Login

MET


Non-profit in provincia di Firenze
UNA RICETTA PER AFFRONTARE LA CRISI DEL WELFARE
Vanni (Legacoopsociali): Dall’infanzia agli anziani: integrare mutualità e cooperazione per sostenere e gestire la filiera dei servizi territoriali
Stamani Legacoop Servizi Toscana, Legacoopsociali e Coopfond hanno presentato la ricerca:?“Cooperare per l’innovazione sociale. ?Dalla ricerca all’azione innovativa di sistema: ?il caso delle cooperative sociali di Legacoopservizi Toscana".

Creare un soggetto imprenditoriale che aggreghi organizzazioni del terzo settore e mutue aperto alle imprese integrato con il sistema pubblico per contribuire allo sviluppo locale e alla rigenerazione del welfare toscano. Questa la ricetta che emerge dalla ricerca-azione di Legacoop Servizi Toscana, Legacoop Sociali e Coopfond intitolata “Cooperare per l’innovazione sociale”. Eleonora Vanni, responsabile Legacoopsociali Toscana, spiega: “Contro la crisi non servono tagli lineari, né superticket: per affrontarla bisogna razionalizzare, qualificare la spesa e co-operare”.

La proposta delle cooperative sociali che hanno partecipato allo studio non è di sostituirsi al servizio pubblico, né di competere con quello sanitario: “La soluzione è agire attraverso un soggetto d’imprenditoria sociale – continua Vanni - con un forte radicamento territoriale. Di fronte a scarsità di risorse e nuovi bisogni, lo scopo è garantire equità e uniformità agli interventi”.

Per realizzare questo obiettivo, nel corso della ricerca si sono pensate soluzioni finanziarie ad hoc. Aldo Soldi, direttore di Coopfond: “Abbiamo previsto forme di finanza agevolata per le cooperative che decidono di fondersi”, così come per quelle che intendono creare reti d’impresa”. Tentativi che devono essere incoraggiati: “Sappiamo che unendosi le cooperative possono affrontare meglio la crisi – continua soldi – e siamo pronti a fare la nostra parte per chi ci presenta un progetto serio”.

Le cooperative sociali affiliate a Legacoop servizi nel 2011 hanno toccato un valore di produzione di 318 milioni di euro, il costo del lavoro impiegato ha superato i 197 milioni. Le cooperative che hanno partecipato alla ricerca in un anno hanno fornito a circa 40mila utenti 891 tipologie diverse di servizi a 40mila utenti.

Importanti anche le cifre relative all’occupazione. Le organizzazioni associate a Legacoop Servizi Toscana impiegano 11.538 addetti. Fra gli operatori delle cooperative che hanno partecipato alla ricerca, l’86,7% è donna, il 52,5% ha un diploma, il 25,7% una laurea. Nella maggioranza dei casi – 52,8% - chi lavora nelle cooperative coinvolte nello studio ha meno di 40 anni.

Capacità professionali, specializzazioni e competenze sono un patrimonio da difendere, che il mondo della cooperazione Legacoop Sociali mette a disposizione di tutti gli attori del sistema per trovare una soluzione condivisa. Il primo passo verso questa direzione è stato fatto proprio nell’ambito della ricerca-azione, che ha permesso di avviare forme concrete di collaborazione fra cooperative: nel campo dei servizi alla persona, sono in corso progetti che metteranno a sistema gli interventi, per rispondere in maniera efficiente e omogenea alle esigenze dei vari territori.

Per ripensare il sistema del welfare è necessaria un’azione concreta anche da parte delle istituzioni. Secondo Angelo Migliarini, presidente Legacoop Servizi Toscana, è prioritario chiedersi come e con quali risorse si può affrontare la crisi attuale: “La politica – spiega – deve ascoltare questi interrogativi, concertare, ma poi decidere in modo chiaro. Posticipare le risposte con soluzioni intermedie è dannoso per l’intero sistema”.

10/07/2013 18.12
Non-profit in provincia di Firenze


 
 

Google


Vai al contenuto