Login

MET


Comune di Firenze
Il 10 maggio prende il via a Firenze The State of the Union 2018
Tema di questa edizione sarà la solidarietà in Europa
Firenze e l’Italia al centro del dibattito europeo. Il capoluogo toscano sarà infatti teatro dell’ottava edizione di The State of the Union, che trasformerà la città toscana nel centro della politica europea per 3 giorni. L’evento organizzato dall’Istituto universitario europeo (IUE) avrà luogo dal 10 al 12 maggio e si svolgerà tra Badia Fiesolana, Palazzo Vecchio e Villa Salviati. The State of the Union si è affermato come importante momento di incontro per politici europei, rappresentanti della società civile, opinion leader, esponenti del mondo del business e del mondo accademico.
L’edizione 2018 di The State of the Union avrà come il titolo “Solidarity in Europe”.
Il tema di quest’anno, la solidarietà in Europa, rappresenta un argomento chiave per l’economia, le politiche fiscali e monetarie, gli investimenti sociali, le strategie di difesa e di sicurezza, le migrazioni, il cambiamento climatico e i programmi energetici dell’Europa.
La Badia Fiesolana sarà sede delle sessioni del 10 maggio. Il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, darà avvio ai lavori insieme al Presidente dell’IUE Renaud Dehousse. Venerdì 11 maggio, saranno il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani ed il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker ad aprire i dibattiti, mentre il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, terrà il discorso di chiusura della conferenza.
Tra i vari relatori saranno presenti anche l’ex Primo Ministro italiano Enrico Letta, il Presidente dell’Irlanda Michael D. Higgins, il Presidente del Portogallo Marcelo Rebelo de Sousa, l’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza Federica Mogherini, il Presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi, Il Presidente della Repubblica Ellenica Prokopios Pavlopoulos, e il Ministro spagnolo degli Affari esteri e della Cooperazione Alfonso María Dastis Quecedo. A loro si unirà un ampio parterre composto da relatori di rilievo che includerà politici, accademici, giornalisti e opinion leaders.
Sabato 12 maggio gli Archivi Storici dell’Unione Europea apriranno al pubblico le porte di Villa Salviati, offrendo un programma ricco di eventi culturali e di attività ricreative volte a festeggiare la giornata dell’Europa. Villa Salviati aprirà le porte dalle 10.00 alle 17.30 con mostre, concerti e visite guidate.
Oltre 5000 le presenze attese nelle tre giornate con circa 150 giornalisti accreditati da tutto il mondo.
«Siamo molto orgogliosi di The State of the Union – ha detto il sindaco Dario Nardella – perché è una finestra aperta sul mondo attraverso la quale Firenze mostra tutta la sua grandezza, la sua qualità e la sua rilevanza internazionale. Ospitare questi leader internazionali vuol dire riaccendere un confronto pubblico vero, alto sul futuro dell'Europa. Voglio ringraziare tutti gli organizzatori, a cominciare dall'Istituto Universitario Europeo, e il nostro capo dello Stato, il presidente Sergio Mattarella che ha confermato la sua presenza. Un ringraziamento doppio visto il momento impegnativo che sta vivendo in prima persona. A lui, ancora una volta, Firenze tributerà un grande abbraccio e un particolare incoraggiamento a superare questa fase così delicata per la vita della nostra democrazia».
«Il tema di quest'anno è coraggioso – ha sottolineato la vicesindaca Cristina Giachi – e mette i governi e le figure istituzionali europee partecipanti di fronte ad una questione seria che li sfida nella capacità di elaborazione politica. Palazzo Vecchio si rinnova come luogo ideale nel quali tenere insieme i fattori della nostra identità e il destino che vogliamo immaginare, l'identità europea».
«È con grande piacere che per l’ottavo anno consecutivo l’Istituto Universitario Europeo contribuirà a mettere Firenze al centro dell’Europa portando l’Europa a Firenze - ha detto Renaud Dehousse, Presidente dell’European University Institute - Il successo sempre crescente dello State of the Union conferma il radicamento sempre più profondo dell’Istituto nel territorio, come dimostrato dai numerosi eventi a margine organizzati da partner locali, nonché dai piani in atto per stabilire la sede della nostra School of Transnational Governance a Palazzo Buontalenti. Il tema di quest’anno poi – la solidarietà Europea – non è solo di fondamentale importanza, ma anche attualissimo. Non a caso era stato il Presidente Juncker a suggerirlo durante la conferenza dell’anno scorso, ed a farne il perno delle proposte appena presentate per il prossimo bilancio dell’UE».
Rispetto agli scorsi anni, si segnala la necessità per la stampa di registrarsi preventivamente, non sarà più possibile farlo sul momento. La registrazione deve essere fatta due volte: con il Segretariato della Conferenza (SOUregistration@eui.eu) e sul sito della Prefettura al seguente link: http://prefettura.fi.it/accreditistampa/
The State of the Union 2018 è stato reso possibile grazie al sostegno della Banca d’Italia, Camera di Commercio di Firenze, Rappresentanza in Italia della Commissione europea, Comune di Firenze, ufficio informazione del Parlamento europeo in Italia, Florence International Mediation Chamber, Fondazione CR Firenze, Regione Toscana, Comitato delle Regioni.
I knowledge partner dell’evento saranno Ansa, Financial Times, Frankfurter Allgemeine e El Pais.

08/05/2018 17.33
Comune di Firenze


 
 


Vai al contenuto