con circolazione a senso unico alternato regolato da impianto semaforico.
La seconda fase, dal 6 al 17 marzo, interesserà il tratto compreso tra l’ingresso e l’uscita del posteggio di piazza del Mercato; in questo lasso di tempo la circolazione stradale non subirà variazioni rispetto al consueto, salvo percorrere il perimetro esterno della piazza del Mercato anziché procedere a diritto sulla via Marini. L’unica variazione riguarderà la sosta dei veicoli della Misericordia di Fiesole, che verranno spostati nella fila di stalli più in alto, mentre gli stalli ordinariamente occupati dalla Misericordia saranno a disposizione delle autovetture private.
La terza fase, dal 20 al 31 marzo, interesserà il tratto finale della via Marini, compreso tra piazza del Mercato e via Mura Etrusche; in questo caso l’accesso alla piazza del Mercato verrà garantito ponendo il primo tratto della via Marini a doppio senso di circolazione, con obbligo di svolta a sinistra verso via Portigiani.
24/02/2017 9.39 Comune di Fiesole
Comune di Campi Bisenzio Al Teatrodante Carlo Monni “Tre uomini e una culla” inaugura la rassegna dedicata alla comicità toscana
Sabato 25 febbraio ore 20.00 e in replica domenica 26 febbraio ore 16.30 a Campi Bisenzio Lo spettacolo firmato da Andrea Bruno Savelli, è un adattamento del brillante film omonimo candidato all’Oscar nel 1985, e vedrà sul palcoscenico oltre al regista e attore anche Alessandro Riccio, Lorenzo Baglioni e Nicola Pecci

Giunta all’ ottava edizione, la rassegna è un omaggio all’attore fiorentino Andrea Cambi, e continuerà fino alla fine di marzo con “I racconti del Bar Sport” di Angelo Savelli e “Frankostein” con Massimo Ceccherini e Alessandro Paci


Una commedia brillante che rilegge in salsa toscana uno dei film francesi più celebri e divertenti di sempre. Questo è “Tre uomini e una culla”, lo spettacolo di e con Andrea Bruno Savelli che andrà in scena sabato 25 febbraio alle 20.00 al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio (piazza Dante n.23). L’esilarante storia dei tre eterni ragazzi ultratrentenni, le cui tranquille esistenze all’insegna del divertimento vengono sconvolte dall’improvviso arrivo di una bambina di cui prendersi cura, vedrà sul palcoscenico accanto al regista e attore anche Alessandro Riccio, Lorenzo Baglioni e Nicola Pecci. L’evento, inserito nell’ambito della stagione di prosa del teatro, inaugurerà anche l’ottava edizione della rassegna dedicata all’attore fiorentino Andrea Cambi, che seleziona il meglio della comicità toscana, e sarà in replica domenica 26 febbraio alle 16.30 (biglietti da 10,50€ a 22.50€).

Scritto e diretto da Coline Serreau e candidato all'Oscar come miglior film straniero nel 1985, a più di trent’anni dall’uscita al cinema “Tre uomini e una culla” approda sul palcoscenico. La vicenda è quella di Nicola, Lorenzo e Andrea, inguaribili Peter Pan che non vogliono definire precisamente né la propria età, né la propria esistenza, finché nelle loro vite non sbarca, come da un altro pianeta, una bambina di cui devono occuparsi. Così hanno inizio una serie di gag che porteranno all'inaspettato innamoramento dei tre per questa bimba, che da bambolotto insopportabile diventa, a mano a mano, l’unica donna di cui hanno davvero bisogno. Tra gli interpreti quattro rappresentanti del panorama toscano della commedia: Andrea Bruno Savelli, che riveste anche il ruolo di regista e adattatore del testo originale, Nicola Pecci, attore e cantante pratese. Alessandro Riccio, straordinario e versatile caratterista ed infine Lorenzo Baglioni, giovane autore e comico fiorentino protagonista di recenti successi sul web.

Dice il direttore artistico del Teatrodante Andrea Bruno Savelli: “La rassegna propone ogni anno spettacoli con un seguito di pubblico sempre più importante e una bella attesa in città, e questo ci stimola molto a lavorare per renderla ancora più apprezzata. Questa volta porteremo sul palco il non plus ultra della commedia toscana: Massimo Ceccherini e Alessandro Paci, alfieri della risata con un nuovo divertentissimo lavoro, e Alessandro Riccio e Lorenzo Baglioni, nuove leve che sono già simbolo della comicità locale. Inoltre abbiamo un filo conduttore forte, infatti tutti i lavori che presenteremo si basano sull’adattamento di grandi testi: da Stefano Benni a Coline Serreau, fino alla storia di Frankenstein”.

La rassegna dedicata a Andrea Cambi continuerà sabato 18 marzo con “I racconti del Bar Sport”, adattamento dell’opera di Stefano Benni per la regista di Angelo Savelli, con musiche e canzoni di Michele e Lorenzo Baglioni, e venerdì 31 marzo con “Frankostein”, “creatura” nata dall’incontro tra i due enfants terribles della comicità nostrana, Massimo Ceccherini e Alessandro Paci (in replica sabato 1 aprile).

Prezzi “Tre uomini e una culla” da 10,50€ a 22.50€; rassegna Andrea Cambi 15€ intero, 12€ ridotto

Info e biglietti www.teatrodante.it. Orario biglietteria martedì-sabato 17.00 - 20.00 Tel. 0558979403
24/02/2017 10.56 Comune di Campi Bisenzio
Unione Montana dei Comuni del Mugello Protezione civile, consegna dei riconoscimenti al Mugello in centrale operativa
Sono andati a chi è stato impegnato nei mesi scorsi in emergenza terremoto Centro Italia Sono stati consegnati pochi giorni fa al Teatro Verdi di Firenze i riconoscimenti a volontari e operatori del sistema toscano di Protezione civile che nei mesi scorsi sono intervenuti per portare aiuto, sostegno o mettere a disposizione competenze e dotazioni nei luoghi dell'Italia centrale colpiti dal terremoto. Per il Mugello hanno ricevuto il riconoscimento l'Ufficio Associato di Protezione civile con il responsabile Girolamo Bartoloni e gli operatori Manuele Falciani e Lorenzo Morini, il Comune di Scarperia e San Piero e il Comune di Vicchio con i tecnici Dante Albisani e Sheila Cipriani.
Dopo la cerimonia di Firenze, alla quale aveva partecipato il responsabile dell'Ufficio Associato di Protezione civile Bartoloni, anche a livello locale si è voluto rivolgere un forte ringraziamento al personale mugellano con un piccolo momento cerimoniale che si è svolto martedì nella Centrale operativa di Protezione civile Mugello, a Borgo San Lorenzo, prima della riunione di giunta dell'Unione dei Comuni.
Gli operatori Falciani e Morini erano stati impegnati nello scorso mese di agosto nel campo organizzato nella frazione di Musicchio nel comune di Amatrice, nell’allestimento delle strutture di ricovero per la popolazione. Il responsabile dell'Ufficio Associato di Protezione civile Girolamo Bartoloni e i tecnici comunali Dante Albisani, Scarperia e San Piero, e Sheila Cipriani, Vicchio, un mese dopo erano stati impegnati invece a Norcia e a Castelluccio di Norcia in attività di verifica dell'agibilità di edifici privati.

24/02/2017 11.22 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello

Fondazione Orchestra della Toscana L'ORT in un Carnevale “classico e romantico”: il ritorno del venezuelano Paredes e il debutto del pianista di Nazareth
Debutto lunedì 27 febbraio al Politeama di Poggibonsi per poi proseguire il martedì grasso, 28 febbraio, al Teatro Verdi di Firenze e chiudere la tournée fuori regione a Parma, all'Auditorium Paganini Il direttore venezuelano incontra il pianista di Nazareth: due storie germogliate alle periferie dell’opulenta società occidentale - in periferie difficili, segnate da guerra, emarginazione, povertà, violenze - che adesso si fanno testimoni di speranza.
Dietrich Paredes, direttore principale dell’Orchestra Giovanile di Caracas, deve il suo ingresso nella musica, come violinista, alla rete capillare di orchestre e cori che in America Latina costituiscono “El Sistema” creato da José Antonio Abreu, un modo per offrire ai bambini poveri (ma non solo a loro) l’opportunità di un riscatto sociale coltivando la fiducia in se stessi attraverso l’arte. Paredes collabora al progetto venezuelano dal 2008 e, da allora, ha tenuto con questa orchestra tourne´e in Sud America, Asia e molto in Europa. Proprio in Europa ha debuttato grazie all'ORT, in occasione della terza edizione del Cortona Mix festival, nell'estate 2014; il concerto ha dato inizio a una proficua collaborazione per la stagione 2015/16 che lo ha visto salire sul podio della formazione toscana per ben due volte.
Torna all'ORT in occasione del Carnevale con un programma che si pone tra classicità e romanticismo, con un Beethoven sulla via della maturità creativa e Mendelssohn, il più classico dei romantici, che nelle Ebridi dipinge in note un paesaggio meteorologicamente turbolento del nord della Scozia. Del compositore romantico di Amburgo, spetta al pianista Saleem Ashkar alla sua prima volta con l'ORT, l'interpretazione del Concerto n.1 op.25, che Mendelssohn concepi` nel corso del grande viaggio in Italia del 1830-31, che lo porto` fino a Roma e Napoli e gli detto` poi le suggestioni della Sinfonia Italiana (scrisse materialmente la partitura in soli tre giorni, appena rientrato in Germania, in vista della prima esecuzione, svoltasi a Monaco il 17 ottobre 1831).
Il pianista Ashkar, palestinese di nazionalità israeliana, si è formato prima in patria, in una situazione di conflitto permanente, poi a Londra; ha debuttato alla Carnegie Hall all'eta` di ventidue anni e da allora ha collaborato con molte delle piu` importanti orchestre al mondo. La sua carriera è stata favorita da Zubin Mehta e Daniel Barenboim, e oggi, a quarant’anni, è ambasciatore di Music Fund, un’organizzazione che sostiene musicisti e scuole di musica in aree difficili di paesi in via di sviluppo.

