Login

MET


Questura di Firenze
La Polizia di Stato, con l’ausilio della Polizia Municipale del Capoluogo toscano, arresta 68enne italiano sorpreso a spacciare cocaina
Nel corso della perquisizione all’interno di un garage trovata anche una pistola semiautomatica e dieci cartucce, oltre che altra sostanza stupefacente ed un bilancino di precisione
Pistola sequestrata a Firenze
Nel pomeriggio di ieri, agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Rifredi Peretola - con l’ausilio di agenti della Squadra Antidroga della Polizia Municipale di Firenze - hanno arrestato un italiano di 68 anni per spaccio, detenzione a fini di spaccio ed illecita detenzione di armi e munizioni.

Erano quasi le 17.30 quando agenti in borghese della Polizia di Stato e della Polizia Municipale di Firenze hanno visto il 68enne - già noto per i suoi precedenti - che ha parcheggiato la propria auto in prossimità di un garage in via Carlo d’Angiò. Entrato all’interno del box, ne è uscito poco dopo per sostare davanti al cancello elettrico dove è stato raggiunto da un’auto il cui conducente - un cittadino italiano di 39 anni - ha acquistato una dose di cocaina.

Gli agenti, dopo aver fermato entrambi, oltre a recuperare la dose di cocaina appena venduta, hanno trovato nel marsupio in uso al pregiudicato altri 4 involucri di cocaina.

Pertanto, con l’ausilio di “Mia” – il cane antidroga della Polizia di Stato - è stata effettuata una perquisizione nel garage in uso al 68enne dove, all’interno di un mobile sono stati trovati non solo numerosi involucri termosaldati contenenti sostanza stupefacente (cocaina e marijuana) ed un bilancino di precisione, ma anche una pistola semiautomatica cal. 6x35 e 10 colpi.


Inoltre, grazie al prezioso fiuto del cane “Mia”, all’interno dell’auto sulla quale viaggiava il 68enne - in un’intercapedine tra la spalliera del sedile posteriore e la seduta - sono stati trovati altri 57 gr. di marijuana.

Complessivamente, sono stati sequestrati 62 gr. di marijuana e 37 gr. di cocaina.

Il pregiudicato, che solo lo scorso 4 ottobre ha visto scadere la misura cautelare dell’obbligo di firma alla P.G. per un arresto risalente allo scorso mese di aprile - sempre ad opera di agenti del Commissariato di Rifredi Peretola e sempre per spaccio e detenzione a fini di spaccio di cocaina - si trova ora nel carcere di Sollicciano a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Accertamenti del Gabinetto Regionale Polizia Scientifica per la Toscana sono in corso sulla pistola ritrovata nel box auto.

12/10/2018 17.25
Questura di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto