Login

MET

Met - News dalle Pubbliche amministrazioni della Toscana centrale

News dalle Pubbliche Amministrazioni
della Città Metropolitana di Firenze icona met


IN PRIMO PIANO....

Redazione di Met A Firenze omaggio a Franco Zeffirelli con Ugo De Vita
Giovedì 29 febbraio alle ore 18.30 nella sala del Buonumore "Pietro Grossi" del Conservatorio di musica "Luigi Cherubini" Si terrà giovedì 29 febbraio alle ore 18:30 nella sala del Buonumore "Pietro Grossi" del Conservatorio di musica "Luigi Cherubini" l'evento "Omaggio a Franco Zeffirelli" promosso e patrocinato dalla Fondazione "Franco Zeffirelli", dal Conservatorio di musica "Luigi Cherubini", dalla Onlus Amici del Conservatorio "Luigi Cherubini" e dall'Associazione no profit " "Alice in cerca di teatro".

Ugo De Vita, autore e attore tra i più apprezzati del panorama nazionale, offrirà un suo componimento in versi e la sua interpretazione in omaggio al maestro.

Ad accompagnare, con brevi intermezzi musicali dal vivo, il talentuoso e giovane maestro Andrea Sernesi con il suo violoncello.

Il titolo dell'opera è evocativo dell' "oltre" e l'omaggio vuole enfatizzare l'immortalità dell'arte che supera la barriera del tempo.

"Una scrittura molto casta, pura, in settenari ed endecasillabi con l'accento delle arie che il maestro più amava. - sottolinea Ugo De Vita - "Quando Pippo Zeffirelli mi ha dedicato, una copia dell'autobiografia, avendo conosciuto il maestro, mi ha commosso".

Così, pagina dopo pagina, è maturato in me, il convincimento di poter, una volta chiuso il volume, dare vita a una scrittura originale, in forma di poesia.

Questa è anche un'occasione preziosa per tutti noi, di tornare a stringerci, concluse le manifestazioni per il Centenario della Nascita (1923 - 2023) attorno alla figura di questo grande fiorentino.

Durata dell'evento sarà tempo unico di 50 minuti. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

27/02/2024 14.24 Redazione di Met
Città Metropolitana di Firenze Notiziario della viabilità di mercoledì 28 febbraio 2024
Principali cantieri previsti sulle strade della Città Metropolitana di Firenze. Le ultime novità nella zona del Chianti (Sp 56 del Brollo e del Poggio alla Croce)

Novità

Sulla strada provinciale 56 del Brollo e del Poggio alla Croce per indagini strutturali, senso unico alternato orario 08:00/17:00, nel tratto al km 11+600 circa, nel Comune di Greve in Chianti, fino al 29/02/2024.


Mugello

Sulla strada provinciale 610 Selice-Montanara Imolese per valutare consistenza di tutte le opere costituenti il ponte, senso unico alternato con orario 07:00/18:00 nel Comune di Firenzuola, nel tratto dal km 65+000, fino al 31/12/2024.
(data indicativa e comunque fino a termine lavori). Integrazione dall'ordinanza 1574 del 01/06/2023

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per Eventi meteorologici del 16 e 17 maggio 2023, senso unico alternato, nel tratto in prossimità del km 48+000 Comune Borgo San Lorenzo, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori

Sulla strada provinciale 477 dell'Alpe di Casaglia per eventi meteorologici del 16 e 17 maggio 2023, Transito consentito ai veicoli di massa complessiva non sup. a 20 ton, ai mezzi di soccorso, ai mezzi di pubblica utilità e ai mezzi impegnati nel ripristino della viabilità anche di massa superiore, nel tratto dal km 2+800 al km 16+000 nei comuni di Borgo San Lorenzo e Palazzuolo sul Senio, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori. Modifiche alle ordinanze 1453 del 19/05/2023, 1454 del 21/05/2023, 1568 del 31/05/2023 e 1574 del 01/06/2023

Sulla strada provinciale 306 Casolana-Riolese per eventi meteorologici del 16 e 17 Maggio 2023, transito consentito ai veicoli di massa complessiva non sup. a 20 ton, ai mezzi di soccorso, ai mezzi di pubblica utilità e ai mezzi impegnati nel ripristino della viabilità anche di massa superiore, nel tratto fra il confine di regione e il km 35+500 e dal km 37+200 (centro abitato di Palazzuolo) al km 48+500 (intersezione con la SR302) nei Comuni di Palazzuolo sul Senio e Marradi, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori. Modifiche alle ordinanze 1453 del 19/05/2023, 1454 del 21/05/2023, 1568 del 31/05/2023 e 1574 del 01/06/2023

Sulla strada provinciale 32 della Faggiola per eventi meteorologici del 16 e 17 Maggio 2023, Circolazione consentita a tutti i veicoli di massa complessiva non sup. a 35 q.li, con orario 05:30/21:00, mezzi soccorso e pubblica utilità e H24 a tutti i mezzi impegnati nel ripristino viabilità, nel tratto dal km 0+000 al km 18+150 nei comuni di Firenzuola e Palazzuolo sul Senio, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori. Modifiche e integrazioni alle ordinanze 1453 del 19/05/2023, 1454 del 21/05/2023, 1568 del 31/05/2023 e 1574 del 01/06/2023

Sulla strada provinciale 58 Piancaldolese per eventi metereologici del 16 e 17 Maggio 2023, transito consentito a tutti i veicoli di massa complessiva non sup a 20 ton, ai mezzi di soccorso, mezzi di pubblica utilità e mezzi impegnati nel ripristino della viabilità anche di massa superiore, nel tratto tra l´intersezione con la SP117 e il confine di Regione nel Comune di Firenzuola, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa e comunque fino al termine lavori)

Sulla strada provinciale 20 Modiglianese per eventi meteorologici del 16 e 17 maggio 2023, Transito consentito ai veicoli di massa complessiva non sup. a 20 ton, ai mezzi di soccorso, ai mezzi di pubblica utilità e ai mezzi impegnati nel ripristino della viabilità anche di massa superiore, nel tratto dal km 0+900 al confine con la SP29, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori. Modifiche e integrazioni alle ordinanze 1453 del 19/05/2023, 1454 del 21/05/2023, 1568 del 31/05/2023 e 1574 del 01/06/2023

Sulla strada provinciale 29 traversa di Lutirano per eventi meteorologici del 16 e 17 Maggio 2023, transito consentito a tutti i veicoli di massa complessiva non sup. a 20 ton, ai mezzi di soccorso, ai mezzi di pubblica utilità e ai mezzi impegnati nel ripristino della viabilità anche di massa supe, nel tratto tra il Km 0+000 e il Km 3+500 nel Comune di Marradi, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori. Modifiche e integrazione alle ordinanze 1453 del 19/05/2023, 1454 del 21/05/2023, 1568 del 31/05/2023 e 1574 del 01/06/2023

Sulla strada provinciale 58 Piancaldolese per Eventi meteorologici del 16 e 17 maggio, chiusura al transito-parzializzazione della circolazione: consentita a tutti i veicoli di non superiore a 35 q.li, con orario 05:30/21:00 e a tutti i mezzi di pubblica utilità anche oltre 3,5 tonn., nel tratto dall´intersezione con la SP117 fino al confine di regione, fino al 31/12/2024.
(Data indicativa) e comunque fino a termine lavori. Modifica alle ordinanze 1453 del 19/05/2023, 1454 del 21/05/2023 e 1568 del 31/05/2023

Sulla strada provinciale 20 Modiglianese per eventi meteorologici del 16 e 17 maggio 2023, Confermata chiusura, nel tratto compreso tra l´intersezione con la SP29 e la località Abeto nel Comune di Marradi, fino al 31/12/2024.
(data indicativa e comunque fino a ripristino della viabilità)

Sulla strada provinciale 29 traversa di Lutirano per eventi meteorologici del 16 e 17 Maggio 2023, Chiusura confermata, nel tratto dal Km 3+500 fino al confine regionale, fino al 31/12/2024.
(data indicativa e comunque fino a ripristino della viabilità)

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per lavori di demolizione e successiva ricostruzione del ponte, senso unico alternato, nel tratto dal km 27+850 al km 28+000 circa nel Comune di Borgo San Lorenzo, fino al 29/11/2024.

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per lavori di demolizione e successiva ricostruzione del ponte, divieto di transito in entrambi i sensi di marcia, per i veicoli aventi massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, nel tratto al km 27+930nel Comune di Borgo San Lorenzo, fino al 29/11/2024.

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per cedimento del muro di sostegno del corpo stradale, senso unico alternato, nel tratto dal km 24+500 al km 24+700 circa loc.Faltona nel Comune di Borgo San Lorenzo, fino al 30/06/2024.

Sulla strada provinciale 551 traversa del Mugello per ripristino del muro di sostegno a valle della strada, senso unico alternato con orario 08:00/17:00, nel tratto al Km 16+600 nel Comune di Vicchio Frazione la Ginestra, fino al 10/05/2024.

Sulla strada provinciale 551 traversa del Mugello per completare i lavori nell´area della rotatoria, senso unico alternato, nel tratto presso la rotatoria al km 14+400 circa, intersezione con Viale Beato Angelico, nel Comune di Vicchio, fino al 30/04/2024.

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per consolidamento del ponte, chiusura al transito, nel tratto fra le progressive chilometriche 50+900 e 51+420 con deviazione sulla strada comunale di Casaglia, fino al 30/03/2024.

Sulla strada provinciale 551 traversa del Mugello per realizzazione di muro di sostegno, senso unico alternato orario 22:00/06:00, nel tratto in prossimità del cantiere dal km 13+800 al km 13+900 circa nel Comune di Vicchio, fino al 30/03/2024.

Sulla strada provinciale 29 traversa di Lutirano per ripristino con esecuzione di micropali con cordolo in cca in "testa palo" a sostegno della carreggiata, chiusura al transito, nel tratto In prossimità del Km 0+900 in località Lutirano nel Comune di Marradi, fino al 23/03/2024.

Sulla strada provinciale 610 Selice-Montanara Imolese per messa in opera di reti paramassi e rimuovere eventuali detriti, senso unico alternato con chiusure temporanee non superiori a 15 minuti, nel tratto dal km 62+800 al km 63+100 nel comune di Firenzuola, fino al 22/03/2024.

Sulla strada provinciale 131 di Bilancino per installazione di infrastruttura a fibra ottica, senso unico alternato orario 08:00/17:00, nel tratto dal km 1+404 al km 4+845 Comune di Barberino di Mugello, fino al 15/03/2024.

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per lavori di manutenzione straordinaria del Ponte ad arco in c.a. su Torrente Rio Morto, senso unico alternato orario 08:00/18:00, nel tratto dal km 35+150 al km 35+350 circa nel Comune di Borgo San Lorenzo, fino al 04/03/2024.

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per manutenzione straordinaria del Ponte ad arco, senso unico alternato, nel tratto dal km 35+150 al km 35+350 circa, nel Comune di Borgo San Lorenzo, fino al 04/03/2024.
Rettifica ordinanza n° 2947 del 16/10/2023

Sulla strada provinciale 8 Militare per Barberino di Mugello per lavori di posa di cavi in fibra ottica, senso unico alternato, nel tratto diversi e saltuari dal Km 16+000 al Km 29+000 nel Comune di Barberino del Mugello, fino al 29/02/2024.

Sulla strada provinciale 610 Selice-Montanara Imolese per indagini struttural1, senso unico alternato con orario 08:00/17:00, nel tratto al km 66+117 nel comune di Firenzuola, fino al 29/02/2024.

Sulla strada provinciale 477 dell'Alpe di Casaglia per indagini strutturali sul ponte, senso unico alternato orario 08:00/17:00, nel tratto al km 1+730 nel Comune di Palazzuolo sul Senio, fino al 29/02/2024.

Sulla strada regionale 302 Brisighellese-Ravennate per potatura piante, senso unico alternato orario 07:00/18:00, nel tratto in tratti saltuari e diversi nei Comuni di Borgo San Lorenzo e Marradi , fino al 29/02/2024.
Proroga ordinanza n° 55 del 09/01/2024 - Proroga ordinanza n° 257 del 29/01/2024

Sulla strada provinciale 74 Marradi-San Benedetto per potatura piante, senso unico alternato orario 07:00/18:00, nel tratto in tratti saltuari e diversi nel Comune Marradi, fino al 29/02/2024.
Proroga ordinanza n° 55 del 09/01/2024 - Proroga ordinanza n° 257 del 29/01/2024

Sulla strada provinciale 20 Modiglianese per potatura piante, senso unico alternato orario 07:00/18:00, nel tratto in tratti saltuari e diversi nel Comune di Marradi, fino al 29/02/2024.
Proroga ordinanza n° 55 del 09/01/2024 - Proroga ordinanza n° 257 del 29/01/2024

Sulla strada provinciale 29 traversa di Lutirano per potatura piante, senso unico alternato orario 07:00/18:00, nel tratto in tratti saltuari e diversi nel Comune di Marradi, fino al 29/02/2024.
Proroga ordinanza n° 55 del 09/01/2024 - Proroga ordinanza n° 257 del 29/01/2024

Sulla strada provinciale 306 Casolana-Riolese per potatura piante, senso unico alternato orario 07:00/18:00, nel tratto in tratti saltuari e diversi nel Comune di Marradi, fino al 29/02/2024.
Proroga ordinanza n° 55 del 09/01/2024 - Proroga ordinanza n° 257 del 29/01/2024

Sulla strada provinciale 477 dell'Alpe di Casaglia per potatura piante, senso unico alternato orario 07:00/18:00, nel tratto in tratti saltuari e diversi nel Comune di Palazzuolo sul Senio , fino al 29/02/2024.
Proroga ordinanza n° 55 del 09/01/2024 - Proroga ordinanza n° 257 del 29/01/2024


Valdarno

Sulla strada provinciale Aretina per S. Donato per realizzazione paratia di micropali e piazzola per tiranti, senso unico alternato, nel tratto in prossimità del cantiere dal km 16+650 al km 16+750 circa, nel Comune di Figline e Incisa Valdarno, fino al 03/12/2024.

Sulla strada regionale 69 di Val dArno per lavori di realizzazione nuova rotatoria, senso unico alternato con orario 08:00/18:00, nel tratto al km 1+700 circa, nel Comune di Pelago, fino al 19/07/2024.

Sulla strada provinciale 89 bis per intervento di adeguamento del ponte, senso unico alternato, nel tratto in corrispondenza del ponte sul Fiume Arno in località Pian dell?Isola, nei Comuni di Figline ed Incisa Valdarno e di Reggello, fino al 30/06/2024.

Sulla strada provinciale 87 Ponte Matassino-Reggello per attestato di transitabilità, divieto di transito ai veicoli aventi una massa superiore a 26 tonnellate, nel tratto al km 0+700 circa Ponte Matassino - Reggello nel Comune di Figline e Incisa Valdarno, fino al 30/06/2024.
fino al venire meno delle condizioni che hanno reso necessaria tale limitazione

Sulla strada provinciale 56 del Brollo e del Poggio alla Croce per posa di collettore fognario, senso unico alternato orario lavori 07:30/17:30, nel tratto dal km 6+850 circa al km 6+945 nel Comune Figline e Incisa Valdarno, fino al 19/03/2024.

Sulla strada provinciale Aretina per S. Donato per sostituzione della segnaletica verticale, senso unico alternato orario 08:00/18:00, nel tratto al bivio con la SP 89 alla intersezione con la SR 69 Figline Incisa Valdarno, fino al 15/03/2024.

Sulla strada provinciale 18 Braccio di S. Clemente per sostituzione della segnaletica verticale, senso unico alternato orario 08:00/18:00, nel tratto tutto il tratto di competenza,dalla intersezione con la SR 69 all?intersezione con la SP 89 bis Comune di Reggello, fino al 15/03/2024.

Sulla strada provinciale 89 del Bombone per sostituzione della segnaletica verticale, senso unico alternato orario 08:00/18:00, nel tratto tutto il tratto di competenza, dall?intersezione con la SP 89 bis alla intersezione con la SP 1 Comune di Rignano, fino al 15/03/2024.

Sulla strada provinciale 89 bis per sostituzione della segnaletica verticale, senso unico alternato orario 08:00/18:00, nel tratto tutto il tratto di competenza, dalla intersezione con la SR 69 all?intersezione con la SP 89 Comune di Rignano, fino al 15/03/2024.

Sulla strada provinciale 90 Torri-Volognano-Rosano per sostituzione della segnaletica verticale, senso unico alternato orario 08:00/18:00, nel tratto tutto il tratto di competenza,dalla intersezione con la SP 89 all?intersezione con la SP 34 Comune di Rignano, fino al 15/03/2024.


Chianti Val di Pesa

Sulla strada provinciale 70 Imprunetana per Pozzolatico per lavori di regimazione idraulica delle acque superficiali e ripristino muro franato, senso unico alternato, nel tratto dal km 3+400 al km 3+700 circa, nel Comune di Impruneta, fino al 31/12/2024.
Fino a termine lavori

Sulla strada regionale 429 di Val d'Elsa per creare condizioni di maggiore sicurezza, restringimento della carreggiata con segnaletica orizzontale strisce gialle, nel tratto dal km 44+550 al km 44+650 nel Comune di Barberino Tavarnelle, fino al 31/12/2024.
Fino al termine dei lavori

Sulla strada regionale 222 Chiantigiana per creare condizioni di maggiore sicurezza, restringimento della carreggiata con segnaletica orizzontale strisce gialle, nel tratto dal km 19+800 al km 19+900 in Comune di Greve in Chianti, fino al 31/12/2024.
Fino al termine dei lavori

Sulla strada provinciale 4 Volterrana per creare condizioni di maggiore sicurezza, senso unico alternato, nel tratto dal km 7+180 al km 7+380 nel Comune di San Casciano Val di Pesa, fino al 31/12/2024.
Fino a termine lavori

Sulla strada provinciale 119 del Palagione per evento franoso, senso unico alternato, nel tratto dal km 5+400 al Km 5+600 nel Comune di Greve in Chianti, fino al 31/12/2024.
Fino al termine dei lavori

Sulla strada provinciale 92 Grevigiana per Mercatale per senso unico alternato, messa in sicurezza porzione di muro, nel tratto dal km 5+700 al Km 6+100, nel Comune di San Casciano Val di Pesa, fino al 30/06/2024.
comunque fino al termine dei lavori


Area fiorentina

Sulla strada provinciale 107 di Legri e del Carlone per crollo di un muro a sostegno della sede stradale, senso unico alternato, nel tratto dal km 4+000 al km 4+150 nel Comune di Calenzano, fino al 31/12/2024.
Comunque fino al termine dei lavori

Sulla strada provinciale Aretina per S. Donato per aggravamento di una lesione trasversale, divieto di transito ai trasporti eccezionali con massa complessiva a pieno carico superiore alle 44 tonnellate, nel tratto ponte sul Borro di Querceto, posto al Km 7+850, nel Comune di Bagno a Ripoli, fino al 31/12/2024.

Sulla strada provinciale 8 Militare per Barberino di Mugello per lavori di scavo sulla corsia di marcia in direzione Calenzano, senso unico alternato, nel tratto Dal Km 13+950 al Km 14+200 in località Le Croci nel Comune di Calenzano, fino al 15/03/2024.

Sulla strada provinciale 8 Militare per Barberino di Mugello per posa della rete in fibra ottica, senso unico alternato con orario 07:00/17:30, nel tratto dal km 4+000 al km 6+324 circa, nel Comune di Calenzano, fino al 11/03/2024.

Sulla strada provinciale 8 Militare per Barberino di Mugello per posa cavo fibra ottica, senso unico alternato in tratti diversi e saltuari orario 07:00/17:30, nel tratto fra le progressive chilometriche 6+850 e 15+056 nel comune di Calenzano, fino al 08/03/2024.

Sulla strada provinciale 56 del Brollo e del Poggio alla Croce per realizzazione della Variante di Grassina, Istituzione del doppio senso di circolazione sulla porzione nord della nuova rotatoria "Ghiacciaia", nel tratto al km 20+300 circa, nel Comune di Bagno a Ripoli, fino al 03/03/2024.
Proroga ordinanza n° 3466 del 15/12/2023

Sulla strada provinciale 107 di Legri e del Carlone per lavori di posa cavo fibra ottica, senso unico alternato con orario 8:00/17:00, nel tratto Fra il Km 0+000 e il km 7+629 nel Comune di Calenzano, fino al 29/02/2024.


Fi-Pi-Li

Sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno per risanamento acustico, restringimento della carreggiata mediante realizzazione due corsie in direzione Mare, nel tratto dal km 0+000 al km 2+200 Comune di Firenze, fino al 30/04/2024.
Proroga ordinanza n° 2133 del 19/07/2023

Sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno per lavori sulle barriere acustiche, restringimento della carreggiata mediante realizzazione due corsie in direzione Mare, nel tratto dal km 0+000 al km 2+200 nel Comune di Firenze, fino al 30/04/2024.
Proroga ordinanza n° 2133 del 19/07/2023 - Rettifica ordinanza n° 3148 del 07/11/2023

Sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno per lavori di alleggerimento e regolazione idraulica del muro al km 51+800, restringimento di carreggiata in direzione Mare, nel tratto tra il km 51+100 e il km 51+900, fino al 30/04/2024.

Sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno per messa in sicurezza del viadotto Ponzano al km 24+30, divieto di transito agli automezzi con massa superiore alle 44 tonn, nel tratto tra Empoli Centro e Empoli Est in direzione Firenze, fino al 30/04/2024.
Proroga ordinanza n° 2121 del 18/07/2023

Sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno per messa in sicurezza del viadotto Ponzano al km 24+300, restringimento della carreggiata in direzione Firenze, nel tratto dal km 24+750 e il km 24+100, fino al 30/04/2024.
Proroga ordinanza n° 2121 del 18/07/2023

Sulla strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno per ripristino della pavimentazione stradale, chiusura della carreggiata in direzione Mare orario 22:00/06:00, nel tratto tra gli svincoli di Lastra a Signa e Ginestra F.na, fino al 29/02/2024.
intervento in orario notturno


Empolese-Valdelsa

Sulla strada provinciale 79 Lucardese per ripristino del piano viabile, senso unico alternato orario 07:00/17:00, nel tratto dal km 0+572 al km 1+437 circa Comune di Montespertoli, fino al 30/06/2024.


Nota: Le notizie contenute in questa pagina sono fornite in base alla programmazione dei lavori stradali. A seguito delle condizioni meteo o di esigenze dei cantieri possono verificarsi situazioni diverse da quelle indicate.


Obbligo di Catene o pneumatici invernali

Sulle strade di competenza della Città Metropolitana di Firenze e sulla Fi-Pi-Li dal 15 novembre al 15 aprile di ogni anno è in vigore l'obbligo per i veicoli di cui all'art. 54 del D.Lgs. 285/1992 (autoveicoli), di avere a bordo mezzi antisdrucciolevoli o di essere muniti di pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio, adeguati al tipo di veicolo in uso.
28/02/2024 8.20 Città Metropolitana di Firenze
Città Metropolitana di Firenze Gli autori si raccontano. Ciclo di incontri organizzati dall’associazione culturale “Sguardo e Sogno”
Primo appuntamento giovedì 29 febbraio alle ore 16.30 nella sala Oriana Fallaci di Palazzo Medici Riccardi Sarà un incontro a più voci quello organizzato dall’associazione culturale “Sguardo e Sogno” per il prossimo giovedì 29 febbraio, alle 16.30, presso la sala Oriana Fallaci, all’interno del complesso di Palazzo Medici Riccardi, con ingresso da via Ginori 8.
Le poetesse e narratrici Nicoletta Manetti e Luisa Puttini dialogheranno rispettivamente con Roberto Mosi e con Vilma Gaist, portando gli autori a raccontarsi a partire dalle proprie opere. In particolare offriranno spunti di dialogo il romanzo storico “Barbari”, alcune poesie scelte dalla raccolta “Amo le parole” di Roberto Mosi, e la biografia “Beatrice Cenci” di Vilma Gaist.
La partecipazione è libera fino ad esaurimento dei posti disponibili.
L’associazione culturale “Sguardo e Sogno”, attiva tra Firenze e Prato, si definisce “gruppo di condivisione e ricerca poetica aperto a tutti”, e ha una pagina Facebook gestita dal proprio presidente Massimiliano Bardotti.

27/02/2024 15.03 Città Metropolitana di Firenze
Redazione di Met Linea Faentina, circolazione sospesa tra Faenza e Marradi
Per condizioni meteo avverse Dalle 20.25 di martedì 27 febbraio 2027 la circolazione ferroviaria fra Faenza e Marradi, sulla linea Faentina, è sospesa a seguito dell’allarme lanciato dal SANF (Sistema di Allertamento Nazionale per la previsione di possibili fenomeni franosi indotti da piogge lungo l’infrastruttura ferroviaria *).

La riattivazione del servizio è prevista ad allarme rientrato e dopo i controlli all’infrastruttura da parte dei tecnici di RFI.



Come da procedura concordata con le imprese di trasporto e le Regioni Toscana ed Emilia-Romagna, previste corse con bus con possibile aumento dei tempi di percorrenza in relazione anche al traffico stradale (in allegato gli orari delle corse con bus in partenza nella prima mattina di domani)

Aggiornamenti nella sezione Infomobilità di RFI e sulle pagine Infomobilità di Trenitalia.

In allegato le corse bus Faenza-Marradi


27/02/2024 23.08 Redazione di Met
Città Metropolitana di Firenze 3 marzo 2024: è Domenica Metropolitana
Tutti i residenti della Città Metropolitana di Firenze avranno la possibilità di visitare gratuitamente i Musei Civici Fiorentini e Palazzo Medici Riccardi, nonché di prendere parte alle numerose visite e attività in programma, sviluppate dal Comune di Firenze, dalla Città Metropolitana di Firenze e da Mus.e Per la Domenica Metropolitana del 3 marzo 2024 tutti i residenti della Città Metropolitana di Firenze avranno la possibilità di visitare gratuitamente i Musei Civici Fiorentini e Palazzo Medici Riccardi, nonché di prendere parte alle numerose visite e attività in programma, sviluppate dal Comune di Firenze, dalla Città Metropoli-tana di Firenze e da MUS.E con il supporto di Giotto, love brand di F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini.

Sono infatti in programma numerose visite e attività rivolte a giovani e adulti, che permetteranno di scoprire le meraviglie di Palazzo Vecchio, Santa Maria Novella, Palazzo Medici Riccardi, Museo Stefano Bardini, Memoriale delle deportazioni, Museo Novecento, Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine, MAD - Murate Art District, Museo Gino Bartali.
Anche per i bambini e per le loro famiglie sono previste diverse attività, fra cui il racconto animato Per fare una città ci vuole un fiore e il laboratorio artistico Dipingere in Fresco in Palazzo Vecchio, Intorno al Porcellino al Museo Bardini, Lo stemma Medici. Storie e leggende e A casa Medici in Palazzo Medici Riccardi.

Alle collezioni permanenti si affianca la ricca programmazione di mostre temporanee in corso. Nelle Sale Fabiani di Palazzo Medici Riccardi sarà possibile visitare la mostra Roberto Innocenti. Illustrare il tempo. La mostra offre agli esperti, agli appassionati e al grande pubblico l’occasione di approfondire il lavoro di uno dei massimi illustratori contemporanei, che con il suo tratto inconfondibile ha interpretato classici della letteratura come Le avventure di Pinocchio, Canto di Natale, Schiaccianoci ma anche le vicende più buie della storia del Novecento grazie a capolavori come Rosa Bianca e La storia di Erika.
Presso il MAD - Murate Art District saranno fruibili sia l’installazione sonora Agorà dell’artista Sadi, tesa a restituire le voci dei grandi pensatori e politici del Novecento legati alla storia del complesso sia la mostra collettiva Repose and Resist, in occasione del Black History Month Florence, che indaga i concetti di riposo e resistenza grazie a importanti produzioni artistiche afrodiscendenti.
Presso il Museo Novecento sarà invece possibile visitare la nuova mostra di André Butzer. Liebe, Glaube und Hoffnung (Amore, Fede e Speranza), prima monografica istituzionale sull’artista organizzata in Italia.

Tutte le visite guidate e le attività sono gratuite e la prenotazione è obbligatoria. All’atto della prenotazione è possibile riservare un solo appuntamento nel corso della giornata per un massimo di 5 persone.
Gli ingressi ai singoli musei saranno disponibili fino ad esaurimento posti.
Questi gli orari di apertura: Museo di Palazzo Vecchio (orario 9.00/19.00), Torre di Arnolfo* (orario 9.00/17.00), Santa Maria Novella (orario 13.00/17.30), Museo Novecento (orario 11.00/20.00), Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (orario 13.00/17.00), Museo del Ciclismo Gino Bartali (orario 10.00/16.00), Museo Stefano Bardini (orario 11.00/17.00), Palazzo Medici Riccardi (orario 9.00-19.00).
  • In caso di pioggia la Torre di Arnolfo resterà chiusa al pubblico per motivi di sicurezza. In Palazzo Vecchio sarà accessibile il camminamento di ronda.
Attenzione: le biglietterie chiudono un’ora prima dell’orario di chiusura del museo.

Per gli utenti in possesso della Card del Fiorentino, data la gratuità della giornata, non è prevista alcuna priorità di accesso nei Musei Civici Fiorentini. Per coloro che intendono acquistarla si richiede la prenotazione, al fine di garantire un servizio adeguato senza attese.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Da lunedì 26 febbraio 2024 a sabato 2 marzo 2024 h 9.30-13.00 e h 14.00-17.00
(attenzione: il servizio non è attivo la domenica mattina).
Prenotazioni per i Musei Civici Fiorentini: 055-2768224 e info@musefirenze.it
Prenotazioni per Palazzo Medici Riccardi: 055-2760552 e info@palazzomediciriccardi.it

26/02/2024 15.31 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Montemurlo Allerta maltempo, a Montemurlo preoccupa una frana sopra località La Gualchiera
Evacuate 18 famiglie, il teatro della Gualchiera e il centro sportivo del Carbonizzo Si tratta di un costone che si è staccato dalla montagna in via di Javello zona la Gualchiera. Su indicazione dei vigili del fuoco, il sindaco Calamai dispone l'evacuazione. Monitoraggio continuo della situazione. Sul posto il sindaco Calamai, i vigili del fuoco con la comandante provinciale Stefania Fiore, la polizia municipale, i carabinieri, la coordinatrice della protezione civile, Sara Tintori e i tecnici del Comune. Sorvegliati speciali i corsi d'acqua, ingrossati dalle incessanti precipitazioni di oggi

Dopo l'alluvione del 2 novembre scorso, il maltempo continua a causare danni a Montemurlo. Le criticità maggiori si stanno riscontrando in via di Javello nei pressi della località la Gualchiera, dove stamattina intorno alle 10,40 ha iniziato a staccarsi una frana dalla montagna con la discesa dal costone di acqua, fango, pietre ed alberi. Sul posto sono prontamente intervenuti il sindaco Simone Calamai, i vigili del fuoco con la comandante provinciale Stefania Fiore, la polizia municipale del Comune di Montemurlo, i carabinieri della tenenza, la dirigente e coordinatrice della protezione civile comunale, Sara Tintori e i tecnici del Comune. Su indicazione dei vigili del fuoco, il sindaco Simone Calamai ha disposto l'evacuazione precauzionale di 18 famiglie per un totale di 40 persone che vivono nella zona interessata dalla frana. Si tratta di di via del Carbonizzo, via Gualchiera, del centro sportivo del Carbonizzo e del teatro della Gualchiera con la sospensione di tutte le attività fino al termine dell'emergenza.

Disposta anche la chiusura di via di Javello dall'intersezione con via Gualchiera - via Bicchieraia per i successivi 200 metri. Il fronte franoso è ancora in movimento e continua da scendere fango e grosso pietrame, che desta preoccupazione. «In via precauzionale abbiamo disposto l'evacuazione delle famiglie e delle strade della zona interessata. Non appena il maltempo lo consentirà, potremo valutare meglio l'entità del fronte franose e decidere gli eventuali interventi di ripristino e messa in sicurezza. Stiamo monitorando la situazione con la massima attenzione», spiega il sindaco Simone Calamai. Il Comune di Montemurlo, attraverso il sistema di protezione civile comunale, ha riaperto la palestra di Fornacelle in via Deledda, dov'è stato allestito un punto di accoglienza con le brandine per coloro che non hanno amici o parenti a cui appoggiarsi per trascorrere la notte. Una parte delle famiglie interessate dall'evacuazione ha già comunicato che trascorrerà la notte nella palestra. La struttura è ben riscaldata e dispone dei servizi igenici. Il Comune sta organizzando il servizio di fornitura dei pasti alle persone costrette a lasciare le proprie abitazioni. Al centro di accoglienza di Fornacelle (via Deledda) sono già presenti i volontari della Misericordia di Montemurlo e della rete di protezione civile comunale per fornire assistenza e supporto alle persone evacuate.

Sorvegliati speciali sono anche tutti i corsi d'acqua, ingrossati dalle incessanti piogge, cadute da questa notte e per tutta la giornata di oggi sul territorio e in particolare sulla parte montuosa.
28/02/2024 9.16 Comune di Montemurlo
Città Metropolitana di Firenze Giornata internazionale della donna: il 7 marzo presentazione del libro "Le mie guerriere. Quel bastardo di tumore al seno" in Palazzo Medici Riccardi
Con l'autrice Marina Martinelli e alcune delle testimoni la cui storia è raccontata nel libro, Angela Bagni, Nicola Armentano, Patrizio Mugnaini Il libro di Marina Martinelli "Le mie guerriere. Quel bastardo di tumore al seno", edito da Agc Edizioni, verrà presentato giovedì 7 marzo 2024, alle 17, nella Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi (con ingresso da via Cavour 9), da Angela Bagni, consigliera delegata della Metrocittà alle Pari opportunità, da Nicola Armentano, consigliere delegato alla Promozione sociale della Città Metropolitana di Firenze e dal chirurgo Patrizio Mugnaini, in occasione della ricorrenza della Giornata internazionale della donna.

Coordina i lavori Michele Brancale.
Sarà presente l'autrice e alcune delle testimoni la cui storia è raccontata nel libro.

27/02/2024 12.53 Città Metropolitana di Firenze
AutolineeToscane Autolinee Toscane. Interruzione e modifiche della linea 214 tra Sassetta e Montepiano
Modifiche e aggiornamenti tramite https://www.at-bus.it/it/linee-e-orari/prato-extraurbano-214 Si informa che dalle ore 12:00 circa di oggi martedì 27 febbraio, a seguito evento franoso, la Strada Regionale 325 risulta interrotta tra le località di Sasseta e di Montepiano nel comune di Vernio (PO).

In attesa di nuove comunicazioni e dell’evolversi degli eventi, il servizio della linea 214 ha subito una prima riprogrammazione in via emergenziale e suscettibile di modifiche o aggiornamenti che saranno eventualmente comunicati attraverso i canali aziendali (Il nuovo servizio è consultabile nel piano di deviazione allegato), consultabile anche sul sito di Autolinee Toscane alla pagina PRATO - VAL DI BISENZIO | Autolinee Toscane (at-bus.it) https://www.at-bus.it/it/linee-e-orari/prato-extraurbano-214


Per completezza di informazione sono stati riportati anche servizi esterni a quello esercito da AT (treno e servizio extraurbano bacino bolognese), per i quali però, al momento, non è prevista nessun tipo di integrazione tariffaria.
28/02/2024 9.32 AutolineeToscane
Città Metropolitana di Firenze "Roberto Innocenti. Illustrare il tempo" a cura di Paola Vassalli e Valentina Zucchi - Galleria fotografica e video
Dal 22 febbraio al 26 maggio 2024 Palazzo Medici Riccardi – Firenze “Nelle parole mi ci perdo. Nelle figure, invece, mi ci trovo”, è la sintesi del pensiero e del lavoro di Roberto Innocenti, grande professionista fiorentino dell’immagine e protagonista di “Roberto Innocenti. Illustrare il tempo” la mostra promossa da Città Metropolitana di Firenze curata da Paola Vassalli e Valentina Zucchi e organizzata da MUS.E, che dal 22 febbraio al 26 maggio 2024 vedrà Palazzo Medici Riccardi celebrare l’opera dell’illustratore fiorentino.

La mostra, allestita nelle Sale Fabiani, offre agli esperti, agli appassionati e al grande pubblico l’occasione di approfondire il lavoro di Innocenti a cavallo fra XX e XXI secolo. Le tavole dell’illustratore – che col suo tratto inconfondibile ha interpretato capolavori immortali della letteratura come Le avventure di Pinocchio, Canto di Natale, lo Schiaccianoci, solo per citarne alcuni - tanto dense e accurate nei dettagli quanto innovative e ampie nell’impianto e nel taglio visivo, restituiscono al lettore un universo immaginifico ricco di suggestioni e di stimoli. L’attenzione ai personaggi, alle architetture, al paesaggio - esito di un’osservazione minuziosa ed espressa grazie a un tratto nitido - porta Roberto Innocenti a impaginare scenari di grande fascino, entro cui la storia si apre a ulteriori narrazioni e l’osservazione a infinite indagini. Il suo inconfondibile stile, intriso del nitore prospettico della tradizione fiorentina e nel contempo sedotto da una modernissima visione cinematografica, invita il lettore a esplorare un mondo che appare più reale del nostro.

I visitatori potranno dunque apprezzare una ricca selezione di lavori, oltre quaranta, ripercorrendo le tappe salienti della sua opera e restituendo il filo rosso tanto del suo lavoro quanto delle storie da lui illustrate. I suoi libri più noti e più amati saranno ripercorsi grazie una rosa di disegni magistrali, che il pubblico avrà la possibilità di osservare e apprezzare, offrendosi altresì come strumenti per riflettere sui grandi temi attraversati tanto dalla fiaba quanto dalla storia.

“Rendere immagine il tratto profondo della favola, anche quando essa è crudele, richiede una sensibilità e un’arte fuori dal comune. Roberto Innocenti è anche sotto questo profilo un grande artista – ha commentato Letizia Perini, consigliera della Città Metropolitana di Firenze delegata alla Cultura -. Il suo artigianato illustrativo ci ha consegnato una sintesi rara tra raffinatezza e poesia, anche quando la favola richiede sorriso e ironia. I suoi Pinocchio e Cenerentola esprimono molto bene questa interpretazione della favola che, nella sua particolarità, evidenziata in modo ordinato dalla cura di ogni dettaglio, è anche una forma di rispetto del lettore, non solo del bambino, primo destinatario, ma del bambino e dell’adolescente che rimane nell’adulto bisognoso di quello sguardo incantato, partecipe, curioso e commosso che legge il testo e ammira le sue illustrazioni”.

“Le opere di Roberto Innocenti sono grande letteratura, e sono per tutti, piccoli e grandi lettori – spiega la curatrice della mostra Paola Vassalli -. Riconosciuto nel mondo fra i massimi autori contemporanei, Innocenti anche grazie a questa mostra, per la quale rendiamo omaggio alla città di Firenze, non è più straniero nella sua terra; oggi può sentirsi finalmente a casa. Resta un piccolo grande passo da fare, un passo di civiltà oltre che di saggezza: trovare una degna casa alla sua opera. É questa la sfida per la sua città; questo è l’impegno che chiediamo al suo e al nostro Paese”.

"Le tavole di Roberto Innocenti sono opere d'arte – commenta Valentina Zucchi, curatrice del Museo di Palazzo Medici Riccardi e co-curatrice della mostra - Indagano lo spazio e il tempo restituendoci scorci sul mondo - vero o immaginario che sia - e invitandoci a leggere. Sì, le sue immagini sono un invito alla lettura visiva, a quell'esercizio cognitivo ed estetico cui siamo, paradossalmente, sempre meno abituati: esplorando i suoi luoghi, osservando i suoi personaggi, respirando le atmosfere che egli sa così poeticamente rendere cogliamo senza bisogno di parole le verità della storia, le profondità della realtà, le vertigini dell'immaginazione. Roberto Innocenti ci insegna a guardare e lo insegna a ciascuno di noi, perché le sue sono opere per tutti, nate per moltiplicarsi all'infinito fra le pagine dei suoi libri, pronte a essere replicate senza sosta e a destinate alle mani da chiunque; una moltiplicazione che anziché dividere espande il loro potere ben oltre i luoghi del sapere, i muri delle case, le frontiere dei paesi. Questa mostra è un'importante occasione culturale per ammirare dal vivo i prototipi dei suoi capolavori e per vivere tutta la magia delle sue illustrazioni".

Profondamente segnato dalla Seconda guerra mondiale nella sua infanzia, l’inclinazione al disegno di Innocenti trova le prime espressioni nei settori della grafica e dell’animazione, per poi conoscere un crescente successo nell’illustrazione, portandolo a diventare una delle figure di spicco del panorama internazionale: nel corso degli anni egli riceve i massimi riconoscimenti e nel 2008 viene insignito, unico illustratore italiano, dell’Hans Christian Andersen Award, il premio Nobel della letteratura per ragazzi. Nell’autunno del 2020 gli viene assegnato il premio Maestro d’Arte e Mestiere (Mam) nella categoria “illustrazione e fumetto”, prestigioso riconoscimento alle eccellenze tra i Maestri d’Arte italiani e omaggio alle “mani intelligenti” del bel paese.

Dopo alcuni libri d’esordio le prime celebri creazioni di Roberto Innocenti si hanno all’inizio degli anni Ottanta (Cenerentola è del 1983 e Rosa Bianca del 1985) e negli anni successivi l’autore sviluppa con la sua eccellente cifra stilistica una serie di libri che lo porteranno alla notorietà in tutto il mondo: mentre Rosa Bianca viene tradotto in oltre venti lingue, tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo prendono vita con The Creative Company i capolavori di Le avventure di Pinocchio, Canto di Natale, Schiaccianoci, L’ultima spiaggia, La storia di Erika, la Casa nel tempo.

Che si tratti della reinterpretazione dei classici della letteratura o del racconto della storia del Novecento, Innocenti offre allo sguardo l’incanto cristallino della verità, che trova la sua prima conferma nello spazio sapientemente costruito, presentato secondo un approccio rigoroso, di sapore archeologico. Eppure la sua narrazione visiva, costellata di artifici percettivi, colte metafore, ironiche citazioni, gioca con la ragione sublimandola in poesia: interrogando gli effetti del tempo, indagando ciò che c’è dietro le superfici e oltre i limiti, Innocenti condivide con noi l’aporia di una rappresentazione che guarda alle profondità irrisolte del nostro vivere.

Nel catalogo, edito da Sillabe, saranno presentati i saggi delle curatrici per una lettura contemporanea dell’opera dell’artista fiorentino insieme al testo di Martino Negri, studioso dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e a una conversazione con le curatrici.


Roberto Innocenti
Roberto Innocenti (Bagno a Ripoli, 1940) è il solo illustratore italiano insignito dell’Hans Christian Andersen Award (2008), il Nobel della letteratura per ragazzi, secondo nella storia dopo Gianni Rodari (1970). Fra i massimi riconoscimenti internazionali, riceve la Golden Apple della Biennale Illustratori di Bratislava per Rose Blanche (1985) e per A Christmas Carol (1991). Del 1985 è anche il premio Gustav Heinemann per la Pace. Fra i massimi illustratori contemporanei, ha ricevuto il Certificate of Eccellence del New York Times. Autodidatta, viene pubblicato nei primi anni Ottanta su “Graphis Annual”. Il successo di Innocenti arriva prima di tutto grazie alla sua infinita pazienza e perseveranza. Oggi il suo talento è riconosciuto in tutto il mondo, ma la strada è stata complessa; il rifiuto e il silenzio sono stati suoi frequenti compagni. Nel frattempo, tuttavia, gli amici, i collaboratori e i colleghi lo hanno aiutato a costruire la sua strada verso il successo nel mondo dell'editoria per l'infanzia. John Alcorn, Rita Marshall e in ultimo The Creative Company sono solo alcuni dei nomi che hanno contribuito ad aprirgli le porte della fama internazionale. Riconoscimento che l'uomo e il suo talento hanno ampiamente meritato. A pubblicarlo per primo in Italia è ancora una volta un piccolo editore, Alfredo Stoppa, per la casa editrice C’era una volta di Pordenone. Oggi in Italia i suoi libri sono nel catalogo de La Margherita edizioni.

INFORMAZIONI

Palazzo Medici Riccardi
Tel. +39 055-276 0552/ info@palazzomediciriccardi.it
Via Cavour 3, 50121 – Firenze
www.palazzomediciriccardi.it

Orario apertura
Dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 19. Chiusura settimanale: mercoledì

Su https://www.flickr.com/photos/serino_antonello/albums/72177720314941085/ l'album fotografico di Antonello Serino (Met Ufficio Stampa)

Su https://youtu.be/-hy96pzonO0?si=w9TFN2JRzz7jhI2c video di Florence Tv utilizzabile da canali sociali e media



21/02/2024 13.44 Città Metropolitana di Firenze
Città Metropolitana di Firenze Fipili. Chiusura della carreggiata tra gli svincoli di Lastra a Signa e Ginestra in direzione Mare
Intervento in orario notturno dal 26 al 29 febbraio A causa di urgenti lavori di ripristino della pavimentazione stradale e rifacimento della segnaletica orizzontale, è disposta la chiusura della carreggiata tra gli svincoli di Lastra a Signa e Ginestra Fiorentina in direzione Mare, con le seguenti tempistiche:
dalle ore 22 del 26/02/2024 alle ore 6 del 27/02/2024;
dalle ore 22.00 del 27/02/2024 alle ore 06.00 del 28/02/2024;
dalle ore 22.00 del 28/02/2024 alle ore 06.00 del 29/02/2024
Per l'utenza veicolare sarà predisposta opportuna segnaletica di preavviso e di percorso alternativo.
23/02/2024 13.21 Città Metropolitana di Firenze
Comune di Montemurlo Maltempo, frana sulla S.R 325 tra Sasseta e Montepiano, la strada rimane chiusa
La decisione è stata presa a seguito delle valutazioni dei vigili del fuoco. Il materiale deve ancora essere completamente rimosso dalla carreggiata. Mercoledì 28 febbraio sarà effettuata una nuova valutazione dell'entità del movimento franoso La s.r 325 nel tratto tra la località La Pusignara e la Casa Cantoniera nel Comune di Vernio (tra Sasseta e Montepiano), interessata oggi da un grosso movimento franoso, rimane chiusa almeno fino a domani, mercoledì 28 febbraio. La decisione è stata presa a seguito delle valutazioni dei tecnici della Provincia e dei vigili del fuoco. Domani mattina, 28 febbraio, sarà effettuato un nuovo sopralluogo per valutare l'entità del movimento franoso e saranno individuate le misure necessarie per mettere in sicurezza la circolazione stradale. Inoltre, deve essere ancora completata la rimozione del materiale franoso dalla carreggiata.

Desta particolare preoccupazione il rischio di crollo dei grossi massi presenti sul fronte franoso a monte della carreggiata. La Provincia ha già predisposto tutta la cartellonistica necessaria per avvisare dell'interruzione stradale e delle deviazioni previste per raggiungere la frazione di Montepiano da e per Vernio.

«Stiamo monitorando con la massima attenzione la situazione- dice il presidente della Provincia Simone Calamai- L'obbiettivo è quello di riaprire la circolazione da e per Montepiano quanto prima, ma la priorità ora è il ripristino delle condizioni di sicurezza della strada che stiamo valutando con attenzione insieme ai vigili del fuoco. Siamo in stretto contatto con il Comune di Vernio per fornire assistenza e indicazioni a tutti i cittadini che abitano in zona» .
28/02/2024 9.10 Comune di Montemurlo
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli. Sport, il sindaco Casini incontra le ragazze dell’EuroRipoli Under 16, campionesse provinciali di volley
Consegnata alla squadra una targa a nome della comunità. Le congratulazioni dell’amministrazione Il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini ha incontrato ieri pomeriggio le ragazze dell’EuroRipoli volley Under 16, che la scorsa settimana hanno conquistato il titolo territoriale Fipav Firenze, che torna così a Bagno a Ripoli dopo nove anni.
Il sindaco, durante gli allenamenti nella palestra del Volta a Bagno a Ripoli, ha consegnato alle ragazze una targa per complimentarsi a nome di tutta l’amministrazione e ha espresso le proprie congratulazioni alla squadra, agli allenatori e a tutta la società sportiva.

“Grandissime Campionesse – ha scritto il sindaco Casini sui propri canali social -, siamo orgogliosi del vostro talento! E bravissimi i coach Ernesto Lovelli e Sara Tuccio e il presidente Riccardo Mazzanti che hanno saputo creare una squadra fortissima e unita fuori e dentro il rettangolo di gioco!”.
27/02/2024 14.33 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli

Comune di Campi Bisenzio - Ufficio Stampa Marzo al Museo archeologico di Gonfienti
" laboratori e incontri" Campi Bisenzio - Il Museo archeologico di Gonfienti ha organizzato diversi appuntamenti nel mese di marzo per grandi e piccoli.

Dal 9 al 20 marzo
Inventario. Quel due
Mostra fotografica con le opere di Marco Lanza e Marina Arienzale.
La mostra è allestita con fotografie sull'alluvione del 2 novembre 2023 e sarà possibile visitarla dal 9 al 20 marzo in orario di apertura del museo.

Domenica 10 marzo ore 16
Laboratorio per la festa della donna per bambini 8/12 anni, dal titolo "Gli Etruschi allo specchio" .
Il costo del laboratorio è di € 5 con primo accompagnatore gratuito, è’ necessaria la prenotazione.

Sabato 16 marzo ore 16
Laboratorio per la festa del papà per bambini 8/12 anni, dal titolo "Alla scoperta dell'alfabeto etrusco"
Il costo del laboratorio è di € 5 con primo accompagnatore gratuito, è necessaria la prenotazione.

Domenica 17 marzo ore 16
"La domenica con l'archeologa"
Visita guidata con l'archeologa: ritualità e credenze nella città di Gonfienti.
La visita ha un costo di € 5 oltre il biglietto.

Sabato 23 marzo ore 17
Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.
Il Museo organizza presso il foyer del TeatroDante Carlo Monni la presentazione del libro con l'autore "57 giorni/ti porto con me alla casa di Paolo" di Roberta Gaetani, nipote di Paolo Borsellino.

Per informazioni e prenotazioni scrivere a info@museogonfienti.it o telefonare allo 055-8959701 nei seguenti orari:

• Mercoledì 9.00 - 13.00
• Giovedì 9.00 - 13.00 e 15.00 -18.00
• Venerdì 9.00 - 13.00
• Sabato 15.00 -18.00
• Domenica 10.00 - 13.00 e 15.00 - 18.00

27/02/2024 14.34 Comune di Campi Bisenzio - Ufficio Stampa
Comune di Lastra a Signa Restauro dell’Antico Spedale di Sant’Antonio, iniziate le verifiche strutturali e la pulizia e sanificazione dell’edificio
Ad aprile la partenza dei lavori In vista della partenza dei lavori prevista per il mese di aprile sono iniziati gli interventi propedeutici per l’allestimento del cantiere del restauro dell’Antico Spedale di Sant’Antonio.

L’edificio sarà completamente restaurato e riqualificato grazie al progetto ideato dall’amministrazione comunale che consentirà di restituire questo bene di interesse culturale completamente fruibile per la collettività, come spazio polifunzionale da destinare principalmente ad attività di studio e alta formazione, nonché ad attività di marketing e promozione turistica del Comune: quindi locali per co-working, convegni, esposizioni permanenti e attività museali, divulgazione culturale e di innovazione come piccole fiere ed eventi.

