Login

MET


Redazione di Met
G7 Cultura, Dehousse “Europa verso la radicalizzazione con la Brexit”. Matera, “Basta con la strumentalizzazione delle culture”
In corso oggi, mercoledì 29 marzo, a Villa Schifanoia, sede dell’Istituto Universitario Europeo, il dibattito sul ruolo delle scienze sociali nel dialogo tra i popoli e nei fenomeni migratori organizzato da LaRivistaCulturale.com con l’assessore Lorenzo Perra, professori universitari ed esperti del settore
Dialogo sulle culture_Villa Schifanoia
“Se un anno fa fosse stato chiesto alla popolazione britannica se avessero voluto tagliare tutti i ponti con la Comunità europea non penso che ci sarebbe stato il risultato che c'è stato. Il referendum è uno strumento pericoloso perché dà l'impressione di essere semplice ma crea un meccanismo di radicalizzazione del sistema politico. E in un sistema come quello dell'Unione Europea la radicalizzazione non giova a nessuno”. E’ quanto ha dichiarato oggi il Presidente dell’Istituto Universitario Europeo Renaud Dehousse a margine dell’incontro che si è tenuto a Villa Schifanoia “Cos’è il dialogo delle culture?”, organizzato da LaRivistaCulturale.com nell’ambito del G7 della Cultura.

“La strada che dobbiamo perseguire – ha aggiunto Dehousse - è cercare un dialogo più ampio e più semplice tra gli studiosi e il pubblico in generale. La Brexit, che prende il via ufficialmente oggi, testimonia il fatto che il dialogo in Europa è rimasto molto complicato. La via della Brexit non è per niente scontata, la stragrande maggioranza degli addetti ai lavori non ci credeva più di tanto, pensava di poter fare un bel referendum senza conseguenze. Quel che vediamo è esattamente il contrario: nessuno pensava che il risultato sarebbe stato così drammatico, ad ogni passo le cose diventano un po' più serie, stiamo assistendo a un processo di radicalizzazione”.

“Il G7 è l'occasione per approfondire i temi legati non solo alla cultura in senso stretto – ha dichiarato Lorenzo Perra, assessore all’Innovazione per il Comune di Firenze - ma anche al ruolo che può avere nello sviluppo economico e sociale dei paesi più industrializzati ma anche di tutti i paesi del mondo. La cultura è integrazione essa stessa, è l'elemento chiave attraverso il quale chi viene da altri paesi può trovare nei paesi in cui emigra il proprio inserimento. Non imporre la cultura ma condividerla può significare avere tempi di integrazione anche più rapidi”.

“Tra vecchi e nuovi populismi non trovo grandi differenze – ha sottolineato Vincenzo Matera, antropologo culturale e professore all’Università di Milano – Bicocca - se non in una sorta di un abbandono di ideologie razziste basate su presunti patrimoni genetici che diventano lo strumento in base al quale rivendicare la propria identità, i propri diritti ad avere accesso a determinate risorse a scapito di altri. Oggi questo tipo ideologia lascia posto a ideologie che centrano il settore culturale: la cultura viene strumentalizzata per scopi politici. E’ un abuso del concetto di cultura che gli antropologi cercano di smascherare, ma fa molta presa sulla società”.

“I media possono favorire il dialogo tra culture storicizzando le posizioni differenti che si incontrano da una parte all’altra del mondo. Un approccio più aperto riduce la paura del diverso e l’ansia verso l’ignoto – ha spiegato Melissa Pignatelli, antropologa culturale e fondatrice de LaRivistaCulturale.com – è solo attraverso la conoscenza che i cittadini possono comprendere i grandi fenomeni migratori che agitano il nostro tempo e imparare a non temerli”.

LaRivistaCulturale.com è una testata online fondata da Melissa Pignatelli, con la mission di diffondere la cultura delle scienze umane e sociali, offrendo una tribuna alla ricerca in ambito di antropologia, etnografia, sociologia, letteratura, storia e filosofia in modo non convenzionale. E contribuendo così a combattere le imperanti fake news sul loro stesso terreno: la Rete. La “redazione condivisa” de LaRivistaCulturale.com è a Firenze, in via Boccaccio 50 D rosso.

29/03/2017 12.36
Redazione di Met


 
 

Google


Vai al contenuto