Regione Toscana
GONFALONE D’ARGENTO A FLAVIO TESTI
La cerimonia di consegna si è svolta a Palazzo Panciatichi
“Grazie per questo prezioso riconoscimento che nel mio intimo sento un poco di meritare”. Con queste parole il maestro Flavio Testi, scusandosi con i tanti intervenuti per la “boria”, ha ringraziato il Consiglio regionale per il Gonfalone d’argento. “Voi avete riconosciuto in me un buon compositore di musica – ha continuato il maestro – un fiorentino nato in via Cavour 23, a due passi dalla sede dell’Assemblea toscana ed anche per questo tifoso della fiorentina”. Flavio Testi, dopo aver con orgoglio sottolineato la sua origine, ha ripercorso gli anni trascorsi a Torino e a Milano, per poi tornare “alle tante promesse per il futuro fatte in Santa Croce”, alla Firenze del Maggio Musicale, a quel mondo vivace e ricco di stimoli. “Siamo rimasti in pochi, siamo rimasti soli – ha concluso il maestro – ma agli amici chiedo di combattere perché non ci venga strappata la musica”. Quelle stesse note che il musicista Cesare Bindi ha fatto risuonare in Sala Affreschi di Palazzo Panciatichi, proponendo Cielo, opera di Testi del 1974. “La mia generazione ha avuto la fortuna – ha affermato il musicista – di avere dei grandi maestri”.

Come recita la motivazione, il Gonfalone d’Argento a Flavio Testi è un “doveroso riconoscimento ad una personalità che ha onorato la città e la Regione Toscana nei lunghi anni della sua attività di composizione artistica e musicale”.

L’onorificenza dell’Assemblea toscana intende coronare il lungo e approfondito percorso intellettuale e artistico del maestro, che si è distinto per la sua inconfondibile creatività nella scrittura di musica classica contemporanea e per la sua attività di musicologo in ambiti sinfonici, cameristici e scenici. Inoltre, negli anni Settanta, è stato docente di Storia della musica presso il conservatorio “Cherubini” di Firenze, divenendo anche direttore Artistico del Maggio Musicale al Teatro Comunale. Di straordinaria importanza, in quel contesto, fu la sua collaborazione con lo scomparso Massimo Bogianckino ed il Maestro Riccardo Muti, rispettivamente Sovrintendente e direttore Musicale del Maggio.

08/02/2010 15.14
Regione Toscana


 
 
Google

a cura di: Provincia di Firenze - Direzione Urp, E-Government, Quotidiano Met
Elaborato con Web Publishing System
© copyright e licenza d'uso | Informazioni sul sito | Chi siamo | Clausola di esclusione responsabilità |

Vai al contenuto