Stagione Concertistica 2016_17

lunedì 27 febbraio 2017 Poggibonsi | Teatro Politeama ore 21.00
martedì 28 febbraio 2017 Firenze | Teatro Verdi ore 21.00
mercoledì 1 marzo 2017 Parma | Auditorium Paganini ore 21.15

Concerto di Carnevale
Dietrich Paredes direttore
Saleem Ashkar pianoforte

MENDELSSOHN Le Ebridi op.26, ouverture
MENDELSSOHN Concerto n.1 per pianoforte e orchestra op.25
BEETHOVEN Sinfonia n.2 op.36

Prezzi Teatro Verdi | Stagione Concertistica: Posti numerati I settore €16 intero - €14 ridotto; II settore €13 intero - €11 ridotto (tutti piu` diritti di prevendita) Biglietti in vendita presso la Biglietteria del Teatro Verdi (tel. 055 21.23.20 – orario 10/13 e 16/19) e presso tutti i punti del Circuito Regionale Box Office. On line su www.teatroverdionline.it

24/02/2017 10.59 Fondazione Orchestra della Toscana
Comune di Montespertoli “Una vicenda giudiziaria che lascia l’amaro in bocca”
Il sindaco di Montespertoli commenta l’esito del processo sui presunti reati urbanistici “Una conclusione della vicenda giudiziaria che lascia l'amaro in bocca”. È questo il primo commento del sindaco di Montespertoli, Giulio Mangani, all'indomani della sentenza del collegio presieduto dal giudice Marco Bouchard sui presunti reati urbanistici che ha decretato il “non doversi procedere” nei confronti degli imputati, in quanto i reati sono tutti “estinti per intervenuta prescrizione”. L'inchiesta, portata avanti dal 2007 al 2009 dai pm Leopoldo De Gregorio e Giuseppina Mione, chiamava in causa direttamente l'Amministrazione comunale: tra i 14 imputati accusati a vario titolo di abuso d’ufficio, falso, corruzione e concussione, risultavano infatti il sindaco dell'epoca, il responsabile dell’assetto del territorio, un dipendente comunale del settore lavori pubblici, oltre a geometri, professionisti e imprenditori. Secondo la tesi sostenuta dai pm, il Comune di Montespertoli in quegli anni avrebbe rilasciato un certo numero di sanatorie e permessi a costruire illegittimi, in particolare riguardo al riutilizzo di edifici agricoli a scopo abitativo o alberghiero. In cambio, il responsabile del piano regolatore, avrebbe goduto di favori e incarichi professionali. “È vero che c'è stato un proscioglimento - chiarisce Mangani - Ma rimane il fatto che gran parte dei capi d'accusa dell'inchiesta non sono stati chiariti e sono finiti in prescrizione, lasciando un'ombra su una vicenda che ha comportato danni enormi per l'economia e la comunità di Montespertoli. Rispetto la sentenza della magistratura ma credo che, per come si è svolto questo processo, ci sia molto da riflettere su come sia stato portato avanti. I cittadini aspettavano da tempo una risposta certa da parte della magistratura sull'individuazione delle responsabilità e avevano legittimamente diritto alla chiarezza. Questo non è avvenuto e ci dispiace parecchio. Ora, con i rappresentanti legali del Comune in questa vicenda, stiamo valutando se proseguire in sede civile la nostra richiesta di risarcimento danni. Per il momento, prevale un sentimento di amarezza per l'esito di un processo che non ha chiarito i fatti e non ha individuato i responsabili di uno dei più tristi capitoli della storia di Montespertoli”.
24/02/2017 12.35 Comune di Montespertoli

Museo dell’Opera del Duomo Nominato il nuovo consiglio dell'Opera di Santa Maria del Fiore
Ne fanno parte Luca Bagnoli, Flavio Galantucci, Sergio Givone, Domenico Mugnaini, Antonio Natali, Andrea Simoncini e Vincenzo Vaccaro L’Opera di Santa Maria del Fiore informa che è stato nominato, con decreto del Ministero dell'Interno, il nuovo Consiglio di Amministrazione. Fanno parte del nuovo consiglio, che si insedierà il prossimo 11 marzo 2017, in ordine alfabetico: Luca Bagnoli, Flavio Galantucci, Sergio Givone, Domenico Mugnaini, Antonio Natali, Andrea Simoncini e Vincenzo Vaccaro.

Il precedente consiglio - che non poteva essere rinnovato ulteriormente per effetto della Circolare del Ministero degli Interni che fissa il tetto massimo in due mandati - è stato presieduto dall’avvocato Franco Lucchesi (presidente) e dai consiglieri Francesco Gurrieri (vicepresidente), Mons. Marcello Caverni, Franco Gabriele, Flavio Galantucci subentrato a Mario Bini (prematuramente scomparso), Riccardo Galli e Bruno Santi.

L’Opera di Santa Maria del Fiore è un’istituzione fondata dalla Repubblica Fiorentina nel 1296 per sovrintendere alla costruzione della nuova Cattedrale e del suo campanile. Dal 1436, anno del completamento della cupola brunelleschiana e della consacrazione della chiesa, il compito principale dell’Opera diviene quello di conservare il complesso museale. Nel 1777 il Battistero di San Giovanni entra a far parte del complesso museale dell’Opera e nel 1891 sarà istituito il Museo dell’Opera del Duomo. Attualmente l’Opera è soggetta, in quanto “fabbriceria”, alla Legge Concordataria del 1929, in base alla quale è retta da un Consiglio di Amministrazione composto di sette membri, nominati ogni tre anni con decreto del Ministro dell’Interno, i quali provvedono ad eleggere nel proprio seno il Presidente. Dal 1998 l’Opera si configura giuridicamente come Organizzazione non a fini di lucro (ONI.US), regolata da un proprio statuto che definisce tra i suoi obiettivi istituzionali la “tutela, la promozione e la valorizzazione del suo patrimonio artistico”.
24/02/2017 18.08 Museo dell’Opera del Duomo
Regione Toscana Piano lupo: Remaschi chiede al ministro una rapida approvazione
"Oltre 1.500 gli attacchi denunciati dagli allevatori solo nell'ultimo triennio" Approvare quanto prima, e in maniera integrale, il piano nazionale per la conservazione del lupo. E' questa in estrema sintesi la richiesta che l'assessore regionale all'agricoltura Marco Remaschi ha indirizzato al ministro dell'ambiente Gianluca Galletti all'indomani del nuovo rinvio del voto in sede di Conferenza delle Regioni.

Nella lettera, indirizzata per conoscenza anche al ministro per le politiche agricole Maurizio Martina, l'assessore esprime il suo pieno consenso al piano redatto dal ministero con tutte le 22 azioni, inclusa la deroga al prelievo nei casi previsti: "Ad un problema reale ed urgente come questo – sostiene Remaschi - le istituzioni devono dare una risposta quanto più efficace possibile utilizzando tutti gli strumenti a disposizione come avviene in tutte le altre nazioni europee interessate da questo fenomeno".

L'assessore motiva la sua posizione ricordando come la situazione sia divenuta insostenibile per gli allevatori toscani. Gli attacchi dei predatori, spiega l'assessore, vanno infatti ad aggiungersi alle numerose problematiche di tipo socio-economico ed infrastrutturale, determinando un rapido deperimento del numero delle aziende attive ed una forte crisi nelle poche che, con ogni sforzo, cercano di sopravvivere.

"Sono infatti oltre 1.500 – sottolinea Remaschi - gli attacchi denunciati dagli allevatori solo nell'ultimo triennio, numeri da capogiro, che purtroppo non riescono ad esprimere la frustrazione dei molti che hanno persino smesso di segnalare le predazioni subite, ma che danno però l'idea della gravità del problema che stiamo vivendo".

In questo contesto estremamente critico, dice Remaschi, la Regione ha cercato con ogni mezzo di restare vicina agli allevatori investendo somme ingenti in opere di prevenzione, supportando gli allevatori danneggiati mediante il rimborso dei danni subiti, finanziando piani di cattura dei cani vaganti e di alcuni esemplari di ibridi impiegando oltre 3 milioni di euro solo negli ultimi 3 anni.

"Oggi però – evidenzia l'assessore - tutto questo non pare sufficiente di fronte ad un fenomeno che risulta ancora in espansione, con una forte crescita del numero di esemplari, sopratutto degli ibridi, ed una loro diffusione in aree contigue ai Paesi ed in alcuni casi persino alle aree urbane".

Di qui dunque la determinazione a richiedere l'approvazione integrale del piano: "La non approvazione del piano, oppure lo stralcio di alcune delle azioni previste, equivarrebbe al mettere la testa sotto la sabbia, ignorando quanto sta avvenendo e non preoccupandosi delle evoluzioni future si asseconderebbero magari le sensibilità di alcuni, ma si rappresenterebbe l'ennesima beffa nei confronti di quei piccoli allevatori, a cui chiediamo di essere custodi di un territorio senza però preoccuparsi delle loro sorti".

Allegata la copia originale della lettera inviata al ministro Galletti
24/02/2017 12.14 Regione Toscana
Comune di Montespertoli Montespertoli. Celebrati i 20 anni di gemellaggio con S. Stefano di Cadore
La delegazione montespertolese guidata dal sindaco, in visita nel comune veneto
È stato suggellato nei giorni scorsi a Santo Stefano di Cadore il 20esimo anniversario del gemellaggio tra il comune veneto e quello di Montespertoli, siglato nel lontano 9 novembre del 1997. La delegazione toscana, formata dal sindaco Giulio Mangani, l'assessore ai Gemellaggi, Elena Ammirabile, e il vicesindaco Alessio Mugnaini, è stata accolta dal sindaco di Santo Stefano, Alessandra Buzzo, dal suo vice Paolo Tonon, e dall'assessore all'Istruzione, Giulia De Mario. Durante i due giorni di celebrazione, sono state poste le basi per rafforzare i rapporti di collaborazione e scambio tra due comunità che perseguono obiettivi comuni. Questa assonanza di intenti è stata confermata anche dall'incontro organizzato durante la visita, “L'esperienza della scuola senza zaino”, che ha visto gli amministratori di Montespertoli raccontare ai colleghi veneti l'innovativo modello educativo che vede il comune dell'empolese tra i primi ad averlo adottato sul proprio territorio. Durante la cerimonia per il rinnovo del patto di gemellaggio, impreziosita dall'accompagnamento del Coro Comelico, il sindaco Mangani ha donato al Comune di Santo Stefano di Cadore un piatto celebrativo dipinto a mano, mentre il sindaco Buzzo ha ricambiato con la gigantografia di una foto d'epoca di Santo Stefano di Cadore. Alla celebrazione erano presenti anche numerosi cittadini di Montespertoli che ogni anno approfittano dell'ospitalità di Santo Stefano per farsi una piccola vacanza sulle Alpi e dedicarsi allo sci, alle visite dei borghi e alle passeggiate. Tutto questo grazie anche al lavoro della Pro loco di Montespertoli, da sempre tra i promotori del gemellaggio, che organizza ogni anno il viaggio a Santo Stefano. Inoltre, il sindaco di Santo Stefano e la consigliera Lara Zandonella, che si è molto spesa per la buona riuscita della visita, hanno portato la delegazione montespertolese in visita ai luoghi più rilevanti dal punto di vista culturale, in particolare al museo Regianini, dedicato a Luigi Regianini, pittore surrealista particolarmente affezionato a Santo Stefano e di grande impatto comunicativo. “L'esibizione del coro comelico è stata toccante - commenta l'assessore Ammirabile - E insieme al museo e alle sculture in legno di Costalissoio ci ha confermato che i nostri due comuni tengono particolarmente alla cultura, considerandola il tessuto della comunità, non solo nelle tradizioni popolari ma anche nella ricerca di innovazione”. Il programma si è concluso con una cena, “Connubio di sapori della Toscana e del Comelico”, composta dai prodotti locali dei due territori, tra cui finocchiona, soppressata, pane di grani antichi e vino Chianti di Montespertoli, prosecco, ricotta e spatzle di Santo Stefano di Cadore. “Siamo felici di essere qui per celebrare un'amicizia tra le nostre comunità che si è dimostrata solida nel corso del tempo - ha detto il sindaco Giulio Mangani - L'auspicio è che questo legame possa rafforzarsi ancor di più, affinché il gemellaggio diventi l'occasione per uno scambio continuo, non solo di prodotti ed eccellenze dei due territori, ma soprattutto di buone pratiche. Un ringraziamento particolare va alla Pro loco che rappresenta il vero collante di questo gemellaggio”.
24/02/2017 13.33 Comune di Montespertoli
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze Notte di controlli per i Carabinieri di Firenze
Un tunisino arrestato per furto di energia elettrica. on l'aiuto del cane Batman rivenuto mezzo chilo di hashish nei giardinetti della Pace Nel corso della serata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Firenze, supportati da personale della CIO del 6° BTG Toscana ed unità cinofila antidroga, hanno svolto un servizio di controllo del territorio che ha interessato la zona nord della città. Decine le persone e i mezzi che i carabinieri hanno controllato. E proprio durante uno dei controlli effettuati i militari, in via della Sala hanno tratto in arresto, per furto aggravato di elettricità un tunisino di 22 anni, già noto alle Forze dell’Ordine. L’uomo è stato sorpreso mentre era intento a sottrarre illecitamente energia elettrica pubblica. È bastato una rapida verifica per accertare che l'extracomunitario aveva allacciato abusivamente un cavo ad un cabina pubblica dell'elettricità. L’arrestato, dopo la compilazione degli atti, è stato messo a disposizione della magistratura fiorentina.
Nel corso del servizio, i carabinieri hanno anche controllato con l'unità cinofila Batman alcune zone verdi della città, rinvenendo in via di Peretola, nelle aiuole dei Giardini della Pace, quasi mezzo chilo di hashish, posta sotto sequestro.
24/02/2017 14.14 Legione Carabinieri Toscana
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze Ladri in azione nei centri commerciali di Barberino e Reggello
I Carabinieri arrestano due persone e ne denunciano altre tre, recuperata parte della refurtiva I carabinieri della Compagnia di Borgo e quelli della Compagnia di Figline riservano sempre una particolare attenzione verso i grandi centri commerciali presenti nel territorio di competenza, poiché sanno benissimo che sono presi di mira da abili ladri che, approfittando della massa di gente che quotidianamente si affolla per fare acquisti, portano a termine furti all'interno dei negozi o borseggiano gli ignari avventori.
Ieri nel tardo pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Barberino di Mugello, in servizio esterno di prevenzione dei reati predatori, hanno fermato e denunciato due persone di origini Algerine e Marocchine per furto in concorso, mentre un terzo complice, al momento irreperibile, è stato identificato successivamente. La vicenda ha inizio nel primo pomeriggio di ieri, quando tre individui, due uomini ed una donna, sono stati notati giungere al centro commerciale con un furgone. Dopo aver parcheggiato il veicolo, sono entrati ed usciti da vari store, ma il loro atteggiamento non è passato inosservato né agli addetti alla sicurezza del centro commerciale né ai Carabinieri, che hanno deciso di effettuare un controllo più approfondito. Fermati i primi due, il terzo, intuito ciò che stava per accadere, si dileguava tra le auto in sosta facendo perdere le tracce. Venivano così rinvenuti nelle borse dei due vari capi di abbigliamento intimo, non pagati alla cassa, per un importo di circa 500 euro. Il terzo complice veniva comunque successivamente identificato e denunciato in stato di irreperibilità, mentre il furgone su cui viaggiavano, risultato privo di copertura assicurativa, gli è stato sequestrato.
Sempre nel pomeriggio, ma dall'altra parte della Provincia e in un altro centro commerciale, precisamente al The Mall di Reggello, i Carabinieri hanno arrestato due cittadini messicani per il furto di alcune borse di gran valore. In particolare, i militari sono intervenuti presso i negozi Fendi e Saint Laurent, ubicati all’interno di quel Centro che avevano segnalato il furto di alcune borse dai loro espositori. Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che tre persone, due uomini ed una donna, stranieri, erano entrate all’interno dei negozi utilizzando in entrambi i casi lo stesso modus operandi. La donna entrava per prima e dopo qualche secondo accedevano i due uomini facendo finta di non conoscersi. Appena entrati tutti e tre si dirigevano verso una parte poco frequentata dei negozi e scambiavano qualche parola e sguardi. La donna di iniziativa, senza chiedere nulla alle commesse addette, prelevava in articolo dagli espositori ed entrava all’interno di un camerino per la prova. Dopo poco usciva e si allontanava, preceduta dagli altri due. In tutti e due o o del furto di diverse borse allertando i carabinieri che dopo aver visionato le telecamere si mettevano subito alla ricerca del terzetto. Il valore commerciale delle borse rubate si aggira intorno ai 3.500 euro. I ladri sono riusciti a portarle fuori dal negozi perché all'interno dei camerini la donna provvedeva a staccare le varie protezioni antitaccheggio. Le immediate ricerche dei Carabinieri davano i loro frutti. I due uomini venivano individuati alla fermata degli autobus e fermati, mentre la donna riusciva a far perdere le sue tracce. Si tratta di due messicani, rispettivamente di 46 e 26 anni, arrestati per furto aggravato.
24/02/2017 14.18 Legione Carabinieri Toscana
Teatro di Rifredi Diritti umani con il teatro in classe
Tornano nelle scuole toscane le “incursioni teatrali in territorio scolastico” sui diritti umani con il progetto Atlante Teen Teatro Scuola ATLANTE TEEN TEATRO SCUOLA è il risultato sinergico di diverse esperienze maturate in ambito prevalentemente scolastico. Con il sostegno della Regione Toscana, si affiancano e si integrano due importanti progetti: ATLANTE, la collaudata esperienza del Centro di Produzione Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi che in dieci anni e 251 repliche ha coinvolto oltre 28.000 studenti delle scuole secondarie di I e II grado del territorio regionale e la rassegna TEEN TEATRO SCUOLA, organizzata dal 2012 dal Comune di Prato in collaborazione con la Compagnia Ottone Teatro e le scuole secondarie di Prato.
Dal 20 febbraio due titoli ormai noti agli insegnanti tornano ad occupare le aule toscane sensibilizzando gli studenti su temi attuali e scottanti della nostra vita contemporanea. In “Giro del mondo in 80 minuti” si evocano gli scenari dei più disparati contesti geo-politici in cui la pena di morte è ancora comminata. Protagonisti sono i vari soggetti coinvolti: giudici, condannati, esecutori, spettatori compiacenti, vittime rassegnate, familiari e gente comune: portatori di diverse civiltà ma accomunati dalla persistenza nella propria organizzazione sociale di quell’assurda consuetudine a confondere la vendetta con la giustizia. Mentre in “Evoluzioni Razziali” il tema trattato è il razzismo; qui il racconto si snoda sulla linea del tempo. Una catena di episodi apparentemente scollegati, ma tutti figli dello stesso virus: la paura del diverso. È questa infatti la traduzione letterale del termine greco xenofobia. Una parola abusata che rischia di diventare innocua. Senza più senso.
Sono due appassionati squarci teatrali di moderna inciviltà, cui gli studenti reagiscono con intensità e coinvolgimento aprendosi agli workshop formativi (anch'essi parte del progetto) condotti dagli operatori di Amnesty International.
Ambedue i testi sono dell'affermato autore Stefano Massini e portati in scena da un'affiatata coppia di attori: Luisa Cattaneo e Roberto Gioffrè.
Per l'edizione di quest’anno si prevedono altre 36 repliche con oltre 3.000 studenti partecipanti.
Tra le novità anche la partecipazione diretta di alcune scuole di Prato direttamente coinvolte nel progetto nella rassegna TEEN TEATRO SCUOLA. Sono la scuola secondaria di II grado 'C. Livi', le scuole secondarie di I grado 'C. Malaparte', 'C.B. Mazzoni', 'Sem Benelli'. Per la prima volta la rassegna teatrale ospiterà lo spettacolo di una scuola esterna al territorio pratese, l’Istituto d’Istruzione Superiore 'Giotto Ulivi' di Borgo San Lorenzo. In queste sono stati attivati i laboratori teatrali dedicati alle tematiche sui diritti umani, sotto la guida di insegnanti ed esperti teatrali, che vedono i ragazzi impegnati non solo nella recitazione, ma anche nella scrittura o nell'adattamento dei testi, nella progettazione e nella realizzazione di scenografie e costumi, nella scelta e talvolta nell'esecuzione dal vivo delle musiche di scena. I risultati dei laboratori saranno portati in scena a maggio, con un'anteprima il 13 marzo, presso Officina Giovani del Comune di Prato.


Informazioni: www.portalegiovani.prato.it/teenteatroscuola - - http://www.toscanateatro.it/
24/02/2017 10.53 Teatro di Rifredi
Asl Toscana Centro Dialisi crescono trattamenti domiciliari AUSL Toscana
Ideale per chi è giovane e attivo nel lavoro Cresce il numero dei trattamenti emodialitici a domicilio. Sono al momento sei, distribuiti tra i centri di Prato, Pistoia, Empoli e Firenze, i pazienti che usufruiscono di questa innovativa tecnica che sfrutta gli stessi principi dell’emodialisi ospedaliera, anche se in maniera molto più semplificata, garantendo in totale sicurezza lo stesso risultato terapeutico.

Il trattamento dialitico domiciliare è uno degli obiettivi che tutte le strutture di nefrologia e dialisi dell’Azienda USL Toscana centro stanno cercando di perseguire: si tratta di un grande avanzamento nelle cure al paziente che soffre di malattia renale; in particolare sono selezionati pazienti giovani, ancora attivi nel lavoro e nelle relazioni sociali.

“Sono i nostri candidati ideali –spiega il dottor Alberto Rosati, direttore della unità operativa del San Giovanni di Dio e responsabile anche al Santa Maria Nuova ed Empoli- i quali dopo un periodo di addestramento in reparto, insieme al partner con il quale convivono, vengono forniti di macchine per l’emodialisi domiciliare: sono piccoli apparecchi che sfruttano gli stessi principi dell’emodialisi ospedaliera, collegati al centro nefrologico che è in grado di verificare, in tempo reale, l’andamento del trattamento e, in qualche caso, dotati di webcam che permette di visualizzare il paziente e il suo partner, coadiuvandoli ed aiutandoli a risolvere eventuali problemi”.


Il trattamento dialitico domiciliare offre molti vantaggi: la terapia eseguita al proprio domicilio può essere fatta in qualsiasi momento della giornata; anche nelle ore serali, magari guardando la Tv.

Aumenta anche il numero dei pazienti in dialisi peritoneale, anch’essa può essere praticata a domicilio: in questo caso si utilizza una membrana naturale (la membrana peritoneale) e la depurazione delle tossine uremiche può avvenire tramite una tecnica completamente automatizzata, con un apparecchio che può essere attivato anche mentre il paziente dorme. Al momento sono 115 le persone che usufruiscono di questo trattamento.

“Tutte le strutture di nefrologia e dialisi della nostra Azienda –ha assicurato Giancarlo Landini, direttore del dipartimento specialistiche mediche- dovranno avere come obiettivo quello di garantire ad un numero sempre maggiore di pazienti la possibilità di effettuare il trattamento dialitico a casa propria, sfruttando l’evoluzione tecnologica così da permettere agli ammalati una qualità della vita migliore”.

Le strutture di nefrologia e dialisi sono presenti nell’area fiorentina negli ospedali San Giovanni di Dio, Santa Maria Nuova, Santa Maria Annunziata e Borgo San Lorenzo, a Empoli il centro è all’ospedale Degl’Infermi; a Prato al Santo Stefano e nell’area pistoiese al San Jacopo, al S.S. Cosma e Damiano a Pescia e a San Marcello. Globalmente queste strutture hanno a disposizione 195 letti tecnici di cui 32 in centri localizzati al di fuori delle strutture ospedaliere (per esempio a Pistoia si trova nel Padiglione di Emodialisi collocato nell’area dell’ex sito ospedaliero).

Sono oltre 400 i pazienti portatori di un trapianto renale che vengono seguiti dalle strutture della AUSL; 100 sono invece in lista d’attesa per ricevere un rene.

Per gli specialisti è fondamentale la collaborazione con i Medici di Medicina Generale (MMG) al fine di individuare tempestivamente quei pazienti che presentano una nefropatia acuta o in fase cronica iniziale. In questi casi sono disponibili visite ambulatoriali entro 48 ore, 10 o 30 giorni, a seconda della situazione clinica riscontrata.

“Obiettivo di tutte le nefrologie resta la prevenzione primaria e secondaria al fine di evitare che una persona sviluppi un danno renale così grave da rendere necessaria la terapia sostitutiva e per questo motivo –evidenzia il dottor Rosati- viene svolta una intensissima attività ambulatoriale con circa 40.000 prestazioni all’anno oltre a 3000 prestazioni di day service, il percorso con il quale paziente in un solo giorno può effettuare visite specialistiche ed indagini diagnostiche”.
24/02/2017 11.22 Asl Toscana Centro
Comune di Lastra a Signa Alla biblioteca comunale di Lastra continua la rassegna Bibliocult
A marzo proseguono, fra gli altri, le attività in lingua inglese e il circolo di lettura. Dal mercoledì 15 al via i laboratori di scrittura Prosegue il programma di Bibliocult, gli appuntamenti culturali per adulti e bambini promossi dalla biblioteca comunale di via Togliatti. Forti del successo dei primi appuntamenti, continuano le attività in lingua inglese con docente madrelingua della London School di Firenze. Il terzo ciclo di incontri di “Let’s speak in english” si svolgerà ogni venerdì, strutturandosi in turni aperti a un massimo di 15 persone ciascuno. Nello specifico, il primo turno è fissato a venerdì 3 e 10 marzo alle 15.30 e dedicato ai ragazzi dagli 11 ai 12 anni, che potranno partecipare ad attività interattive di conversazione e role-play. Ancora dalle 15.30 e nei giorni di venerdì 17 e 24 marzo, “Let’s speak in english” è aperto ai ragazzi di 13 anni e prevede attività interattive di conversazione e supporto per la prova orale dell’esame di terza media. Il secondo turno inizierà alle ore 17 di ogni venerdì del mese e sarà rivolto ai bambini dagli 8 ai 10 anni, a cui saranno proposte attività ludico-ricreative e cioè giochi, canzoni e role-play.

Bibliocult continua lunedì 13 marzo alle 17 con “Tutti all’opera!”, presentazione, storia, curiosità e ascolto di brani da Il Flauto Magico di Mozart, a cura di Silvano Sanesi. Per l’occasione la biblioteca effettuerà un’apertura straordinaria dalle 15 alle 19 per i servizi di lettura, prestito e internet. In programma martedì 14 marzo alle 17 “Una valigia piena di… Storie”: l’iniziativa, a cura della biblioteca, è dedicata alla lettura e rivolta ai bambini dai 3 ai 6 anni.
Al via mercoledì 15 marzo alle 17.30 il primo appuntamento con il “Laboratorio di scrittura”, curato da Mirko Tondi e in collaborazione con il Gruppo Scrittori di Firenze. L’iniziativa è pensata per un massimo di 15 persone e prevede l’iscrizione entro il 10 marzo e una quota di partecipazione. Il laboratorio avrà luogo ogni mercoledì dal 15 marzo al 31 maggio, strutturandosi in 8 incontri rivolti agli adulti e 4 appuntamenti con gli scrittori.

Martedì 21 marzo alle 17.30 torna anche “L’officina del fai da te: un pomeriggio all’insegna della creatività”, un evento rivolto a tutti coloro che vogliono mettere a disposizione le proprie capacità creative e manuali e a chi vuole imparare nuove tecniche per realizzare oggetti fatti a mano. Il laboratorio creativo, dal titolo “Crea la tua collana con materiale di riciclo”, sarà curato da Emirena Tozzi ed Ester Cecchi. Lunedì 27 alle 17 è la volta del Circolo di lettura, un appuntamento al mese per condividere idee e emozioni sui libri: il quarto incontro è dedicato a “Dieci donne” di Marcela Serrano. I partecipanti potranno portare una tazza per gustare una bevanda offerta dalla biblioteca. La rassegna di marzo si conclude venerdì 31 alle 17 con "Leggere... Che gusto. Il principino scende da cavallo": le letture e il laboratorio sono curati da Irene Bemmi e rivolti ai bambini di 6 e 7 anni.

Per le attività in inglese e i laboratori è necessaria la prenotazione, il numero da chiamare è 055 3270124.
24/02/2017 10.48 Comune di Lastra a Signa
Unione Montana dei Comuni del Mugello In Mugello, ultimi appuntamenti del Carnevale
E molto altro ancora nel fine settimana In Mugello in questo fine settimana ultimi appuntamenti del Carnevale, con animazione per i più piccoli, sfilate di carri, maschere e coriandoli... E molto altro: incontri culturali e conferenze, teatro, escursioni, il mercatino dell'usato, visite guidate...

Carnevale
26 e 28/02 - CARNEVALE A DICOMANO
Torna il tradizionale carnevale di Dicomano nel centro storico
Informazioni: http://www.comune.dicomano.fi.it/

26 e 28/02 - CARNEVALE MUGELLANO
Borgo San Lorenzo, Centro Storico - dalle ore ore 14,30
Carri allegorici, maschere, musica e tanto divertimento per grandi e piccini
Info: http://www.prolocoborgosanlorenzo.it/

26/02 – CARNEVALE SCARPERIA E SAN PIERO
Campo sportivo di San Piero (pallone) - dalle ore 14,30
musica, giochi, merenda per tutti i bambini
Info: www.comune.scarperiaesanpiero.fi.it

26/02 – CARNEVALOTTO (baby Carnevale)
Vicchio, Teatro Giotto – dalle ore 15
Musica, animazione e giochi per bambini
Info: www.comune.vicchio.fi.it

26/02 - VEGLIONCINO DI CARNEVALE
Marradi, Teatro Animosi - dalle ore 15
Domenica 26 Febbraio animazione per bambini al Teatro Animosi di Marradi. Dalle ore 15.
Info:https://pernonperiredinedia.wordpress.com/

27/02 – CARNEVALE AL GIOTTO
Borgo San Lorenzo, Teatro Giotto – ore 15
Musica e animazione per bambini

28/02 - CARNEVALE PER BAMBINI
Barberino di Mugello, Centro civico di V. Vespucci – ore 16,30
Festa di Carnevale per bambini dai 3 ai 7 anni. Giochi e premiazione per la maschera più originale.
Info: 329 0789602 - www.prolocobarberino.net

Bambini
24/02 – M'ILLUMINO DI MENO
Borgo San Lorenzo, Centro d'Incontro – ore 16
Laboratori, attività, musica e animazione per bambini e ragazzi
Info: www.comune.borgo-san-lorenzo.fi.it

Marradi, piazza Le Scalelle e mercato coperto – ore 17,30
animazione e attività per bambini con materiale di riciclo

25/02 - TAPPETI TATTILI - NATI PER LEGGERE
Dicomano, biblioteca comunale – ore 10,30
Riprendono le attività di animazione per bambiniI bambini di Mugello e Valdisieve hanno tante occasioni per leggere e crescere nelle biblioteche.
Info: 055 8385936 - cultura@comune.dicomano.fi.it - biblioteca@comune.dicomano.fi.it

25/02- LEARNING ENGLISH LANGUAGE
Borgo San Lorenzo, Centro Incontro, piazza Dante - ore 10,30
Ciclo di 10 incontri in cui Tyler Ross, educatrice madrelingua, aiuterà i bambini dai 4 ai 6 anni a cimentarsi nella lingua inglese grazie alle materie scartate dalle aziende e recuparate da REMIDA. Ogni sabato mattina, dal 4/02 al 8/04.
Info: 334 1462087 - info@remidabsl.it

25/02 - I PERSONAGGI NELLE SCATOLE
Borgo San Lorenzo, Biblioteca Comunale – ore 17
Narrazione per bambini 3-6 anni in biblioteca. Appuntamento narratore Michele Neri e i suoi Personaggi nelle scatole. Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria: 055 8457197

Escursioni
26/02 - LOM A MERZ
Marradi, Rifugio Valnera
Giornata dedicata a Pellegrino Artusi con possibilita' di pranzo a filiera corta"Italia unita a tavola" presso il Rifugio Valnera con prodotti tipici dell'Alto Mugello.
Infoe prenotazioni: 3484726440 - www.rifugiovalnenera.com - rifugio.valnera@gmail.com

26/02 - ANELLO DI GATTAIA
Vicchio - ore 8
Escursione di 15 Km: Gattaia, stazione di Fornello, Casette, Riseccoli, Monte Gattaia per poi tornare al punto di partenza.
Info: 329.1564569 www.gevvicchio.it

Mostre
Fino al 26/03 - COLORE A FANTASIA - MOSTRA DI SANDRA FERRONI
Borgo San Lorenzo, Villa Pecori Giraldi – ore 16
Inaugurazione della mostra della pittrice e scultrice Sandra Ferroni, che esporrà le sue opere, ispirate “al Regno della Natura, al Regno Umano e al mondo della Fantasia”.
Info: http://www.sandraferroni.com - www.museochini.it - 055 8456230

Teatro
24/02 - "CINEMA PARADISO"
Barberino di Mugello, Teatro comunale Corsini - ore 21
Info: http://catalysteatro.wixsite.com/catalyst

02/03 e 03/03 - "GRAMSCI ANTONIO DETTO NINO"
Barberino di Mugello, Teatro comunale Corsini - ore 21
Spettacolo teatrale con Fabrizio Saccomanno
Info: http://catalysteatro.wixsite.com/catalyst

02/03 - "I SUOCERI ALBANESI... DUE BORGHESI PICCOLI PICCOLI"
Vicchio, Teatro comunale Giotto – ore 21,15
Spettacolo taetarle con Francesco Pannofino, Emanuela Rossi
Info: www.teatrogiotto.it

Conferenze
25/02 - GEOLOGIA E TERREMOTI IN MUGELLO
Borgo San Lorenzo, Grezzano - ore 21
Geologia e terremoti in Mugello, con particolare riferimento a quello catastrofico del 1542, è il tema che sarà illustrato sabato 25 febbraio alle ore 21, al Circolo Ricreativo Culturale di Grezzano (presso il Campo sportivo) da Filippo Bellandi.
Ingresso libero

26/02 – "BARBERINO 1772-1857. DOCUMENTI E TECNOLOGIE INFORMATICHE PER LA STORI AURBANA"
Barberino di Mugello, Castello di Barberino - ore 15.30
Domenica 26 febbraio 2017, nel Salone del Castello di Barberino di Mugello si terrà l’Incontro di presentazione del progetto condotto dal Gruppo di Studio e ricerca su Barberino di Mugello.

26/02 - CHIESE, CAPPELLE, ORATORI DI BORGO SAN LORENZO e del suo territorio
Borgo San Lorenzo, Polcanto – ore 16
Nella chiesa di S. Donato a Polcanto verrà presentato il nuovo libro dedicato alle architetture sacre di Borgo S. Lorenzo e del suo territorio. Ingresso libero.

26/02 – CONOSCIAMOCI: L'ISLAM
Borgo San Lorenzo, Centro d'Incontro – ore 16
Incontro a cura di Khandra Omar Osman

28/02 - LUME AL GRANO
Vicchio, Teatro Giotto - ore 16,30
Conferenza in collaborazione con Gruppo Agricolo Vicchio, amici dellAss. Aisla Sez. Firenze, Dipartimento di scienze delle produzioni agro alimentari e dell’ambiente dell’Università di Firenze (dispaa) e Proloco Vicchio. Conferenza su clima-grano-salute, seguirà luminara al grano

01/03 – MUGELLO 2030
Borgo San Lorenzo, Teatro Giotto – ore 21
Evento divulgativo in chiave teatrale sul tema: le riqualificazioni energetiche e gli adeguamenti strutturali.
info: www.prolocoborgosanlorenzo.it

Mercatini
26/02-DALLA SOFFITTA ALLA CANTINA
Borgo San Lorenzo, Centro storico – dalle ore 8
Dalla mattina al tramonto mercato scambio, baratto “dalla Soffitta alla Cantina”
info: www.prolocoborgosanlorenzo.it

Tutte le domeniche e festivi
VISITANDO LA TORRE
Scarperia (Palazzo dei Vicari) – Tutte le domeniche dalle ore 10,30
Viaggio attraverso Palazzo dei Vicari fra i suoi merli, l'archivio storico e le sale nobili. Percorso guidato per gruppi di un minimo di 4 ad un max di 12 persone. € 6.00 a persona
Info: 055 8468165 - www.prolocoscarperia.it

VISITE GUIDATE AL MOLINO FAINI
Borgo San Lorenzo (Grezzano) – Tutte le domeniche e festivi 14,30 – 19,00
Visita guidata al mulino risalente al 1400 con la macina in funzione e modelli interattivi. Per i gruppi consigliata prenotazione.
Info: 338 9837105 - santoni.rs@icloud.com

IL CARNEVALE (tutti gli appuntamenti)
Colorati e allegri appuntamenti con i corsi mascherati in Mugello. Qui il calendario:
http://www.mugellotoscana.it/it/info/news-e-comunicati/833-carnevale-nel-mugello-2017.html


Info e dettagli su: www.mugellotoscana.it
Ufficio Turismo Unione Comuni Mugello
tel.055 84527185 - turismo @uc-mugello.fi.it


24/02/2017 12.10 Ufficio Stampa Unione Comuni Mugello

Regione Toscana Artoni, Regione in campo per i lavoratori delle sedi di Pontedera e Calenzano
La Toscana chiederà per questo un forte impegno da parte del Ministero dello Sviluppo economico Anche la Toscana sta subendo le ricadute della mancata acquisizione di Artoni Trasporti Spa da parte della società Fercam. La Regione chiederà per questo un forte impegno da parte del Ministero dello Sviluppo economico al tavolo fissato a Roma per il primo marzo.

Lo ha reso noto il consigliere per il lavoro del presidente Rossi, Gianfranco Simoncini, annunciando di aver scritto al Ministero in vista dell'incontro romano per sottolineare i problemi che riguardano la Toscana.

Non solo, Simoncini che oggi ha incontrato le organizzazioni sindacali e i rappresentanti dei Comuni di Pontedera e Calenzano, (rispettivamente l'assessore Marco Cecchi e il vicesindaco Enrico Panzi), ha informato che per la prossima settimana convocherà una riunione con i rappresentanti del Consorzio For Service e delle due cooperative ARVA e ALC che lavorano per Artoni in Toscana e che, in seguito al blocco della trattativa con Fercam, hanno lasciato a Pontedera 23 lavoratori senza occupazione e senza notizie sul loro futuro, con problemi anche su Calenzano.

In quella riunione, alla quale saranno presenti anche i rappresentati delle istituzioni interessate, Simoncini, per conto del presidente Rossi, chiederà alle tre aziende la garanzia del mantenimento dei posti di lavoro e di prospettive per il futuro dei lavoratori.

Alcuni di questi, tra l'altro, vivono una condizione di particolare fragilità in quanto immigrati e quindi impossibilitati a contare su qualsiasi forma di sostegno al reddito da parte delle loro famiglie. Dopo aver incontrato le aziende, saranno riconvocate le organizzazioni sindacali.
24/02/2017 18.34 Regione Toscana
Asl Toscana Centro - Empoli I porcellini di terra innocui per la salute umana
Per contrastarne lapresenza ripulire i giardini dalle foglie o da altra vegetazione in decomposizione e aspirare spesso i pavimenti I porcellini di terra (Armadillidium vulgare) la cui presenza è stata segnalata in alcune frazioni del territorio del Valdarno Inferiore dell’Ausl Toscana Centro non sono un problema sanitario essendo innocui alla salute umana.

Non esistono a oggi dati in letteratura che mettano in correlazione la presenza dei porcellini di terra e/o le loro deiezioni con il manifestarsi di patologie umane o animali.

L’armadillo volgare non è un insetto, ma un piccolo crostaceo che vive e si riproduce in ambienti umidi e si ciba di detriti organici.

I porcellini di terra prediligono i luoghi al riparo dal sole e con un buon grado di umidità. Si trovano facilmente sotto i vasi da fiori, sotto le pietre, nei muri a secco, sotto cumuli di vegetali in decomposizione, dentro grotte, nelle cantine o nelle case vecchie e umide.

Per contrastare la sua presenza è consigliabile ripulire i giardini dalle foglie o da altra vegetazione in decomposizione e aspirare spesso i pavimenti al fine di rimuovere questi piccoli crostacei vivi o morti, eliminando così le uova che l’armadillidium trasporta sotto la corazza, così come è consigliabile ripulire da detriti vegetali strade, fossetti e altre infrastrutture dove l’armadillidium potrebbe sopravvivere.

In commercio esistono prodotti disinfestanti, che, però, hanno scarsa efficacia in quanto l’armadillidium presenta un rivestimento coriaceo che ne impedisce l’azione. Pertanto, in virtù della mancata correlazione a patologie cutanee o sistemiche, tali trattamenti possono essere evitati.

L’armadillo ha un ruolo primario tra gli organismi decompositori. Nei cumuli di compost e nella sostanza organica in decomposizione è un ospite fisso, e senza di lui il risultato finale sarebbe, se non compromesso, molto limitato. L’armadillidium è, infatti, uno dei pochissimi consumatori di lignina e cellulosa tra la fauna e flora presente nel compost. Senza di lui il processo di compostaggio farebbe molta fatica a eliminare le parti più dure e resistenti degli scarti vegetali. Inoltre, secondo alcuni studi, questi animali sono in grado di assimilare i metalli pesanti come rame, zinco, piombo e cadmio e cristallizzarli in depositi di forma sferica nel loro intestino. In questo modo eliminano molti degli ioni metallici tossici dal suolo. Inoltre, a causa della loro elevata tolleranza a questi ioni, prosperano dove altre specie non possono e promuovono il ripristino dei siti contaminati, accelerando la formazione della sostanza organica.
24/02/2017 18.05 Asl Toscana Centro - Empoli
Comune di Tavarnelle Val di Pesa Badia a Passignano, inaugurazione della strada che conduce all’abbazia millenaria
Sabato 25 febbraio alle ore 10.30 Badia in festa con i monaci benedettini e i residenti del borgo. Il sindaco Baroncelli: “un investimento che accentua le potenzialità turistico-culturali di tutta l’area” Sarà una festa con i badiani e i monaci benedettini della millenaria abbazia di Passignano, l’abate Don Lorenzo, don Andrea e tutti gli altri, ad accogliere la presentazione del completamento dei lavori di una delle strade più belle del territorio toscano. E’ la strada di Badia a Passignano che il sindaco David Baroncelli, insieme al consigliere comunale delegato ai Lavori pubblici Roberto Fontani e il personale tecnico del Comune di Tavarnelle, inaugurerà sabato 25 febbraio alle ore 10.30, dopo aver portato a termine una delle opere pubbliche più onerose del mandato sul piano finanziario. Un investimento pari a 250mila euro stanziato per riqualificare la strada nel tratto che dalla frazione di Sambuca Val di Pesa conduce a Badia a Passignano.

Un progetto di manutenzione straordinaria, complesso e articolato, che ha visto la realizzazione di nuovi drenaggi per la stabilizzazione e la gestione delle acque meteoriche, una nuova fondazione, l’asfaltatura e la relativa segnaletica. “Oltre a migliorare la sicurezza e la fluidità, l’intervento che abbiamo concluso - dichiara il sindaco Baroncelli - punta a valorizzare le potenzialità turistico-culturali di Strada Badia, una delle più antiche arterie di collegamento tra i borghi e le prestigiose località del nostro territorio”.

L’opera fa parte di un consistente pacchetto di interventi messo in campo dalla giunta Baroncelli per una spesa complessiva pari a circa un milione di euro. “Gli interventi in corso e programmati - specifica il consigliere Fontani - si propongono di migliorare e risanare alcuni tratti di via Firenze, strada Palazzuolo, via Gagny e via IV Novembre”.

L’inaugurazione di Strada Badia è un invito a visitare l’area culturale e naturalistica di Passignano. “Il monumento emblema del nostro territorio – aggiunge il sindaco - Badia a Passignano, e l’area naturale protetta, l’unica in Italia che si sviluppa intorno al complesso monastico legata alla storia e alla leggenda di San Giovanni Gualberto che la fondò nell’alto Medioevo, sono due occasioni imperdibili per conoscere e riscoprire le tante risorse che rendono unico l’appeal di Tavarnelle nel cuore del Chianti, un pezzo di Toscana che coniuga bellezza, natura, storia, arte in un contesto paesaggistico di grande fascino”.

Il complesso monastico di Badia a Passignano, noto anche per il maestoso affresco Il Cenacolo di Domenico Ghirlandaio, custodito al suo interno, è circondato da un’area naturalistica che l’amministrazione comunale ha valorizzato con una rete sentieristica attrezzata e una serie di pannelli informativi. Nell’area di Badia sono oltre cento le specie di animali, tra mammiferi e uccelli censiti dal biologo Marco Lebboroni, esperto di ecosistema chiantigiani. Sono presenti animali rari e di particolare interesse scientifico e gestionale, quali il topo quercino, il moscardino e il picchio rosso minore, il picchio più piccolo d’Europa. Tra le particolarità floreali, si segnala la presenza del Giglio di San Giovanni e del Maggiociondolo, rispettivamente fiore e essenza arborea.
24/02/2017 12.03 Comune di Tavarnelle Val di Pesa
Regione Toscana Identità toscana: Codice Leopoldino e eccellenze regionali chiudono Festa 2016
Per la prima volta in mostra a palazzo del Pegaso il testo del 1786. Presentazione, sabato 25 febbraio alle 9.30, nella sala Capponi. A seguire convegno “Le eccellenze della Toscana” Dalle stanze dell’Archivio di Stato alla sala Capponi di palazzo del Pegaso. Per la prima volta “la riforma criminale” del granduca Pietro Leopoldo del 1786 viene esposta in versione originale in Consiglio regionale (via Cavour 4). Sabato 25 febbraio alle 9.30, il presidente Eugenio Giani presenterà il Codice Leopoldino, ovvero la legge di riforma della legislazione criminale toscana. Con il codice si consolidò il diritto penale del Granducato di Toscana che con questa normativa fu il primo Stato al mondo ad abolire formalmente la pena di morte e la tortura. L’atto, di enorme rilevanza giuridica, storica ed etica inaugura un’epoca di riforme giudiziarie. Il fascicolo esposto, è quello con la stesura manoscritta definitiva del testo della riforma, che poi fu stampato da Gaetano Cambiagi.

L’iniziativa che rientra negli “Stati generali sull’identità toscana”, chiude la Festa della Toscana 2016 nel segno della “Modernizzazione e riforme di Pietro Leopoldo per una Toscana laboratorio di progresso e civiltà” e celebra le eccellenze della nostra terra, non solo nel passato ma anche nella contemporaneità. Alle 9.45 di sabato 25 febbraio, infatti, in auditorium, sempre a palazzo del Pegaso, ha luogo il convegno “Le eccellenze della Toscana”, un’occasione per far declinare l’identità toscana moderna da personaggi del mondo della moda, dell’imprenditoria, della letteratura, della cucina. A condurre la tavola rotonda in programma alle 11 sarà il giornalista Andrea Vignolini. Ad intervenire saranno Eugenio Alphandery, presidente dell’Officina farmaceutica di Santa Maria Novella; Andrea Calistri, artigiano della moda; Fabio Picchi, cuoco e scrittore; Marco Vichi, scrittore; Francesco Clementi, amministratore delegato della cooperativa L’Orologio. (bb)
24/02/2017 11.45 Regione Toscana
Città Metropolitana di Firenze Viabilità San Casciano, apre il cantiere per realizzare la rotatoria per Mercatale
Investimento da 70mila euro sostenuto dalla Città Metropolitana. Variazioni alla mobilità fino al completamento dell’opera, il cui termine è previsto alla fine della primavera Verranno avviati martedì 28 febbraio i lavori per la realizzazione della rotatoria fra la Sr 2 e la Provinciale Grevigiana per Mercatale: un investimento centrale per la viabilità di San Casciano e il collegamento con la frazione di Mercatale e l'area grevigiana. E' la Città Metropolitana di Firenze ad effettuare l'intervento in uno dei punti di snodo della viabilità chiantigiana.

“Si tratta di un'opera pubblica attesa da tempo – spiega l'assessore comunale alla Viabilità Elisabetta Masti - che prende il via dopo un lungo percorso di sperimentazione. L'intervento, oltre a garantire maggiori condizioni di sicurezza stradale e potenziare la fluidità della circolazione, sarà importante dal punto di vista dell'accesso al paese, la rotatoria è situata infatti in uno dei punti più fruiti da cittadini e turisti lungo uno degli assi viari fondamentali per l'attraversamento del centro cittadino e più in generale per il collegamento con l'area del Chianti".

“L'investimento messo in campo dalla Città Metropolitana - sottolinea l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Ciappi - è pari a 70 mila euro complessivi. L'intervento durerà un paio di mesi e per la sua realizzazione si potranno verificare disagi nel tratto di strada interessato. Chiediamo ai cittadini di pazientare fino alla fine dell’intervento che prevediamo di completare entro la primavera e ci scusiamo con loro per gli eventuali problemi di congestione che si potranno presentare".

La realizzazione dell’intervento, che sarà articolato in due fasi, ha richiesto alcune modifiche alla viabilità. E’ stato istituito il divieto di transito in direzione Firenze sulla Sr2 Cassia. Per chi viene da Siena Il transito si svolgerà all’interno del centro abitato di San Casciano in direzione Firenze con il seguente percorso alternativo: via Cassia, viale Corsini, piazza delle Erbe, piazza della Repubblica, piazza De Gasperi, via di Vittorio via XXVII Luglio, via Turati, viale Pertini, Cassia per Firenze. Per chi giunge da Firenze e Mercatale sulla Sr 2 Cassia sarà istituito il senso unico alternato regolato con semaforo per assicurare il collegamento della via Cassia S.R.2 con la via Grevigiana S.P.92.

24/02/2017 16.42 Città Metropolitana di Firenze - Ufficio Stampa Associato Chianti Fiorentino
Università di Firenze Università: Learning-by-doing, al via le prime cliniche legali
Entro il 1° marzo le candidature per due percorsi a Giurisprudenza Approfondire il Diritto con esperti internazionali e operando in contesti fino a oggi non accessibili agli studenti universitari. E’ l’occasione creata dalla prima edizione delle ‘Cliniche legali’, esperienze pratiche che si basano sul learning-by-doing per arricchire le competenze teoriche acquisite durante il corso di studio.

L’iniziativa è aperta agli studenti della laurea triennale in Scienze giuridiche e della laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza dell’Università di Firenze che si candideranno entro il 1° marzo. Due le cliniche legali organizzate in collaborazione con “L’altro diritto” centro interuniversitario di ricerca su carcere, devianza, marginalità e governo delle migrazioni dell’ateneo fiorentino, coordinate da Emilio Santoro e sostenute da un finanziamento della Regione Toscana.

Nella clinica dedicata a “La protezione dei diritti da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU)” gli studenti lavoreranno a fianco di David Thór Björgvinsson, già giudice della CEDU, per imparare come si presenta un ricorso alla Corte.

Quella dedicata a “La protezione internazionale e i diritti dei richiedenti asilo” permetterà, per la prima volta a degli studenti universitari, di collaborare con i giudici del Tribunale di Firenze e con i Centri di Accoglienza Straordinari (CAS) toscani della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia e della Fondazione Opera Santa Rita Onlus, dove i richiedenti asilo sono accolti in attesa di definizione del loro status.

“L’approccio clinico al diritto, metodo di insegnamento nato negli Stati Uniti, si sta diffondendo rapidamente come modello di formazione giuridica che sperimenta un diritto in azione - spiega Emilio Santoro, ordinario di Filosofia del diritto del Dipartimento di Scienze giuridiche -. Questo approccio è particolarmente adatto per la formazione dei giuristi che dovranno agire nella società globalizzata”.

La formazione si svolgerà in aula e sul campo e il completamento del percorso darà diritto a 9 crediti formativi. Le informazioni per partecipare alle cliniche sono disponibili sul sito della Scuola.
24/02/2017 10.50 Università di Firenze
Comune di Scandicci Scandicci: affidati i lavori per la riqualificazione di 12 strade nei quartieri
Da fine aprile i cantieri Affidati all’impresa Pisana costruzioni Srl di Ospedaletto (Pi), per un importo di 531.607,79 euro iva esclusa, gli interventi di riqualificazione di strade, marciapiedi e spazi pubblici, con nuovo fondo stradale e nuovo asfalto, in dodici vie nei diversi quartieri del territorio comunale. Le strade interessate dai lavori sono le vie Amendola, Acciaiolo, Bassa, Bezzuoli, Pisana (nel tratto di Casellina), Boncinelli, Pisana (a Granatieri), Gozzoli, Makarenko Sant’Antonio, via Agnoletti assieme a Calamandrei e Largo dei Mille e piazza Volta assieme alle vie Galvani, Pacinotti e Toscanelli. Secondo il crono programma i cantieri saranno aperti tra i mesi di aprile e maggio 2017, con inizio da via Amendola.

In via Amendola il progetto fissa il rifacimento e l’adeguamento del marciapiede sul lato sinistro, l’asfaltatura del marciapiede sul lato destro, la predisposizione della nuova canalizzazione per l’illuminazione pubblica, il risanamento parziale della carreggiata e la posa del nuovo manto stradale. I lavori per i marciapiedi dureranno cinque settimane, mentre una sesta sarà necessaria per la carreggiata.

A seguire in via Bezzuoli è fissato il rifacimento dei marciapiedi su entrambi i lati con la predisposizione della nuova canalizzazione per l’illuminazione pubblica e l’asfaltatura completa della carreggiata; i lavorim per i marciapiedi dureranno 5 settimane, quelli per la carreggiata una.

In via Pisana a Casellina (tre settimane per i marciapiedi, una quarta per la carreggiata) vengono realizzati il completamento di un tratto di marciapiede mancante sul lato destro, nel tratto compreso tra Via Baccio da Montelupo e Via Respighi, la predisposizione della canalizzazione per l’illuminazione pubblica e del nuovo sistema di raccolta delle acque meteoriche, l’asfaltatura di un tratto di marciapiede sul lato opposto, il risanamento parziale della carreggiata e la stesa del manto di usura per l’intera superficie da via Baccio da Montelupo a via Respighi.

In contemporanea con via Pisana, in via dell’Acciaiolo l’asfaltatura della carreggiata nel tratto compreso tra Via Donizetti e Via Paisiello, con il risanamento parziale della carreggiata (due settimane).

Dopo via Acciaiolo in via Bassa saranno realizzati il completamento di un tratto di marciapiede mancante sul lato sinistro in prossimità dell’incrocio con Via Pacini, e l’asfaltatura completa della carreggiata nel tratto compreso tra Via Pisana e Via Pacini (due settimane).

A seguire in via Pisana a Granatieri (tre settimane complessive) il completamento di un tratto di marciapiede mancante sul lato destro, nel tratto compreso tra via Gozzoli e via Don Milani, la predisposizione della nuova canalizzazione per l’illuminazione pubblica, l’asfaltatura della carreggiata nel tratto compreso tra via Barontini e via Don Milani e il rifacimento dello strato di collegamento per l’intera superficie.

In via Gozzoli l’asfaltatura della carreggiata nel tratto compreso tra via Barontini e il giardino pubblico in prossimità di via Pisana (previa verifica dei sistema di raccolta delle acque meteoriche), e il rifacimento dello strato di collegamento per l’intera superficie (durata dei lavori due settimane).

In via Makarenko il rifacimento parziale del marciapiede sul lato sinistro, nel tratto compreso tra le vie Sant’Antonio e Scandicci Alto, previa predisposizione della nuova canalizzazione per l’illuminazione pubblica (tre settimane).

In via Sant’Antonio l’asfaltatura parziale dei marciapiedi nel tratto compreso tra le vie Makarenko e Paoli, la sostituzione dei cordonati danneggiati, la sostituzione delle zanelle in lastre di porfido divelte dalle radici delle piante, l’asfaltatura completa della carreggiata e dei parcheggi (durata quattro settimane).

Nelle vie Agnoletti e Calamandrei e in largo dei Mille l’asfaltatura dei marciapiedi, la sostituzione dei cordonati e delle zanelle danneggiate, l’adeguamento di un tratto di marciapiede in via Calamandrei sul lato sinistro (entrando da via dei Rossi), l’asfaltatura completa della carreggiata, il risanamento parziale dello strato di collegamento e la stesa del tappeto d’usura (sei settimane complessive).

In piazza Volta, via Galvani, via Pacinotti e via Toscanelli l’asfaltatura parziale dei marciapiedi con la sostituzione dei manufatti divelti, l’asfaltatura completa della carreggiata mediante fresatura del manto esistente e la stesa del tappeto d’usura (tre settimane).

