Login

MET


Comune di Firenze
NASRIN SOTOUDEH, GIANI E AGOSTINI: “ADESIONE ALLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE PER LA LIBERAZIONE DELL’AVVOCATESSA IRANIANA"
"Le giunga l'abbraccio forte di Firenze"
Questa mattina in Palazzo Vecchio il presidente del Consiglio Eugenio Giani, la presidente della Commissione Pace e Diritti umani, Susanna Agostini e il vice presidente Alberto Locchi hanno ascoltato Soheil Parhizi, responsabile della campagna informatica e del sito web ufficiale a sostegno all'avvocato Nasrin Sotoudeh. "Abbiamo appreso oggi - spiegano Giani ed Agostini- che Nasrin Sotoudeh stava registrando un documentario di ringraziamento per l'assegnazione del Giglio d'oro da parte della nostra città, tutto il materiale inerente è stato sequestrato e lei stessa multata per aver compiuto il gesto. Questa notizia fa crescere il bisogno di consegnare quanto prima il riconoscimento almeno ad una persona di sua stretta fiducia che può raggiungere la nostra Città. Nel periodo consumato dalla votazione in Consiglio ad oggi, abbiamo più volte tentato approcci mail con persone amiche di famiglia e attivisti politici che potevano arrivare al marito, anche lui impossibilitato a lasciare l'Iran. Proseguiremo - continuano Giani ed Agostini- con tenacia il nostro impegno descritto negli atti per al riconoscimento dell'azione positiva per il benessere dell'umanità, che tante persone come l'avvocato, stanno svolgendo anche se prigioniere dei peggiori luoghi di detenzione in tanti paesi del sud del mondo. E' davvero duro sapere che il regime iraniano prosegue con tanta ferocia a perseguitare il popolo inerme reo solo di contrapporsi allo stesso. Sono già più di 2000 le donne e gli uomini attivisti e persone di cultura detenuti nei carcere iraniani. Sostenendo l'avvocato Nasrin Sotoudeh, Firenze vuole sostenere il ripristino della democrazia e la libertà di pensiero in Iran. Le giunga, tramite Soheil Parhizi l' abbraccio forte della nostra Città. Come alle istituzioni pervenga l'appello per una sollecita liberazione". Giani e Agostini hanno voluto ricordare oggi, la ricorrenza di 2 anni di carcerazione aderendo alla campagna internazionale di sostegno per la liberazione di Nasrin Sotoudeh. L’iraniana Nasrin Sotoudeh è stata condannata dal regime di Teheran, a 6 anni di carcere e successivi 20 anni di interdizione dall'attività, esclusivamente per aver svolto la propria professione, difendendo in veste di avvocato dei diritti umani, bambini donne e uomini che contrastano il regime . La persona più nota da lei difesa è stata il premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi che da parte del Sindaco Matteo Renzi il 7 luglio 2009, ha ricevuto il Sigillo della Pace.

05/09/2012 17.54
Comune di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto