Login

MET


Regione Toscana
Regione. Uffici di prossimità, firma dell'accordo il 16 maggio a Pontedera
Firmato il protocollo d'intesa, nel palazzo comunale di Pontedera, che fa seguito al bando toscano pubblicato mesi fa in accordo con il Ministero della giustizia. Alla presenza dell'assessore alla presidenza, il sindaco, la presidente della Corte di appello di Firenze e il presidente del tribunale di Pisa
Probabilmente tra un mese aprirà anche a Pontedera l'ufficio di prossimità, lo sportello del tribunale a cui i cittadini potranno rivolgersi per inoltrare ad esempio le pratiche per l'amministrazione di sostegno, per richiedere un'autorizzazione al giudice tutelare oppure l'autorizzazione al rilascio di documenti validi per l'espatrio, la nomina di un curatore speciale, affidi per i minori o ancora per avere una consulenza o assistenza per altri servizi della volontaria giurisdizione che non richiedono l'ausilio di un avvocato. Un ufficio insomma che avvicina la giustizia ai cittadini che vivono lontano dal capoluogo. A beneficio soprattutto, ricorda l'assessore alla presidenza della Toscana, delle fasce più deboli.

Stamani nel palazzo comunale di Pontedera è stato firmato il protocollo d'intesa che fa seguito al bando toscano pubblicato mesi fa in accordo con il Ministero della giustizia. C'erano, con l'assessore alla presidenza, il sindaco, la presidente della Corte di appello di Firenze e il presidente del tribunale di Pisa. Il tempo di formare il personale e lo sportello sarà pronto a tirare su i battenti.

La Regione Toscana è coinvolta, ricorda l'assessore, perché nel 2017, assieme a Liguria e Piemonte, si è resa disponibile alla sperimentazione nazionale di un modello da replicare poi altrove, in tutta Italia. Ed oggi la Toscana è tra le tre il territorio con più uffici aperti o in fase di apertura: sono infatti già cinque (Firenze, Empoli, Poppi, San Sepolcro, ora Pontedera), altri dieci firmeranno e saranno pronti a partire da qui alla fine dell'estate (Abbadia San Salvatore, Capannori, Montepulciano, Montevarchi, Piombino, Poggibonsi, Pontremoli, San Giovanni Valdarno, San Miniato e Volterra). Ma l'idea è di uscire presto anche con un secondo bando. La Regione mette a disposizione il supporto informatico e la digitalizzazione delle procedure, forma anche il personale. I Comuni offrono spazi e dipendenti. Una sinergia virt uosa, con il progetto di accrescere in futuro anche le materie per cui ci si potrà rivolgere a questi sportelli, non solo legate alla giustizia.

16/05/2019 16.44
Regione Toscana


 
 

Google


Vai al contenuto