In via Boncinelli l’adeguamento di un tratto di marciapiede sul lato sinistro (entrando da via del Botteghino), la predisposizione della nuova canalizzazione per l’illuminazione pubblica, il rifacimento di vari tratti di marciapiede sul lato opposto, l’asfaltatura parziale della carreggiata mediante fresatura del manto esistente e la stesa del manto di usura (cinque settimane).
24/02/2017 17.30 Comune di Scandicci
Comune di Barberino Val d'Elsa M’illumino di meno per leggere di più
Venerdì 24 febbraio i volontari del gruppo Nati per Leggere di Barberino e Tavarnelle leggeranno a San Donato, Marcialla, Barberino, Tavarnelle, Monsanto Condividere la lettura di un libro a lume di candela. M’illumino di meno per leggere di più insieme agli altri e nelle aree di campagna, tra i borghi e le piazze dei territori di Barberino e Tavarnelle. Venerdì 24 febbraio l’iniziativa corale che punta a sensibilizzare le comunità sui temi del risparmio energetico si propone come approccio diffuso alla lettura, al piacere di raccontare una storia, davanti ad un falò, illuminati dalla luce e dall’energia della parola scritta. Il gruppo dei volontari Nati per Leggere di Barberino e Tavarnelle e l’Unione comunale del Chianti fiorentino organizzano un incontro che contemporaneamente si terrà in quattro luoghi diversi, al chiuso e all’aperto. I volontari leggeranno negli spazi della Società Filarmonica di San Donato in Poggio, presso il Teatro Regina Margherita di Marcialla, nella Sala Consiliare di piazza Matteotti a Tavarnelle, presso il Circolo Semifonte di Barberino Val d'Elsa, la Chiesina dell’antico borgo di Linari e in piazza Cianferoni a Monsanto.

M’illumino di meno si moltiplicherà nelle iniziative del Chianti venerdì 24 febbraio alle ore 21.30. “Il gruppo che mette insieme genitori e appassionati di lettura - commenta l’assessore alla Pubblica Istruzione Marina Baretta - scaturisce da un progetto che l’Unione comunale ha messo in campo per promuovere la lettura ad alta voce rivolta a bambini dai sei mesi ai 6 anni. I lettori-volontari nel Chianti, innamorati di testi, immagini e racconti, sono al servizio degli uditori in erba da incontrare ed incantare nelle aree e negli spazi pubblici frequentati da famiglie e bambini”. I sindaci di Tavarnelle e Barberino, David Baroncelli e Giacomo Trentanovi, invitano la cittadinanza a partecipare. L’evento M’illumino di meno organizzato nel Chianti è rivolto agli adulti.
24/02/2017 12.11 Comune di Barberino Val d'Elsa
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze Castelfiorentino: i carabinieri intervengono per una lite in famiglia e vengono aggrediti
Arrestati due cugini albanesi Questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Empoli sono intervenuti in Castelfiorentino poiché dei cittadini avevano segnalato un’accesa lite nella zona di San Francesco. Nella circostanza, gli operanti intervenivano, verso le ore 01:00, in un ‘abitazione a San Francesco ove avevano modo di constatare che c’era stata una lite tra moglie e marito. All’interno dell’abitazione, oltre ai coniugi, vi era il cugino del marito. Quest’ultimo assieme a suo cugino, entrambi in evidente stato di ebbrezza, avevano iniziato ad offendere e minacciare i militari lanciandogli alcuni bicchieri in vetro e, non contenti, alla richiesta dei documenti si erano rifiutati di fornire le generalità, spintonandoli ripetutamente. I due cugini sono stati arrestati per violenza, minaccia e resistenza a pubblico Ufficiale. Si tratta di due albanesi, con alle spalle precedenti, rispettivamente di 41 e 32 anni, quest’ultimo, marito della donna, è stato anche deferito in stato di libertà per maltrattamenti in famiglia
24/02/2017 18.27 Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno Piove e ben si riempie l’area umida presso le casse di espansione di San Donnino realizzata dal Consorzio
Le piogge di oggi portano nuova acqua alle zone destinate ad oasi realizzate dal Consorzio su ideazione e in collaborazione con il WWF Toscana Firenze, febbraio 2017 – Le piogge di oggi portano nuova acqua all’area umida presso le casse di espansione di San Donnino. I lavori di sistemazione del fondo nel centro delle casse d'espansione di San Donnino, nel Comune di Campi Bisenzio, erano terminati già nel dicembre 2015 e già da qualche settimana l'area umida si trovava allagata, come da recenti foto.
Da tempo esisteva la volontà di potenziare la funzionalità ecologica dell'area delle casse di espansione di S. Donnino e al contempo di aumentarne il valore paesaggistico mediante la realizzazione di un ulteriore area umida.
Il progetto di zona umida di San Donnino consta della realizzazione di un area umida di 11 mila mq circa scavata al di sotto dell'attuale piano di compagna e a forma semicircolare. L'area è delimitata da un fosso perimetrale e da sei fossi interni, entrambi realizzati ad un quota più bassa dell'area, nei quali le acque permarranno più a lungo.
Il nuovo habitat centrale, secondo le indicazioni degli esperti del WWF Toscana, sarà destinato principalmente alla sosta dei Limicoli mentre quello realizzato lungo il fosso perimetrale potrà interessare varie specie.
“Grazie alla collaborazione con il WWF Toscana il Consorzio, come già fatto anche su altre opere idrauliche, riesce a rendere le casse di espansione della piana non solo opere strategiche fondamentali per la riduzione del rischio idrogeologico ma anche oasi ambientali e sistemazioni paesaggistiche vicine alla Land Art” è il commento del Presidente del Consorzio Marco Bottino.
24/02/2017 13.16 Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno
Comune di Vicchio - Ufficio stampa Vicchio: approvato il bilancio di previsione 2017
Leggeri ritocchi per alcune tasse. Altre tariffe bloccate ormai da anni e servizi confermati. Izzo: “Crediamo di esserci mossi per tutelare i bisogni dei più deboli. Ogni singolo cittadino, le associazioni, le istituzioni lavorino insieme per uscire dalla crisi”
E’ stato approvato ieri nel corso del Consiglio Comunale il Bilancio di Previsione di Esercizio 2017 del Comune di Vicchio. L’approvazione è arrivata con i voti favorevoli della maggioranza e su alcuni allegati di bilancio, quali il mantenimento delle aliquote IRPEF e TASI, anche con il voto dell’opposizione.
Il bilancio presentato, il primo dopo la chiusura dei lavori sulla Scuola primaria di Vicchio, che hanno comportato un investimento di oltre tre milioni di euro, 750 mila dei quali provenienti dalle casse comunali, ha mantenuto gli stessi principi guida del passato seppur con le difficoltà dovute al grosso investimento fatto. In particolare anche quest’anno l’Amministrazione è riuscita a non aumentare il carico fiscale su famiglie ed imprese, garantendo tuttavia il mantenimento dei servizi, con particolare attenzione al sociale e alla scuola e prevedendo importanti investimenti nelle opere pubbliche. In questo contesto le aliquote IMU restano inalterate per un gettito stimato a 1.600.000€. Inalterata resterà anche l’aliquota dell’addizionale comunale IRPEF, ferma allo 0.5%. Lievi ritocchi sono invece previsti per la Tassa per i rifiuti (TARI), che subirà un aumento del 6,5% rispetto al 2016. Questo aumento arriva dopo 8 anni di tariffe inalterate e compensa in parte l’aumento previsto per l’avvio del porta a porta. Il gettito totale per questa voce viene stimato in 1.330.294€, 30mila euro dei quali serviranno a finanziare agevolazioni ed esenzioni mentre il resto sarà destinato al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. L’aumento annuo in termini reali vale mediamente circa 15,47€ per le famiglie e 0,35 €/m2 per le imprese. Per i servizi scolastici dopo 7 anni viene ritoccata la tariffa della mensa del 7% che comporta in termini reali un aumento di 20 centesimi a pasto, 1€ alla settimana. Restano inalterate tutte le altre tariffe.
Continua nel frattempo l’impegno nel recupero di importanti quote di evasione ed elusione di tributi e tariffe comunali: dal 2010 al 2016 sono stati incassati dagli accertamenti emessi dall’ufficio tributi 2.477.296,38€. Questo recupero ha un rilievo importante, la previsione 2017 consente infatti di mantenere i servizi e le attività fornite negli ultimi anni con i soli aumenti minimi previsti. “in un periodo caratterizzato da una pesantissima crisi economica - spiega il sindaco Roberto Izzo - non aumentare fino ad oggi tasse e tariffe su famiglie ed imprese e, per rispettare il patto di stabilità, anche durante l’intervento fondamentale per l’adeguamento sismico della scuola primaria, è stato un rischio che ci siamo presi ma che rimane in linea con quelli che sono gli obiettivi di questa amministrazione che mettono il cittadino al primo posto“.
Per quanto riguarda il sociale, per le famiglie monoreddito rimaste senza lavoro sarà mantenuta la sospensione dei pagamenti dei tributi comunali e delle tariffe per i servizi a domanda individuale; inoltre, è riconfermato il fondo sociale di 10mila € per le emergenze. I servizi a sostegno della scuola sono rimasti inalterati con 11.600 € previsti inoltre per il fondo a disposizione dell’Istituto Comprensivo Statale; vengono riconfermati anche gli impegni per la cultura e lo sport. Inoltre, l’avere un rapporto dipendenti/popolazione pari a 1/203, ben inferiore all’ 1/151 previsto per i comuni di grandezza come il nostro, consentirà di iniziare un nuovo piano di assunzioni.
Capitolo a parte lo meritano i lavori pubblici. Secondo quanto previsto dal piano triennale delle opere sono programmati la fine del consolidamento della strada di Villore in località le Fabbriche per 170.000€; la sistemazione di Viale Mazzini (150.000€); l’asfaltatura e la sistemazione di vari marciapiedi (150.000€). Questi saranno i lavori finanziati direttamente dalle casse comunali. Ma il piano triennale dei lavori pubblici prevede altri interventi per i quali saranno necessari finanziamenti esterni tali da non creare indebitamento per il comune, tra i quali, l’intervento sulle frane di Vitigliano e Pesciola (120.000€), la sistemazione della frana lungo la strada di Paterno (120.000€), l’intervento sul ponte di Trasassi (250.000€) e la sistemazione del Ponte a Vicchio (500.000€). La definizione della soluzione del magazzino comunale è stata rinviata, secondo quanto riportato nel piano triennale delle opere al 2018. In questo esercizio finanziario, dopo l’esito positivo della sperimentazione, sarà effettuato il bando per l’esternalizzazione definitiva della gestione ordinaria dei cimiteri.
Per la connettività in banda larga c’è la conferma da parte di Telecom che entro il 2017 sarà cablata in fibra ottica la rete primaria di Vicchio e sempre nel campo dei servizi tecnologici è confermata l’estensione della rete a metano a Ponte a Vicchio. Inoltre, nel quadro anche del rispetto dell’ambiente e dello sviluppo, è stato chiesto un mutuo da 230.000€ con relativo spazio finanziario per tre progetti che riguardano il centro polivalente della scuola materna, con l’impianto Fotovoltaico sul tetto, l’illuminazione a LED ed il collegamento in teleriscaldamento.
“Il numero delle famiglie in difficoltà nel comune è in aumento, riprende Izzo, per questo motivo continueremo a mantenere la massima attenzione al Sociale ed abbiamo riconfermato il fondo sociale comunale. La casa sta continuando ad essere un problema, la lista per la possibile assegnazione di un alloggio E.R.P. si allunga e durante il 2016 abbiamo assegnato due appartamenti che erano tornati nella nostra disponibilità: lo scorso anno non abbiamo eseguito il nuovo bando di assegnazione, che sarà effettuato in questo esercizio finanziario ed il nuovo strumento urbanistico prevederà due nuove aree di proprietà comunale, da destinare all’edilizia residenziale pubblica. Per i giovani occorre lavorare stimolando collaborazioni tra la famiglia, le istituzioni, la scuola, le associazioni, perché i modelli di vita e culturali che da anni sono proposti, creano in loro una visione della vita povera di valori di riferimento, scarsa di impegno e disattenta ai problemi sociali e politici. Occorre, conclude il sindaco, consapevolezza da parte di tutti: il tempo e la crisi economica hanno profondamente cambiato il sistema, per questo occorrerà che ogni singolo cittadino, le associazioni, le istituzioni lavorino insieme perché insieme possiamo e dobbiamo farcela”.

Anche il gruppo di maggioranza in consiglio comunale, ha espresso per bocca del capogruppo Rosa un forte apprezzamento politico per le scelte amministrative, volte a tenere praticamente inalterato il carico fiscale per famiglie e imprese.

24/02/2017 16.31 Comune di Vicchio - Ufficio stampa
Comune di Lastra a Signa “Lastra senza confini”, firmato il nuovo protocollo d’intesa per l’integrazione dei richiedenti asilo
Obiettivo del progetto resta la promozione della partecipazione attiva alla vita della comunità, attraverso attività socialmente utili da svolgersi in collaborazione con l’associazionismo Proseguire sulla strada dell’accoglienza e della solidarietà, favorendo l’integrazione: con questi obiettivi è stato siglato il nuovo protocollo d’intesa “Lastra senza confini” ideato dall’amministrazione comunale e promosso insieme alle associazioni di volontariato Misericordia e Auser Solidarietà ambiente e cultura, con la coordinazione della Cooperativa sociale Albatros 1973. Il progetto, originariamente avviato a maggio del 2015, è dedicato ai richiedenti asilo che vivono sul territorio di Lastra a Signa, in tutto 140 persone originarie, in prevalenza, del Mali, Nigeria, Ghana e Gambia, e ospitate all’interno di strutture ricettive private. Il nuovo protocollo ha un margine operativo più ampio ed è in linea con le più recenti normative in ambito di protezione internazionale.
Nello specifico, e in continuità con gli anni precedenti, i richiedenti asilo che parteciperanno al progetto saranno impegnati in attività socialmente utili, eseguendo piccoli lavoretti di manutenzione e pulizia delle aree verdi, oltre a collaborare allo svolgimento dei servizi di trasporto sociale, acquisendo competenze spendibili per un futuro lavorativo e operando a favore della comunità. Ogni attività sarà programmata e organizzata dalle associazioni stesse, in accordo con l’amministrazione comunale, e ogni gruppo di volontari sarà riconoscibile tramite un indumento che riporta il logo del progetto.

A queste attività si aggiunge, con il nuovo protocollo, l’opportunità di partecipare a corsi promossi dalle associazioni firmatarie e pensati per fornire ai richiedenti asilo conoscenze di base, in ambiti quali la storia dell’arte e l’informatica. Come di consueto, i richiedenti asilo potranno collaborare anche alla normale attività associativa, e quindi nell’organizzazione di iniziative di volontariato e sociali.

“Il bilancio del primo protocollo è stato sicuramente positivo – ha precisato il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni - e vogliamo continuare a essere un punto di riferimento per queste persone, garantendo loro maggiori opportunità di socializzazione e di formazione all’interno della comunità. “Lastra senza confini” è una bella opportunità: favorisce l’incontro e la contaminazione fra culture e intende soddisfare sia alcuni bisogni dei richiedenti asilo che specifiche necessità del nostro territorio. Ovviamente il protocollo è aperto anche ad altre associazioni e siamo felici della volontà di adesione della Parrocchia di Malmantile.”

“Questo progetto è nato per rendere più armonica e sostenibile la presenza dei richiedenti asilo sul nostro territorio – ha aggiunto l’assessore al sociale Elena Scarafuggi – e prosegue in questa direzione, promuovendo esperienze e momenti di scambio, crescita e partecipazione.”

Tutte le associazioni aderenti hanno espresso soddisfazione per il percorso avviato in precedenza e per le opportunità offerte dal nuovo protocollo d’intesa, sottolineando che le attività previste da “Lastra senza confini” sono state e saranno un’occasione di conoscenza e arricchimento reciproci. Tra queste, la Cooperativa Albatros 1973, che subentra alla Cooperativa Il Cenacolo per la funzione di coordinamento, avrà ruolo centrale di mediazione e collaborazione tra i soggetti che sottoscrivono il protocollo e i richiedenti asilo.
24/02/2017 13.59 Comune di Lastra a Signa
Questura di Firenze Rapina a mamma e bimba nel loro appartamento
Catturato il presunto responsabile. Gli investigatori della Squadra Mobile lo hanno preso nella sua abitazione non lontana dal luogo del delitto Lo scorso 4 gennaio, un appartamento nei pressi di via Pistoiese è stato scenario di una brutta rapina messa a segno da un solo uomo nei confronti di una mamma e della sua bimba di pochi mesi.

In quell’occasione, la donna ha raccontato agli agenti che, intorno alle 15.20, mentre era sola in casa con la piccola, aveva sentito alcuni colpi provenire dalla porta d’ingresso; spaventata, si era chiusa con la piccola all’interno della camera da letto e successivamente udito spalancarsi la porta e dei passi muoversi in direzione della stanza dove si era rifugiata; a questo punto aveva sentito altri colpi sulla porta della stanza e, per paura, si era chiusa, sempre con la bimba ben stretta tra le braccia, all’interno di uno stanzino della camera.

Il rapinatore, dopo aver aperto la porta, aveva strattonato la vittima per farla uscire dallo stanzino, tirando anche la figlia per il vestitino e riuscendo così a farsi consegnare un cellulare, 2 orologi e oltre un migliaio d’euro in contanti.

Gli investigatori della Sezione Antirapina - coordinati dal Commissario Capo Domenico Balsamo - si sono messi subito a lavoro, cercando - anche grazie alle testimonianze di alcuni residenti che avevano incrociato proprio una persona sospetta nei pressi dell’abitazione della vittima - di dare un volto all’aggressore.

Mettendo insieme tutti gli elementi acquisiti subito dopo il colpo, i sospetti degli inquirenti si sono subito concentrati su un pregiudicato fiorentino di 32 anni, già noto alle Forze dell’Ordine.

Sulla base degli elementi raccolti, tra cui anche il riconosciuto di alcuni residenti, il GIP presso il Tribunale di Firenze nei suoi confronti ha disposto - su richiesta del P.M. titolare delle indagini - la custodia cautelare in carcere.

L’uomo è stato prelevato ieri presso la sua abitazione fiorentina e accompagnato a Sollicciano con l’accusa di rapina; a questa si aggiunge anche quella di evasione, in quanto sottoposto al regime di detenzione domiciliare al momento del fatto.
24/02/2017 17.29 Questura di Firenze
Comune di Castelfiorentino Castelfiorentino: Giochi per i bambini, in arrivo un restyling completo in 3 giardini pubblici
A primavera nuovo “parco giochi” nelle aree a verde di viale Potente, Piazza Gramsci e via Allende. Investimento da 80.000 euro. Il Sindaco Falorni: “Cifra consistente, ed è solo l’inizio” Un “Castello”, una “Nave”, Altalene di varie dimensioni per bambini più piccoli e quelli un po’ “cresciuti”. Un restyling completo su 3 giardini pubblici che si trovano nel cuore del centro urbano: viale Potente, Via Allende (al di là del ponte) e Piazza Gramsci. Un investimento da 80.000 euro che la Giunta Falorni ha voluto destinare per un rilancio in grande stile delle aree a verde e per far sì che Castelfiorentino sia realmente un paese “a misura di bambino”, nel quale i genitori, gli zii o i nonni possano trascorrere qualche ora piacevole in compagnia dei loro figli, dei loro nipoti.
A renderlo noto è lo stesso Sindaco, Alessio Falorni, che dalla sua pagina “social” ha anticipato le caratteristiche di fondo di un intervento per il quale è stata pubblicata in questi giorni la manifestazione di interesse e che a primavera (aprile-maggio) vedrà rinnovare il “parco giochi” nelle principali aree a verde del capoluogo. Un investimento che si configura anche come invito a liberare la fantasia e soprattutto a fare un po’ di movimento, che certamente non guasta in tempi come quelli che stiamo vivendo, caratterizzati dalla presenza, quasi opprimente, dei giochi “tecnologici”.
Ma scendiamo nel dettaglio. In viale Potente è prevista l’installazione di un complesso ludico con le sembianze di un “Castello”, con due “Torri”, le relative sedute, passerelle, ponti orizzontali e due scivoli. L’atmosfera sarà impreziosita dalla presenza di un “borgo”, costituito da pannelli sagomati e pannello di ingresso. Sempre nel giardino di viale Potente è prevista inoltre l’installazione di un’altalena “speciale”, munita di cesto, utilizzabile anche da bambini diversamente abili.
In Piazza Gramsci due altalene con due seggiolini (4 posti complessivi) di diverse dimensioni, in modo da poter essere convenientemente utilizzate dai bambini più piccoli (fascia di età 3-5 anni) oppure da quelli più “grandi” (dai 5 ai 12 anni), entrambe con struttura portante in acciaio zincato, che non richiede manutenzione.
Per quanti desiderano invece giocare ai “pirati” appuntamento in via Allende dove sarà installata una nuova “Nave” a tema con la “Prua” appoggiata a terra, torre adibita a cabina di comando, due scale di accesso e rete di arrampicata per l’”Arrembaggio”. L’area sarà oltremodo arricchita da una nuova altalena (2 posti) per bambini dai 5 ai 12 anni.
“Avevo preso questo impegno – ha osservato il Sindaco, Alessio Falorni – e adesso stiamo entrando nella fase operativa. Abbiamo previsto una cifra cospicua, ottantamila euro, che spendiamo volentieri poiché sono questi gli interventi che ci danno il senso di un paese a misura di bambino, quello che noi vogliamo costruire con il contributo di tutti. E sono convinto che allestiremo delle aree veramente belle. La nostra volontà – ha concluso Falorni – è quella di procedere gradualmente alla sostituzione dei giochi in tutte le aree a verde di Castelfiorentino, compatibilmente con le nostre risorse. E’ solo l’inizio, dunque, anche se rappresenta indubbiamente una tappa importante”.

24/02/2017 12.28 Ufficio stampa Comune di Castelfiorentino

Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli: da lunedì 27 febbraio, interventi ad Antella, Grassina e Osteria Nuova
Il Comune di Bagno a Ripoli informa di tre interventi (lavori pubblici e potature) che inizieranno lunedì 27 febbraio 2017. Programma:
- Ad Antella, avvio della ripavimentazione del lastrico di piazza Peruzzi, che dovrebbe concludersi a inizio aprile. Spesa complessiva: 70000 euro.
- Solo il 27 febbraio, dalle 9 alle 12, a Grassina, potatura delle alberature e sistemazione della nuova aiuola al centro di piazza Umberto I, con modifiche al trasporto pubblico locale: nella fascia oraria interessata dall'intervento, il bus 31 Ataf non arriverà in piazza Umberto I, ma sarà limitato a Ponte a Niccheri, e il bus 24 Li-Nea dalla Chiantigiana si dirigerà in via Borgo Sani, dove farà capolinea, e da lì tornerà indietro.
- Tra lunedì 27 e martedì 28, potatura delle alberature di piazza Fratelli Rosselli, a Osteria Nuova.
Informazioni: Call Center Linea Comune, tel. 055.055, da lunedì a sabato, ore 8-20.
24/02/2017 11.10 Ufficio Stampa Comune di Bagno a Ripoli

 
 




Vai al contenuto