Il cantiere prevedrà una serie di ponteggi che andranno ad “abbracciare” e rivestire completamente l’edificio che in queste settimane è stato sanificato e ripulito. Sono state effettuate verifiche sulla staticità dell’immobile con l’obiettivo di testare la sicurezza anche dal punto di vista sismico, utilizzando un macchinario innovativo che ha eseguito una sorta di radiografia dell’edificio. Sopralluoghi all’interno della struttura sono stati effettuati dalla ditta che si è aggiudicata l’appalto dei lavori, la Cobar Spa, e dai restauratori degli affreschi che avranno il compito di riportare alla luce le testimonianze artistiche e pittoriche presenti nelle sale, soprattutto del primo piano. Qui sono stati rilevati diversi affreschi e disegni murari risalenti a varie epoche storiche, dal Quattrocento fino all’Ottocento. L’idea è quella di restaurarli e conservarli all’interno delle stanze. Tutti gli interventi sono eseguiti seguendo le indicazioni e sotto la direzione della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze e le province di Pistoia e Prato.

Ricordiamo che per poter riqualificare completamente un edificio così importante dal punto di vista storico e culturale, il Comune di Lastra a Signa ha investito 6.601.000 euro di cui 3.881.000 euro finanziati dall’Unione Europea attraverso risorse del Pnrr, Piano nazionale di ripresa e resilienza (Next Generation Eu- missione 5 componente 2 investimento/subinvestimento 2.2 “Piani urbani integrati”), il resto finanziato dalle casse comunali.

Inoltre nell’ottobre 2022 il Comune di Lastra a Signa ha completato la procedura di attribuzione e trasferimento a titolo gratuito dell’immobile da parte del Demanio Pubblico dello Stato attraverso la legge sul Federalismo culturale, grazie al progetto di valorizzazione presentato dall'amministrazione comunale e approvato dal Ministero della cultura e dall’Agenzia del Demanio con l’obiettivo appunto di recupero totale del complesso per la fruizione di tutti i locali e con destinazioni d’uso congrue con le esigenze della comunità, limitando gli interventi invasivi in modo da conservare gli elementi architettonici e le strutture originali.

“Sono iniziate le indagini preliminari per l’apertura del cantiere – ha spiegato il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Emanuele Caporaso - attraverso le analisi strutturali dell’edificio impiegando anche tecnologie all’avanguardia: i risultati serviranno a definire nel dettaglio gli interventi da effettuare sulla staticità del complesso architettonico. Ricordiamo che l'intervento di recupero, valorizzazione e riqualificazione dell’Antico Spedale di Sant’Antonio rientra in un più ampio progetto di rigenerazione del centro storico che l’amministrazione comunale sta portando avanti ormai da qualche anno e che include anche il recupero e il restauro dell’antica cinta muraria con l'obiettivo di far vivere ancora di più il nostro centro cittadino”.

Cenni storici

L’Antico Spedale di Sant’Antonio, nel centro storico di Lastra a Signa, è un edificio risalente al 1.400 che deve la sua realizzazione ai Consoli dell’Arte della Seta di Firenze con funzione di accoglienza di pellegrini e viandanti che percorrevano la via Pisana. Lastra a Signa all’epoca faceva parte di un sistema di fortificazioni necessarie per la Repubblica Fiorentina ed era il porto fluviale di Firenze essendo l’Arno navigabile fino in quel punto. La città era sede di un notevole commercio di transito e di un fiorente mercato e si poneva quindi come punto di passaggio obbligato per la circolazione di merci e persone. Il complesso si presentava con un loggiato a sette arcate su cui si affacciavano i portali di ingresso che danno accesso ai saloni del piano terreno. Questo loggiato ricorda quello fiorentino dell’Istituto degli Innocenti e per questo motivo si ipotizza che alla sua realizzazione abbia contribuito Filippo Brunelleschi. Negli anni la struttura è stata sede per il ricovero dei pellegrini, orfanotrofio, chiesa e teatro.
27/02/2024 14.50 Comune di Lastra a Signa
Comune di Scandicci Scandicci. Il Libro della Vita, X edizione, domenica 3.3 (ore 11, Auditorium Centro Rogers) Diego De Silva parla de “Il giovane Holden” di Salinger
La rassegna presenta ospiti del mondo della cultura e dello spettacolo che parlano del libro che ha cambiato le loro vite; dieci appuntamenti fino al prossimo 28.4 Domenica 3 marzo 2024 alle 11 nell’Auditorium del Centro Rogers in piazza Resistenza a Scandicci (fermata tramvia Resistenza), lo scrittore Diego De Silva parla de “Il giovane Holden” di Salinger, per il quinto appuntamento della rassegna Il Libro della Vita, giunta quest’anno alla decima edizione.

Diego De Silva è nato a Napoli nel 1964. Fra i suoi libri, tutti editi da Einaudi: Certi bambini (premio Selezione Campiello), da cui è stato tratto il film omonimo, vincitore dell’European Discovery Award, del Karlovy Vary Film Festival e di due David di Donatello), Mancarsi, Terapia di coppia per amanti (da cui il film omonimo) e cinque romanzi dedicati all’avvocato d’insuccesso Vincenzo Malinconico, fra cui ricordiamo il primo, Non avevo capito niente (finalista Premio Strega e Premio Napoli), e l’ultimo, Sono felice, dove ho sbagliato? che hanno ispirato l’omonima serie tv prodotta da Rai Uno, di cui è attualmente in lavorazione la seconda serie. I suoi romanzi sono tradotti in varie lingue.

Il giovane Holden - Due giorni di vita di un adolescente, cacciato dalla scuola, i turbamenti di un ragazzino che si sente impreparato alla vita adulta a cui si sta affacciando, la solitudine e la fragile dolcezza di chi pensa che il mondo sia per lui un altrove. Tutto qui. Eppure… Eppure Il giovane Holden è un libro in qualche modo leggendario, scritto da un autore auto rifugiatosi in un altrove appunto e che, se forse non parla più di tutti noi, parla a tutti noi di quel misto di rabbia, malinconia e spaesamento così presente nelle nostre vite durante l’adolescenza.

J. D. Salinger - Romanziere statunitense (1919 – 2010). Senza aver completato gli studi universitari, si arruolò nell’esercito e combatté in Europa durante la seconda guerra mondiale. Ai primi racconti apparsi su riviste, tra cui il Saturday post evening, seguì la pubblicazione del suo unico romanzo,The catcher in the rye (Il giovane Holden). Riuscendo a piegare efficacemente il linguaggio giovanile degli anni Cinquanta a un uso letterario diede vita a una vicenda in cui modello picaresco e romanzo d’iniziazione si fondono in un umoristico quadro di psicopatologie del quotidiano, sullo sfondo di una New York indifferente e stralunata. All’enorme successo di questo classico della narrativa seguirono alcune raccolte di racconti incentrate sulle vicende di personaggi ricorrenti che interruppero sporadicamente il silenzio di cui l’autore si era gelosamente circondato. Per oltre cinquant’anni, J.D. Salinger è stato oggetto di un flusso inarrestabile di indagini, ricerche e pettegolezzi. Su di lui sono stati scritti ogni sorta di articoli, illazioni e biografie, una di queste talmente controversa da finire in tribunale. Tuttavia, tutti i tentativi di saperne di più sullo scrittore newyorchese preoccupato in maniera maniacale della difesa della sua privacy, sono stati ostacolati dal muro che Salinger aveva alzato intorno a sé. Il “padre” di Holden Caulfield, l’autore di uno dei libri più amati, letti e diffusi del ‘900 è così rimasto in gran parte un enigma, sia per il pubblico che per i media.

La rassegna, nella quale ospiti del mondo della cultura e dello spettacolo parlano del libro che ha cambiato le loro vite, è giunta quest’anno alla X edizione, dedicata alla memoria di Sergio Staino.

Questa la lista degli ospiti della X edizione: Davide Cerullo, scrittore, fotografo, educatore ex spacciatore affiliato alla camorra, rinato attraverso la letteratura e la poesia; Agnese Pini, gli storici Isabella Insolvibile e Claudio Vercelli, gli scrittori Marcello Fois e Diego de Silva, Susanna Camusso, Federico Maria Sardelli, la Pm scrittrice Christine Von Borries e la giornalista Annalisa Cuzzocrea.

La rassegna, che si tiene come di consueto nell’Auditorium del Centro Rogers di Scandicci, si afferma come un importante appuntamento culturale metropolitano incentrato sulla lettura e viene realizzata dal Comune di Scandicci con il contributo di Regione Toscana ed il patrocinio di Città Metropolitana e in partnership con UniCoop Firenze. La rassegna è condotta da Raffaele Palumbo.

Con il riconoscimento di "Città che legge" assegnato dal Centro per il libro e la lettura, il Comune di Scandicci dimostra il suo costante impegno nella promozione della lettura come valore condiviso.
Tutti gli eventi sono trasmessi in diretta video sui canali social del Comune di Scandicci.

A cura dell'ufficio stampa del Libro della Vita
28/02/2024 9.26 Comune di Scandicci
Città Metropolitana di Firenze I bisogni emergenti nella popolazione dell'area fiorentina: presentazione indagine demoscopica
Giovedì 14 marzo alle 15.30 presso la Sala Musica della Fondazione Franco Zeffirelli (piazza San Firenze 5). Presente il consigliere metropolitano Nicola Armentano Giovedì 14 marzo alle 15.30 presso la Sala Musica della Fondazione Franco Zeffirelli (piazza San Firenze 5) è in programma l'iniziativa della Delegazione Cesvot di Firenze "I bisogni emergenti nella popolazione dell'area fiorentina". L'iniziativa ha il patrocinio di Comune di Firenze e Città Metropolitana di Firenze ed è in collaborazione con la Fondazione Franco Zeffirelli.

In occasione dell'iniziativa saranno presentati i risultati tratti dall’indagine demoscopica “Disponibilità al dono in Toscana e nuovi bisogni sociali a Firenze” dal Rapporto annuale di Sociometrica per Cesvot.

PROGRAMMA

Saluti
Sara Funaro, assessora educazione, welfare e immigrazione, Comune di Firenze

Introduzione ai lavori
Marco Esposito, presidente Delegazione Cesvot Firenze

Presentazione e lettura dei principali risultati dell’indagine
Antonio Preiti, direttore Sociometrica e autore del report Il punto di vista
Marco Nerattini, direttore Società della Salute di Firenze

Interventi e domande dal pubblico

Conclusioni
Nicola Armentano, consigliere Metropolitano con delega Promozione sociale e sport


Al termine dell'incontro sarà offerto un aperitivo.
Nell’occasione sarà disponibile una stampa del Rapporto


È richiesta conferma di partecipazione all'indirizzo area.centro@cesvot.it

27/02/2024 11.50 Città Metropolitana di Firenze, Cesvot
Comune di Bagno a Ripoli Bagno a Ripoli. Trasporto scolastico, pre e post scuola: via alle iscrizioni
Domande dal 1° marzo solo online sul sito del Comune Trasporto scolastico, pre-scuola primaria e post-scuola infanzia: si aprono le iscrizioni per accedere ai servizi scolastici al via da settembre 2024 per il prossimo anno scolastico. Le domande potranno essere presentate dal 1° marzo al 5 luglio esclusivamente online, con credenziali Spid, Cns e Cie: www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it.

Il servizio di trasporto scolastico è rivolto agli alunni della scuola d’infanzia, primaria e secondaria di 1° grado del territorio di Bagno a Ripoli per il tragitto di andata e di ritorno da casa alla scuola di frequenza. Per le scuole dell'infanzia e della primaria (tranne andata) garantito servizio di accompagnamento durante il trasporto. Confermato inoltre il servizio di pre-scuola gratuito per chi usufruisce dello scuolabus e arriva a scuola prima dell’orario di ingresso (tariffa A/R o solo andata o ritorno in base alle fasce Isee).

Il servizio di pre-scuola a pagamento per la scuola primaria, che prevede l’ingresso nelle due fasce 7.30 oppure 8.00 con durata fino alle 8.30, sarà attivato dove venga raggiunto il numero minimo di 10 bambini per plesso (tariffa mensile: unica forfettaria 25 euro con esonero fino ad 6mila euro di Isee.)

Il servizio di post-scuola a pagamento è destinato gli alunni di tutti i plessi della scuola dell’infanzia dove venga raggiunto il numero minimo di 10 bambini per plesso. Un servizio che consente alle famiglie, i cui orari di lavoro e le cui particolari esigenze risultino poco compatibili con l’orario dell’attività scolastica, di affidare per brevi periodi temporali i loro bambini ad un servizio di accoglienza e custodia e intrattenimento, affidato alla cooperativa Re Manfredi e ospitato all’interno della scuola, collaborazione con le amministrazioni scolastiche (tariffa mensile: unica forfettaria 35 euro con esonero fino ad 6mila euro di Isee, orari uscita nelle fasce 16.30 o 17.00).

Per accedere alle iscrizioni: https://bagnoaripoli.simeal.it/sicare/benvenuto.php. L'accesso è possibile solo con credenziali Spid, Cns, Cie.
Per chiarimenti telefonare al numero 055/6390363 o inviando una mail all’indirizzo emanuela.morandi@comune.bagno-a-ripoli.fi.it
27/02/2024 14.35 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli

Comune di Figline e Incisa Valdarno Educazione civica: il “parlamentino” di Incisa incontra l’Amministrazione comunale
Ieri la sindaca Mugnai e gli assessori Picchioni e Farini hanno incontrato i ragazzi di scuole medie ed elementari. Tante le domande e le proposte, già accoglibili “Il confronto è alla base della democrazia. Sentitevi sempre liberi di dire la vostra, portare avanti le vostre idee, confrontarvi con quelle degli altri, farvi convincere oppure andar via rimanendo della vostra, ma rispettando sempre anche chi la pensa diversamente”. È con queste parole che la sindaca Giulia Mugnai, accompagnata dagli assessori Francesca Farini (Istruzione) e Dario Picchioni (Cultura), ieri ha aperto una delle sedute del “parlamentino” delle scuole di Incisa, istituito dal prof. Marco Giudice e di cui fanno parte gli studenti della secondaria di primo grado Petrarca e delle elementari Petrarca e La Massa.

Si tratta di incontri periodici basati, quest’anno, sul tema dei diritti e dei doveri: proprio per questo motivo, oltre agli amministratori comunali hanno preso parte all’incontro anche due rappresentanti di altrettante realtà associative (Sabrina Gambassi e Silvia Capanni, volontarie Pro loco Aldo Caselli e Circolo Arci Incisa), in qualità di portavoce del tessuto associativo di Incisa.

Se Gambassi e Capanni si sono, infatti, concentrate sul tema del volontariato al servizio della propria città, portando la loro testimonianza diretta e spiegando ai ragazzi che si può mettere il proprio tempo a disposizione degli altri in vari modi, fin da piccini, cercando di orientare i più grandi anche sull’organizzazione di iniziative a misura di tutte le età, i rappresentanti della Giunta si sono soffermati sulle possibilità e le competenze del Comune, spiegando il funzionamento della macchina amministrativa e, soprattutto, rispondendo alle tantissime domande che i ragazzi hanno voluto porre: dalla gestione del verde pubblico al commercio locale, dagli impianti sportivi alla sicurezza. Due, invece, le proposte, accolte sia dalle rappresentanti associative che dall’Amministrazione comunale: mettere a disposizione degli alunni (e, in particolare, del laboratorio extrascolastico di teatro) uno spazio gratuito per la messa in scena, gratuitamente, di uno spettacolo in fase di preparazione; mettere a disposizione delle classi la sala polivalente della biblioteca di Incisa, inaugurata a luglio e dotata di attrezzature multimediali.

“Per quanto riguarda il primo punto – commenta l’assessore Picchioni -, la risposta a questa esigenza può essere un’iniziativa già esistente, da anni, sul nostro territorio: la partecipazione al bando ‘Alchimie’, che è promosso dal Comune, che premia le produzioni teatrali giovanili under 30 e che offre l’opportunità di esibirsi sul palco del teatro Garibaldi. Inoltre, la Pro loco Aldo Caselli è disponibile a mettere a disposizione dei ragazzi il palcoscenico utilizzato per gli eventi primaverili, estivi e non solo, per le loro prove oppure per un’esibizione da inserire nel cartellone periodico delle iniziative incisane”.

“Per quanto riguarda la seconda proposta – conclude l’assessora Farini – siamo felici di vedere così tanto interessamento per i luoghi della Cultura del nostro comune. A questo proposito, infatti, proprio nei giorni scorsi, ho proposto al dirigente scolastico di Incisa di abbracciare il progetto ‘Scuola diffusa’, già sperimentato durante questo anno scolastico per la ‘Leonardo Da Vinci’ di Figline, che consiste nell’offrire alle scuole la possibilità di realizzare attività laboratoriali all’interno delle biblioteche, del teatro e di altre realtà del territorio. Inoltre, visto l’ampio interesse e le tantissime domande ricevute, abbiamo proposto al parlamentino di ritrovarci nuovamente a breve per confrontarci su ciò che è migliorabile ma anche su ciò che amano già di Incisa”.
28/02/2024 9.00 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Ente Nazionale Giovanni Boccaccio “In viaggio con Frate Cipolla” Spettacolo liberamente ispirato alla novella di Boccaccio
1 e 3 marzo alle 21.30 in Casa Boccaccio a Certaldo Alta
Certaldo 27.02.24. Prosegue la collaborazione tra Ente Boccaccio e Associazione Polis per promuovere non solo le letture ad alta voce delle novelle del Decameron ma anche le rappresentazioni teatrali.

La collaborazione risale agli anni 90 e ha visto la firma di una convenzione da parte dell’Ente Boccaccio e dell’Associazione Polis al fine di divulgare con un linguaggio artistico la figura e le opere di Boccaccio grazie a L’Oranona Teatro.

