Login

MET


Biblioteca Roncioniana di Prato
“Caterina De’ Ricci: la Santa di Prato”
Conferenza di Gianna Guasti dalla Biblioteca Roncioniana, martedì 17 novembre alle 17.00 in modalità a distanza
Manoscritto alla Biblioteca Roncioniana
Conferenza di Gianna Guasti

“Caterina De’ Ricci: la Santa di Prato”

martedì 17 novembre alle 17.00 in modalità a distanza al seguente indirizzo facebook: https://www.facebook.com/gianna.guasti.90

Introduce don Marco Pratesi, bibliotecario della Roncioniana

Iniziativa organizzata in collaborazione con la Scuola Diocesana di Teologia di Prato

Alcune note sull'iniziativa:

La conferenza

Gianna Guasti ricostruirà la vicenda umana di Caterina De’ Ricci attinta alle lettere ai familiari e ai figli spirituali, espressione della singolare umanità e capacità di amore della «santa di Prato».


La relatrice:

GIANNA GUASTI – ricercatrice e insegnante di Storia della Chiesa presso la Scuola Diocesana di Teologia di Prato.


Note biografiche su Santa Caterina De’ Ricci (dalla voce della Enciclopedia Italiana, 1931) :

Nata a Firenze il 25 aprile 1522, entrò tra le domenicane di S. Vincenzo di Prato nel 1535 cambiando il suo nome di Alessandra Lucrezia Romola in quello di Caterina. La passione di Cristo fu l'oggetto delle sue continue meditazioni, ed ebbe da Cristo il dono di parteciparne i dolori con l'impressione delle stimmate. A questo fenomeno più tardi se ne aggiunge un altro: per vari anni, cominciando dal giovedì di ogni settimana fino al pomeriggio del venerdì, la santa riproduceva nel suo corpo i dolori e le fasi della passione di Gesù; fatto questo che richiamava a Prato numerosi visitatori e devoti. Benché chiusa nel chiostro, la santa si fece maestra spirituale di molte persone, tra le quali è da ricordare ser Lapo Mazzei di Prato. Fu molto devota di fra Girolamo Savonarola, di cui non cessava di proclamare le virtù; fu in corrispondenza con S. Pio V, S. Filippo Neri e S. Maria Maddalena de' Pazzi, collaborando alla Controriforma cattolica.

Per 30 anni fu superiora del suo monastero, e morì il 2 febbraio 1589. Il suo corpo incorrotto è sepolto a Prato nella chiesa di S. Vincenzo. Benedetto XIV la proclamò santa il 29 giugno 1746.

Le sue lettere furono pubblicate da Cesare Guasti (Prato 1861: nuova edizione a cura di A. Gherardi, Firenze 1890).

13/11/2020 17.08
Biblioteca Roncioniana di Prato


 
 


Met -Vai al contenuto