Login

MET


Comune di Borgo San Lorenzo - Ufficio stampa
Scarabeo della Città di Borgo San Lorenzo a Don Romano Nencioli
Omoboni: “Abbiamo voluto omaggiare un uomo che ha da sempre operato per il bene della comunità”
Scarabeo a Don Romano
“Per aver dedicato la vita alle Parrocchie del Mugello, dimostrando amore e attenzione per le comunità in cui ha operato, offrendo conforto e comprensione, dimostrandosi una guida sempre attenta alle necessità. Per aver contribuito a rafforzare il legame delle comunità anche attraverso la rinascita delle chiese, la ristrutturazione dei locali, l’organizzazione di momenti importanti di aggregazione. Per aver dedicato la sua vita al prossimo anche attraverso la sua opera di infermiere all’Arcispedale di Santa Maria Nuova, arrivando poi a fondare la scuola per infermieri da cui successivamente è nato il corso di laurea oggi attivo a Borgo San Lorenzo”.

Queste le motivazioni con cui il sindaco Paolo Omoboni ha conferito lo Scarabeo della Città di Borgo San Lorenzo a Don Romano Nencioli parroco di Grezzano.

Lo Scarabeo della Città di Borgo San Lorenzo è l’onorificenza conferita a cittadini italiani o di altri Paesi, di riconosciuta probità che, attraverso la loro notoria opera nel campo della cultura, delle arti, del lavoro in ogni sua espressione, della politica, dell'assistenza, della filantropia, dello sport, delle attività internazionali, abbiano dato lustro alla città di Borgo San Lorenzo ed alle istituzioni, reso un servizio alla comunità nazionale e internazionale e siano degni pertanto di essere additati a pubblico encomio; consiste nella riproduzione in ceramica di uno degli oggetti simbolo della produzione novecentesca della manifattura Chini.

“Don Romano – afferma il Sindaco Paolo Omoboni – sta festeggiando i 50 anni di sacerdozio, durante i quali ha operato per il bene della nostra comunità. Mai è venuto meno il suo impegno nei confronti del prossimo e della cittadinanza. Ne sono testimonianza le tante opere da lui avviate e le tante intuizioni avute che oggi rappresentano un fiore all’occhiello del territorio. Da Casa d’Erci alla scuola per infermieri che ci ha poi portato il Corso di Laurea. Una vita in cui mai si è risparmiato e in cui sempre ha saputo essere un esempio soprattutto per i più giovani. Con questo dono abbiamo voluto omaggiarlo e esprimergli la nostra gratitudine”.

20/03/2017 18.22
Comune di Borgo San Lorenzo - Ufficio stampa


 
 

Google


Vai al contenuto