Proprio in questa ottica viene riproposta la rappresentazione teatrale “In viaggio con Frate Cipolla” in programma venerdì 1 e domenica 3 marzo alle 21.30, in Casa Boccaccio a Certaldo Alta (FI).

L’Oranona Teatro riporta in scena uno spettacolo liberamente ispirato alla novella 10 della sesta giornata del Decameron, già rappresentato in varie repliche, fin dal 1996.

La novella di Boccaccio, l’unica del Decameron ambientata a Certaldo, ha come protagonista Frate Cipolla, noto per la sua astuzia e le sue capacità oratorie, con le quali riesce a convincere la gente del paese di possedere molte sacre reliquie, come la piuma dell’Arcangelo Gabriele. La storia mette al centro con ironia la credulità e la manipolazione religiosa, mostrando Frate Cipolla come un abile truffatore che sfrutta la devozione del popolo.

Nello spettacolo il frate si trasforma in un potente simbolo della società contemporanea, incarnando le tattiche di persuasione presenti nella realtà odierna. La storia diventa così una riflessione acuta su come la società abbia sviluppato nuove dinamiche, di cui Frate Cipolla è presentato come attento osservatore.

Il testo è di Carlo Romiti e Silvia Cappelletti, la regia di Martina Dani Recchi e Carlo Romiti.
Interpreti Rachael Balzano, Filippo Di Biasi, Alessandro Garofalo, Alessia Giusti, Ilaria Landi, Marco Lazzerini, Simona Lazzerini, Chiara Montanelli, Giovanni Pruneti, Benedetta Saccoccio, Lucia Succi; al violino Eva Conforti, arrangiamento musicale del maestro Damiano Santini.

L’Oranona Teatro ha residenza a Certaldo, all’interno dell’Associazione Polis, le attività sono sostenute dal contributo dell'Ente Nazionale Giovanni Boccaccio e in collaborazione con il Comune di Certaldo.

L’ingresso è libero con prenotazione a info@laboratoripolis.it oppure al numero 0571 663580.

27/02/2024 15.27 Ente Nazionale Giovanni Boccaccio
Comune di Calenzano Calenzano. Contributo affitti, sono 97 i beneficiari. A breve l’erogazione
A disposizione 127mila euro, di cui 119mila di risorse proprie del Comune Contributo affitti, saranno 97 i nuclei familiari calenzanesi beneficiari: a breve l’Ente procederà all’erogazione. In totale la somma a disposizione è di 127mila euro, così composta: 94mila euro da bilancio comunale a cui si sono aggiunti 25mila euro sempre stanziati dal Comune come Fondo di solidarietà, oltre a 8mila euro da fondi regionali.

Le domande ammesse erano 110, 13 sono state escluse perché i soggetti non hanno concluso la consegna delle ricevute di affitto o non sono arrivati, in base ai calcoli, al diritto di contributo minimo fissato dalla Regione in 200 euro. Il numero delle domande è in linea con quello del 2022, quando erano state 107.

Quest’anno la percentuale di erogazione, rispetto alla percentuale minima prevista dal bando, è stata innalzata al 61% per la fascia A (Ise uguale o inferiore a 14.877,20 euro) e al 24,3% per la fascia B (Ise fino a 32.048,52 euro).

“Nonostante dal Governo centrale non sia arrivato nessun sostegno per il fondo affitti – dichiara l’assessore alle Politiche sociali Stefano Pelagatti – le risorse sono superiori di 10mila euro rispetto al bando del 2022. L’Amministrazione comunale si è impegnata infatti per mantenere e anzi incrementare questa misura di sostegno alle famiglie, che sappiamo essere davvero utile e molto attesa. L’altra somma del Fondo, 25mila euro, è stata destinata all’implementazione del servizio di educativa scolastica erogato ad alunni con difficoltà scolastiche certificate”.
27/02/2024 14.58 Comune di Calenzano
Comune di Montelupo Fiorentino Il 1 marzo la conferenza con Marco Milanese dal titolo “Dal Pozzo dei Lavatoi alla Sardegna e alla Corsica. Montelupo per terra e per mare tra Cinquecento e Seicento”
A 50 anni dalla scoperta del Pozzo dei Lavatoi, un ciclo di conferenze che ripercorre l’importanza della scoperta per la produzione ceramica montelupina. Il prossimo appuntamento sarà il 1° marzo: il professor Marco Milanese terrà una conferenza dal titolo “Dal Pozzo dei Lavatoi alla Sardegna e alla Corsica. Montelupo per terra e per mare tra Cinquecento e Seicento”. L’appuntamento è per le ore 17.00 presso la sede del MMAB in piazza Vittorio Veneto 11. L’ingresso è libero e gratuito.

Si tratta della terza delle conferenze organizzata nell’ambito del cinquantesimo anniversario della scoperta del Pozzo dei Lavatoi.
L’antico pozzo antico come discarica dalle fornaci medievali e rinascimentali attive nell’area del nucleo storico della città, in prossimità del Castello che si è rivelato fonte eccezionale di reperti, e il cui studio, durato più di 30 anni, ha riportato alla luce una storia che era rimasta letteralmente sepolta per secoli e ora è raccontata nelle sale del Museo della Ceramica.

Tutto il progetto è seguito da un comitato scientifico espressione dell’amministrazione comunale, della Fondazione Museo Montelupo, del Centro Ceramico Sperimentale, del Gruppo Archeologico di Montelupo, oltre ad alcuni esperti esterni.

Info su www.museomontelupo.it

28/02/2024 10.06 Comune di Montelupo Fiorentino
Comune di Scandicci Mercoledì 28 febbraio 103esimo anniversario delle Barricate di Scandicci, le celebrazioni con gli studenti
Al mattino una corona alla lapide sul Ponte 28 febbraio 1921, con il Sindaco Fallani, la Presidente del Consiglio Lazzeri, le scuole, e il Comitato della Memoria Celebrazione del 103esimo anniversario delle Barricate di Scandicci nella mattina di mercoledì 28 febbraio 2024 con la deposizione di una corona d’alloro presso la lapide del Ponte 28 febbraio 1921, alla presenza del Sindaco Sandro Fallani, della Presidente del Consiglio Comunale Loretta Lazzeri, delle scuole dei tre istituti comprensivi scolastici cittadini, delle associazioni del Comitato permanente della Memoria.

L’Anniversario delle Barricate è celebrato a Scandicci il 28 febbraio di ogni anno; nella stessa data del 1921, infatti, presso il ponte sulla Greve i cittadini eressero le Barricate, contro l’imminente attacco delle squadre fasciste che avevano assassinato il sindacalista Spartaco Lavagnini.

“Le Barricate furono un moto civile, un moto di unione trasversale di tutti i ceti e di tutte le culture popolari presenti nella Casellina e Torri del 1921 – ha detto il Sindaco Sandro Fallani – per opporsi fisicamente alla barbarie e alle violenze, per resistere a chi voleva reimporre un’organizzazione della vita civile, associativa e sociale non più democratica. Era appena sorta la possibilità per milioni di persone e per tanti scandiccesi di poter iniziare a contare qualcosa e il 1921 segnò purtroppo l’inizio della vittoria della reazione. Ma su quelle basi nel 1943, e successivamente con le prime elezioni libere del dopoguerra, si è rifondata Scandicci, a partire da quella fiammella che non si è mai spenta neanche nel buio ventennio fascista. E’ grazie alle Barricate del 1921 se ancora noi ci ritroviamo in quei valori, nelle idee di quelle persone che sono diventate coscienza civile di un popolo intero”.

27/02/2024 13.04 Comune di Scandicci
Comune di Impruneta - Ufficio Stampa Eventi imperdibili alla Biblioteca di Impruneta: scopri il programma di marzo
Un'occasione per immergersi nel mondo della lettura: mostre, laboratori, incontri con autori e letture animate sono solo alcuni degli appuntamenti in programma. Il 16 marzo inaugurazione della mostra dedicata a Maria Maltoni. La Biblioteca Comunale di Impruneta invita tutti gli appassionati di cultura a immergersi in un ricco programma di eventi per il mese di marzo 2024. Mostre, laboratori, incontri con autori e letture animate sono solo alcuni degli appuntamenti in programma, che spaziano dall'archeologia alla letteratura, con l'obiettivo di coinvolgere un pubblico di tutte le età.

Si inizia sabato 2 marzo alle ore 16:30 con la conferenza di Paolo Codazzi sull'Etruscologia, dal titolo "Il lago degli Idoli" e "Liber linteus ovvero la Mummia di Zagabria". L'evento ad ingresso libero, si terrà presso il Loggiato del Pellegrino in Piazza Buondelmonti 22 con la presenza dell'assessora Lara Fabbrizi.

Mercoledì 6 marzo alle ore 17:00 Arcangela Limosani, counsellor rogersiano e formatrice Gordon, terrà un incontro formativo rivolto a genitori, insegnanti e educatori presso la Biblioteca comunale.

Sabato 16 marzo sarà una giornata ricca di appuntamenti:

Alle ore 16:30 Dino Castrovilli parlerà di Dino Campana presso la sede della sezione soci Coop Impruneta in via dei Popoli 3.
Alle ore 17:00 presso l'auditorium della Casa del Popolo di Impruneta sarà presentato il libro "Adolescenza Nonluogo" di Maurizio Tucci, seguirà aperitivo.
Alle ore 16:30 al Loggiato del Pellegrino si inaugurerà la mostra dedicata a Maria Maltoni, "Maria Maltoni e la scuola di San Gersolè: la società contadina di un tempo vista con gli occhi dei bambini". La mostra, che rimarrà aperta fino al 6 aprile, sarà itinerante e sarà arricchita da un convegno, conferenze e iniziative didattiche per le scuole.

Sabato 23 marzo alle ore 17:00 al Loggiato del Pellegrino si terrà la presentazione del libro di prose poetiche "Delinguare cerillarius. Diario tirrenico di un sospeso sentire" di Enrico Zoi, con illustrazioni di Filippo Zoi. L'evento sarà di particolare interesse per gli appassionati di poesia, libri di viaggio e esperienze medianiche. Si tratterà di arte e autiscmo con la presenza dell'assessora Lara Fabbrizi.

Il mese si concluderà sabato 30 marzo alle ore 16:00 con l'appuntamento "Tè, libri e pasticcini", a cura dell'Associazione Culturale "Ferdinando Paolieri". Lucia Geraci presenterà "Cuore di tenebra" di Joseph Conrad.


Per ricevere informazioni su tutte le iniziative è possibile contattare la Biblioteca di Impruneta all'indirizzo mail biblioteca@comune.impruneta.fi.it oppure visitare la pagina Facebook della Biblioteca: https://www.facebook.com/BibliotecaImpruneta

Oltre agli eventi in programma, la Biblioteca di Impruneta offre una vasta gamma di servizi ai suoi utenti:

Prestito di libri, ebook, audiolibri e dvd
Consultazione di quotidiani e riviste
Accesso a internet e alle postazioni informatiche
Spazio per lo studio e la lettura
Attività di promozione della lettura per bambini e ragazzi
28/02/2024 10.39 Comune di Impruneta - Ufficio Stampa
Regione Toscana Poste Italiane: Mazzeo, contrario alla chiusura degli uffici postali sul territorio
Il presidente del Consiglio regionale ha ricevuto i sindacati di categoria a palazzo del Pegaso "Ogni ufficio postale che rischia di chiudere è un pezzo di territorio che rischia di scomparire. Sono contrario alle chiusure e anche a un processo eccessivo di privatizzazione che rischia di portare a queste conseguenze". Con queste parole il presidente del Consiglio regionale Antonio Mazzeo ha sottolineato, al termine dell’incontro con i sindacati di categoria, il valore strategico che gli uffici postali svolgono per il Paese e per la Toscana.

In una lettera i sindacati avevano chiesto al presidente Mazzeo un confronto alla luce degli ultimi accadimenti, con il Governo che potrebbe cedere presto un’ulteriore quota del pacchetto azionario controllato attraverso il ministero delle Finanze e la Cassa Depositi e Prestiti.

Erano presenti all’incontro, avvenuto a palazzo del Pegaso, Paolo Roccabianca, segretario regionale di Uil Poste, Sandro Vigiani segretario regionale del sindacato lavoratori poste della Cisl e Michele Mengoli segretario regionale del sindacato lavoratori della comunicazione della Cgil.
28/02/2024 9.16 Regione Toscana
Comune di Figline e Incisa Valdarno Figline e Incisa. Promozione cultura e marketing territoriale, aperto un bando di tirocinio per giovani diplomati
Domande da inviare entro il 13 marzo al Comune di Figline e Incisa Valdarno: necessario essere inoccupato e iscritto a un Centro per l’impiego Scadrà il prossimo 13 marzo il termine per presentare la propria candidatura per un tirocinio non curriculare retribuito presso il Comune di Figline e Incisa Valdarno, nel settore Promozione cultura e marketing territoriale, rivolto a giovani diplomati.
I candidati devono essere in possesso dei seguenti requisiti: diploma di scuola superiore di secondo grado, conseguito non prima dei 24 mesi antecedenti la data di attivazione del tirocinio (1° aprile 2024); non avere riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso e non essere stato interdetto dalla nomina a impieghi presso pubbliche amministrazioni; essere inoccupato ed essere iscritto ad un Centro per l’impiego (alla data dell’attivazione del tirocinio).
Tra le mansioni previste: co-organizzazione e promozione eventi, attività di segreteria di eventi/manifestazioni, attività di marketing territoriale, attività di comunicazione istituzionale relativa ad eventi, servizi culturali, promozione del territorio, attività di facilitazione digitale, attività di promozione della lettura presso le biblioteche comunali.
I tirocini hanno la durata iniziale di sei mesi con possibilità di proroga fino ad un massimo di 12 mesi; il numero di ore minimo da svolgere per ogni tirocinio è concordato tra le parti interessate in ogni singolo progetto formativo, in misura non inferiore alla media di 30 ore settimanali.
La partecipazione alla selezione avviene esclusivamente mediante compilazione di un modulo di domanda on-line, tramite Spid, entro le ore 13 del 13 marzo 2024.
La selezione dei tirocinanti avverrà, da parte di una commissione appositamente nominata, sulla base dei titoli e di un colloquio volto a verificare le attitudini del candidato rispetto all’ambito ed agli obiettivi del tirocinio.
Per ciascun tirocinio sarà previsto un contributo mensile di 500 euro al lordo delle ritenute.
Per tutti i dettagli e le informazioni necessarie è possibile consultare il bando a questo link: https://www.inpa.gov.it/bandi-e-avvisi/dettaglio-bando-avviso/?concorso_id=441b6c8285024a629d4ddb6182214804
28/02/2024 9.45 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Carabinieri-Comando provinciale di Firenze Concorso per Ufficiali del ruolo Tecnico dell'Arma dei Carabinieri
Iniziate le procedure di selezione Sono iniziate le procedure per la selezione e l’arruolamento di 17 Ufficiali del Ruolo Tecnico dell’Arma dei Carabinieri, suddivisi in:
4 (quattro) posti per la specialità in medicina;
1 (uno) posto per la specialità veterinaria;
2 (due) posti per la specialità psicologia;
1 (uno) posto per la specialità investigazioni scientifiche - fisica;
3 (tre) posti per la specialità telematica;
2 (due) posti per la specialità genio;
1 (uno) posto per la specialità amministrazione e commissariato;
e 3 posti, riservati a Carabinieri già in servizio:
1 (uno) posto per la specialità investigazioni scientifiche - fisica;
1 (uno) posto per la specialità telematica;
1 (uno) posto per la specialità amministrazione e commissariato.
Gli aspiranti potranno presentare la domanda online attraverso il sito www.carabinieri.it nell’area concorsi, seguendo l’apposito iter.
Decidere di arruolarsi nell’Arma e di indossare l’uniforme significa aderire ad un complesso di valori quali onore, lealtà e spirito di sacrificio, con la consapevolezza di entrare a far parte di una grande organizzazione fondata sulla tradizionale vicinanza al cittadino, a tutela della legalità ed in difesa dei più deboli.
La particolarità del ruolo tecnico è quella di mettere a disposizione il proprio bagaglio di conoscenze e la propria professionalità al servizio dell’Istituzione.
Al concorso possono partecipare, per una sola specialità, i cittadini italiani in possesso di laurea magistrale dell’indirizzo di interesse che, alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande, non abbiano superato il 32° anno di età.
I vincitori del concorso saranno nominati Tenenti in servizio permanente nel ruolo tecnico dell'Arma dei Carabinieri e frequenteranno un corso della durata di un anno presso la Scuola Ufficiali Carabinieri, incentrato principalmente sullo studio di materie tecnico-professionali.
La domanda di partecipazione dovrà essere inoltrata entro il 27 marzo 2024.
28/02/2024 10.00 Carabinieri-Comando provinciale di Firenze
Autostrade per l'Italia A1 Milano-Napoli: chiusure notturne del tratto Calenzano Sesto Fiorentino-Barberino di Mugello verso Bologna
Dalle 22:00 di mercoledì 28 febbraio alle 05:00 di giovedì 29 febbraio Sulla A1 Milano-Napoli, per consentire lavori di pavimentazione, nelle due notti di mercoledì 28 e giovedì 29 febbraio, con orario 22:00-5:00, sarà chiuso il tratto compreso tra Calenzano Sesto Fiorentino e Barberino di Mugello, verso Bologna.
In alternativa, dopo l'uscita obbligatoria alla stazione di Calenzano Sesto Fiorentino, percorrere la SP8 Barberinese e seguire la segnaletica di colore giallo indicante "Bologna", con rientro in A1 a Barberino di Mugello.
28/02/2024 12.08 Autostrade per l'Italia
Regione Toscana Violenza di genere: la presa in carico e rieducazione degli autori è legge
Il Consiglio regionale approva con il voto favorevole di Pd, Iv e FdI e l’astensione di Lega e M5s. Sì anche a un ordine del giorno del Partito democratico, primo firmatario Andrea Vannucci, per un aggiornamento organico della legge regionale 59/2007 (a favore Pd, Iv e M5s, astenuta la Lega, FdI non partecipa al voto) Il Consiglio regionale approva a larga maggioranza la nuova legge per la presa in carico e rieducazione degli autori di violenza di genere (a favore Pd, Italia viva, FdI, astenuti Lega e M5s) e approva maggioranza anche un ordine del giorno del Partito democratico collegato (a favore Pd, Iv e M5s, astenuto il gruppo della Lega, non partecipa al voto Fratelli d’Italia).

Il provvedimento è stato illustrato all’Aula dal presidente della commissione Sanità Enrico Sostegni (Pd) e dal primo firmatario della proposta di legge, Andrea Vannucci (Pd). L’atto va a modificare la legge regionale 59 del 2007 ed è frutto, come ha spiegato Vannucci, di una “contestuale e contemporanea presa di coscienza, sia da parte della Giunta che del Consiglio regionale. Inserisce i centri per gli autori di violenza di genere e anche il riconoscimento delle vittime di violenza assistita, non soltanto minori di età”.



Nell’articolo 1 si inserisce tra i principi della legge 59/2007 il riferimento ai soggetti che assistono alle violenze, riconoscendoli come vittime e persone offese dalle violenze stesse. Nel testo si implementano poi le finalità della legge prevedendo esplicitamente che “la Regione promuove interventi volti alla presa in carico e alla rieducazione degli autori di violenza di genere al fine di far cessare i comportamenti violenti, di limitare la recidiva favorendo l’adozione di comportamenti non violenti nelle relazioni interpersonali, di riconoscere la responsabilità mediante l’acquisizione della consapevolezza della violenza agita, nonché di ricondurre le relazioni in condizioni di non violenza, parità e reciproco rispetto”.

La nuova legge prevede dunque che siano istituiti l’elenco regionale dei centri antiviolenza e delle case rifugio, e l’elenco dei centri per gli uomini autori di violenza domestica e di genere operanti sul territorio regionale, disponendo che possano iscriversi a tale elenco soltanto i centri in possesso dei requisiti previsti dall’intesa sancita nel settembre 2022 dall’Intesa Stato-Regioni”. Ancora, il testo interviene sulla formazione prevedendo che la Regione e le province promuovano iniziative e moduli formativi, tenendo conto anche del ruolo dei centri per uomini autori di violenza domestica e di genere, nonché di promozione degli interventi volti alla presa in carico e rieducazione degli autori di violenza di genere”. Il provvedimento non comporta nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale.

“Con questa modifica confermiamo i principi della legge del 2007 e portiamo un intervento fondamentale che incide su un aspetto determinante sul tema della recidiva e può portare a ridurre ulteriori casi di violenza”, ha spiegato il presidente Sostegni.

L’ordine del giorno impegna la Giunta regionale ad avviare “un percorso finalizzato ad aggiornare in modo organico” la legge regionale 59 del 2007 “con il coinvolgimento della commissione consiliare competente e dei molteplici soggetti interessati, a partire dal Comitato regionale di coordinamento sulla violenza di genere”; a tenere conto “dell’opportunità di fare specifico riferimento alle azioni di prevenzione e sensibilizzazione nelle scuole, così come proposto dalla Commissione regionale Pari opportunità della Toscana”.

Il vicepresidente della commissione Sanità, Andrea Ulmi annuncia l’astensione della Lega) e propone un emendamento all’ordine del giorno (“chiediamo di togliere il riferimento al maschilismo”), che però non viene accolto dalla maggioranza.

La capogruppo del Movimento 5 stelle Irene Galletti annuncia a sua volta il voto di astensione su quello che considera “un contenitore vuoto, non riempito dai contenuti e nemmeno finanziariamente che, nelle intenzioni, ci trova sicuramente favorevoli, ma servirebbe una presa di posizione forte e chiara”. E indica tra i punti non condivisi una “impronta familistica, dove si cerca di ricondurre la relazione a riunificarsi piuttosto che lasciare che il percorso prenda strade differenti”.

Sostegno al provvedimento viene espresso da Donatella Spadi (Pd), da Elisa Tozzi, che annuncia il voto favorevole di Fratelli d’Italia, e da Silvia Noferi (M5s). Mentre Diego Petrucci annuncia la decisione di Fratelli d’Italia di non partecipare al voto sull’ordine del giorno: “Riteniamo che sia tecnicamente sbagliato. La potestà legislativa è del Consiglio, non la si deve delegare alla Giunta regionale”.
28/02/2024 9.19 Regione Toscana
Regione Toscana Europa: focus in commissione sull’utilizzo dei Fondi Ue
L’audizione di Sviluppo Toscana e delle Autorità di gestione del POR FESR e del POR FSE. Il presidente Gazzetti: “Siamo ai vertici a livello italiano per l’utilizzo dei fondi e abbiamo le capacità per sfruttare al meglio queste opportunità” La commissione Politiche europee e relazioni internazionali presieduta da Francesco Gazzetti (Pd) si riunita lunedì 26 febbraio con all’ordine del giorno le audizioni del direttore operativo di Sviluppo Toscana Orazio Figura, di Angelita Luciani responsabile del settore Autorità di gestione del POR FESR e di Elena Calistri responsabile del settore Autorità di gestione del POR FSE.

Un focus sulla gestione dei Fondi europei che come ha sottolineato il presidente Gazzetti: “Ci permette di poter dire che siamo ai vertici a livello italiano per l’utilizzo dei fondi e abbiamo le capacità per sfruttare al meglio queste opportunità”. La sfida ha aggiunto il presidente Gazzetti “è ora quella di capire come questi contributi vengano effettivamente utilizzati dalle imprese e per questo sarà utilissimo un report sull’utilizzo dei fondi”. Dalle audizioni altri due i temi sottolineati dal presidente della commissione “l’importanza dello sviluppo delle comunità energetiche per la regione e il miglioramento del sito internet di Sviluppo Toscana per renderlo più semplice ed efficace per chi lo consulta”.

Tante le domande poste al direttore operativo di Sviluppo Toscana dal vicepresidente della commissione Giovanni Galli (Lega) che ha chiesto chiarimenti e conferme sul numero di dipendenti, sul rosso di bilancio, sulla distribuzione e sulla concentrazione dei fondi sul territorio regionale, sulla complessità dei bandi e che hanno trovato risposta a partire proprio da un sito internet che secondo il direttore operativo Orazio Figura: “Va migliorato perché obsoleto. Ci sono troppe informazioni e messe male. Siamo in una fase di investimento per rivedere e migliorare l’intero portale, anche alla luce delle nuove competenze come agenzia per lo sviluppo regionale”.

Il direttore operativo Figura ha spiegato che come organismo intermedio Sviluppo Toscana non ha voce in capitolo sulla programmazione che spetta alle autorità di gestione: “Noi interveniamo nella fase di attuazione del bando, offriamo assistenza di qualsiasi natura e con risposte entro massimo 24 ore. Non ci possiamo permettere un servizio telefonico che impegnerebbe troppi dipendenti”. E proprio sul numero di dipendenti Figura ha spiegato che “sono cresciuti negli anni fino ad arrivare a 90. Diciannove sono arrivati da FIDI Toscana e subito formati. Le ore complessivamente dedicate alla formazione nel 2023 sono state 2mila per tutti i dipendenti, con particolare attenzione sul codice degli appalti e sui regolamenti europei”. Sulle perdite Figura non ha fatto numeri “visto che i ricavi che arrivano dalla Regione dipendono dalla gestione dei bandi, e il rosso dell’ultima gestione è stato condizionato dai ritardi nell’avvio della nuova programmazione, mentre per i prossimi 2 anni è previsto un grande affollamento”.

Durante il dibattito la consigliera regionale Valentina Mercanti (Pd) ha sottolineato come “nei suoi territori in alcune zone non ci sia l’abitudine delle aziende a far ricorso ai bandi, ma che a partire dalla digitalizzazione ci siano molti fondi da sfruttare anche a fondo perduto”. Sul sito internet di Sviluppo Toscana la consigliera Mercanti ha sottolineato “la difficoltà delle aziende a utilizzare per comunicare solo lo strumento delle email” mentre per il vicepresidente Galli “promozione e pubblicità sono fondamentali per far conoscere i bandi e le loro opportunità. Tante volte poi non c’è fiducia di poter accedere alle risorse come è successo per i ristori per l’alluvione”.

Durante le loro audizioni le responsabili del settore autorità di gestione del POR FESR Angelita Luciani e del POR FSE Elena Calistri hanno fatto il punto sull’utilizzo delle risorse messe a disposizione dai programmi del Fondo europeo di sviluppo regionale e del Fondo sociale europeo e che vedono la Toscana primeggiare in Italia nell’utilizzo dei fondi e nell’avanzamento della spesa.

Nel programma 2021-2027 i fondi previsti dal Fesr saranno pari a 1miliardo e 228milioni di euro, con una compartecipazione europea che scenderà al 40%. I finanziamenti sono eterogenei e riguardano tanti settori dalla digitalizzazione, alla mobilità urbana, fino alla transizione ecologica ed è previsto il finanziamento di 110 comunità energetiche. Per le aree interne e più precisamente per i comuni interni è previsto l’impegno a dedicare il 30% dei fondi.

La locazione finanziaria per i fondi previsti dal Fse è di 1miliardo e 83 milioni di euro, con una parte importante, pari a 419milioni, dedicata all’inclusione sociale. C’è una particolare attenzione per la parità di genere con 36milioni di euro a disposizione. Tante i progetti dedicati a formazione, istruzione e all’occupazione con una particolare attenzione verso i giovani. Nell’offerta di servizi per l’infanzia rientrano gli asili nido gratis con 16mila domande presentate e oltre 13mila famiglie beneficiarie della misura finanziata con 31milioni di euro.

Durante il dibattito il consigliere regionale Gabriele Veneri (FdI) ha chiesto sulla formazione professionale un maggiore coinvolgimento delle imprese “tante non trovano il personale giusto perché alle aziende non vengono chiesti programmi di sviluppo aziendale che sarebbero molto utili per una formazione e un orientamento mirati. Un orientamento fatto bene crea opportunità e persone ben formate”. Per la collega Valentina Mercanti resta “centrale” il problema di offrire pari opportunità con le donne penalizzate in tanti aspetti nel mondo del lavoro. “Del problema di una formazione migliore - ha aggiunto - condivido che manchino alcune figure professionali e serva una riflessione sul futuro”.

Sugli asili nido la consigliera Anna Paris (Pd) ha evidenziato come: “Il Piano nazionale di ripresa e resilienza prevedesse 100mila posti e poi sono stati tagliati”. Mentre per il consigliere Veneri mettere una soglia di reddito per averli gratis è uno sbaglio perché sono servizi che dovrebbero valere per tutte le famiglie”.
28/02/2024 8.58 Regione Toscana
Comune di Certaldo Fontanello di Certaldo: 728mila litri di acqua di qualità erogati nel 2023
Risparmio ambientale e economico considerevole Nel corso del 2023, il fontanello di piazza Salvo d'Acquisto a Certaldo ha dimostrato ancora una volta il suo valore, erogando ben 728mila litri di acqua di alta qualità. Questo risultato non solo ha rappresentato un importante servizio per la comunità locale, ma ha anche avuto un impatto significativo sul fronte ambientale ed economico.
Installato per la prima volta nel lontano 2006, oltre a rappresentare un comodo punto di rifornimento per l'acqua potabile, ha un impatto diretto sulla riduzione dei rifiuti plastici. Grazie al sistema di filtraggio che elimina il cloro, infatti, l’acqua viene resa immediatamente gradevole dal punto di vista organolettico, incentivando l'abbandono delle bottiglie di plastica a vantaggio dell'ambiente e della salute.

L'assessore all'ambiente Jacopo Masini ha sottolineato l'importanza di questa iniziativa, evidenziando che prendere l'acqua al fontanello non solo significa abbattere i costi per le famiglie, ma anche ridurre significativamente il consumo di bottiglie di plastica, con conseguenti benefici ambientali. "Il fontanello di Certaldo rappresenta un esempio tangibile di come le politiche ambientali possano tradursi in benefici concreti per la comunità – ha dichiarato -. Riducendo il consumo di bottiglie di plastica, non solo preserviamo l'ambiente, ma contribuiamo anche al risparmio economico delle famiglie. È un passo importante verso una città più sostenibile e consapevole".
Inoltre, Masini ha ricordato la sensibilizzazione condotta attraverso progetti come "Acqua Buona” nelle scuole, promosso da Acque SpA in collaborazione con le amministrazioni comunali e gli istituti comprensivi dell’Empolese-Valdelsa, che prevede la distribuzione di borracce di alluminio a tutti gli studenti.
I numeri parlano chiaro: l'erogazione di 728mila litri di acqua di qualità dal fontanello di Certaldo ha comportato un risparmio stimato di 19,4 tonnellate di plastica e di 153mila euro. Un risultato straordinario che conferma il successo di un progetto incentrato sulla sostenibilità ambientale e sul benessere della comunità locale. Oltre al fontanello di piazza Salvo d'Acquisto, infatti, l’Amministrazione comunale ne ha inaugurati altri tre: due nelle frazioni e uno alla pista di pattinaggio.
28/02/2024 11.54 Comune di Certaldo
Comune di Firenze Sicurezza stradale, modificato l’impianto semaforico tra via Famiglia dei Benini e via Allende
L’assessore Giorgetti e il presidente Balli: “Un intervento molto atteso dai residenti” Ancora un piccolo ma importante intervento per la sicurezza stradale in particolare dei pedoni. È scattata oggi la modifica dell’impianto semaforico all’intersezione tra via Famiglia Benini e via Allende. Nell’occasione sono stati istituiti anche due nuovi attraversamenti pedonali. “Si tratta di un intervento molto atteso dai residenti – sottolineano l’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti e il presidente del Quartiere 5 Cristiano Balli – perché consentono ai pedoni di avere a disposizione un percorso in sicurezza da via dell’Olmatello fino alla fermata del TPL in via Famiglia dei Benini”. L’intervento è stato realizzato da Firenze Smart. (mf)


28/02/2024 10.14 Comune di Firenze
Comune di Fucecchio Sul palco del teatro Pacini tre big per il premio “Fucecchio per lo sport”
Massimiliano Alvini, Simone Buti e Federico Colonna premiano le società sportive protagoniste del 2023 Tre sportivi che hanno dato lustro a Fucecchio per premiare atleti, tecnici e dirigenti che si sono particolarmente distinti durante il 2023. E’ quello che accadrà sabato prossimo 2 marzo alle ore 10, sul palco del teatro Pacini, in occasione della prima edizione del premio “Fucecchio per lo sport”, promosso dal Comune di Fucecchio e dalla Consulta dello Sport. A premiare il presente ed il futuro dello sport fucecchiese, saliranno sul palco del Pacini tre sportivi nati e cresciuti a Fucecchio prima di spiccare il volo ciascuno nella propria disciplina: l’allenatore di calcio Massimiliano Alvini, il pallavolista Simone Buti e il ciclista Federico Colonna. Alla cerimonia, condotta dallo speaker Fausto Mariotti, interverranno il sindaco Alessio Spinelli, la vice sindaca Emma Donnini, l’assessore allo sport Fabio Gargani e il presidente della Consulta dello Sport Alberto Beconcini.
Protagoniste indiscusse le società sportive che si sono particolarmente distinte nelle varie discipline: dal calcio al ciclismo, dal volley al basket, dall’atletica al nuoto, dal pattinaggio alla ginnastica artistica. Una giornata di festa durante la quale il Comune e la Consulta dello Sport consegneranno le targhe e gli attestati di merito ad atleti, tecnici e dirigenti per premiare i risultati raggiunti con impegno, passione e dedizione, che concorrono a dare lustro e portare in alto il nome di Fucecchio nel panorama sportivo regionale e nazionale.
28/02/2024 12.12 Comune di Fucecchio
Comune di Bagno a Ripoli Visite gratuite per le persone in difficoltà, la Croce Rossa Italiana di Bagno a Ripoli dà vita alle Officine della Salute
Via al progetto rivolto ai pazienti con fragilità economica: per loro controlli e farmaci a costo zero. Il sindaco Casini e il presidente CRI Pasquinucci: “Così diritto alla salute garantito per tutte e tutti” La Croce Rossa Italiana compie 160 anni. In questo importante compleanno, fa lei un bel regalo alla popolazione mettendo in piedi Officine della Salute, un progetto creato appositamente per dare possibilità di accesso alle cure specialistiche e diagnostiche a quella fascia di popolazione, purtroppo sempre crescente negli ultimi anni e ancor di più dopo la pandemia, che non ha le necessarie possibilità economiche per farlo, e che deve rinunciarvi o attendere quelle code lunghe mesi che non di rado si verificano nel servizio pubblico.

Il progetto oggi è attuato presso 36 ambulatori CRI distribuiti su tutto il territorio nazionale, ed è sbarcato anche a Bagno a Ripoli, dove presso l’ambulatorio della Croce Ross Italiana di via Fratelli Orsi i soggetti bisognosi o in stato di indigenza possono contare su 29 differenti specialistiche, un centro prelievi e anche il servizio di Farmacia Solidale, che prevede erogazione gratuita di farmaci quando si hanno i requisiti per richiederli.

“La salute è un diritto per tutti - esordisce il presidente della CRI Bagno a Ripoli Francesco Pasquinucci - ed è inoltre sinonimo di autonomia, in quanto chi gode di salute non deve dipendere, almeno per quella, da nessuno. Questo bel progetto voluto da Croce Rossa Italiana, da noi può contate su un ambulatorio rinnovato recentemente e ormai collaudato, che fa 50mila accessi all’anno ed è in grado di erogare le maggiori prestazioni specialistiche, avvalendosi di strumentazioni di ultima generazione. Tutti i medici che prestano servizio presso di noi sono stati ben contenti di aderire all’iniziativa, e hanno ben chiaro quanto noi l’obiettivo di non lasciare indietro nessuno. Così come il personale del nostro ambulatorio infermieristico, le cui prestazioni sono incluse nell’iniziativa, e la Farmacia di Rimaggio, che ci supporta nel servizio di erogazione farmaci. Tutti attori fondamentali in un progetto di forte rilevanza sociale, di cui andiamo orgogliosi”.

“Una presenza e un impegno quelli della CRI Bagno a Ripoli che crescono, si consolidano e confermano l’attenzione e la cura verso la comunità – dichiara il sindaco Francesco Casini -. Con il progetto delle Officine della Salute, in particolare, nei confronti dei cittadini in difficoltà, in situazioni di fragilità economica. Il rischio, purtroppo, è che le persone con meno risorse siano costrette a trascurare la prevenzione, i controlli e le cure, acuendo così le situazioni di fragilità. Invece, con questo progetto, potranno trovare alla CRI un servizio e professionisti di grande qualità, a portata di tutti, perché il diritto alla salute è e deve essere di tutti”.

Per informazioni sulle modalità di accesso e/o domande di adesione, è necessario contattare il 1520, numero nazionale di Croce Rossa Italiana, che risponde all’iniziativa.
28/02/2024 10.55 Ufficio stampa Comune di Bagno a Ripoli

Opera di Santa Croce Scopri Santa Croce, venti visite nel mese di marzo per riscoprire la bellezza del complesso monumentale
È una nuova tappa del progetto speciale voluto da Opera di Santa Croce e Fondazione CR Firenze Torna, con una nuova tappa che comprende venti visite speciali, il progetto Scopri Santa Croce, pensato per far conoscere, prima di tutto ai fiorentini, storie e segreti del complesso monumentale, rafforzando un legame identitario profondo con la comunità locale. Il progetto, che è promosso dall’Opera di Santa Croce con la Fondazione CR Firenze, è partito nell’ottobre 2022 e ha visto ad oggi un’ampia partecipazione.
Luogo di spiritualità e arte, tempio di memoria e storia dove si incontrano coloro che hanno reso grande l’Italia: nel complesso monumentale si integrano tante e diverse vocazioni che vengono raccontate attraverso gli appuntamenti di Scopri Santa Croce., Il nuovo ciclo di visite gratuite, venti in tutto su otto narrazioni diverse, si svolgerà nel mese di marzo e culminerà il sabato 23 e mercoledì 27 con il racconto della Pasqua attraverso le opere di Giorgio Vasari, Santi di Tito e altri artisti che nel Cinquecento hanno raffigurato le scene della vita di Cristo negli altari laterali della Basilica.
Il nuovo ciclo di visite prende il via sabato 2 con il percorso Grandi capolavori, grandi mecenati, mentre domenica 3 vengono proposti i Grandi a Santa Croce.
Il 25 marzo, giornata del Dantedì, è in programma una visita particolare che permette di riscoprire il legame indissolubile tra il Sommo Poeta e Santa Croce caratterizzato dal Cenotafio, il monumento che rappresenta il primo riconoscimento ufficiale della città di Firenze al Sommo Poeta. Assolutamente originale la proposta di visita dedicata ad Animali e creature fantastiche a Santa Croce, in programma per domenica 24 marzo.
Ogni visita offre l’opportunità di un’esperienza unica e costituisce un’occasione per recarsi per la prima volta, oppure per tornare, in Santa Croce. Il programma del mese di marzo è disponibile sul sito www.santacroceopera.it, la prenotazione è obbligatoria e si potrà effettuare dalle ore 15 di domani 29 marzo attraverso il sistema di biglietteria online. Le visite sono gratuite, è richiesto il pagamento del biglietto di ingresso al complesso monumentale (gratuito per i residenti nel Comune di Firenze).

IL PROGRAMMA

Grandi capolavori, grandi mecenati
Sabato 2 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Grandi a Santa Croce
Domenica 3 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Sabato 16 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Santi e devoti a Santa Croce
Sabato 9 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Ricchezza e povertà, banchieri e santi
Domenica10 marzo (ore 14.30 e ore 16)
La potenza delle immagini: il messaggio di Francesco
Domenica 17 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Una Pasqua nell’arte
Sabato 23 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Mercoledì 27 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Animali e creature fantastiche a Santa Croce
Domenica 24 marzo (ore 14.30 e ore 16)
Dante e Santa Croce
Lunedì 25 marzo (ore 14.30 e ore 16)
28/02/2024 12.14 Opera di Santa Croce
Comune di Empoli Empoli. Via Viaccia - Via di Mezzo, rimosse oltre 150 tonnellate di rifiuti. L'assessore Marconcini: "Un lavoro complesso e importante"
Concluse le attività previste per il 2023 per messa in sicurezza e ripristino dell'area di proprietà comunale.
Un intervento che segue quello compiuto in via Piovola angolo via della Serpa, concluso a inizio 2023
Circa 156 tonnellate di rifiuti rimosse, oltre a quindici veicoli abbandonati. E' il bilancio dell'importante azione per la messa in sicurezza e il ripristino delle adeguate condizioni dell'area di proprietà comunale che si trova in zona via Viaccia, in prossimità di via di Mezzo. Si tratta di un'area da tempo attenzionata dall'amministrazione comunale, a causa di ripetuti abbandoni di rifiuti di ogni genere, al pari dell'area di proprietà comunale che si trova in via Piovola all'intersezione con via della Serpa. Concluse le operazioni di pulizia e messa in sicurezza di quest'ultima area nella prima parte del 2023, l'amministrazione comunale ha proseguito l'azione per quanto concerne via Viaccia - via di Mezzo, completando le attività previste per il 2023 di messa in sicurezza e ripristino della zona, come spiegato nel corso di una conferenza stampa che si è svolta nella mattinata di oggi, mercoledì 28 febbraio 2024, in Palazzo Comunale: sono intervenuti l'assessore all'Ambiente del Comune di Empoli, Massimo Marconcini, il dirigente del Settore Politiche territoriali del Comune di Empoli, Alessandro Annunziati, Roberta Scardigli, dirigente del Settore Lavori pubblici del Comune di Empoli, Daniela Miccolis, responsabile dell'ufficio Ambiente del Comune di Empoli, Massimo Luschi, comandante della polizia municipale dell'Unione dei Comuni Empolese Valdelsa. Gli interventi sono stati infatti realizzati grazie all'impegno e alla collaborazione degli uffici Ambiente e Lavori pubblici del Comune di Empoli, della Polizia municipale e, laddove necessario, in collaborazione con le forze dell'ordine, le autorità giudiziarie competenti e gli enti preposti.

Già nell'ottobre 2017, alla luce di episodi di ritrovamento di rifiuti di ogni genere, le due aree era state oggetto di un sequestro preventivo d'urgenza da parte del Comando dei carabinieri del N.O.E. (Nucleo Operativo Ecologico), per abbandono, deposito incontrollato e gestione non autorizzata di consistenti quantità di rifiuti pericolosi e non pericolosi, adagiati sul suolo e stipati in container, box e all'interno di alcuni veicoli, in terreni di proprietà comunale e in uno privato. Un’operazione che coinvolse anche la polizia municipale dell'Unione dei Comuni Empolese Valdelsa e il Dipartimento del Circondario Empolese dell'Arpat, arrivata anche in seguito a ripetute segnalazioni da parte di cittadine e cittadini, raccolte e sostenute dal Comune di Empoli, impegnato nel garantire la tutela dell'ambiente e del pubblico decoro.

A seguito del sequestro, l'amministrazione comunale, la cui attenzione per il tema dell'abbandono dei rifiuti e del degrado è stata ed è prioritaria, ha emesso due ordinanze: la prima, nel dicembre del 2017, disponeva lo sgombero e la successiva bonifica dei luoghi interessati, a cura e a spese dei soggetti responsabili, la seconda, firmata nell'agosto 2018, disponeva invece l'adozione degli interventi da parte del Comune stesso, in via sostitutiva rispetto ai responsabili della contaminazione che non avevano ottemperato a quanto disposto mesi prima, e la diffida all'accesso all'area stessa. Provvedimenti che testimoniano la volontà dell'amministrazione empolese di risolvere in maniera efficace e definitiva una criticità legata a una situazione di degrado e inciviltà, a tutela dell'ambiente oltre che del decoro pubblico. Per rendere operativa l'ultima ordinanza e procedere quindi alla ripulitura delle aree sono stati affidati nel 2019 due incarichi, uno di supporto specialistico alle attività di messa in sicurezza e ripristino dell'area alla ditta Soluzione Ambiente, dalla progettazione alla direzione lavori, dal monitoraggio alla supervisione, l'altro di ripulitura con selezione, prelievo, trasporto e smaltimento dei rifiuti abbandonati alla ditta Autotrasporti D'Agnese. Incarichi poi integrati negli anni successivi alla luce di nuovi abbandoni rinvenuti nelle aree, portando la spesa complessiva sostenuta per ripulire le due aree dal 2019 a oggi a 155.831,53 euro. Risorse alle quali vanno ad aggiungersi anche quelle necessarie agli interventi attuati per contrastare ulteriori episodi di abbandono di rifiuti, circa 30mila euro: in particolare, nell'area di via Piovola angolo via della Serpa, dove si trova anche un edificio, sono stati messi in atto lavori di manutenzione di tutto lo spazio e delle zone limitrofe mediante chiusura degli accessi dell'immobile, una decina fra porte e finestre, e mediante la realizzazione di muretti di cinta, l'installazione di una ringhiera e la collocazione di una recinzione in rete; nell'area via Viaccia - via di Mezzo, invece, è stato collocato un cancello necessario per chiudere la strada di accesso, anch'essa divenuta di fatto una discarica abusiva, e sono state realizzate le fosse perimetrali, in attesa di ulteriori interventi di delimitazione già previsti così da scongiurare il rischio di nuovi abbandoni.

Dati alla mano, nell'area in via Piovola angolo via della Serpa, nel corso dell'intervento arrivato a conclusione a inizio 2023, sono stati rimossi rifiuti, materiali ingombranti e sette carcasse d'auto: soltanto nel 2022, ovvero nella fase conclusiva dell'attività, sono state rimosse circa 10 tonnellate di rifiuti e cinque veicoli. Nell'area di via Viaccia - via di Mezzo sono state invece rimosse nel corso delle operazioni svolte fino a fine 2023 complessivamente più di 156 tonnellate (156.466 kg) di rifiuti e 15 veicoli. La polizia municipale, in particolare, nel corso di questi anni e nelle varie fasi di queste attività, oltre a prendere parte al sopralluogo eseguito da Arpat nelle fasi iniziali del procedimento, ovvero nel 2017, si è occupata principalmente di verificare l'ottemperanza delle ordinanze emesse, di vigilare sulle aree così da scongiurare ulteriori abbandoni e di effettuare le necessarie comunicazioni alle autorità competenti, laddove se ne evidenziasse la necessità.

DICHIARAZIONI

“Il lavoro svolto dagli uffici in ambito di salvaguardia del territorio, anche in ambito del contrasto all’abbandono dei rifiuti, è massimo e costante – sottolinea l’assessore all’Ambiente del Comune di Empoli, Massimo Marconcini – Le aree al centro di queste specifiche attività rappresentano una zona importantissima per il nostro territorio, nella piana di Villanuova. Una zona che ospita anche edifici comunali che nei prossimi anni potranno essere oggetto di nuove destinazioni. Gli interventi eseguiti sono stati significativi anche alla luce del fatto che l’amministrazione comunale è intervenuta in sostituzione dei responsabili, con un investimento importante, con un lavoro massiccio per quanto concerne l’impegno degli uffici coinvolti anche in termini di burocrazia da affrontare. A questo seguirà il lavoro avviato e che verrà portato avanti in un’ottica di salvaguardia delle zone oggetto della rimozione di rifiuti, così che nuovi fenomeni di abbandono in questi spazi pubblici, in una zona verde della città, di pregio, vengano scongiurati. Il tutto con l’impegno degli uffici Ambiente e Lavori pubblici, ma anche della polizia municipale, che ringrazio per l’operato”.

"Le attività illustrate oggi sono il frutto di un lavoro costante che gli uffici conducono in maniera costante e quotidiana - sottolinea Alessandro Annunziati, dirigente del Settore Politiche territoriali del Comune di Empoli - Eclatante in questa circostanza anche l'aspetto numerico della mole di rifiuti rimossa, si parla di oltre 150 tonnellate soltanto in via Viaccia: dietro a tutto questo c'è un lavoro tecnico scientifico, con un costo importante purtroppo sostenuto dall'amministrazione. Ci siamo avvalsi di ditte specializzate, facendo un lavoro di squadra con i colleghi dei Lavori pubblici e della Polizia municipale, così da promuovere anche un'azione di indagine che ha seguito e seguirà il suo iter. L'aspetto che colpisce è che quelli trovati e rimossi non sono necessariamente rifiuti speciali, prevalentemente si tratta di rifiuti ordinari, dunque facilmente conferibili secondo i canali previsti e a disposizione della cittadinanza".

"L'ufficio Lavori pubblici si è adoperato in supporto all'ufficio Ambiente - sottolinea Roberta Scardigli, dirigente del Settore Lavori pubblici del Comune di Empoli - per realizzare tutti quegli interventi a margine della rimozione dei rifiuti così da limitare eventuali nuovi abbandoni e da rendere l'area il più possibile inaccessibile".

"Riguardo all'intervento di cui parliamo - ricorda il comandante della Polizia municipale dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa, Massimo Luschi - tutto è nato da un'attività di Noe e carabinieri forestali. Da lì la delega alla polizia municipale e ad Arpat da parte della procura per monitoraggio aree e valutazione rifiuti. Un’attività complessa, anche alla luce degli ambiti di operazione. Evidente che il lavoro di squadra è stato fondamentale come il coordinamento promosso dall’assessore Marconcini. Sono convinto che anche in questo contesto, quello dell’abbandono dei rifiuti, sia necessario educare le nuove generazioni a un comportamento più responsabile nei confronti dell’ambiente e del territorio”.
28/02/2024 12.24 Comune di Empoli
Comune di Firenze Set televisivo in città. I provvedimenti
Sono scattati i primi provvedimenti relativi alle riprese della serie televisiva “FBI: International”. Si tratta dei divieti di sosta necessari all’installazione dei campi base rispettivamente in piazzale degli Uffizi, vicolo dell’Oro e piazza San Firenze (28 e 29 febbraio); in piazza Santa Trinita e via dei Tornabuoni (28 e 29 febbraio); piazza Santo Stefano (29 febbraio); lungarno della Zecca Vecchia e via Magliabechi (29 febbraio e 1° marzo); via Fiume (dal 1° al 5 marzo); in piazza della Stazione (tratto adiacente alla Palazzina Reale dal 1° al 5 marzo). Passando alle riprese, sono previsti i divieti di sosta e transito in lungarno Acciauoli e vicolo dell’Oro (dalle 5 alle 11 del 29 febbraio); in piazza Santa Croce (da mezzanotte alle 20 del 1° marzo); in via Giovanni da Verrazzano, via Magliabechi e via dei Pepi (dalle 6 alle 20 del 1° marzo); via del Fico (dalle 5 alle 11 del 1° marzo). Ancora il 2 marzo dalle 5 alle 12 prevista l’interdizione momentanea del transito per il tempo strettamente necessario alle riprese in piazza della Stazione (lato piazza Adua tratto adiacente alla Palazzina Reale) e piazza Adua (intera area).(mf
28/02/2024 10.24 Comune di Firenze
Comune di Figline e Incisa Valdarno Ufficiale la rosa definitiva dei finalisti per la quinta edizione del concorso letterario Petrarca.fiv
Sabato 2 marzo a Ridotto del Teatro Garibaldi, saranno 11 i racconti che si contenderanno il primo posto assoluto. Verranno inoltre annunciati i 7 racconti che entreranno nella pubblicazione del concorso “A piccole dosi” È ufficiale la rosa definitiva dei racconti finalisti che sabato 2 marzo al Ridotto del Teatro Comunale Garibaldi di Figline (ore 17) si contenderanno il primo premio della 5ª edizione di Petrarca.Fiv, il concorso di narrativa breve promosso dal Comune di Figline e Incisa Valdarno in collaborazione con l’associazione culturale L’Eco del Nulla.
Dopo una prima selezione che ha visto la redazione de L’Eco del Nulla scegliere 15 opere tra oltre 120 giunte da tutta Italia, è stato il pubblico a decidere le 11 candidate alla vittoria finale (dieci più una per effetto di un ex-aequo) attraverso una votazione decisamente particolare. I 15 racconti, che hanno avuto accesso alla prima parte della fase finale, sono stati infatti interpretati dagli attori della compagnia teatrale Bottega Instabile e le letture sono state pubblicate in un podcast diviso in tre parti intitolato “A piccoli dosi” (tema di questa edizione a cui tutte le opere in gara sono ispirate), che ha raggiunto oltre 2mila ascolti. Ognuna delle tre serie di letture del podcast era inoltre presentata da una puntata introduttiva, alla quale hanno partecipato come ospiti la rivista Marvin, la casa editrice effequ e il “Premio Calvino”.
Gli ascoltatori hanno quindi votato online la loro opera preferita e i voti del pubblico (circa 700 quelli totali) hanno così determinato la rosa degli 11 racconti che accedono così alla finale del 2 marzo, nel corso della quale i testi verranno nuovamente recitati, ma stavolta dal vivo. Il pubblico in sala sarà poi chiamato ancora una volta a esprimere il proprio voto, sulla base del quale verrà stilata una classifica per ciascuna delle due sezioni del concorso: la Sezione Generale e la Sezione Speciale (confermata anche per questa edizione) dedicata ai residenti del Comune di Figline e Incisa Valdarno. La giuria tecnica (composta dallo scrittore Daniele Pasquini, dal membro del “Premio Calvino” Chiara D’Ippolito e dall’editor e scrittore Mattia Grigolo) determinerà poi la classifica finale, incrociando il proprio giudizio con il voto popolare. A questo punto, verranno comunicati i sette racconti selezionati per la consueta pubblicazione.
Di seguito, la rosa dei racconti finalisti: Come un lenzuolo sulla testa di Emanuela Lancianese; Gesti minimi di Alessio Altieri; Sogni e nuvole di Paolo Barletta; Casa mia è una città di Daniela Tallini; Assestamento di Giulia Sabella; Poco per volta di Silvia Tebaldi; Stesso posto, stessa ora di Cristiano Varotti; Una casa posata in un angolo di Alessandro Fabris; Il rumore del fuoco di Giorgia Mosna. A questi, si aggiungono i racconti Incisano di Michele Salvadori e Toccata e fuga di Barbara Mondì, che accedono alla finale per contendersi sia il primo premio assoluto che quello destinato alla Sezione Speciale.
Il vincitore assoluto (che riceverà un premio in denaro di 300 euro) e il volume contenente i sette racconti finalisti saranno poi presentati il 27 aprile 2024, durante un pomeriggio di premiazione a Casa Petrarca.
28/02/2024 12.49 Comune di Figline e Incisa Valdarno
Comune di Sesto Fiorentino Comune, Arci Firenze e Gian Il Binario danno vita alla Comunità Energetica Rinnovabile di Sesto Fiorentino
Presentazione il prossimo 6 marzo, l’adesione aperta a tutte le famiglie e alle imprese È stata costituita nei giorni scorsi Energetica, la Comunità Energetica Rinnovabile (CER) di Sesto Fiorentino. Soci fondatori sono il Comune di Sesto Fiorentino, ARCI Firenze e l’associazione Gruppo Italiano Amici della Natura (GIAN) Il Binario Sezione di Sesto Fiorentino.

L’atto costitutivo è stato sottoscritto per il Comune di Sesto Fiorentino dalla vicesindaca Claudia Pecchioli, per ARCI Firenze dalla presidente Marzia Frediani e per GIAN Il Binario dal presidente Marco Focacci; ad assumere la presidenza della CER sarà l’assessora all’ambiente Beatrice Corsi. Il partner tecnologico è Estra Clima.

Una Comunità Energetica Rinnovabile è un’associazione di cittadini e imprese che producono energia rinnovabile con i propri impianti solari o di altro tipo installati nelle rispettive abitazioni e sedi e che condividono virtualmente la parte non autoconsumata con il resto degli aderenti; tale condivisione riceve l'incentivo da parte del GSE. L’obiettivo è quello di promuovere la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili, ricorrendo a sistemi di produzione convenienti, sicuri e sostenibili, e di incentivare il risparmio e l’efficienza energetica.

La CER Energetica sarà presentata a tutti gli interessati mercoledì 6 marzo alle 21 presso la Casa del Popolo di Querceto (via Napoli 7/9).

“Le Comunità Energetiche Rinnovabili sono un’esperienza che sta iniziando a diffondersi a livello nazionale, anche se sono ancora poche quelle arrivate ad essere costituite. È un obiettivo per il quale abbiamo lavorato fin dai primi mesi di mandato amministrativo riuscendo a coinvolgere due realtà associative molto importanti e un partner - sottolinea l’assessora Corsi - Come amministrazione abbiamo deciso di non limitarci a promuovere la nascita della comunità, ma a esserne soci fondatori. Non è soltanto una scelta simbolica, ma l’espressione di una precisa visione politica: l’energia è un tema cruciale per il nostro futuro, la sua produzione in maniera sostenibile una delle sfide fondamentali. Le comunità energetiche sono motori di cambiamento, un cambiamento che è interesse di tutti e che per queste deve vedere protagoniste le istituzioni”.
28/02/2024 12.17 Comune di Sesto Fiorentino
Università di Firenze Costruire il futuro con “Un giorno all’Università”. Presentazione offerta formativa 2024-2025, con una nuova laurea professionalizzante
Sabato 2 marzo il grande evento di orientamento dell’Ateneo fiorentino. Al Campus di Viale Morgagni punti informativi, lezioni, laboratori e student café Sono già 3.000 le studentesse e gli studenti iscritti al grande evento di orientamento “Un giorno all’Università. Spazi e relazioni per costruire il nostro futuro” in programma il prossimo sabato 2 marzo presso il Campus Morgagni A dell’Università di Firenze (a partire dalle ore 9, viale Morgagni, 44).
Oltre all’allestimento di punti informativi in cui studenti e studentesse degli ultimi anni delle scuole secondarie di secondo grado potranno conoscere i corsi di laurea e i servizi di Unifi, l’evento offre la possibilità di entrare in un’aula universitaria con “Le prime lezioni di…” – una per ogni Scuola di Ateneo – durante le quali i docenti presenteranno temi di insegnamento e di ricerca per ogni ambito disciplinare. Nell’Open day dell’Ateneo sono previsti anche laboratori interattivi per una prima introduzione ai test online per l’accesso ai corsi di laurea o per la valutazione delle conoscenze iniziali, oltre che alcuni percorsi sugli stereotipi nelle scelte o sul metodo di studio. Negli Student cafè, inoltre, gli studenti Unifi faranno da tutor alle future matricole condividendo esperienze e suggerimenti.

La giornata di orientamento sarà l’occasione per la prima presentazione dell’offerta formativa dell’anno accademico 2024-2025: sono 62 le lauree triennali, 9 le lauree a ciclo unico e 75 le lauree magistrali. Dei 146 percorsi in totale, 39 sono lauree internazionali – organizzate, cioè, in collaborazione con università straniere per il rilascio di titoli congiunti, doppi o multipli. E 13 sono i percorsi di studio tenuti anche o esclusivamente in lingua inglese.

Dell’offerta formativa del prossimo anno accademico fa parte il nuovo corso di laurea triennale, di prossima approvazione ministeriale, in “Tecniche e tecnologie per le costruzioni e il territorio”: è un corso di laurea professionalizzante – con la caratteristica di permettere un veloce inserimento nel mondo del lavoro – abilitante alla professione del Geometra e del Perito industriale edile. Il percorso innalza a livello universitario la formazione di tecnici in grado di utilizzare le più avanzate tecnologie disponibili a supporto delle professioni nei settori delle costruzioni e della gestione del territorio. Nato per iniziativa del Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale, su sollecitazione dell’Ordine dei geometri e dei periti edili insieme all’Istituto Geografico Militare, si rivolge a tutti i diplomati delle scuole superiori, in particolare a quelli degli Istituti di Istruzione Superiore ad indirizzo Tecnologico in Costruzioni Ambiente e Territorio: è a numero programmato (massimo: 50 iscritti) e prevede laboratori e tirocini presso imprese, aziende, studi professionali, enti pubblici e privati, ordini e collegi professionali.

«La nuova proposta, che si affianca all’altro percorso professionalizzante in “Tecnologie e trasformazioni avanzate per il settore legno arredo edilizia”, si inserisce nell'offerta formativa innovativa e contemporanea di UNIFI, in cui la ricerca di eccellenza dialoga con il territorio e le sue esigenze formative» dichiara la rettrice Alessandra Petrucci.

«La nostra offerta è continuamente aggiornata e attenta ai nuovi bisogni della comunità e del mondo economico. Solo un anno fa – commenta la prorettrice alla didattica Ersilia Menesini - abbiamo istituito percorsi relativi ad alcune fra le maggiori sfide della nostra società: penso alle lauree triennali in “Ingegneria ambientale” e in “Scienze dei Materiali”, o alle lauree magistrali in “Diritto per le sostenibilità e la sicurezza”, in “Data Science, Calcolo scientifico & Intelligenza artificiale” e in “Software: Science and Technology”, in collaborazione con IMT di Lucca».

Maggiori informazioni su www.unifi.it/ungiornoaunifi?
28/02/2024 11.58 Università di Firenze
Asl Toscana Centro - Empoli Ritiro referti ematici, Empoli attiverà per primo nella Asl Toscana Centro il nuovo gestionale di laboratorio analisi
Da giovedì 29 febbraio il servizio possibile anche presso gli sportelli Cup delle sedi territoriali. Valido il ritiro on line Si ampliano le possibilità da domani giovedì 29 per i cittadini dell’empolese di ricevere i referti dei prelievi ematici grazie alla prima attivazione aziendale su Empoli del nuovo gestionale di laboratorio analisi unico per tutta la Asl Toscana centro. Tale attivazione è propedeutica al raggiungimento dell'obiettivo nazionale di integrazione dei fascicoli sanitari regionali ovvero il nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0. che darà la possibilità di usufruire da ogni ambulatorio presente sul territorio nazionale, delle informazioni contenute nel proprio Fascicolo Sanitario Elettronico (vaccinazioni, referti di radiologia, esenzioni).

L’attività del nuovo sistema di gestione parte dal laboratorio analisi del San Giuseppe di Empoli, primo laboratorio di presidio ospedaliero nella Asl Toscana centro a essere interessato da questa modifica. A seguire saranno interessati dal nuovo sistema anche i laboratori degli ospedali di Prato e Pistoia e per ultimi quelli dei presidi ospedalieri della zona fiorentina.

Il primo effetto di questo passaggio sarà la possibilità di ritirare il referto anche allo sportello dei punti amministrativi Cup delle sedi territoriali presenti nei Comuni dell’empolese valdarno. Di fatto offrendo, a chi voglia ritirare il referto cartaceo allo sportello e rispetto alla precedente modalità (ritiro presso i tre ospedali di Empoli, Fucecchio e Empoli), una scelta più ampia, grazie alla capillarità dei presidi socio sanitari territoriali dell’empolese dove, anche senza delega, il referto da lunedì potrà essere ritirato nel presidio più vicino di residenza.

L’adozione di un unico gestionale regionale consentirà una interoperabilità fra i vari laboratori analisi che permetterà ai cittadini di effettuare una più ampia tipologia di esami recandosi nell’abituale punto prelievi.

Il passaggio ha visto impegnate per mesi varie figure professionali coordinate da un Comitato Direttivo specificamente nominato. In questa delicata fase di avvio e messa a regime è stato attivato un presidio costante da parte dei professionisti che in questi mesi hanno lavorato al progetto. L’Azienda si scusa anticipatamente nel caso nei primi giorni dell’attivazione dovessero verificarsi attese più lunghe nei punti prelievi che saranno da imputare alla necessità di dover intervenire per sopperire a criticità non emerse in una prima fase di analisi e su cui l’impegno per la rapida risoluzione sarà massimo.

Naturalmente rimangono valide le altre modalità di ritiro. E’ possibile richiedere il ritiro on-line attraverso il Fascicolo Sanitario che può essere consultato e stampato da casa accedendo al link diretto della Regione Toscana (https://fascicolosanitario.regione.toscana.it/) con carta sanitaria elettronica attivata o credenziali SPID, il sistema di autenticazione che permette di accedere ai servizi online con un’identità digitale unica che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online da computer, tablet e smartphone. Le credenziali SPID sono rilasciate da uno dei soggetti abilitati denominati Identity Provider. Tutte le informazioni su dove e come chiedere le credenziali SPID sul sito https://www.spid.gov.it/richiedi-spid).

Il referto potrà essere visualizzato da casa in tempo reale anche scaricando gratuitamente sullo smartphone e tablet la APP Toscana Salute.
Si può richiedere, al momento dell’accettazione, l’invio presso il domicilio, nei tempi del servizio postale.

Rimane valido per chi voglia saltare la fila allo sportello amministrativo, anche l’utilizzo del TOTEM PuntoSì con Tessera Sanitaria attiva che permette di stampare il referto in autonomia.

Allo sportello è comunque possibile richiedere sempre una ristampa del referto. Si ricorda che la modalità prescelta dovrà essere comunicata al momento dell'accettazione.
28/02/2024 11.48 Asl Toscana Centro - Empoli
Non-profit in provincia di Firenze Sangue, la ricerca di Avis Toscana: “Impegni lavorativi allontanano persone da donazione”
Lo studio del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa sulle cause della disaffezione. La presidente Firenze: “Chi sospende non riprende: troppo difficile conciliare vita privata e volontariato. Serve più flessibilità oraria” Non tornano a donare sangue per sopraggiunti impegni con il lavoro, la famiglia o le attività sportive. Sono i donatori di Avis Toscana che si sono presentati almeno una volta nei centri trasfusionali, ma che oggi manifestano una disaffezione principalmente imputabile a queste cause.
Lo rivela una ricerca elaborata dal Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa, che evidenzia come quasi 7 (6,6) ex - donatori su 10 restino oggi indecisi se tornare a donare sangue e plasma. Una tendenza che, viene spiegato, appare più forte nella fascia d’età che va dai 26 ai 35 anni.

L’indagine, che fa parte del più ampio progetto Re.Atti.Vo cofinanziato da Regione Toscana e Ministero del lavoro, è durata 2 mesi (da ottobre a dicembre 2023) e ha preso in esame una platea di circa 7000 ex donatori individuati in Toscana, dalla quale è stato estratto un campione rappresentativo di 370 donatori. L’obiettivo di fondo del rapporto è duplice: incrementare il numero dei nuovi donatori da un lato, fidelizzare chi si è già prestato volontariamente, dall’altro.
Tra i “non più donatori”, viene rilevato, occorre distinguere coloro che hanno smesso del tutto da chi si trova in una condizione di incertezza rispetto alla possibilità di tornare a donare. Uno scenario che Avis Toscana osserva con forte attenzione, anche a fronte di un fabbisogno elevato e periodico.

Prendendo in esame il campione indicato, il 66% degli intervistati risulta infatti incerto se tornare a donare, mentre la parte restante (33,9%) non potrà più farlo (si tratta infatti di cessati definitivi). E, se in questo secondo segmento pesano i raggiunti limiti di età e le motivazioni sanitarie, nel primo il quadro si fa più frastagliato.

Tra le cause che hanno generato l’interruzione spiccano intervenute gravidanze, tatuaggi e piercing, motivi di salute, viaggi, trasferimenti in altre città e la pandemia. La fascia d’età in cui si osserva il maggior numero di incerti è quella compresa tra i 26 e i 35 anni, mentre riguardo al genere si apprezza una sostanziale parità. Quanto alla posizione occupazionale, l’indagine rivela come l’81% circa abbia un lavoro stabile, ma anche che la donazione diventa meno sostenibile per i dipendenti in ambito privato, segmento che tocca un tasso di sospensione pari al 41%.

“Tuttavia – osserva Andrea Salvini, professore ordinario di Sociologia generale presso il Dipartimento di Scienze politiche dell’Unipi – c’è una robusta parte del campione che dichiara di essere intenzionata a tornare a donare. Per farlo, è però necessario superare le cause di disaffezione che al momento impediscono di ricominciare. Si tratta di fuoriuscire da quella che noi inquadriamo come una condizione di oblio temporaneo”.

Cause che, secondo l’indagine, consistono principalmente negli impegni di lavoro (32% circa del campione), in quelli familiari (20%) e nel tempo da dedicare a sport o altri interessi (9%).Seguono nella classifica gli impegni di studio (7,6%), la difficoltà di raggiungere il centro trasfusionale (7,6%), quelle legate all’ansia e all’apprensione connesse al gesto (6,2%) e alla possibilità di prendere permessi dal lavoro (6,2%).

“È una ricerca - commenta la presidente di Avis Toscana, Claudia Firenze – al contempo interessante e scomoda. Il fabbisogno di sangue e plasma in Toscana resta in continua crescita e, accanto alla base dei donatori periodici, abbiamo bisogno di far entrare nuovi volontari e di recuperare chi si trova in una condizione di disaffezione. L’indagine dimostra che la difficoltà maggiore è quella di conciliare gli impegni della vita privata con la cultura del dono. I segnali non possono dunque essere sottovalutati, ma non ci fermiamo qui. Grazie al nostro progetto Re.Atti.Vo, stiamo già lavorando per approntare contromisure concrete per ridurre questo gap, e per promuovere una maggiore flessibilità oraria nei centri trasfusionali. Accanto a questo, prevediamo di migliorare le procedure di chiamata e di prenotazione che vengono svolte dai nostri volontari che, opportunamente formati, si confronteranno tra loro sui territori, così da rendere ancora più snello e fluido l’intero processo della donazione”
28/02/2024 11.52 Non-profit in provincia di Firenze
 
 




Vai al contenuto