Login

MET


Regione Toscana
Città murate: 900mila euro per i Comuni che investono nella valorizzazione delle mura storiche
Approvata a maggioranza la legge d’iniziativa dell’Ufficio di presidenza. Il presidente Giani: “Dopo il successo del 2016, estesa anche all’anno in corso l’opportunità di dare contributi per progetti di recupero”
Via libera alla proposta di legge che rinnova anche per il 2017 la concessione dei contributi, previsti già nel 2016, a favore delle Città murate della Toscana. Si tratta per l’anno in corso di 900mila euro finalizzati a promuovere e valorizzare l’appartenenza identitaria per i cittadini residenti e una maggiore capacità di richiamo in borghi, città e castelli per turisti. Hanno votato contro i consiglieri di Sì Toscana e M5S; astenuta la consigliera Pecori (g.Misto).

La proposta di legge, d’iniziativa dell’ufficio di presidenza, è stata illustrata in aula dal presidente Eugenio Giani. In primo piano il “recupero dell’accessibilità e della fruibilità pubblica delle fortificazioni storiche, delle mura e degli edifici connessi, come intervento di valorizzazione del patrimonio artistico, storico ed identitario della regione”. Un recupero che ha “permesso di restituire ad usi pubblici immobili di particolare pregio e significato”.

Il presidente ha quindi indicato come la decisione di estendere i contributi anche all’anno in corso sia conseguente agli esiti soddisfacenti della legge regionale del 2016.

Perplessità – e voto contrario “come quello già espresso l’anno passato” - sono state espresse da Tommaso Fattori (Sì), sia per “la mancanza di inquadramento della legge all’interno di elemento di natura programmatoria più generale”, sia in nome della dovuta “divisione dei ruoli tra Consiglio e Giunta, con il Consiglio che invece si mette a fare un’opera di amministrazione”.

Giani ha risposto citando il “successo dell’iniziativa che non si rivolge a chicchessia, visto che al bando possono partecipare solo le amministrazioni comunali”. L’anno scorso, ha ricordato, solo 10 Comuni sono arrivati ad avere i finanziamenti, e la spinta per continuare con la legge è arrivata dagli altri.

Un apprezzamento che il presidente ha detto di aver riscontrato anche durante le visite istituzionali svolte. Quest’anno poi c’è un elemento in più: uno scambio con l’assessore regionale Barni e la sintonia registrata con questa rispetto all’iniziativa. Giani ha poi affermato: “E’ fatto riferimento all’identità giuridica dell’assemblea, alle differenze tra funzione legislativa, esecutiva e amministrativa. Il Consiglio, dal punto di vista legislativo e statutario, una funzione ce l’ha ed è quella relativa all’identità”.

Nel 2016 i 990mila euro che erano stati stanziati sono stati destinati ai Comuni toscani come contributo per interventi di valorizzazione delle mura storiche, e distribuiti in proporzione al punteggio attribuito. Questi i Comuni che si sono aggiudicati il contributo: Comune di San Romano in Garfagnana (LU), Comune di Cortona (AR), Comune di Cantagallo (PO), Comune di Fucecchio (FI), Comune di Lucca (LU), Comune di San Sepolcro (AR), Comune di Monterchi (AR), Comune di Vicopisano, (PI), Comune di Scarperia e San Piero (FI) e Comune di Portoferrario (Li). (Cam)

11/07/2017 20.50
Regione Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto